La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Turismo Rurale Gli agriturismi di Sabrina Ferroni, Luna Giordani, Ana Mildre Gutierrez, Federica Latini, Marta Virgili Economia e marketing agroalimentare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Turismo Rurale Gli agriturismi di Sabrina Ferroni, Luna Giordani, Ana Mildre Gutierrez, Federica Latini, Marta Virgili Economia e marketing agroalimentare."— Transcript della presentazione:

1 Turismo Rurale Gli agriturismi di Sabrina Ferroni, Luna Giordani, Ana Mildre Gutierrez, Federica Latini, Marta Virgili Economia e marketing agroalimentare Scienze del Turismo

2 Diverso Locale All’aperto In Campagna Alternativo Turismo Verde Agriturismo

3 Digitando “turismo rurale” sono siti internet di agriturismi o B&B

4 Di che si tratta " P er turismo rurale s'intende una specifica articolazione dell'offerta turistica regionale composta da un complesso di attività che possono comprendere ospitalità, ristorazione, attività sportive, del tempo libero e di servizio, finalizzate alla corretta fruizione dei beni naturalistici, ambientali e culturali del territorio rurale. In particolare, l'attività di turismo rurale deve essere esercitata in immobili già esistenti, ubicati all'esterno del territorio urbanizzato o nei borghi rurali che mantengono le caratteristiche, proprie dell'edilizia tradizionale della zona”.

5 Una caratteristica essenziale del turismo rurale è il fatto di essere un turismo locale, un turismo "di paese", voluto e gestito dagli abitanti, un turismo di incontri, un turismo di condivisione. Esso è: di iniziativa locale; a gestione locale; con profitti locali; caratterizzato da paesaggi locali; valorizzante per la cultura locale.

6 Esso si afferma in molti paesi dell’Europa centrale e settentrionale alla fine degli anni ’50 del secolo scorso, mentre è solo dagli anni ‘70 che viene considerato, nel Sud d’Europa, come un settore importante da implementare, in quanto contribuisce a: ridurre l’esodo della popolazione dalle aree rurali; creare occupazione; promuovere lo sviluppo socioeconomico delle zone svantaggiate.

7 Questa tipologia di turismo si fonda, prevalentemente, sulla capacità degli operatori locali di “far conoscere”, ossia sulla loro capacità di comunicare, mediante le parole, l'atteggiamento, l'ambiente e le attività, con i cittadini che hanno perso il contatto con la campagna e la natura, per i quali il mondo rurale genera un nuovo esotismo.

8 Paradossalmente, i "difetti" del turismo rurale rappresentano una delle principali caratteristiche di questo tipo di turismo e ne sono il marchio. La "rusticità" è altrettanto attraente nell'accoglienza che nelle confezioni o nella presentazione dei prodotti agroalimentari. In entrambi i casi, questa caratteristica appare come un segno della qualità reale, del prodotto "autentico", "locale", tradizionale" e "genuino". Ma, attenzione, dentro questo involucro “grezzo” deve essere contenuto un prodotto che offra tutte le garanzie di sicurezza e comfort. Si tratta dunque di trovare il giusto equilibrio tra i valori del passato e le esigenze del presente.

9 É importante, perciò, che ci sia un'attenta pianificazione dell'offerta turistica e una costante collaborazione tra gli enti pubblici, da una parte, e i diversi soggetti che operano nel territorio, dall'altra. “La stessa soluzione non può risolvere problematiche diverse.” In questa ottica, il turismo rurale permette soprattutto di garantire la tutela e la valorizzazione dei siti e dei modi di vita, a beneficio sia degli abitanti che delle future generazioni urbane.

10 Cosa spinge il turista a scegliere il turismo rurale? il desiderio di autonomia e libertà (piccoli gruppi, spostamenti con auto propria); la ricerca di cose autentiche; la ricerca di un turismo di contenuti, di arricchimento intellettuale e di contatto con gli abitanti del luogo; Si tratta di una domanda essenzialmente orientata verso il "fuori stagione", con soggiorni brevi (di un weekend o una settimana al massimo), preferibilmente in prossimità della città.

