La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La didattica dei media Maria Piscitelli, Firenze, 23 marzo 2011 Maria Piscitelli, Firenze, 23 marzo 2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La didattica dei media Maria Piscitelli, Firenze, 23 marzo 2011 Maria Piscitelli, Firenze, 23 marzo 2011."— Transcript della presentazione:

1 La didattica dei media Maria Piscitelli, Firenze, 23 marzo 2011 Maria Piscitelli, Firenze, 23 marzo 2011

2 Sperimentazione Irre Toscana ( ), Cidi Firenze ( Cidi Firenze ( ) Sperimentazione Irre Toscana ( ), Cidi Firenze ( Cidi Firenze ( ) Attività di ricerca e sperimentazione Articolazione in più fasi:  preparatoria (seminari e giornate di studio);  progettazione: condivisione di un modello di “Media education” per le scuole (primaria- secondaria I e II grado) sulla base degli input ricevuti; elaborazione e somministrazione di due questionari scelta dei programmi televisivi costruzione di segmenti /percorsi curricolari;  sperimentazione nelle classi, monitoraggio e verifica finale;  socializzazione e pubblicizzazione dei risultati. Attività di ricerca e sperimentazione Articolazione in più fasi:  preparatoria (seminari e giornate di studio);  progettazione: condivisione di un modello di “Media education” per le scuole (primaria- secondaria I e II grado) sulla base degli input ricevuti; elaborazione e somministrazione di due questionari scelta dei programmi televisivi costruzione di segmenti /percorsi curricolari;  sperimentazione nelle classi, monitoraggio e verifica finale;  socializzazione e pubblicizzazione dei risultati. Maria Piscitelli, Firenze, 23 marzo 2011 Firenze, 23 marzo 2011

3 Punto di attenzione Collegamento con la curricolarità quotidiana: ( attività d’aula e quelle sulla televisione) Collegamento con la curricolarità quotidiana: ( attività d’aula e quelle sulla televisione) Maria Piscitelli Firenze, 23 marzo 2011

4 TabulazioneTabulazione

5 Maria Piscitelli, Firenze, 23 marzo 2011

6 Duplice prospettiva di analisi: semiologica e sociologico-critica  decifrazione e interpretazione del linguaggio, significati e modelli di comunicazione  decifrazione e interpretazione del linguaggio, significati e modelli di comunicazione (analisi della struttura, sintassi,semantica, pragmatica; intrecci tra diversi codici, etc./Approccio semiologico)  decrittazione del modello antropologico presente nel mezzo e rilevazione della sua funzione sociale  decrittazione del modello antropologico presente nel mezzo e rilevazione della sua funzione sociale (Approccio sociologico-critico) Uso del mezzo: - come sviluppo di capacità di lettura a più livelli, come esercizio di analisi e come facilitatore di conoscenze ed acquisizione di abilità; - come forma critica, riflessiva e metacognitiva. Duplice prospettiva di analisi: semiologica e sociologico-critica  decifrazione e interpretazione del linguaggio, significati e modelli di comunicazione  decifrazione e interpretazione del linguaggio, significati e modelli di comunicazione (analisi della struttura, sintassi,semantica, pragmatica; intrecci tra diversi codici, etc./Approccio semiologico)  decrittazione del modello antropologico presente nel mezzo e rilevazione della sua funzione sociale  decrittazione del modello antropologico presente nel mezzo e rilevazione della sua funzione sociale (Approccio sociologico-critico) Uso del mezzo: - come sviluppo di capacità di lettura a più livelli, come esercizio di analisi e come facilitatore di conoscenze ed acquisizione di abilità; - come forma critica, riflessiva e metacognitiva. FinalitàFinalità Maria Piscitelli Firenze, 23 marzo 2011 Comprensione educativa e formativa del mezzo di comunicazione

