La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

_ Rete Satellitare _ Fabio Pariante. Per rete satellitare … Si intende la possibilità di sfruttare i satelliti per le connessioni ad Internet evitando.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "_ Rete Satellitare _ Fabio Pariante. Per rete satellitare … Si intende la possibilità di sfruttare i satelliti per le connessioni ad Internet evitando."— Transcript della presentazione:

1 _ Rete Satellitare _ Fabio Pariante

2 Per rete satellitare … Si intende la possibilità di sfruttare i satelliti per le connessioni ad Internet evitando quindi di passare del tutto, o quasi, attraverso la linea telefonica. Essa viene impiegata perché consente … Si intende la possibilità di sfruttare i satelliti per le connessioni ad Internet evitando quindi di passare del tutto, o quasi, attraverso la linea telefonica. Essa viene impiegata perché consente … a) elevata banda e quindi elevata velocità nella ricezione ed invio di dati. b) ottimizzare la banda impegnata a seconda della tipologia dei dati scambiati oppure segnali vocali, immagini o fax, minimizzando l'impegno effettivo della banda e di conseguenza i relativi costi utilizzando il livello di BER (Bit Error Rate), cioè gli errori registrati nell'invio e ricezione dei dati. c) possibilità di sfruttare la connessione in modalità di data broadcasting, rendendo contemporaneamente disponibile a più utenti informazioni di qualsiasi tipologia.

3 Fin dagli anni Sessanta, le organizzazioni internazionali si sono poste il problema dell'utilizzo degli strumenti di comunicazione di massa al fine di favorire lo sviluppo nelle aree del mondo più povere come in Sud America; fin dal 1948, le esperienze di comunicazione, soprattutto, di tipo radiofonico si moltiplicarono. Nel corso degli anni Ottanta il sistema di comunicazione si è globalizzato, soprattutto sul piano televisivo, grazie all'esplosione di programmi. Elemento centrale del processo di globalizzazione delle comunicazioni e dei media sono state le "reti", composte da cavi e da microonde. Oggi la diffusione delle informazioni avviene soprattutto attraverso i satelliti: essi permettono di collegare i diversi territori e i diversi continenti che partecipano alla rete globale. Quelli che, per la prima volta, sono stati utilizzati a questo scopo, nel 1965, facevano parte del consorzio Intelsat, costituito in origine da 11 paesi: oggi, dopo quasi 35 anni, partecipano a Intelsat più di 140 paesi. Fin dagli anni Sessanta, le organizzazioni internazionali si sono poste il problema dell'utilizzo degli strumenti di comunicazione di massa al fine di favorire lo sviluppo nelle aree del mondo più povere come in Sud America; fin dal 1948, le esperienze di comunicazione, soprattutto, di tipo radiofonico si moltiplicarono. Nel corso degli anni Ottanta il sistema di comunicazione si è globalizzato, soprattutto sul piano televisivo, grazie all'esplosione di programmi. Elemento centrale del processo di globalizzazione delle comunicazioni e dei media sono state le "reti", composte da cavi e da microonde. Oggi la diffusione delle informazioni avviene soprattutto attraverso i satelliti: essi permettono di collegare i diversi territori e i diversi continenti che partecipano alla rete globale. Quelli che, per la prima volta, sono stati utilizzati a questo scopo, nel 1965, facevano parte del consorzio Intelsat, costituito in origine da 11 paesi: oggi, dopo quasi 35 anni, partecipano a Intelsat più di 140 paesi.

4

5 Uno dei nodi più importanti della rete globale di comunicazione via satellite si trova in Italia, nella Piana del Fucino (in provincia dell'Aquila) ed è gestito dalla società Nuova TeleSpazio. Attraverso l'impiego di satelliti si riesce, con tempi e costi più contenuti, rispetto a soluzioni che impiegano mezzi terrestri, a realizzare un minimo di infrastrutture di telecomunicazioni utili anche ai Paesi in via di sviluppo. Il progetto "Rascom" realizzerà sia collegamenti nazionali all'interno di uno stesso Paese, sia tra un Paese e l'altro in tutto il continente africano, in particolare. Si calcola che, nel mondo, solo un miliardo e duecento milioni di persone abbiano accesso alla rete telefonica. In Africa soltanto una famiglia su cento ha una linea telefonica nella propria casa, contro circa il 95% in Europa; così come soltanto il 10-15% delle famiglie possiedono la televisione in Africa, contro il 98% delle famiglie in Europa. Uno dei nodi più importanti della rete globale di comunicazione via satellite si trova in Italia, nella Piana del Fucino (in provincia dell'Aquila) ed è gestito dalla società Nuova TeleSpazio. Attraverso l'impiego di satelliti si riesce, con tempi e costi più contenuti, rispetto a soluzioni che impiegano mezzi terrestri, a realizzare un minimo di infrastrutture di telecomunicazioni utili anche ai Paesi in via di sviluppo. Il progetto "Rascom" realizzerà sia collegamenti nazionali all'interno di uno stesso Paese, sia tra un Paese e l'altro in tutto il continente africano, in particolare. Si calcola che, nel mondo, solo un miliardo e duecento milioni di persone abbiano accesso alla rete telefonica. In Africa soltanto una famiglia su cento ha una linea telefonica nella propria casa, contro circa il 95% in Europa; così come soltanto il 10-15% delle famiglie possiedono la televisione in Africa, contro il 98% delle famiglie in Europa.

