La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lesioni precancerose e tumori del laringe V. Cavallari.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lesioni precancerose e tumori del laringe V. Cavallari."— Transcript della presentazione:

1 Lesioni precancerose e tumori del laringe V. Cavallari

2 Epiglottide Esofago Seno piriforme Ipofaringe

3 Epiglottide Ventricolo Corda vera Falsa corda Regione sottoglottica

4 Processi occupanti spazio: flogosi produttiva Infezioni croniche: tubercolosi e micosi (queste ultime possono simulare processi proliferativi) Amiloidosi sistemica o localizzata. In quest’ultimo caso, se l’interessamento della corda vocale è focale, deve essere presa in considerazione la diagnosi differenziale con il polipo semplice.

5 Lesioni non neoplastiche Flogosi produttiva con formazione di tessuto di granulazione. In soggetti con trauma vocale o reflusso gastroesofageo. Cisti aeree. Il laringocele è una condizione abbastanza frequente, e consiste in una sacca diverticolare ripiena di aria. Come per i polipi, il laringocele si automantiene e richiede il trattamento chirurgico (banale).

6

7 Lesioni non neoplastiche Polipi: pliche della mucosa, in genere lungo il margine libero della corda vocale. La mucosa estroflessa vibra durante la fonazione, e i microtraumi stromali possono determinare emorragie e flogosi. Il polipo tende così ad automanternersi ed accrescersi. Età giovanile Disfonia (mai sottovalutare la disfonia!)

8 Polipi laringei Polipi a struttura vascolare (fibrovascolari) Polipi con scleroialinosi stromale Il rivestimento epiteliale può essere focalmente ispessito e mostrare corneificazione superficiale. I polipi sono assolutamente benigni e non recidivano, osservando opportune precauzioni nell’utilizzo della voce.

9

10

11

12

13

14 Tumori benigni Papilloma squamoso Tumori epiteliali di tipo salivare Tumore a cellule granulose Paraganglioma Emangioma sottoglottico Altri tumori non epiteliali: neurinomi, leiomiomi, fibrolipomi… (molto rari)

15 Papilloma squamoso E’ il tumore laringeo più frequente nell’infanzia. La forma dell’adulto è morfologicamente e biologicamente identica. È correlato ad infezione da HPV, in prevalenza i sottotipi 6 e 11.

16 Papilloma squamoso Lesioni esofitiche e friabili localizzate in prevalenza sulle corde vere. Recidive locali frequenti, con possibilità di diffusione alla regione sottoglottica e alla trachea. La tracheostomia sembra favorire la diffusione extralaringea. Micro: assi connettivo-vascolari rivestiti da più file di cellule piatte, senza aspetti atipici e non cheratinizzanti. L’assenza di cheratinizzazione è un dato diagnostico differenziale

17 Papilloma squamoso Comportamento biologico benigno. Nessuna correlazione con i sottotipi dell’HPV associati al carcinoma (16 e 18) Prognosi dipendente dalla possibilità di recidive e diffusione alle vie aeree inferiori, che rappresentano una seria sfida terapeutica.

18 Papilloma Papilloma solitario dell’adulto. Lesione isolata, costituita da assi connettivo- vascolari con rivestimento epiteliale pluristratificato, dotato di uno strato corneo. Questa lesione non tende alla recidiva e probabilmente non è correlata all’HPV

19

20

21

22 Tumori salivari Le ghiandole accessorie del laringe sono del tutto simili alle ghiandole salivari, con struttura acinosa a secrezione mista. I tumori salivari sono rari nel laringe, e prevalgono quelli benigni.

23 Tumore a cellule granulose Tumore poco frequente nel laringe (più comunemente localizzato a livello della cute, del tessuto sottocutaneo e della lingua). Localizzazione alle corde vocali. Ammassi di cellule di medie dimensioni con nuclei regolari e ampi citoplasmi eosinofili finemente granulosi. Tumore benigno, che va distinto dal carcinoma squamoso.

