La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Divina Commedia Dante Alighieri Clicca sull’immagine per ascoltare Benign (Devi essere collegato a internet)i.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Divina Commedia Dante Alighieri Clicca sull’immagine per ascoltare Benign (Devi essere collegato a internet)i."— Transcript della presentazione:

1 La Divina Commedia Dante Alighieri Clicca sull’immagine per ascoltare Benign (Devi essere collegato a internet)i

2 Libertà va cercando ch’è sì cara…

3

4 Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura ché la diritta via era smarrita. Ahi quanto a dir qual era è cosa dura esta selva selvaggia e aspra e forte che nel pensier rinova la paura! Tant’è amara che poco è più morte; ma per trattar del ben ch’i’ vi trovai, dirò de l’altre cose ch’i’ v’ho scorte. Io non so ben ridir com’i’ v’intrai, tant’era pien di sonno a quel punto che la verace via abbandonai

5 Alla fine della selva, Dante scorge un colle, illuminato dai raggi del sole e pensa di essere ormai salvo

6 ma…

7 … gli vengono incontro tre temibili bestie, che stanno per ricacciarlo indietro

8 Ed ecco, quasi al cominciar de l’erta, una lonza leggera e presta molto, che di pel macolato era coverta; e non mi si partia dinanzi al volto, anzi ’mpediva tanto il mio cammino, ch’i’ fui per ritornar più volte vòlto.

9 … la vista che m’apparve d’un leone. Questi parea che contra me venisse con la test’alta e con rabbiosa fame, sì che parea che l’aere ne tremesse.

10 Ed una lupa, che di tutte brame sembiava carca ne la sua magrezza, e molte genti fé già viver grame, questa mi porse tanto di gravezza con la paura ch’uscia di sua vista, ch’io perdei la speranza de l’altezza.

11 Ma, prima di vedere cosa ne sarà del povero Dante, fermiamoci un momento e chiediamoci: chi era mai costui?

12

13 Siamo a Firenze, nell’anno La primavera esplode nei colori dei fiori, nei profumi dell’aria, nell’allegria delle feste

14 Circola molto denaro, le strade risuonano degli strumenti degli artigiani, dei canti che accompagnano il lavoro

15

16

17 Dante nasce in questa casa, in Piazza San Martino a Firenze nella primavera del 1265

18 La madre di Dante si chiama Donna Bella. Il padre, Alighiero Alighieri, è cambiavalute, cioè compra e vende denaro, come fanno oggi le banche

19 La nascita del bambino è accolta con gioia. Viene battezzato, come i suoi antenati, nel Battistero di san Giovanni e prende il nome di Dante, un nome di buon augurio, che significa “colui che dà” ed è davvero molto quello che egli ha donato agli uomini di tutti i tempi

20

21 Dante ha solo sei anni quando muore la mamma e in lui rimane un grande vuoto. Diventato grande, suo padre desidera avviarlo a far pratica per diventare un buon commerciante, un notaio o un esperto cambiavalute…

22 ma Dante è molto ostinato ed ha altre idee per la testa…

23 Comincia ben presto a leggere i poeti antichi, conosce benissimo Virgilio, Orazio, Ovidio, e cerca di imitare la loro poesia in latino

24 Il suo autore preferito è Virgilio qui raffigurato tra le Muse Clio (poesia) e Melpomene (tragedia)

25 Un giorno, quando Dante ha nove anni, succede qualcosa che segnerà tutta la sua vita. Durante una festa, incontra un’altra bambina, Beatrice, la figlia di Folco Portinari. Per Dante è un colpo di fulmine.

26 Dante spera e sogna sempre di rivederla, ma dovranno passare degli anni prima che il suo sogno si realizzi.

27 E intanto, come si usa allora, Dante viene fidanzato, a dodici anni, con una ragazzina di nome Gemma Donati, che appartiene ad una ricca e potente famiglia fiorentina Torre e stemma dei Donati

28 Il tempo passa veloce, Dante è ormai un giovane che passa le sue giornate tra gli studi antichi, la filosofia, la teologia… e le allegre serate con gli amici.

29

30 Alla passione per l’arte, la poesia e la musica, si unisce la passione politica

31 È un tempo di lotte sanguinose: i comuni italiani combattono tra loro sotto le insegne dei guelfi, sostenitori del Papa, o dei ghibellini, sostenitori dell’imperatore

32 A Firenze si contrappongono due potenti famiglie, i Cerchi e i Donati e, al loro fianco, si schierano rispettivamente due partiti, i guelfi bianchi e i guelfi neri Stemma dei Cerchi

33 L’impegno politico non distoglie Dante dai suoi studi, né riesce a fargli dimenticare l’amore per Beatrice. La rivede un giorno in una chiesa di Firenze: sono passati ben nove anni dal loro primo incontro e Beatrice intanto si è sposata con un mercante.

