La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Fil. Ling 12-13 Lezioni 27-28. Esame finale – Mercoledì 19 Dicembre, orario 15.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Fil. Ling 12-13 Lezioni 27-28. Esame finale – Mercoledì 19 Dicembre, orario 15."— Transcript della presentazione:

1 Fil. Ling Lezioni 27-28

2 Esame finale – Mercoledì 19 Dicembre, orario 15

3 La percezione di eventi dinamici Immaginiamo che Augusto VEDE una palla x che scorre da p1 a p4 nell'intervallo di tempo da t1 a t4 Augusto vede quindi un certo evento dinamico ED ED è composto da eventi statici che si susseguono, per es., l'essere in p2 di x (e2) e POI l'essere in p3 di x (e3) Ma se e2 è prima di (e3), e2 è passato Inoltre, c'è uno stato di coscienza di Augusto che DURA da t1 a t4 ("presente specioso") e che coinvolge stati di coscienza che si susseguono, per es. la visione di e2 e POI la visione di e3. ERGO, esistono eventi passati, sia fisici che mentali. ERGO, il presentismo, è in errore

4 Meinong (1899): superius e inferiora Meinong ( ) discute esempi analoghi a quelli di un movimento rapido, in particolare una melodia (composta da un susseguirsi di note) In generale, secondo Meinong, se x e y sono in una certa relazione r (per es. quel PARTICOLARE 'star sopra' del computer x sulla scrivania y), allora vi è una "complessione" C, un oggetto "di ordine superiore" (superius) che DIPENDE dagli "inferiora" x, y, r. NB: C è qualcosa di più rispetto alla mera "collezione obiettiva" di x, y, r (C risulta dall'essere x e y nella relazione r)

5 Meinong: apprensione di una complessione una complessione C può essere "appreso" in un atto psichico con un suo contenuto (con una rappresentazione soggettiva "immanente", "pseudo-esistente" oggetto della "percezione interna") e un suo oggetto ("trascendente", oggetto della "percezione esterna") (ma non lasciamoci irretire dalla complessa terminologia di Meinong! (per es. dalla sua distinzione tra "sussistere" ed "esistere"))

6 Meinong e gli eventi dinamici L'evento dinamico è nella terminologia di Meinong un superius (complessione) i cui inferiora sono temporalmente separati ("oggetto temporalmente distribuito" §18) Corrispettivamente c'è (nella mente) la rappresentazione (soggettiva) di un superius, la quale non può esistere senza le rappresentazioni degli inferiora: "il superius non può essere rappresentato senza che lo siano gli inferiora" (§19)

7 Meinong: rappresentazioni indistribuite di inferiora distribuiti "per rappresentare una melodia appare indispensabile la contemporanea [simultanea] rappresentazione di tutte le note che la compongono" (§17) "io rappresento le note della melodia, ma non come contemporanee... indispensabile simultaneità delle rappresentazioni degli inferiora succedentisi" (§19) " In generale, si può quindi sostenere che gli oggetti distribuiti d’ordine superiore possono essere rappresentati solo per mezzo di contenuti indistribuiti; gli inferiora diversamente determinati quanto al tempo devono esser dati alla rappresentazione simultaneamente, sebbene naturalmente non come contemporanei " (§19)

8 Meinong: percezione del passato Quindi la percezione di un evento dinamico (oggetto temporalmente distribuito) è (in parte) percezione di un evento (inferior) ormai nel passato "bisogna rinunziare al requisito della contemporaneità di percezione e percepito" (§21) "Del tutto privo d’inesattezze non è nemmeno il requisito su espresso della contemporaneità di percezione e percepito: la stella fissa che percepiamo potrebbe, nel tempo in cui questo accade, aver da molto cessato di brillare." (§9)

9 Meinong: realtà del passato Ma non per questo dobbiamo dire che percepiamo qualcosa di irreale (il passato): "inclusione del passato e del futuro nell'ambito del reale... circostanza per cui ogni esistenza si presenta determinata come passata, presente o futura; mentre questa determinazione non significa altro, ogni volta, che una relazione tra tempo del giudizio e tempo dell’oggetto, la quale deve essere, alla fine, tanto casuale per il reale quanto per questo è casuale se e quando esso sia conosciuto da chicchessia " (§21) Quale teoria del tempo?

10 Il Modello ritenzionale Meinong abbozza un "retentional Model" (v. Dainton, "Temporal consciousness", SEP) v. anche Kant ( ) in CRP la percezione di una successione NON è una successione di percezioni MA un'unica percezione con al suo interno un "prima" e un "dopo" Husserl ( ) presenta una versione più sofisticata in cui si distingue tra ritenzioni impressioni protenzioni

11 Torniamo al presentismo "Limited thick presentism" (Hestevold): si ammette che il presente ha una limitatissima durata. Ma con ciò si sacrifica la tesi che ciò che precede è passato presentismo puntiforme: il presente non ha estensione Quando la palla è nel punto p2 ha ANCHE la proprietà di ESSERE STATA nel punto p1 al tempo t1 e di ESSERE POTENZIALMENTE in p3 a t3. In questo consiste la "dinamicità" dell'evento dinamico Nel percepire, l'evento Augusto ha uno stato di coscienza "puntuale" con ritenzioni e protenzioni al suo interno Agostino ( ) (Confessioni, XI, 10-28): presentismo puntiforme?

12 Intermezzo sulla relatività

13 Relatività: Michelson e Morley i due segnali tornano allo stesso momento L'esperimento viene visto come una dimostrazione della non esistenza dell'etere. Ma mostra anche la costanza della velocità della luce

14

15 Relatività della simultaneità Einstein: non possiamo dare per scontato che c'è un tempo assoluto come assume Newton; il tempo è ciò che misurano gli orologi Sfruttando la costanza della velocità della luce, si definisce come si sincronizzano due orologi Simultaneità di e1 ed e2: i rispettivi orologi segnano la stessa ora Ma il funzionamento di un orologio O dipende dal sistema di riferimento S: più veloce è veloce più lento è O ("il tempo scorre più lentamente") Relatività della simultaneità: dipende dal sistema di riferimento (non abbiamo motivi per considerare un certo sistema privilegiato rispetto ad un altro)

16 Relatività della presentezza per x sulla terra il mio far lezione è simultaneo e quindi presente; per y sulla navicella spaziale è futuro (per entrambi, il mio far lezione precede il mio pranzare) Ma se x e y si muovono l'uno verso l'altro un certo evento su Andromeda potrebbe essere precedente per l'uno e successivo per l'altro (però, se la luce è la velocità massima l'evento non causalmente influenzabile dalla terra) Il teorico A può sostenere che c'è un sistema di riferimento "privilegiato" anche se non possiamo individuarlo


Scaricare ppt "Fil. Ling 12-13 Lezioni 27-28. Esame finale – Mercoledì 19 Dicembre, orario 15."

Presentazioni simili


Annunci Google