La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Linguaggi del corpo e delle immagini come mediatori Pier Cesare Rivoltella, UCSC.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Linguaggi del corpo e delle immagini come mediatori Pier Cesare Rivoltella, UCSC."— Transcript della presentazione:

1

2 Linguaggi del corpo e delle immagini come mediatori Pier Cesare Rivoltella, UCSC

3 Obiettivi Chiarire la funzione del corpo e dell’immagine in chiave di apprendimento Presentare la teoria dei mediatori didattici discutendola criticamente Ricomprendere il mediatore didattico nel quadro di una didattica attenta al corpo e all’immagine

4 Schema L’”istruzione bancaria” e i suoi limiti Corpo, immagine e apprendimento: i presupposti neuroscientifici I mediatori didattici: per una nuova teoria Un esempio di applicazione didattica

5 1. Oltre l’istruzione “bancaria”

6

7 Principio della semiotica Imparare ad apprezzare le relazioni esistenti tra e attraverso i diversi sistemi di segni (immagini, parole, azioni, simboli, artefatti) come un sistema complesso costituisce una parte fondamentale dell’esperienza di apprendimento

8 Principio della multimodalità I significati e la conoscenza vengono costruiti secondo diverse modalità (immagini, testi, simboli, interazioni, disegni astretti, suoni), non solo mediante le parole.

9 Principio dell’embodiment Ogni nostro apprendimento trova nel corpo e nelle esperienze che esso consente di fare in situazione il proprio momento costitutivo. Non esiste apprendimento, anche a livello di concettualizzazione astratta, che non trovi nel corpo il proprio spazio di elaborazione.

10 Apprendimento situato (Vygotskij) Apprendere – Non significa acquisire conoscenza proposizionale da applicare poi nei singoli contesti – Ma sviluppare l’abilità di operare con la conoscenza direttamente nel contesto cui essa si riferisce

11 Apprendimento significativo (Ausubel) Apprendere in modo significativo o profondo vuol dire integrare la nuova conoscenza con l’architettura delle conoscenze già sviluppate in passato

12 2. Corpo, immagine, apprendimento

13

14

15

16 Il “cervello visivo” “afferrare l’eterno in ciò che è disperatamente fugace” (T. Williams) Il cervello, per giungere alla conoscenza del mondo, cerca ciò che è costante ed essenziale Ostacolo: selezionare le invarianti all’interno di una complessità ridondante di informazioni È la stessa funzione dell’arte e delle forme della rappresentazione concettuale in didattica

17

18 3. I mediatori didattici

19

20 Una possibile (effettiva) deriva L’imporsi dei mediatori simbolici – Economici in sede di preparazione – Economici dal punto di vista didattico (funzionali al “programma”) La perdita del contesto – Antieconomico in sede di preparazione – Antieconomico dal punto di vista didattico

21 Mediatore “dispositivo attraverso il quale l’insegnante interviene sulla plasticità neuronale dello studente e ne forma e sviluppa la capacità di fare previsioni” (La previsione, p. 89)

22 simulazione visualizzazione sostituzione anticipazione

23 4. Un’applicazione didattica

24 Usare l’immagine in didattica L’immagine di solito funziona meglio del testo scritto È più efficace se semplifica la realtà favorendo il lavoro del cervello visivo Le linee orizzontali e verticali sono le più facili da vedere Immagini ambigue o appena abbozzate producono “shock” visivi che stimolano l’attività cerebrale

25

26

27

28

29

30

31


Scaricare ppt "Linguaggi del corpo e delle immagini come mediatori Pier Cesare Rivoltella, UCSC."

Presentazioni simili


Annunci Google