7 Le sperimentazioni  Il cartone animato: Spongebob, la spugna di mare Letizia Carpini, Anna Fattori (1a, sc. primaria) Letizia Carpini, Anna Fattori (1a, sc. primaria)  Uno sguardo alla televisione: I Simpson: una famiglia sregolata Gianna Campigli (4a sc.primaria) Gianna Campigli (4a sc.primaria)  Tv, istruzioni per l’uso Attilia Greppi (5a sc. primaria) Attilia Greppi (5a sc. primaria)  Dentro..la TV, fuori…la TV Simona Sacchini (1a, sc. sec. I grado) Simona Sacchini (1a, sc. sec. I grado)  Le mie sirene Alessandra Tanini (2a, sc. sec. I grado) Alessandra Tanini (2a, sc. sec. I grado)  Lingua, linguaggi e messaggi televisivi. Lo spot pubblicitario Maria Piscitelli (1a, sc. sec. II grado) Maria Piscitelli (1a, sc. sec. II grado)  Il cartone animato: Spongebob, la spugna di mare Letizia Carpini, Anna Fattori (1a, sc. primaria) Letizia Carpini, Anna Fattori (1a, sc. primaria)  Uno sguardo alla televisione: I Simpson: una famiglia sregolata Gianna Campigli (4a sc.primaria) Gianna Campigli (4a sc.primaria)  Tv, istruzioni per l’uso Attilia Greppi (5a sc. primaria) Attilia Greppi (5a sc. primaria)  Dentro..la TV, fuori…la TV Simona Sacchini (1a, sc. sec. I grado) Simona Sacchini (1a, sc. sec. I grado)  Le mie sirene Alessandra Tanini (2a, sc. sec. I grado) Alessandra Tanini (2a, sc. sec. I grado)  Lingua, linguaggi e messaggi televisivi. Lo spot pubblicitario Maria Piscitelli (1a, sc. sec. II grado) Maria Piscitelli (1a, sc. sec. II grado)

8 Elementi ricorsivi Maria Piscitelli Firenze, 23 marzo 2011 Attivazione di processi di comprensione (Ocse Pisa) e di produzione linguistica. Incremento di abilità: fare e ragionare con la lingua e con una pluralità di codici (un fare creativo e cognitivo: comparare, distinguere, selezionare, etc.). Assunzione di atteggiamenti esplorativi, osservativi, cooperativi, riflessivi, metacognitivi, etc. Generazione di disposizioni analitiche, critiche, autonome Attivazione di processi di comprensione (Ocse Pisa) e di produzione linguistica. Incremento di abilità: fare e ragionare con la lingua e con una pluralità di codici (un fare creativo e cognitivo: comparare, distinguere, selezionare, etc.). Assunzione di atteggiamenti esplorativi, osservativi, cooperativi, riflessivi, metacognitivi, etc. Generazione di disposizioni analitiche, critiche, autonome Continuità nell’approccio costruttivo Attività sul mezzo e in classe. Continuità nell’approccio costruttivo Attività sul mezzo e in classe. Motivazione: coinvolgimento affettivo /emotivo, cognitivo; partecipazione corale; curiosità conoscitiva; desiderio di approfondire e vedere altro, etc.. Valorizzazione delle competenze possedute in questo settore.

9 Elementi ricorsivi Maria Piscitelli Firenze, 23 marzo 2011 In particolare sono stati affrontati:  La narrazione e la descrizione nel cartone.  L’informazione e l’esposizione nel TG, nonché le modalità/ strategie usate per presentare la notizia.  La varietà di parlati, le forme narrative e descrittive presenti nella Prova del cuoco e nelle altre trasmissioni ( il linguaggio dei Simpson), etc.  La regolazione, l’informazione, la narrazione nella pubblicità. Punti di vista, tecniche e strategie, etc. che emergevano dalle diverse trasmissioni.  In particolare sono stati affrontati:  La narrazione e la descrizione nel cartone.  L’informazione e l’esposizione nel TG, nonché le modalità/ strategie usate per presentare la notizia.  La varietà di parlati, le forme narrative e descrittive presenti nella Prova del cuoco e nelle altre trasmissioni ( il linguaggio dei Simpson), etc.  La regolazione, l’informazione, la narrazione nella pubblicità. Punti di vista, tecniche e strategie, etc. che emergevano dalle diverse trasmissioni.  Per la specificità del mezzo sono stati presi in esame: Le caratteristiche del mezzo. Il ruolo della cinepresa, dei suoni e delle immagini che accompagnano la parola. Gli effetti creati e gli scopi sottesi. Le sensazioni e gli impatti emotivi suscitati. Su

