La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Quali risorse per i Bes? Per l’integrazione dei servizi alla persona in ambito scolastico Roma 9 aprile 2014 - ITIS Galilei.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Quali risorse per i Bes? Per l’integrazione dei servizi alla persona in ambito scolastico Roma 9 aprile 2014 - ITIS Galilei."— Transcript della presentazione:

1 Quali risorse per i Bes? Per l’integrazione dei servizi alla persona in ambito scolastico Roma 9 aprile ITIS Galilei

2 Quali risorse per i Bes? Per l’integrazione dei servizi alla persona in ambito scolastico Roma 9 aprile ITIS Galilei “Le politiche scolastiche tra garanzia degli esiti formativi e inclusione” Paolo Mazzoli per l’Asal

3 Francesco Profumo (Novembre/2011- Aprile/2013) -Indicazioni nazionali 2012 (prima norma ufficiale che introduce i Bes) -Direttiva Bes Circolare 8/2013… Maria Chiara Carrozza (Maggio 2013 – Febbraio 2014) -Rifinanziamento dei CTS (D.M. 821/2013 – Fondi 440) -Stabilizzazione di docenti di sostegno -Formazione obbligatoria per l’inclusione -Linee guida alunni stranieri Stefania Giannini (da febbraio 2014) ?

4 “…(Il sig. Ministro) Ritiene del resto che l’organico funzionale serva ad affrontare il tema del sostegno e dell’integrazione, assicurando continuità didattica e formazione specifica per le diverse disabilità, e si traduca nella creazione di un gruppo professionale qualificato, operante in una rete di scuole…” Audizione al Senato del 28/3/2014

5 Qual è il disegno? Adottare l’inclusione come asse portante delle nostre scuole. Contrastare la medicalizzazione progressiva. Ampliare la presa in carico degli alunni con difficoltà (ampliamento spaziale e istituzionale) Privilegiare l’iniziativa del territorio (scuole autonome, CTI, CTS, GLIR, Presidi ASL, Servizi comunali, Privato sociale, Associazioni disabili…) Puntare sulla didattica inclusiva “ordinaria”. Appropriarsi di tecnologie facilitanti e liberanti. Formare i docenti (TUTTI) Quali sono gli ostacoli? Quasi totale mancanza di governance territoriale. Prevale ancora una cultura della delega e dell’assistenza. Arretratezza della cultura didattica e professionale dei nostri docenti. Finanziamenti con contagocce e discontinui. Resistenze diffuse nei confronti dei principi ispiratori della Direttiva Bes (  diap successiva).diap successiva

6 Perché la Direttiva sui Bes ha creato tanto disagio? 1)Resistenze in malafede (falso problema) “ L’invenzione dei Bes serve per preparare i tagli dei docenti di sostegno” 2)Resistenze in buonafede (vero problema) “L’invenzione di Bes fa abbassare l’asticella nei confronti degli alunni che comportano maggiore impegno da parte dei docenti” E qui torniamo al titolo di questo breve intervento: E’ possibile garantire gli esiti formativi e un elevato livello di inclusione?

7 Per concludere (e passare alle riflessioni più approfondite): Il lavoro portato avanti dall’Asal nel Lazio, e in alcuni municipi di Roma in particolare, è la più convincente e coerente realizzazione dei principi dell’inclusione scolastica e delle norme sui Bes. Deliberazione n. 24 del 6 novembre 2013 del Municipio 1° di Roma


Scaricare ppt "Quali risorse per i Bes? Per l’integrazione dei servizi alla persona in ambito scolastico Roma 9 aprile 2014 - ITIS Galilei."

Presentazioni simili


Annunci Google