La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sorveglianza sanitaria e valutazione del rischio Franco Roscelli Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL di Parma.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sorveglianza sanitaria e valutazione del rischio Franco Roscelli Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL di Parma."— Transcript della presentazione:

1 Sorveglianza sanitaria e valutazione del rischio Franco Roscelli Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL di Parma

2 Benedetto Antelami XII secolo Battistero di Parma Mese di Agosto Incisione dello Studio Toschi L’Associazione Parmense dei Medici del Lavoro

3

4 Definizioni (art. 2) h) «medico competente»: medico in possesso di uno dei titoli e dei requisiti formativi e professionali di cui all’articolo 38, che collabora … con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei rischi ed è nominato dallo stesso per effettuare la sorveglianza sanitaria e per tutti gli altri compiti di cui al presente Decreto;

5 Definizione giuridica sorveglianza sanitaria m) «sorveglianza sanitaria»: insieme degli atti medici, finalizzati alla tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori, in relazione all'ambiente di lavoro, ai fattori di rischio professionali e alle modalità di svolgimento dell'attività lavorativa;

6 Definizione scientifica m) «sorveglianza sanitaria»: insieme degli atti medici, finalizzati alla tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori, in relazione all'ambiente di lavoro, ai fattori di rischio professionali e alle modalità di svolgimento dell'attività lavorativa;

7 Definizione giuridica sorveglianza sanitaria m) «sorveglianza sanitaria»: insieme degli atti medici, finalizzati alla tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori, in relazione all'ambiente di lavoro, ai fattori di rischio professionali e alle modalità di svolgimento dell'attività lavorativa;

8 “Contenuto giuridico” (D.Lgs 81/2008, art. 41= = D.Lgs 626/94, art. 16) 2. La sorveglianza sanitaria comprende: a) visita medica preventiva intesa a constatare l’assenza di controindicazioni al lavoro cui il lavoratore è destinato al fine di valutare la sua idoneità alla mansione specifica; b) visita medica periodica per controllare lo stato di salute dei lavoratori ed esprimere il giudizio di idoneità alla mansione specifica.

9 Obblighi del medico competente (art. 25) i) comunica per iscritto, in occasione delle riunioni di cui all’articolo 35, al DL, al RSPP, ai RLS, i risultati anonimi collettivi della sorveglianza sanitaria effettuata e fornisce indicazioni sul significato di detti risultati ai fini della attuazione delle misure per la tutela della salute e della integrità psico-fisica dei lavoratori;

10 Il caso del lavoratore T.S. In collaborazione con Augusto Quercia Direttore PISLL ASL Viterbo

11 d.n. 12/11/1960 Età 46 Statura cm 184 FVC 4.69 L FEV1 3,94 L FEV1/FVC 71,3% (?) Spirometria normale 12/6/2007 (in realtà è 84%) Controllo qualità sorveglianza sanitaria: lavoratore T.S.

12 29/11/2007 Caso T.S.: ripetizione della spirometria

13 FVC 5.61 FEV FEV1/FVC 66% deficit ostruttivo d.n. 12/11/1970 età 37 Altezza 178 Caso T.S

14

15 11/4/ VC 5.61 (-610 ml) FEV (-1250 ml) FEV 1 /VC 65.7% (-13.8)

16 Caso T.S. Nessuna prova accettabile, ma…

17 Caso T.S. – Variazioni del FEV1 (nessuna prova accettabile) FEV1var. L 20045, ,46+ 0, ,84- 0, ,94- 0, ,92- 0,02 “Spirometria normale” x 5

18 TosseCatarroDispnea 1997no 2007si Questionario CECA Fumatore dall’età di 15 aa. 10 sig/dì x 5 aa. 30 sig/dì x 17 aa.

19 Livello di esposizione realmente attribuito alla mansione nella VdR: 0,1 mg/mc (dal 1999) Livello di esposizione precedente (magazziniere): 0,01 mg/mc

20 È senza dubbio idoneo: ma non c’è nulla da segnalare nella relazione sanitaria  nella VdR?

21 spirometria

22


Scaricare ppt "Sorveglianza sanitaria e valutazione del rischio Franco Roscelli Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL di Parma."

Presentazioni simili


Annunci Google