10 Il cartone animato  Spongebob, la spugna di mare (1a) Maria Piscitelli Firenze,23 marzo 2011 La relazione in classe Percorso: la Messaggeria Bisogno di dire qualcosa: messaggi. Problemi emersi: modi di essere nei confronti degli altri. Conflittualità derivanti da pensieri e comportamenti opposti, dal desiderio di essere simpatico all’altro o di prevalere sull’altro, dalla ricerca dell’altro. Lavoro di osservazione e di interpretazione delle immagini, delle inquadrature, delle musiche e degli elementi costitutivi della storia. Ruolo della cinepresa Analisi di determinati comportamenti nei personaggi del cartone. Il punto di vista di Spongebob e degli altri. La relazione in classe Percorso: la Messaggeria Bisogno di dire qualcosa: messaggi. Problemi emersi: modi di essere nei confronti degli altri. Conflittualità derivanti da pensieri e comportamenti opposti, dal desiderio di essere simpatico all’altro o di prevalere sull’altro, dalla ricerca dell’altro. Lavoro di osservazione e di interpretazione delle immagini, delle inquadrature, delle musiche e degli elementi costitutivi della storia. Ruolo della cinepresa Analisi di determinati comportamenti nei personaggi del cartone. Il punto di vista di Spongebob e degli altri.

11 Uno sguardo alla televisione I Simpson: una famiglia sregolata ( 4a) Maria Piscitelli Firenze, 23 marzo 2011 La relazione governata da altri Percorso: Comandi, divieti e regole in famiglia (1) Osservazione per un periodo stabilito del ricorrere quotidiano di comandi e divieti all’interno della famiglia. Obbedire o disobbedire? La trasgressione Connessione tra problematiche analizzate e il cartone. Spostamento dello zoom dalla famiglia reale a quella televisiva La relazione governata da altri Percorso: Comandi, divieti e regole in famiglia (1) Osservazione per un periodo stabilito del ricorrere quotidiano di comandi e divieti all’interno della famiglia. Obbedire o disobbedire? La trasgressione Connessione tra problematiche analizzate e il cartone. Spostamento dello zoom dalla famiglia reale a quella televisiva

12 Uno sguardo alla televisione I Simpson: una famiglia sregolata (4a) Maria Piscitelli Firenze,23 marzo 2011 La relazione governata da altri Percorso: Comandi, divieti e regole in famiglia (2) Analisi del cartone. Osservazione degli atteggiamenti dei singoli interlocutori, della lingua usata, del registro, del lessico, delle norme grammaticali, della scelta di ambienti, di colori ed immagini. Lettura critica delle storie che sembrano vere, appartenenti ad altri tempi e che vengono percepite realisticamente, innescando processi di identificazione con i personaggi mediatici. Creare forme di distacco ed acquisire la consapevolezza che quel mondo, così colorato e divertente, seducente, senza regole, è difficilmente trasferibile nella realtà. La relazione governata da altri Percorso: Comandi, divieti e regole in famiglia (2) Analisi del cartone. Osservazione degli atteggiamenti dei singoli interlocutori, della lingua usata, del registro, del lessico, delle norme grammaticali, della scelta di ambienti, di colori ed immagini. Lettura critica delle storie che sembrano vere, appartenenti ad altri tempi e che vengono percepite realisticamente, innescando processi di identificazione con i personaggi mediatici. Creare forme di distacco ed acquisire la consapevolezza che quel mondo, così colorato e divertente, seducente, senza regole, è difficilmente trasferibile nella realtà.

13 Dentro..la TV, fuori…la TV La prova del cuoco ( 1a scuola La prova del cuoco ( 1a scuola secondaria I grado) secondaria I grado) Maria Piscitelli Firenze, 23 marzo 2011 L’esplorazione del sé Percorso: L’autobiografia (1) Lavoro sul filo della memoria. Recupero dell’aspetto assai coinvolgente del rapporto che ogni alunno ha vissuto con il cibo nel tempo. Se questo rapporto è cambiato, si è evoluto col passare degli anni. Rilevanza del cibo nella vita e… in una trasmissione televisiva sc

14 Dentro..la TV, fuori…la TV La prova del cuoco La prova del cuoco Maria Piscitelli Firenze, 23 marzo 2011 L’esplorazione del sé Percorso: L’autobiografia (10) Analisi della trasmissione per capire come funziona Scoperta dei trucchi che stanno dentro e dietro una trasmissione di successo. Verifica se e come modifica i comportamenti dello spettatore. L’esplorazione del sé Percorso: L’autobiografia (10) Analisi della trasmissione per capire come funziona Scoperta dei trucchi che stanno dentro e dietro una trasmissione di successo. Verifica se e come modifica i comportamenti dello spettatore.

