La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Farmaci ansiolitici. Alcool epoca imprecisata Bromuri prima metà XIX secolo Cloralio idrato, seconda metà XIX secolo paraldeide Barbiturici 1903 Meprobamati.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Farmaci ansiolitici. Alcool epoca imprecisata Bromuri prima metà XIX secolo Cloralio idrato, seconda metà XIX secolo paraldeide Barbiturici 1903 Meprobamati."— Transcript della presentazione:

1 Farmaci ansiolitici

2 Alcool epoca imprecisata Bromuri prima metà XIX secolo Cloralio idrato, seconda metà XIX secolo paraldeide Barbiturici 1903 Meprobamati 1955 Benzodiazepine 1961 Ansiolitici non 1985 benzodiazepinici

3 Benzodiazepine

4 Leo Sternbach La scoperta delle benzodiazepine

5 Benzodiazepine: dati epidemiologici (1) Consumo sporadico e occasionale Stati Uniti 8% Europa 12% Italia 11.5%

6 Benzodiazepine: dati epidemiologici (2) Durata dell’assunzione < di un mese 60% Da 1 a 6 mesi 15% Da 6 a 12 mesi 10-15% Oltre 1 anno (consumatori cronici) 10-15%Oltre 1 anno (consumatori cronici) 10-15%

7 Benzodiazepine: dati epidemiologici (3) Consumo più frequente Sesso femminile Anziani Soggetti con disturbi psichiatrici ed organici cronici

8 Benzodiazepine: classificazione Classificazione IN BASE ALLA STRUTTURA CHIMICA IN BASE ALL’ATTIVITA’ CLINICA IN BASE ALLA DURATA D’AZIONE - BDZ a durata d’azione lunga (emivita > 48 ore) - BDZ a durata d’azione intermedia (emivita tra 24 e 48 ore) - BDZ a durata d’azione breve (emivita tra 8 e 24 ore) - BDZ a durata d’azione brevissima (emivita < 8 ore)

9

10 Classificazione chimica delle benzodiazepine Nitro-BDZ Flunitrazepam Nitrazepam Oxazepam-simili Lorazepam Lormetazepam Oxazepam Temazepam Tieno-BDZ Brotizolam Clotiazem Pronordiazepam-simili Bromazepam Clobazam Clordesmetildiazepam Diazepam Flurazepam Ketazolam Prazepam Quazepam Triazolo-BDZ Alprazolam Triazolam

11 Classificazione clinica Benzodiazepine ansiolitiche -Alprazolam -Bromazepam -Clordesmetildiazepam -Diazepam -Lorazepam -Oxazepam -Prazepam Benzodiazepine ipnoinducenti -Brotizolam -Etizolam -Flunitrazepam -Flurazepam -Quazepam -Temazepam -Triazolam

12 Classificazione farmacocinetica delle benzodiazepine (emivita plasmatica) Benzodiazepine a durata d’azione lunga (emivita > 48 ore) - diazepam, clordesmetildiazepam Benzodiazepine a durata d’azione intermedia (emivita tra 24 e 48 ore) - flunitrazepam Benzodiazepine a durata d’azione breve (emivita tra 8 e 24 ore) - lorazepam, oxazepam, alprazolam Benzodiazepine a durata d’azione brevissima (emivita < 8 ore) - triazolam, brotizolam - triazolam, brotizolam

13 Farmacocinetica delle benzodiazepine ASSORBIMENTO: rapido e completo dopo somministrazione orale DISTRIBUZIONE: elevata liposolubilità, elevato grado di legame alle proteine plasmatiche (85-95%) METABOLISMO: epatico (demetilazione ed idrossilazione, coniugazione con acido glucuronico) con formazione di metaboliti attivi ESCREZIONE: prevalentemente renale

14

15 Liposolubilità delle benzodiazepine

16 Metabolismo delle benzodiazepine

17 Emivita plasmatica delle benzodiazepine e dei loro metaboliti attivi FarmacoEmivita (ore)Metaboliti attiviEmivita (ore) Alprazolam Bromazepam Brotizolam Clobazam Clonazepam Desmetildiazepam Diazepam Flunitrazepam Flurazepam Lorazepam Lormetazepam Midazolam Nitrazepam Oxazepam Prazepam Temazepam Triazolam profarmaco Desmetilclobazam Oxazepam Desmetildiazepam Desmetilflunitrazepam Desalchilflurazepam Desmetildiazepam

18 Biosintesi e catabolismo acido glutammico  glutammato decarbossilasi (GAD) GABA  GABA-transaminasi semialdeide succinica + acido glutammico  ciclo di Krebs semialdeide succinico deidrogenasi   acido succinico GABA Sistema GABAergico