24

25 Paraganglioma Tumore raro in laringe. Deriva dai paragangli, strutture neuroectodermiche ben rappresentate nella regione, con funzione presso- e chemorecettrice. Localizzazione alla falsa corda o alla regione sottoglottica. Struttura organoide con ammassi di elementi cellulari (zellballen) contornati da una ricca trama capillare.

26

27

28 Emangioma sottoglottico Insorgenza nei primi 6 mesi di vita. Sintomatologia ostruttiva con stridore (croup) aggravata da condizioni infettive e dal pianto. Associazione con altre malformazioni vascolari congenite (emangiomi giganti cutanei) Evoluzione favorevole: regressione spontanea in pochi anni. La gravità della sintomatologia ostruttiva può richiedere l’intervento chirurgico, non banale per il pericolo di emorragie massive.

29 Condizioni precancerose Il carcinoma squamoso del laringe è il tumore maligno più frequente della regione testa-collo. Prevalenza nel sesso maschile. Importanza di abitudini di vita nocive quali il fumo, le bevande alcoliche e l’esposizione a inquinanti ambientali. Trauma chimico ripetuto nel reflusso gastro- esofageo.

30 Condizioni precancerose La mucosa laringea è rivestita da epitelio piatto pluristratificato non corneificato nella porzione sovraglottica, e da epitelio cilindrico ciliato di tipo respiratorio nella porzione sottoglottica. L’epitelio di rivestimento può aumentare di spessore nelle porzioni sottoposte ad agenti nocivi.

31 Leucoplachia Ispessimento focale del rivestimento epiteliale per incremento numerico delle assise cellulari. La maturazione cellulare è regolare, sono possibili fenomeni di ipercheratosi superficiale. Lesioni circoscritte che interessano le corde vocali, le false corde e l’epiglottide. Lesioni confluenti che possono interessare ampie aree di mucosa pachidermia).

32 Condiloma piano In analogia con quello osservato nella cervice uterina, la lesione provocata da infezione HPV mostra tipica coilocitosi (cellule con citoplasmi rigonfi otticamente vuoti).

33 Carcinoma in situ LIN: laryngeal intraepithelial neoplasia. Perdita totale o parziale della polarità cellulare nello strato basale, polimorfismo e impercromia nucleari, mitosi negli strati epiteliali superiori. Il carcinoma in situ si distingue convenzionalmente in tre stadi.

34

35 Carcinoma in situ LIN 1: alterazioni di polarità e maturazione cellulare, atipie nucleari e mitosi limitate al terzo inferiore dell’epitelio. LIN 2: alterazioni limitate a metà spessore dell’epitelio. LIN 3: alterazioni a tutto spessore, senza fenomeni di infiltrazione dello stroma.

36

37

38

39 Carcinoma in situ Diagnosi difficile, che richiede il corretto orientamento del prelievo e lo studio dell’intero frammento per escludere aree focali di microinfiltrazione. Studi recenti hanno comunque dimostrato che la prognosi dei carcinomi microinvasivi è eccellente, con adeguato trattamento.

40 Carcinoma squamoso È il tumore maligno più frequente del laringe e della regione testa-collo. Quinta, sesta e settima decade, sesso maschile. Alcool e fumo Localizzazione più frequente nella regione della glottide (corde vocali e commessure anteriore e posteriore); seguono le localizzazioni sovraglottiche e sottoglottiche.

41 Carcinoma squamoso Crescita esofitica e frequente ulcerazione Possibilità di sconfinamento transcommissurale e transglottico Grading istologico: differenziato, moderatamente differenziato, scarsamente differenziato

42

43

44

45

46

47

48

49 Varianti del carcinoma squamoso Carcinoma verrucoso Carcinoma a cellule fusate Carcinoma basaloide Carcinomi neuroendocrini differenziati (carcinoidi), moderatamente differenziati o scarsamente differenziati Adenocarcinoma

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70


Scaricare ppt "Lesioni precancerose e tumori del laringe V. Cavallari."

Presentazioni simili


Annunci Google