15 In sintesi I lavori hanno consentito agli alunni di: 1. Cogliere risvolti significativi di determinate scelte, finalizzate a produrre effetti e a raggiungere scopi precisi. 2. Capire che per chi progetta un formato televisivo è molto importante creare complicità e intesa con lo spettatore; farlo entrare nei suoi pensieri, nelle sue emozioni ed aderire“ inconsciamente” alle sue idee e convinzioni. 3. Rendersi conto che tutto ciò che si vede è frutto di una regia, di una messa in scena dove tutti hanno una parte da recitare, sia che si tratti del Tg, del cartone, dell’intrattenimento, etc. Il mondo rappresentato è un mondo virtuale in cui occorre imparare ad entrare ed uscire in automatico. Maria Piscitelli, Firenze, 23 marzo 2011

16 Dentro..la TV, fuori…la TV Sul filo della memoria Sul filo della memoria Maria Piscitelli Firenze, 23 marzo 2011 L’esplorazione del sé Percorso: L’autobiografia (2) Letture ed attività Olio di fegato di merluzzo”, di Marina Jarre, La minestrina sulla finestra, di A. Palazzeschi, Cucchiaini”, testo poetico di V. Lamarque e Vestivamo alla marinara di S. Agnelli Opportunità di rivivere le situazioni narrate, marcando somiglianze o differenze, confrontando la propria storia personale con quella dei compagni, per quanto ognuno ricordava. Approfondimento di quest’aspetto (notizie più sicure e precise) attraverso un’intervista ai genitori. Predisposizione di un lista di domande, concordando di annotare allo stesso modo esclamazioni, tono della voce, gestualità dell’intervistato..sc

17 Dentro..la TV, fuori…la TV Sul filo della memoria Sul filo della memoria Maria Piscitelli Firenze, 23 marzo 2011 L’esplorazione del sé Percorso: L’autobiografia (3) Lettura delle risposte. “È emerso che molti degli alunni hanno avuto da piccoli un piatto particolarmente gradito, perlopiù un dolce, e in molti casi ancora gradito, anche se la mamma non lo prepara più così spesso” ( S. Sacchini) Proposta di riallacciare questo legame con il passato e di rivivere il piacere di quel sapore. Invito a cucinare la propria torta preferita insieme con la mamma, a descriverne il procedimento di esecuzione, a portarne una fetta a scuola e offrirla agli amici..sc

18 Tappe di lavoro Preparazione della torta Degustazione 2. Presentazione 3. Valutazione Maria Piscitelli, Firenze, 23 marzo 2011

19 Dentro..la TV, fuori…la TV Sul filo della memoria Sul filo della memoria Maria Piscitelli Firenze, 23 marzo 2011 L’esplorazione del sé Percorso: L’autobiografia (4) Invito a cucinare la propria torta preferita insieme con la mamma, a descriverne il procedimento di esecuzione, a portarne una fetta a scuola e offrirla agli amici. “Lo spirito competitivo degli alunni, frutto dell’ambiente sociale e televisivo di cui la competizione è una componente fondamentale, ha suggerito di aggiungere “emozione” all’attività attraverso una sfida, una gara a “colpi di torta”: “Bella e pronta vinco con la torta” - concorso a premi tra pasticceri.” (S. Sacchini) sc

20 Dentro..la TV, fuori…la TV La prova dei “cuochi” La prova dei “cuochi” Maria Piscitelli Firenze, 23 marzo 2011 L’esplorazione del sé Percorso: L’autobiografia (5) Prima fase Preparazione di una torta in famiglia Consegne:ResocontoCommento Flash dialogici: espressioni colorite e ….saporite Presentazione in classe

21 Dentro..la TV, fuori…la TV La prova dei “cuochi” La prova dei “cuochi” Maria Piscitelli Firenze, 23 marzo 2011 L’esplorazione del sé Percorso: L’autobiografia (6)Performance: “ chi ha scelto il ritornello di una canzone di cui ha cambiato le parole, chi lo ha fatto accennando passi di danza o acrobazie da ginnasta, chi con uno slogan o una canzoncina breve creata per l’occasione, chi mimando, ma tutti hanno dimostrato creatività e forte partecipazione emotiva” ( S. Sacchini). Utilizzo di più modalità comunicative (verbale, musicale, gestuale, posturale, mimico-facciale), ricalcando quelle usate nei programmi televisivi e nella pubblicità senza tuttavia averne la consapevolezza dell’uso. sc

22 Dentro..la TV, fuori…la TV La prova dei “cuochi” La prova dei “cuochi” Maria Piscitelli Firenze, 23 marzo 2011 L’esplorazione del sé Percorso: L’autobiografia (7) Attribuzione di punteggi sulla base del gusto linguistico (compito a casa) “Al termine di ciascuna esibizione, i compagni di classe hanno espresso la propria preferenza mediante un voto da 1 a 5 e il punteggio ottenuto è stato segnato su un tabellone nella colonna presentazione. Allo stesso modo, il punteggio ottenuto nella degustazione della torta (sempre con un voto da 1 a 5) è stato segnato sull’altra colonna, quella della degustazione.” ( S. Sacchini). Scelta delle tre finaliste sc