6 La volta di Iridium, primo sistema dicomunicazione globale per la telefonia mobile lanciato nel Ben 66 satelliti garantivano la copertura in tutto il globo. Gli apparecchi commercializzati compatibili con il sistema Iridium erano inizialmente due, entrambi dual mode (cellulare/satellitare). permetteva di comunicare mediante servizi di voce, data-fax (limitati a 2400bps) e messaggi. I clienti del consorzio dovevano essere dotati di un costoso telefono dual mode: ad ogni chiamata, il telefono provava a connettersi alla rete Gsm locale. Se ne trovava una abilitata (in Italia, per esempio, quella Tim), vi si connetteva - il cliente doveva pagare delle salate tariffe di roaming. Altrimenti si connetteva alla rete satellitare di Iridium, pagando tariffe ancora più alte. Ma nel marzo 2000 il consorzio Iridium dichiarò bancarotta e il giorno 17 cessò ufficialmente il servizio. La volta di Iridium, primo sistema dicomunicazione globale per la telefonia mobile lanciato nel Ben 66 satelliti garantivano la copertura in tutto il globo. Gli apparecchi commercializzati compatibili con il sistema Iridium erano inizialmente due, entrambi dual mode (cellulare/satellitare). permetteva di comunicare mediante servizi di voce, data-fax (limitati a 2400bps) e messaggi. I clienti del consorzio dovevano essere dotati di un costoso telefono dual mode: ad ogni chiamata, il telefono provava a connettersi alla rete Gsm locale. Se ne trovava una abilitata (in Italia, per esempio, quella Tim), vi si connetteva - il cliente doveva pagare delle salate tariffe di roaming. Altrimenti si connetteva alla rete satellitare di Iridium, pagando tariffe ancora più alte. Ma nel marzo 2000 il consorzio Iridium dichiarò bancarotta e il giorno 17 cessò ufficialmente il servizio.

7 Gli impianti e la tecnologia Iridium furono acquistati dalla società Iridium Satellite, che si prefissò di ridurre i costi in modo drastico e di fornire un servizio di grande qualità tecnica. Globalstar ha scelto la strategia di gestire soltanto le strutture tecniche e di affidare tutta la parte commerciale ai vari partner regionali (per l'Italia Omnitel e Elsacom, una consociata di Finmeccanica che gestisce il servizio in 24 paesi). Partner strategici sono Loral e Qualcomm, che fornisce la tecnologia per i telefoni portatili. La rete satellitare di ICO (International Communications Organization) è caratterizzata da 12 satelliti organizzati in due orbite, e a livello societario l’organizzazione si fonda su oltre 70 Ministeri delle Poste e Telecomunicazioni di tutto il mondo. Sono invece ben 48 satelliti i LEO messi in orbita da Orbital Sciences e la stessa Teleglobe per Orbcomm. Gli impianti e la tecnologia Iridium furono acquistati dalla società Iridium Satellite, che si prefissò di ridurre i costi in modo drastico e di fornire un servizio di grande qualità tecnica. Globalstar ha scelto la strategia di gestire soltanto le strutture tecniche e di affidare tutta la parte commerciale ai vari partner regionali (per l'Italia Omnitel e Elsacom, una consociata di Finmeccanica che gestisce il servizio in 24 paesi). Partner strategici sono Loral e Qualcomm, che fornisce la tecnologia per i telefoni portatili. La rete satellitare di ICO (International Communications Organization) è caratterizzata da 12 satelliti organizzati in due orbite, e a livello societario l’organizzazione si fonda su oltre 70 Ministeri delle Poste e Telecomunicazioni di tutto il mondo. Sono invece ben 48 satelliti i LEO messi in orbita da Orbital Sciences e la stessa Teleglobe per Orbcomm.

