La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Roberto Genco Direttore Ufficio legale Coopfond S.p.a. D.lgs. 6/2003 Le operazioni straordinarie. Trasformazione, fusione scioglimento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Roberto Genco Direttore Ufficio legale Coopfond S.p.a. D.lgs. 6/2003 Le operazioni straordinarie. Trasformazione, fusione scioglimento."— Transcript della presentazione:

1 1 Roberto Genco Direttore Ufficio legale Coopfond S.p.a. D.lgs. 6/2003 Le operazioni straordinarie. Trasformazione, fusione scioglimento

2 2 Il rafforzamento della mutualità: i nuovi istituti regime delle coop a mutualità prevalente riconoscimento della centralità dello scambio mutualistico: conseguenze e profili critici regime patrimoniale e regime degli utili

3 3 coop a mutualità prevalente riconoscimento del carattere unitario della società cooperativa (comune scopo mutualistico) Requisiti: 50% di rapporti con soci (contabilità da bilancio) requisiti statutari: come da art. 26 legge Basevi, integrato da obbligo di devoluzione dell’intero patrimonio sociale

4 4 regime patrimoniale e regime degli utili Requisiti statutari per tutte le coop: a) limitazione alla distribuzione degli utili b) presenza di una (almeno parziale) componente di patrimonio indivisibile c) concorso al finanziamento della mutualità esterna (anche come “sanzione”: norma di chiusura a salvaguardia del modello cooperativo)

5 5 disciplina statutaria requisiti agevolativi fiscali a) coop a mutualità prevalente dividendi max interesse BPF+2,5% remunerazione max strumenti finanziari ai soci cooperatori interesse BPF+2,5%+2% divieto distribuzione riserve tra i soci cooperatori devoluzione intero patrimonio in caso di scioglimento b) altre coop: facoltà di utilizzare la legge 904 limitatamente alla riserva legale (30% utili)

6 6 disciplina statutaria Modificazione dei requisiti statutari (art octies) Perdita del requisito di attività prevalente Non rispetto art per due esercizi consecutivi Bilancio straordinario (infra) … determinazione del valore effettivo dell’attivo patrimoniale da imputare alle riserve indivisibili Modificazione dei requisiti statutari (rinuncia volontaria al regime agevolativo) Bilancio straordinario (infra)

7 7 Possibili evoluzioni attuale coop agevolata 1.1 ha la prevalenza e conserva indivisibilità totale  devolve il “patrimonio” allo scioglimento della cooperativa 1.2 ha la prevalenza ma introduce indivisibilità parziale (art. 111 decies, d.att.)  devolve il “patrimonio indivisibile” allo scioglimento della cooperativa 1.3 non ha la prevalenza ma conserva l’indivisibilità totale (scelta statutaria) (art. 111 decies, d.att.)  devolve il “patrimonio” allo scioglimento della cooperativa 1.4 non ha la prevalenza e introduce indivisibilità parziale (art. 111 decies, d.att.) a) divisibilità parziale riserve future b) divisibilità totale riserve future  devolve il “patrimonio indivisibile” allo scioglimento della cooperativa 1.5 decade dai requisiti per cause diverse dalla perdita della prevalenza (art. 111 decies, d.att.)  devolve il “patrimonio” al momento della decadenza 1.6 si trasforma in s.p.a. (art undecies, art. 223 quaterdecies/quinquiesdecies, d.att.)  devolve il “patrimonio” all’atto di trasformazione

8 8 Possibili evoluzioni attuale coop non agevolata A) resta coop non agevolata (art. 223 quinquiesdecies, d.att.)  non ha obbligo di devoluzione B) si trasforma in s.p.a. (art. 223 quinquiesdecies, d.att.)  non ha obbligo di devoluzione C) diventa coop a patrimonio (in tutto o in parte) indivisibile (art. 223 quinquiesdecies, co. 2, d.att.)  devolve il “patrimonio indivisibile“ allo scioglimento della cooperativa