23 Dentro..la TV, fuori…la TV La prova dei “cuochi” La prova dei “cuochi” Maria Piscitelli Firenze, 23 marzo 2011 L’esplorazione del sé Percorso: L’autobiografia (8) Seconda fase Riflessioni sui punteggi ottenuti in molti casi il voto della presentazione è stato decisamente superiore al punteggio ottenuto nella degustazione, quindi i tre finalisti hanno vinto per il punteggio ottenuto nella presentazione; in molti casi il voto della presentazione è stato decisamente superiore al punteggio ottenuto nella degustazione, quindi i tre finalisti hanno vinto per il punteggio ottenuto nella presentazione; non sarebbero stati quei compagni ad essere i tre finalisti se si fosse assegnato il punteggio solo all’assaggio non sarebbero stati quei compagni ad essere i tre finalisti se si fosse assegnato il punteggio solo all’assaggio. Sc pe

24 Dentro..la TV, fuori…la TV La prova dei “cuochi” La prova dei “cuochi” Maria Piscitelli Firenze, 23 marzo 2011 L’esplorazione del sé Percorso: L’autobiografia (9) Seconda fase Conclusioni “Il modo di presentare un oggetto, le strategie scelte, l’originalità di uno slogan, la situazione creata per la presentazione hanno prevalso sulla bontà, sulla qualità del piatto presentato” Conferme “ Spesso una pizza surgelata, una merendina, un secondo già pronto da scaldare solo in padella non si sono rivelati nella realtà, così buoni, gustosi come venivano esaltati dalla pubblicità televisiva” (S. Sacchini). ” Sc pe

25 Sveliamo i trucchi del mestiere

26 Dentro..la TV, fuori…la TV La prova del cuoco La prova del cuoco Maria Piscitelli Firenze, 23 marzo 2011 L’esplorazione del sé Percorso: L’autobiografia (12) Come è strutturata, quali strategie utilizza, quali sensazioni e pensieri suscita negli spettatori per riuscire a tenerli avvinti costantemente con la stessa formula di presentazione. Lavoro sul: - vocabolario culinario (aggettivi, avverbi, verbi, sostantivi, espressioni, azioni, colori, immagini, suoni.) - vocabolario culinario (aggettivi, avverbi, verbi, sostantivi, espressioni, azioni, colori, immagini, suoni.) - procedimento di esecuzione e di presentazione dei piatti (azioni, comportamenti, tratti linguistici/informativi, espositivi/ linguaggio non verbale- gestualità, prossemica, espressione del volto, etc,) - modalità di comunicazione della presentatrice nella conduzione della trasmissione e nell’interazione con gli ospiti. - modalità di comunicazione della presentatrice nella conduzione della trasmissione e nell’interazione con gli ospiti. L’esplorazione del sé Percorso: L’autobiografia (12) Come è strutturata, quali strategie utilizza, quali sensazioni e pensieri suscita negli spettatori per riuscire a tenerli avvinti costantemente con la stessa formula di presentazione. Lavoro sul: - vocabolario culinario (aggettivi, avverbi, verbi, sostantivi, espressioni, azioni, colori, immagini, suoni.) - vocabolario culinario (aggettivi, avverbi, verbi, sostantivi, espressioni, azioni, colori, immagini, suoni.) - procedimento di esecuzione e di presentazione dei piatti (azioni, comportamenti, tratti linguistici/informativi, espositivi/ linguaggio non verbale- gestualità, prossemica, espressione del volto, etc,) - modalità di comunicazione della presentatrice nella conduzione della trasmissione e nell’interazione con gli ospiti. - modalità di comunicazione della presentatrice nella conduzione della trasmissione e nell’interazione con gli ospiti.