8 ORBCOMM offre servizi di messaggi, , fax e GPS, oltre che alla voce, a una velocità di trasmissione dati che fino a poco tempo fa era di 2,4 kbps. ORBCOMM offre servizi di messaggi, , fax e GPS, oltre che alla voce, a una velocità di trasmissione dati che fino a poco tempo fa era di 2,4 kbps. VITAsat, si tratta di un consorzio no-profit che mira a offrire un sistema economico e versatile, orientato a servizi di informazione, l’educazione e rivolti a paesi in via di sviluppo o colpiti da calamità. VITAsat, si tratta di un consorzio no-profit che mira a offrire un sistema economico e versatile, orientato a servizi di informazione, l’educazione e rivolti a paesi in via di sviluppo o colpiti da calamità. I due satelliti LEO messi in orbita possono inviare o ricevere simultaneamente fino a 250 pagine di testo grazie ad un sistema di immagazzinamento di dati. I due satelliti LEO messi in orbita possono inviare o ricevere simultaneamente fino a 250 pagine di testo grazie ad un sistema di immagazzinamento di dati. VITA ha cinque gateway speciali in Norvegia, Sud Africa, Cile, Australia ed in Canada e nel '93 si forma il Digital Video Broadcasting Group (DVB), che è il gruppo che ha standardizzato la televisione digitale in Europa con il formato MPEG-2/DVB. Con la possibilità di offrire servizi di tipo non solamente televisivo, ma servizi multimediali come Open Sky, come quelli forniti per esempio in Italia da Fastweb o, in misura minore, attraverso l'ADSL, in quanto con una banda più stretta. VITA ha cinque gateway speciali in Norvegia, Sud Africa, Cile, Australia ed in Canada e nel '93 si forma il Digital Video Broadcasting Group (DVB), che è il gruppo che ha standardizzato la televisione digitale in Europa con il formato MPEG-2/DVB. Con la possibilità di offrire servizi di tipo non solamente televisivo, ma servizi multimediali come Open Sky, come quelli forniti per esempio in Italia da Fastweb o, in misura minore, attraverso l'ADSL, in quanto con una banda più stretta.

9 Inoltre l'arrivo dell'accesso wireless, Wi-Fi o altri, potrebbe rappresentare quello che possiamo chiamare la quarta generazione dei servizi, per raggiungere utenti mobili più o meno dinamici, il Wi-Fi oggi è basato su tecnologie a 11 Mbps massimo di trasmissione, Tv sul satellite: un progetto sempre più interessante per gli operatori, ma che necessita anche di un'ottimizzazione dei costi in termini di gestione, senza ovviamente che questo vada a scapito dell'efficienza. Per rispondere a tale esigenza l'italiana Etere ha sviluppato MaM, un software che è già utilizzato ampiamente come soluzione nelle aziende. Etere MaM offre un ampliamento dei sistemi esistenti con una semplice connessione ad un database SQL Microsoft, quindi l'integrazione con le infrastrutture esistenti può essere fatta senza maggiori costi. Questo garantisce anche che ogni progetto è basato sulla sicurezza. Inoltre l'arrivo dell'accesso wireless, Wi-Fi o altri, potrebbe rappresentare quello che possiamo chiamare la quarta generazione dei servizi, per raggiungere utenti mobili più o meno dinamici, il Wi-Fi oggi è basato su tecnologie a 11 Mbps massimo di trasmissione, Tv sul satellite: un progetto sempre più interessante per gli operatori, ma che necessita anche di un'ottimizzazione dei costi in termini di gestione, senza ovviamente che questo vada a scapito dell'efficienza. Per rispondere a tale esigenza l'italiana Etere ha sviluppato MaM, un software che è già utilizzato ampiamente come soluzione nelle aziende. Etere MaM offre un ampliamento dei sistemi esistenti con una semplice connessione ad un database SQL Microsoft, quindi l'integrazione con le infrastrutture esistenti può essere fatta senza maggiori costi. Questo garantisce anche che ogni progetto è basato sulla sicurezza.


Scaricare ppt "_ Rete Satellitare _ Fabio Pariante. Per rete satellitare … Si intende la possibilità di sfruttare i satelliti per le connessioni ad Internet evitando."

Presentazioni simili


Annunci Google