La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INTRODUZIONE ALLA GEOMETRIA EUCLIDEA. Significato e origine La parola GEOMETRIA viene dal greco e significa “misura della Terra”. Inizialmente si sviluppò.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INTRODUZIONE ALLA GEOMETRIA EUCLIDEA. Significato e origine La parola GEOMETRIA viene dal greco e significa “misura della Terra”. Inizialmente si sviluppò."— Transcript della presentazione:

1 INTRODUZIONE ALLA GEOMETRIA EUCLIDEA

2 Significato e origine La parola GEOMETRIA viene dal greco e significa “misura della Terra”. Inizialmente si sviluppò per far fronte a problemi pratici dell’uomo: ad esempio, in Egitto le inondazioni del Nilo costringevano a ridisegnare spesso i confini dei terreni e quindi a misurarli. In seguito, in Grecia, nel periodo ellenistico (300 a. C. – 600 d. C.) essa si sviluppò come una vera e propria scienza razionale.

3 GEOMETRIA Può essere INTUITIVARAZIONALE

4 Geometria intuitiva La geometria intuitiva consiste nella ricerca delle proprietà delle figure mediante osservazioni sperimentali (pratiche), ripetute più volte attraverso l'uso di strumenti di misura, su oggetti o disegni o modelli aventi la forma delle diverse figure geometriche. Le proprietà scoperte osservando particolari modelli concreti vengono poi generalizzate, cioè considerate valide per ogni altra figura analoga al modello reale studiato praticamente. Si tratta quindi di un metodo induttivo, ovvero che va da casi particolari a regole generali, dove le proprietà scoperte sono, soprattutto, frutto dell'intuizione.

5 Geometria razionale Si riferisce a figure ideali che, pur avendo origine da un modello fisico, hanno subito un processo di astrazione da tutte le caratteristiche degli oggetti concreti. Le proprietà delle figure, note attraverso i metodi sperimentali della geometria intuitiva, possono essere considerate valide soltanto se, attraverso una successione di ragionamenti logici, si giunge a dimostrare rigorosamente la loro validità generale. In geometria razionale, quindi, la validità universale di una certa proprietà viene stabilita mediante il puro ragionamento, sviluppato su di una figura geometrica astratta. Questa proprietà sarà poi valida per ogni altra figura particolare che sia un modello fisico di quella astratta.

6 Geometria razionale Questo procedimento di indagine è chiamato metodo ipotetico-deduttivo: al contrario di quello induttivo, esso muove dal generale verso il particolare e sfrutta la deduzione logica. Tale metodo ebbe origine in matematica ai tempi dei Greci e si consolidò negli “Elementi”di Euclide.

7 EUCLIDE … chi?! Considerata la fama degli “Elementi” e del loro autore, le notizie che abbiamo sulla vita di Euclide sono sorprendentemente scarse (non si sa neppure dove sia nato). Certo è che, intorno al 300 a.C., insegnò matematica ad Alessandria d’Egitto, nell’accademia nota come il MUSEO. Le leggende lo dipingono come uomo abbastanza anziano e di temperamento gentile.

8 Struttura degli “Elementi” Costituiti da 13 libri: –I primi sei riguardano la geometria del piano; –Dal settimo al nono vengono discusse questioni aritmetiche; –Il decimo riguarda questioni geometriche legate ai numeri irrazionali; –Gli ultimi tre trattano la geometria solida.

9 Geometria razionale Per introdurre i concetti su cui operare dovremo fornirne le definizioni. Una definizione è una frase nella quale si spiega cos'è un certo oggetto o un concetto, in termini di concetti più semplici, assegnandogli anche un opportuno nome che lo identifica. Ad esempio la proposizione: "il peso di un corpo è la forza con cui esso è attratto dalla Terra" è la definizione di "peso". Essa, però, potrà essere compresa soltanto se chi la legge conosce il significato degli altri vocaboli presenti nell'enunciato della definizione stessa. Per esempio, capiremo cos'è il peso di un corpo solo se conosciamo il significato del termine "forza". Questa serie di definizioni non può andare avanti all'infinito, né può dar luogo ad un circolo vizioso. E' necessario, pertanto, che vi siano dei termini che rimangono non definiti.

10 Enti primitivi Gli enti primitivi sono oggetti che non possono essere definiti in termini di concetti più semplici. I primi concetti che tratteremo come enti primitivi sono quelli di punto, retta, piano. Di essi, quindi, non diamo nessuna definizione esplicita, nessuna spiegazione diretta su che cosa essi siano, supponendo che, almeno a livello intuitivo, tutti sappiamo riconoscerli.

11 I postulati o assiomi Le proprietà di questi enti saranno però definite implicitamente (cioè indirettamente) attraverso certe proposizioni che vengono dette postulati o assiomi. I postulati devono godere di alcune proprietà: ➢ non devono portare a contraddizioni: non deve essere possibile ricavare da essi che una certa proprietà è vera e, con un altro ragionamento, che la stessa proprietà è falsa; ➢ le diverse regole devono essere indipendenti tra loro, ossia un postulato non deve essere conseguenza logica degli altri ➢ l'insieme di queste regole deve essere completo, cioè esse ci devono sempre permettere di decidere se le proprietà che stiamo studiando sono vere o false.

12 GEOMETRIA RAZIONALE Parte da CONCETTI PRIMITIVI ASSIOMI Definiti mediante

13 CONCETTI PRIMITIVI ASSIOMI NUOVI ENTI NUOVE PROPRIETA’ (TEOREMI) Da cui si deducono Mediante definizioni Mediante dimostrazioni

14 ENTI GEOMETRICI PRIMITIVI Gli enti primitivi della Geometria sono: PUNTI RETTE PIANI P r 

15 POSTULATI DI APPARTENENZA - Su di una retta esistono almeno due punti. - Per due punti distinti di un piano passa una e una sola retta che li contiene

16 - Per ogni retta di un piano esiste almeno un punto del piano che non le appartiene. - La retta passante per due punti distinti di un piano giace completamente sul piano -Tre punti distinti che non appartengono ad una medesima retta determinano uno ed un solo piano che li contiene B

17 - I punti della retta sono ordinati secondo due versi o sensi opposti l’uno all’altro. In ciascuno di questi due versi della retta non vi è né primo né ultimo punto; inoltre tra due qualsiasi punti distinti di essa esistono altri punti intermedi AB POSTULATO D’ORDINE


Scaricare ppt "INTRODUZIONE ALLA GEOMETRIA EUCLIDEA. Significato e origine La parola GEOMETRIA viene dal greco e significa “misura della Terra”. Inizialmente si sviluppò."

Presentazioni simili


Annunci Google