27 Dentro..la TV, fuori…la TV La prova del cuoco La prova del cuoco Maria Piscitelli Firenze, 23 marzo 2011 L’esplorazione del sé Percorso: L’autobiografia (13 (13)L’ambiente che tipo di luoghi sono (lucenti, nuovi, estremamente puliti..) quelli in cui si svolge la gara (le due cucine)? come sono connotati? in che modo la telecamera inquadra i luoghi in cui si svolge la gara? come la telecamera inquadra tutto lo spazio presente nella stanza dove vengono effettuate le riprese? I protagonisti Che aspetto hanno? Come sono vestiti? Che comportamento tengono (appassionato, invitante, scherzoso..)? Che tipo di gestualità usano (movimenti precisi, sicuri..)? Manifestano emozioni, sentimenti? Quali? Come li manifestano (tono di voce, gestualità, mimica facciale..)? I contenuti In che modo i cuochi forniscono le informazioni per cucinare? Come interagiscono tra loro i concorrenti? In che modo la telecamera inquadra il procedimento di preparazione dei piatti? L’esplorazione del sé Percorso: L’autobiografia (13 (13)L’ambiente che tipo di luoghi sono (lucenti, nuovi, estremamente puliti..) quelli in cui si svolge la gara (le due cucine)? come sono connotati? in che modo la telecamera inquadra i luoghi in cui si svolge la gara? come la telecamera inquadra tutto lo spazio presente nella stanza dove vengono effettuate le riprese? I protagonisti Che aspetto hanno? Come sono vestiti? Che comportamento tengono (appassionato, invitante, scherzoso..)? Che tipo di gestualità usano (movimenti precisi, sicuri..)? Manifestano emozioni, sentimenti? Quali? Come li manifestano (tono di voce, gestualità, mimica facciale..)? I contenuti In che modo i cuochi forniscono le informazioni per cucinare? Come interagiscono tra loro i concorrenti? In che modo la telecamera inquadra il procedimento di preparazione dei piatti?

28 Dentro..la TV, fuori…la TV La prova del cuoco La prova del cuoco Maria Piscitelli Firenze, 23 marzo 2011 L’esplorazione del sé Percorso: L’autobiografia (14 (14) “La televisione è proprio un mezzo che ha tanti occhi, che orienta i nostri occhi che li porta dove vuole, sulle mani, sulla bocca, dentro al piatto, che ci impone il suo punto di vista e noi siamo lì pronti con tutti i nostri sensi all’erta “.. “Entra nel piatto, descrive le forme, esalta i colori e la consistenza degli ingredienti e dei profumi, coglie in trasparenza i vapori, cattura gli sfrigolii, gratifica il palato, colpisce l’olfatto di chi ascolta e vede”... “Noi guardiamo, ascoltiamo pronti anche con l’olfatto, il gusto e il tatto…” ( S. Sacchini). “ … L’esplorazione del sé Percorso: L’autobiografia (14 (14) “La televisione è proprio un mezzo che ha tanti occhi, che orienta i nostri occhi che li porta dove vuole, sulle mani, sulla bocca, dentro al piatto, che ci impone il suo punto di vista e noi siamo lì pronti con tutti i nostri sensi all’erta “.. “Entra nel piatto, descrive le forme, esalta i colori e la consistenza degli ingredienti e dei profumi, coglie in trasparenza i vapori, cattura gli sfrigolii, gratifica il palato, colpisce l’olfatto di chi ascolta e vede”... “Noi guardiamo, ascoltiamo pronti anche con l’olfatto, il gusto e il tatto…” ( S. Sacchini). “ …

29 Quali trucchi possiamo usare per meglio presentare la nostra torta

30 Dentro..la TV, fuori…la TV La prova dei “cuochi” La prova dei “cuochi” Maria Piscitelli Firenze, 23 marzo 2011 L’esplorazione del sé Percorso: L’autobiografia (15) Seconda fase Preparazione per scegliere la torta finale Formazione di gruppi Presentazione della torta (poesia enumerativa, poesia con gli ossimori e le sinestesie, poesia elogio, scioglilingua, filastrocche, slogan, metafore, formule magiche e adottando, in alcuni casi, anche forme comunicative tipiche della televisione: i quiz.). Sc pe

31 Dentro..la TV, fuori…la TV La prova dei “cuochi” La prova dei “cuochi” Maria Piscitelli Firenze, 23 marzo 2011 L’esplorazione del sé Percorso: L’autobiografia (16) Seconda fase Formazione della giuria per la gara finale Lettura e commento dei testi prodotti affiancati da letture di testi d’autore Messa in scena dei testi Attribuzione del premio ricchezza e appropriatezza del linguaggio potere evocativo del linguaggio originalità della presentazione Sc pe


Scaricare ppt "La didattica dei media Maria Piscitelli, Firenze, 23 marzo 2011 Maria Piscitelli, Firenze, 23 marzo 2011."

Presentazioni simili


Annunci Google