9 9 Modificazioni statutarie Deliberazioni all’unanimità è stata sostenuta nel passato regime (diritti individuali dei soci) nel nuovo ordinamento Modificazione delle PRESTAZIONI ACCESSORIE (art. 2345) FUSIONE: rinuncia al termine iscrizione progetto/delinberazione e deposito preventivo atti (art ter/septies) SCISSIONE: rinuncia alla distribuzione di azioni di una delle società beneficiarie (art. 2506) / rinuncia alla redzione atti preparatori (art ter)

10 10 Modificazioni statutarie Deliberazioni all’unanimità (altre tutele del socio) a) maggioranze qualificate (art. 2369) voto favorevole di tanti soci che rappresentino più di un terzo del capitale sociale per le deliberazioni concernenti il cambiamento dell'oggetto sociale, la trasformazione della società, lo scioglimento anticipato, la proroga della società, la revoca dello stato di liquidazione, il trasferimento della sede sociale all'estero e l'emissione di azioni privilegiate. b) diritto di recesso (art. 2437) cambiamento significativo dell'attività della società trasformazione trasferimento della sede sociale all'estero revoca dello stato di liquidazione eliminazione di cause di recesso modifica dei criteri di determinazione del valore dell’azione in caso di recesso diritti di voto o di partecipazione proroga del termine della società (derogabile) vincoli alla circolazione dei titoli azionari (derogabile)

11 11 Trasformazione A) società di capitali possibilità di trasformazione praticamente fra tutte le strutture di tipo associativo, indipendentemente dalla causa societaria a) trasformazione di società di persone in società di capitali (art ter) b) trasformazione di società di capitali in società di persone (art sexies) c) trasformazione (che la legge qualifica come eterogenea) di società di capitali in consorzi, società consortili, società cooperative, comunioni d’azienda, associazioni non riconosciute e fondazioni (art septies) d) trasformazione (eterogenea) di consorzi, società consortili, comunioni d’azienda, associazioni non riconosciute e fondazioni in società di capitali (art octies).

12 12 Trasformazione B) società cooperative N.B.: la riforma ha rovesciato radicalmente lo storico divieto di trasformazione delle società cooperative (art. 14, legge n. 127/1971) coop a mutualità prevalente: divieto di trasformazione … ma possibilità di rinuncia attraverso soppressione dei requisiti statutari coop a mutualità non prevalente possibilità di trasformazione in società di persone, società di capitali, consorzio quorum: >50% soci; >2/3 soci (coop inferiore a 50 soci); >2/3 presenti e almeno 20% presenti (coop superiore a soci) devoluzione valore effettivo del patrimonio (quota indivisibile), attestato con relazione giurata conseguenze sulla identificazione della causa societaria (uscita dall’area della mutualità)

13 13 Trasformazione Estensione dell’obbligo di devoluzione del patrimonio indivisibile a favore dei Fondi mutualistici (art. 17, l. 388/2000) Cause di devoluzione: a) scioglimento b) soppressione volontaria delle “clausole mutualistiche” statutarie c) trasformazione / fusione / scissione eterogenee d) decadenza dai benefici fiscali per inosservanza obblighi

14 14 Trasformazione Principio di “effettività del patrimonio” oggetto della devoluzione valutazione patrimoniale di tipo dinamico per i casi in cui non si verifichi la dissoluzione dell’impresa “valore reale”, comprensivo degli eventuali plusvalori latenti plusvalori dei cespiti rispetto ai valori contabili iscritti a bilancio (Circ. Ministero delle finanze 30 ottobre 2000, n. 195/E) finalità antielusive (Cass. n. 6349/1997)

15 15 Trasformazione Esclusione dall’obbligo di devoluzione modificazione delle clausole ex art. 26 l. Basevi decadenza dai benefici fiscali per perdita requisiti di prevalenza (artt octies) decadenza dai benefici fiscali per mancato acquisto del requisito di prevalenza (art. 111 decies disp. att.) bilancio straordinario determinazione a futura memoria valore effettivo dell’attivo patrimoniale ≠ criteri rispetto al bilancio di esercizio (non prudenzialità a favore dei terzi ma accertamento ai fini della futura devoluzione) parere del revisore esterno, ove presente (controllo contabile ex art bis ss.) parere del collegio sindacale approvazione “senza rilievi” da società di revisione approvazione da parte dell’assemblea / comitato di sorveglianza (implicita e necessaria rispetto ad un atto espressamente qualificato dalla legge come bilancio)