19

20 Benzodiazepine e sistema gabaergico: recettore GABA-A

21 AGONISTI benzodiazepine, imidazopiridine, ciclopirroloni AGONISTI INVERSI beta-carboline ANTAGONISTI flumazenil

22 Recettori delle benzodiazepine BZ 1 o  1 centrale BZ 2 o  2 centrale BZ 3 o  3 periferico

23 Ipnoinducenti non benzodiazepinici Agonisti dei recettori BZ 1 o  1 Zolpidem Zopiclone Zaleplon

24 Benzodiazepine: meccanismo d’azione Meccanismo d’azione Azione sul complesso macromolecolare Recettore GABA-A/Recettore benzodiazepinico/Canale per il cloro 1) si legano a recettori specifici: “recettori delle BDZ” 2) l’interazione delle BDZ con il proprio recettore facilita il legame del GABA con il suo recettore 3) l’interazione del GABA col suo recettore determina l’apertura dei canali del cloro

25 Effetti farmacologici delle benzodiazepine Azione ansiolitica Azione sedativa Azione miorilassante Azione anticonvulsivante

26 Effetti indesiderati sedazionesedazione asteniaastenia diminuzione performance psicomotoria e cognitivadiminuzione performance psicomotoria e cognitiva effetti residui o “hangover”effetti residui o “hangover” confusione mentale (anziano)confusione mentale (anziano) effetti paradossi (irrequietezza psicomotoria, eccitamento ipomaniacale)effetti paradossi (irrequietezza psicomotoria, eccitamento ipomaniacale) amnesia anterogradaamnesia anterograda

27 Intossicazione Astenia muscolare ed alterazione dello stato di vigilanza (da sonnolenza lieve fino a coma)Astenia muscolare ed alterazione dello stato di vigilanza (da sonnolenza lieve fino a coma) Rallentamento globale delle funzioni psichiche e motorie (forme lievi)Rallentamento globale delle funzioni psichiche e motorie (forme lievi) Stato comatoso con depressione respiratoria ed ipotensione (forme gravi)Stato comatoso con depressione respiratoria ed ipotensione (forme gravi) Potenzialmente fatale in caso di concomitante assunzione di bevande alcooliche o altri psicofarmaciPotenzialmente fatale in caso di concomitante assunzione di bevande alcooliche o altri psicofarmaci Possibile uso dell’antagonista recettoriale flumazenilPossibile uso dell’antagonista recettoriale flumazenil

28 Sindrome da brusca sospensione di benzodiazepine Ansia Insonnia Irritabilità Cefalea Palpitazioni Tremore Sintomi comuni Dolori muscolari Vomito Fotofobia Fonofobia Convulsioni Sintomi psicotici Sintomi meno comuni Sintomi rari

29 Sindrome d’astinenza o da sospensione Fattori di rischio durata del trattamento dosaggi elevati storia di dipendenza da altre sostanze fattori non farmacologici (personalità, stile di vita, ecc.) Prevenzione limitare nel tempo la durata del trattamento utilizzare la dose minima efficace evitare la prescrizione di BDZ in pazienti già dipendenti da altre sostanze in caso di interruzione del trattamento, ridurre progressivamente la dose

30

31 Uso in particolari condizioni Gravidanza e periodo perinatale Anziani Malattie epatiche

32 Tollerabilità e sicurezza delle BDZ nell’anziano Sedazione eccessivaSedazione eccessiva Tossicità cerebellareTossicità cerebellare Riduzione delle prestazioni psicomotorieRiduzione delle prestazioni psicomotorie Riduzione delle prestazioni cognitiveRiduzione delle prestazioni cognitive Rischio di cadute con fratture del femoreRischio di cadute con fratture del femore Effetti indesiderati più frequenti nella popolazione anziana

33 BDZ Alcool Barbituricici Triciclici Antipsicotici Antiistaminici + Sinergismo farmacodinamico con potenziamento dell’effetto sedativo e rischio di depressione cardiorespiratoria Interazioni farmacodinamiche delle BDZ

34 Indicazioni Indicazioni principali Disturbi d’ansia Insonnia Altre indicazioni Convulsioni Spasticità Sindromi astinenziali Preanestesia e procedure diagnostiche

35 Disturbi d’ansia Disturbo d’ansia generalizzato (GAD)Disturbo d’ansia generalizzato (GAD) Disturbo da attacchi di panico (DAP)Disturbo da attacchi di panico (DAP) Fobia socialeFobia sociale Disturbo post-traumatico da stressDisturbo post-traumatico da stress Disturbo ossessivo-compulsivo (DOC)Disturbo ossessivo-compulsivo (DOC)

36 Ansiolitici non benzodiazepinici

37 Buspirone Primo ansiolitico non benzodiazepinico per il GAD Approvato dalla FDA nel 1986 Meccanismo d’azione - parziale agonismo per i recettori 5-HT 1A Vantaggi - azione ansiolitica, non induce dipendenza Svantaggi - lenta comparsa dell’effetto terapeutico - breve emivita


Scaricare ppt "Farmaci ansiolitici. Alcool epoca imprecisata Bromuri prima metà XIX secolo Cloralio idrato, seconda metà XIX secolo paraldeide Barbiturici 1903 Meprobamati."

Presentazioni simili


Annunci Google