La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’ATTIVITA’ DEI GIOVANISSIMI Impostazione ed aspetti normativi Relatore: Maurizio Ciucci Settore Giovanile.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’ATTIVITA’ DEI GIOVANISSIMI Impostazione ed aspetti normativi Relatore: Maurizio Ciucci Settore Giovanile."— Transcript della presentazione:

1 L’ATTIVITA’ DEI GIOVANISSIMI Impostazione ed aspetti normativi Relatore: Maurizio Ciucci Settore Giovanile

2 Alcuni dati Settore Giovanile

3 Alcuni dati Settore Giovanile

4 Alcuni dati Settore Giovanile

5 Alcuni dati Settore Giovanile

6 Alcuni dati Emilia Romagna Settore Giovanile

7 Alcuni dati Emilia Romagna Settore Giovanile

8 Alcuni dati Emilia Romagna Settore Giovanile

9 Dati relativi al passaggio da G6 a Esordienti I anno Regione Emilia Romagna SPECIFICHE ANALISI DATIDATI (N° e %) N° tesserati G6 (M-F) N° tesserati Es. I anno (M-F) Vecchi tesserati che hanno abbandonato75 (-36,40%) Nuovi tesserati come Esordienti I anno (M-F)41 (19,90%) Perdita assoluta tesserati34 (-16,50%) Settore Giovanile

10 Possibili cause di abbandono precoce Ripetitività Assenza di stimoli Esasperazione Settore Giovanile

11 Ripetitività Ripetere sempre le stesse esercitazioni nel corso della preparazione e/o partecipare alla stessa tipologia di manifestazioni nel week end è sicuramente noioso. A livello giovanile la noia è una delle possibili cause di abbandono di una disciplina sportiva. Settore Giovanile

12 Assenza di stimoli Anche in questo caso parliamo di attività infrasettimanali e quelle proposte nel week end, che si ripetono uguali a se stesse, non solo nel corso dell’anno, ma anche nei 6 anni di permanenza nella categoria. E’ evidente che questa situazione può provocare un sostanziale calo della motivazione. Ecco perché riteniamo importante modificare l’attività in base al livello di crescita dei giovani, così da fornire obiettivi intermedi. Settore Giovanile

13 Esasperazione La ricerca del risultato individuale che molto spesso noi adulti creiamo in occasione di manifestazioni giovanili, provoca stress psicologici eccessivi. Tali stress, alla lunga, possono portare all’abbandono sia dei giovani vincenti che di quelli che non sono ancora riusciti ad esserlo. Settore Giovanile

14 Modifiche alle Norme Attuative Introduzione di nuove tipologie di prove (presenti nel settore Fuoristrada) rivolte soprattutto allo sviluppo della abilità e della rapidità. L’obiettivo è quello di arricchire il calendario di ciascuna regione con prove diversificate nel corso dell’anno in modo da variare le attività. Si ritiene, in questo modo, di stimolare le società ad orientare la preparazione verso le capacità più sviluppabili in questa fascia di età. Settore Giovanile

15 Modifiche alle Norme Attuative Abbinamento della prova di resistenza con quella di abilità (per le categorie G1 e G2). In altre parole la classifica finale della manifestazione non è più solo dovuta al risultato della prova su strada o di crosscountry ma anche al piazzamento nella prova di abilità. In questo modo, anche i bambini e le bambine meno sviluppate dal punto fisico possono essere protagonisti della manifestazione. In prospettiva l’obiettivo è quello di differenziare l’attività delle prime 3 categorie Giovanissimi (G1, G2 e G3) da quella delle 3 categorie superiori (G4, G5 e G6) Settore Giovanile

16 Attività previste per il 2015 Settore Giovanile

17 Attività previste per il 2015 (Note aggiuntive) Settore Giovanile Al fine di poter gestire al meglio il controllo delle prove di resistenza (Strada e Crosscountry Giovanile), nonché per avere un dato statistico reale, è importante che gli organizzatori di manifestazioni di strada e crosscountry delle categorie agonistiche, qualora intendessero ampliare la partecipazione anche ai Giovanissimi, sono tenuti ad effettuare 2 distinti ID GARA. La quota totale della tassa gara prevista (che rimane invariata) va, in questo caso, suddivisa sui due programmi gara oppure assegnando almeno 1 € alla ID GARA dei Giovanissimi.

18 Tasse gara Giovanissimi Settore Giovanile Nelle prove di Gioco Ciclismo oltre alla tassa gara, l’organizzatore è tenuto, qualora oltre ai tesserati PG dovessero partecipare giovani non tesserati, a versare il relativo premio assicurativo. Naturalmente tale premio non dovrà essere versato laddove partecipassero solo giovani tesserati PG.

19 Settore Giovanile


Scaricare ppt "L’ATTIVITA’ DEI GIOVANISSIMI Impostazione ed aspetti normativi Relatore: Maurizio Ciucci Settore Giovanile."

Presentazioni simili


Annunci Google