16 16 Scioglimento Scioglimento volontario A) società di capitali decorso del termine conseguimento dell’oggetto sociale e sopravvenuta impossibilità impossibilità di funzionamento o continuata inattività dell’assemblea riduzione del capitale al disotto del minimo legale (≠ coop) deliberazione dell’assemblea altre cause previste dall’atto costitutivo o dallo statuto

17 17 Scioglimento Scioglimento volontario B) società cooperative Idem, salvo Perdita integrale capitale sociale soc capitali: gli effetti della causa di scioglimento vengono sospesi fino all’assemblea convocata ex art per la ricostituzione del capitale Cooperative: la perdita (integrale) del capitale continua ad operare come causa di scioglimento automatica  la ricostituzione del capitale è stata considerata di competenza dell’assemblea straordinaria, in quanto modificativa dell’atto costitutivo, ed assoggettata all’allora operante omologazione del tribunale Diminuzione numero soci Possibile reintegrazione entro 1 anno

18 18 Scioglimento gli effetti dello scioglimento decorrono dalla data di iscrizione nel registro delle imprese della “dichiarazione” con cui l’organo amministrativo accerta la causa dello scioglimento (art. 2484, comma 3) incertezze che nel passato connotavano tale procedura attraverso la previsione dello scioglimento ex lege

19 19 Scioglimento Scioglimento coattivo Cause (art septiesdecies ) (a) coop che non perseguono lo scopo mutualistico = deviazione dallo scopo mutualistico (b) impossibilità di raggiungere gli scopi sociali = funzionamento (c) mancato deposito del bilancio di esercizio per due anni consecutivi (d) mancato compimento atti di gestione per due anni consecutivi Coordinamento fra le procedure amministrativa e fallimentare (prevenzione ex art. 196, legge fall.)

20 20 Scioglimento Scioglimento coattivo senza liquidazione Provvedimento dell’autorità di vigilanza + iscr. registro delle imprese Entro il 31 dicembre 2004 Cooperative che non hanno depositato i bilanci di esercizio da oltre cinque anni Assenza di valori patrimoniali immobiliari domanda di nomina del commissario liquidatore (entro 30 giorni da G.U.) da creditori o altri interessati OPPURE cancellazione cooperativa dietro comunicazione dell’autorità di vigilanza

21 21 Scioglimento Scioglimento automatico di società in liquidazione Mancato deposito bilancio “di esercizio” per oltre cinque anni consecutivi (cooperative) ovvero tre anni (società di capitali) Istanza creditori o gli altri interessati (trenta giorni dalla pubblicazione G.U.) per nomina del commissario liquidatore Cancellazione dal Registro imprese (atto Conservatore) d’ufficio (società di capitali) istanza autorità di vigilanza al conservatore reg. imprese (coop N.B.: i creditori insoddisfatti potranno rivalersi esclusivamente sui liquidatori, nonché sui soci ma nel limite delle somme da questi riscosse (art. 2495).art octiesdecies, commi 2 e 3 (cooperative) e art. 2490, comma 4 (società di capitali)

22 22 Scioglimento Esercizio provvisorio dell’impresa Deliberazione assemblea di scioglimento Conservazione del valore dell’impresa Determinazione poteri dei liquidatori e criteri di liquidazione (in part. cessione dell’azienda) Bilanci di esercizio Revoca della liquidazione A maggioranza (e non all’unanimità) Diritto di recesso per il socio dissenziente Possibilità di partecipare a fusione / scissione fino al riparto dell’attivo


Scaricare ppt "1 Roberto Genco Direttore Ufficio legale Coopfond S.p.a. D.lgs. 6/2003 Le operazioni straordinarie. Trasformazione, fusione scioglimento."

Presentazioni simili


Annunci Google