11 Cosa possono fare gli operatori locali? Per poter soddisfare esigenze di questo tipo, occorre puntare su un prodotto di qualità superiore e, il più possibile, diversificato, che punti soprattutto sull'aspetto emozionale; un servizio turistico personalizzato; un prodotto di accoglienza estremamente caratteristico, dove il patrimonio e le tradizioni sono elementi essenziali. Un prodotto, quindi, in cui la qualità delle prestazioni umane è fondamentale.

12 All’interno del panorama del turismo rurale, un ruolo particolare è rivestito dall’ Agriturismo «L’attività agrituristica è CONNESSA e COMPLEMENTARE a quella agricola» Di fatto, l‘agriturismo è una forma di turismo rurale nella quale il turista è ospitato presso un'azienda agricola. Esso costituisce una specificità esclusivamente italiana nel panorama del turismo europeo in quanto il termine è stato giuridicamente riconosciuto per la prima volta nel nostro Paese.

13 “I NOSTRI NUMERI” (*percentuali riferite alla sola Regione Marche, come previsto dalla Legge Regionale n. 21 del 14 novembre 2011) prodotti di Produzione propria prodotti provenienti dalla Grande distribuzione prodotti proveniente da Altre aziende agricole

14 Turismo Rurale ≠ Agriturismo

15 RAPPORTO “IMPRESA TURISMO” 2009 – ISNART (Istituto Nazionale Ricerche Turistiche) 3,2% turisti italiani 5,4% turisti stranieri strutture ricettive delle presenze CANALI DI COMUNICAZIONE ITALIANISTRANIERI Passaparola44%55% Precedenti esperienze 36%38% Internet18%27% agriturismi (*i dati raccolti sono relativi all'anno precedente)

16 RAPPORTO “IMPRESA TURISMO” 2013 – ISNART (Istituto Nazionale Ricerche Turistiche) 5,4% turisti italiani 9,4% turisti stranieri strutture ricettive delle presenze CANALI DI COMUNICAZIONE ITALIANISTRANIERI Passaparola42%43% Precedenti esperienze 31%- Internet20%32% agriturismi (*i dati raccolti sono relativi all'anno precedente)

17 RAPPORTO “IMPRESA TURISMO” 2013 – ISNART (Istituto Nazionale Ricerche Turistiche)

18

19 Punti di forzaPunti di debolezza Paesaggio (collina, parchi naturali, risorse naturalistiche); Ricettività diversificata (agriturismi, residenze storiche, casolari, locande); Varietà dei servizi offerti; Rusticità, autenticità, tradizionalità e genuinità; Centralità del fattore umano. Eccessiva ricettività; Mancanza di infrastrutture adeguate; Scarso interesse da parte di grandi tour operator e agenzie di viaggio; Scarsità di figure professionali qualificate. OpportunitàMinacce Rilancio dei prodotti locali; Offerta di itinerari turistici alternativi; Tutela e valorizzazione delle risorse; Sinergia tra settori diversi (agroalimentare, artigianato); Sviluppo socio-economico delle zone interessate; Riduzione abbandono delle zone rurali. Scarsa destagionalizzazione; Degrado ambientale. ANALISI SWOT

20 Le zone rurali hanno forti potenzialità che vanno gestite e valorizzate in modo da attivare dinamiche di sviluppo a lungo termine, che rispondano al criterio di sostenibilità, non solo territoriale ma anche sociale ed economica. È fondamentale non dimenticare che stiamo parlando di una tipologia di turismo estremamente fragile. Si tratta dunque di trovare il giusto equilibrio tra tutela e valorizzazione. Nonostante il suo andamento non sia stato sempre costante, il turismo rurale ha incontrato, nel corso degli anni, il consenso di un numero sempre più ampio di turisti che in esso vedono la possibilità di evadere dalla routine quotidiana per ricercare altrove emozioni semplici, in un mondo semplice fatto di cose semplici.

21 Bibliografia Turismo – Come volano per lo sviluppo rurale Sitografia (Ruralità e Turismo – Giovanni Belletti) (Le prospettive del turismo rurale) (Commercializzare un turismo di qualità) Per la consultazione dei dati:


Scaricare ppt "Turismo Rurale Gli agriturismi di Sabrina Ferroni, Luna Giordani, Ana Mildre Gutierrez, Federica Latini, Marta Virgili Economia e marketing agroalimentare."

Presentazioni simili


Annunci Google