34

35 Ma presto Beatrice muore: ha solo ventiquattro anni. Dante vive un periodo di grande disperazione. Dopo un po’ sposa Gemma Donati. Avranno quattro figli: Pietro, Jacopo, Antonia e Beatrice

36 Ormai uomo, Dante si iscrive all’Arte dei medici e degli speziali, partecipa attivamente alla vita politica di Firenze e ricopre importanti cariche pubbliche. Stemma dell’Arte dei medici e degli speziali

37 Intanto a Firenze le lotte continuano. Dante decide di stare dalla parte di quelli che gli sembrano mostrare più buonsenso, i Bianchi Tuttavia, dopo una serie di vicende, i Neri prendono il sopravvento a Firenze e la loro vendetta si accanisce sui Bianchi. Dante è costretto all’esilio.

38 Padova, casa dell’esilio di Dante Brescia, Treviso, Padova, Lucca: Dante gira da una corte all’altra. Sono anni di nostalgia e di umiliazioni. Dante spera sempre di poter rientrare a Firenze, ma le speranze muoiono ad una ad una.

39 Trascorre l’ultima parte della sua vita a Ravenna, presso Guido Novello da Polenta, che lo accoglie con gioia. Qui Dante porta a termine la Divina Commedia, composta quasi tutta durante l’esilio

40

41 A Ravenna Dante muore di malaria nel 1321 e qui viene sepolto Tomba di Dante a Ravenna Le sue ossa oggi si trovano a Firenze in Santa Croce Tomba di Dante in Santa Croce a Firenze

42 Parte seconda Il mondo dantesco

43 Il mondo noi lo vediamo così

44 Dante, però, come gli uomini del suo tempo, secondo la teoria tolemaica (= la terra al centro dell’universo) se lo immagina un po’ diverso.

45

46 Al centro della terra, divisa in due emisferi, delle acque e della terraferma, si trova Gerusalemme e sotto di essa si apre addirittura… la terribile voragine dell’inferno diviso in nove cerchi concentrici che contengono i dannati.

47

48 Dall’altra parte del globo, in mezzo alle acque, sorge la montagna del Purgatorio, formatasi per lo spostamento della massa di terra dell’Inferno ritiratasi per la caduta di Lucifero; esso è diviso in sette «cornici»; alla sua base c’è l’Antipurgatorio e sulla cima c’è il Paradiso terrestre.

49

50 Attorno alla Terra, come strati di una grande cipolla, si trovano nove cieli racchiusi nell’Empireo, dove c’è… Dio circondato dai santi e dagli angeli.

51

52

53 Torniamo al nostro amico Dante che è ancora alle prese con tre temibili belve…

54

55 Quando ormai dispera di potersi salvare, il poveretto si accorge che c’è qualcuno lì con lui, anche se non ha la più pallida idea di chi sia

56 Mentre ch’i’ rovinava in basso loco, dinanzi a li occhi mi si fu offerto chi per lungo silenzio parea fioco. Quando vidi costui nel gran diserto, «Miserere di me», gridai a lui, «qual che tu sii, od ombra od omo certo!». Rispuosemi: «Non omo, omo già fui, e li parenti miei furon lombardi, mantoani per patria ambedui. Nacqui sub Iulio, ancor che fosse tardi, e vissi a Roma sotto ’l buono Augusto nel tempo de li dèi falsi e bugiardi. Poeta fui, e cantai di quel giusto figliuol d’Anchise che venne di Troia, poi che ’l superbo Iliòn fu combusto.

57 Si tratta di Virgilio, il poeta preferito di Dante, il suo ‘mito’

58 «A te convien tenere altro viaggio», rispuose poi che lagrimar mi vide, «se vuo’ campar d’esto loco selvaggio ché questa bestia, per la qual tu gride, non lascia altrui passar per la sua via, ma tanto lo ’mpedisce che l’uccide; […] Ond’io per lo tuo me’ penso e discerno che tu mi segui, e io sarò tua guida, e trarrotti di qui per loco etterno…

59 Allor si mosse, e io li tenni dietro

60 Con la compagnia e l’aiuto di Virgilio, Dante attraversa Inferno, Purgatorio e Paradiso. È davvero un incontro che gli cambia la vita. Grazie a lui esce dalla ‘selva’ e può ritornare a guardare la bellezza delle stelle

61

62

63 Dante, nella Divina Commedia, ci racconta un viaggio strano, un vero e proprio giro ‘turistico’ attraverso inferno, purgatorio e paradiso

64 Il viaggio che Dante compie, i luoghi che visita, gli incontri con le anime li descrive e narra in modo realistico, ma sotto sotto vuole dirci anche qualcos’altro. Detto in parole più difficili, il poema di Dante, oltre a un significato letterale, ha anche un significato allegorico

65 Così la selva è un bosco, ma nello stesso tempo è una situazione difficile

66 Virgilio è un poeta, il poeta preferito di Dante, ma è anche la ragione umana e quindi un amico

67 Beatrice è la donna che Dante ama, ma nello stesso tempo è la fede, la grazia di Dio

68 E così tutto il viaggio di Dante è un po’ il viaggio che ognuno di noi fa…

69 … per ritrovare se stessi Fine


Scaricare ppt "La Divina Commedia Dante Alighieri Clicca sull’immagine per ascoltare Benign (Devi essere collegato a internet)i."

Presentazioni simili


Annunci Google