La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Massimo Vischi Il programma TAVI – IRCCS S. Martino: risultati di 4 anni di attività.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Massimo Vischi Il programma TAVI – IRCCS S. Martino: risultati di 4 anni di attività."— Transcript della presentazione:

1 Massimo Vischi Il programma TAVI – IRCCS S. Martino: risultati di 4 anni di attività

2 Stenosi aortica severa La stenosi aortica è una malattia insidiosa con un lungo periodo di latenza seguito dopo la comparsa dei sintomi da una rapida progressione e con una prognosi infausta a breve termine Lester et al., “The Natural History and Rate of Progression of Aortic Stenosis” Chest 1998

3 Terapia La sostituzione della valvola aortica (AVR) è la terapia di scelta: migliora i sintomi e la sopravvivenza. E’ associata a bassa mortalità operatoria nella popolazione generale, ma… Nella pratica clinica almeno il 30 % dei pz con SASS non vengono trattati con AVR a causa delle disfunzione del Vsn ( 75 aa)

4

5 TAVI in Italia (dati GISE)

6 TAVI in Liguria ( n=233) 43

7 Organizzazione in Liguria dal 2010 Politica regionale finalizzata al contenimento del numero delle strutture autorizzate Razionalizzare le risorse con un unico centro ad alto volume e migliore qualità delle prestazioni Coordinamento strutturale nell’ ospedale dotato di chirurgia cardiaca Coinvolgimento e Partecipazione attiva delle Cardiologie delle Asl

8 Esperienza TAVI in Liguria Totale TAVI : 233 (Novembre 2009 – Ottobre 2014). Centro hub : San Martino, centri spoke : Galliera, Imperia, Lavagna, Pietra Ligure, Sampierdarena, Savona, Spezia. Protesi impiantate : 79 % (183) Edwards SAPIEN, 21 %(50) CoreValve. Approcci : trans-femorale 89%, trans-apicale 6.6%, trans-succlavia 4.4%.

9 Provenienza TOTALI Galliera7 Imperia9 Lavagna11 Sampierdarena19 Spezia20 Pietra Ligure36 Savona43 San Martino

10 Caratteristiche pre-operatorie ( n= 233) Et à 83.5 ± 3.9 Sesso maschile37.4% Euro SCORE18.9 ± 8.7 STS SCORE8.8 ± 4.6 Classe NYHA ≥ III77.2% BPCO24.3% Diabete26.2% Coronaropatia (CAD)41.7% Pregresso IMA23.8% Disfunzione neurologica11.2% Pregressa valvuloplastica15.5% Fibrillazione atriale (parossistica o cronica) 34% IRC25.7% NT-ProBNP (ng/L) ±

11 Caratteristiche ecocardiografiche Gradiente massimo (mmHg)88,1 Gradiente medio (mmHg)55,5 Frazione di eiezione %52 Pa con FE < 30 %10.3 Insufficienza mitralica ≥moderata %31,4 Ipertensione polmonare (>35 mmHg) %74

12 Risultati: Sopravvivenza % (n = 233) IntraproceduraleRicovero1 mese1 anno 97 % 92 % 94 % 81,5% 97,7% 95,4% Risultati: Sopravvivenza % 2014 (n = 43)

13 Sopravvivenza globale

14 Confronto altre esperienze: sopravvivenza N. pazienti vivi a fine procedura % vivi a 1 mese % vivi a 1 anno % Source Tamburino Webb Partner B Bosmans Advance mesi Liguria ,2

15 Analisi della mortalità Tempistica della mortalità: -in acuto (intra-procedurale e entro 1 mese dalla TAVI) -precoce (entro 1 anno dalla TAVI) Causa di mortalità -cardiovascolare -non cardiovascolare

16

17 Acuta Acuta (entro 1 mese): 19 (8%) - Mortalità intraprocedurale: 7 1 insufficienza paraprotesica massiva con shock, 1 occlusione irreversibile del tronco comune, 3 rottura annulus con tamponamento cardiaco, 1 dissezione dell’aorta all’origine, 1 arresto cardiaco dopo valvuloplastica - Mortalità intraricovero: 7 1 in III giornata per anemizzazione acuta, 2 post intervento CCH in urgenza, 2 insufficienza respiratoria e scompenso, 1 deficit di pompa irreversibile, 1 scompenso refrattario - Mortalità a 1 mese: 5 1 Scompenso cardiaco 1 Arresto cardiaco 1 Morte improvvisa 1 Pneumotorace 1 Sepsi Precoce (da 1 mese a 1 anno): 24 (10%) 1 Stroke 2 Morte improvvisa 4 Scompenso cardiaco 2 Complicanze postamputazione arto 1 IRC 2 Insufficienza respiratoria 1 Setticemia 2 Neoplasia 1 Occlusione intestinale 5 Decadimento condizioni generali 3 Sconosciuta

18 Fattori correlati con la mortalità Fattori correlati con la mortalità intraricovero. Fattori correlati con la mortalità a 1 mese Fattori correlati con la mortalità a 1 anno

19 ! Analisi mortalità in riferimento alla CAUSA

20 Selezionare bene i pazienti

21 Qualità di vita ( miglioramento marcato e duraturo) Variazione del punteggio KCCQ al follow up

22 A Genova nasce il 19/11/ 2009 In questi gg compie 5 anni ! Conclusioni (1)

23 Conclusioni (2) E’ lo standard di cura per i pz con controindicazioni all’intervento cardiochirurgico, ed ha efficacia simile alla AVR nei paz a rischio elevato. Va eseguita in ospedali dotati di chirurgia cardiaca e la indicazione/esecuzione va effettuata dall’Heart team Nella nostra esperienza la TAVI si è dimostrata un intervento efficace con sopravvivenza e complicanze confrontabili con le casistiche pubblicate.

24 Conclusioni (3) Abbiamo favorito la partecipazione ed il coinvolgimento attivo di tutte le emodinamiche liguri presso l’ospedale San Martino concentrando le risorse e le capacità Ciò si è tradotto in razionalizzazione dell’attività con alto volume di interventi, una curva di apprendimento che rapidamente è diventata patrimonio comune, ed una attività continuativa ( settimanale !) con elevata qualità delle prestazioni

25 Grazie per l’attenzione ! Sostituire una valvola cardica con un catetere ? Mission impossible Mission possible !


Scaricare ppt "Massimo Vischi Il programma TAVI – IRCCS S. Martino: risultati di 4 anni di attività."

Presentazioni simili


Annunci Google