La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AIUCD 2014 Fr amm entazione delle informazioni e organizzazione della conoscenza Claudio Gnoli (Università di Pavia ; ISKO)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AIUCD 2014 Fr amm entazione delle informazioni e organizzazione della conoscenza Claudio Gnoli (Università di Pavia ; ISKO)"— Transcript della presentazione:

1 AIUCD 2014 Fr amm entazione delle informazioni e organizzazione della conoscenza Claudio Gnoli (Università di Pavia ; ISKO)

2 Informazione digitale Esplosione della quantità di contenuti...

3 Informazione digitale … e loro frammentazione

4 Frammentazione dei media: carta, digitale, audio, video... dei formati:.txt,.rtf,.doc,.pdf,.tex,.xml... delle fonti: ogni autore o ente si esprime su una pluralità di canali: mailing list, sito, blog, Facebook, Research Gate...

5 Hai detto “linked”?...

6 Gli standard esisterebbero (HTTP, HTML, URI, RDF,...) ma l'interesse commerciale crea muri: provate a cercare su Facebook l' e il sito del titolare del profilo...

7 Social network secondo il Web semantico Friend Of A Friend

8 Frammentazione cognitiva Facebook, Twitter, blog ecc. presentano i post in ordine cronologico: ci si sente aggiornati ma seguire il filo di un discorso è difficile...

9 Frammentazione cognitiva “ La vita dell'uomo moderno non è favorevole all'approfondimento. Essa si sottrae alla tranquillità e alla contemplazione, è una vita di attività continua e affrettata, una lotta senza scopo e riflessione. ” Nicolai Hartmann, Etica, 1926 !

10 Conoscenza = connessioni [Bob Marshall, 2013]

11 La forma discorsiva conta... #bibliografia #didattica #letteratura #storia = bibliografia sulla didattica della storia della letteratura ?... = didattica della letteratura sulla storia della bibliografia ?...

12 Anche didattica e corsi di laurea sono sempre più fatti di moduli combinabili e materiali multimediali cui accedere da “piattaforme”... Aiutano veramente l'apprendimento? Frammentazione dei contenuti

13 Organizzazione dei contenuti I libri a stampa avevano elaborato forme di fruizione più ordinata come la monografia

14 Organizzazione dei contenuti monografie trattati enciclopedie e dizionari riviste specializzate...

15 Digitalizzazione dei testi Permette di recuperarli con motori di ricerca indipendentemente dal sito I collegamenti ipertestuali permettono di collegarli con qualsiasi altra risorsa Diventa difficile ottenere concentrazione su un tema e una visione sintetica !

16 Linked data L'unità di informazione non è più il volume o l'articolo (es. pagina web) ma è il singolo dato registrato come una tripla RDF: ricercabile e combinabile con dati provenienti da altre fonti (altri host)

17 Mash-up Modularizzare le informazioni permette di ricombinarle in modi creativi (es. RSS feed, embedding) ma spezza il filo di argomentazioni più articolate: così tutti i contenuti diventano molto semplici (1 dato, 1 tweet, 1 post...)

18 Hashtag Permettono di etichettare contenuti e raggrupparli ma sono usati meno dei flussi e in modi poco coerenti

19 KOS Gli hashtag sono un esempio semplice di knowledge organization system (KOS): sistemi per indicizzare informazioni in base al loro contenuto (invece che in base a parole, titoli, autori, date, formati...)

20 KOS parole-chiave = keyword  parole-chiave in articoli accademici  etichette = tag categorie di blog hashtag di tweet tassonomie (menù ecc.) vocabolari controllati  soggettari  tesauri schemi di classificazione ontologie grado di sofisticazione

21 Tassonomie Introducono una struttura gerarchica

22 Classificazioni Introducono un ordinamento sistematico di classi, sottoclassi e faccette

23 Ontologie Introducono una formalizzazione di relazioni e restrizioni logiche che permette deduzioni automatiche

24 Knowledge organization (KO) = organizzazione della conoscenza = organisation des connaissances = Wissensordnung Integra principi da – documentazione – biblioteconomia – linguistica – filosofia – informatica Teorizzata da Ingetraut Dahlberg ma già praticata in passato (Dewey, Bliss, Ranganathan...)

25 Knowledge organization (KO) Principi, metodi, tecniche per organizzare i contenuti concettuali del sapere di solito espressi in documenti, o in passato orali (mnemotecnica) ≠ KR: knowledge representation ≠ KM: knowledge management ≠ KE: knowledge engineering

26 International Society for Knowledge Organization Fondata nel 1989 congressi internazionali biennali capitolo italiano: iskoi.org Incontro a Bologna primavera 2015

27 Knowledge organization (KO) “La scienza è conoscenza organizzata” Herbert Spencer Necessaria alle scienze naturali ed umane per un'efficace sistematizzazione del patrimonio del sapere, mai assoluta né definitiva ma indispensabile al prosieguo della ricerca.

28 ...grazie per l'attenzione! Contatto meno frammentario: ancora meno frammentario: mate.unipv.it/gnoli


Scaricare ppt "AIUCD 2014 Fr amm entazione delle informazioni e organizzazione della conoscenza Claudio Gnoli (Università di Pavia ; ISKO)"

Presentazioni simili


Annunci Google