La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Economia Aziendale Istituzioni CAPITOLO 4 La logica operativa delle aziende Titolari: Prof. Piero Mella [A/K] - Prof.ssa Anna Moisello [L/Z] Lecturers:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Economia Aziendale Istituzioni CAPITOLO 4 La logica operativa delle aziende Titolari: Prof. Piero Mella [A/K] - Prof.ssa Anna Moisello [L/Z] Lecturers:"— Transcript della presentazione:

1 Corso di Economia Aziendale Istituzioni CAPITOLO 4 La logica operativa delle aziende Titolari: Prof. Piero Mella [A/K] - Prof.ssa Anna Moisello [L/Z] Lecturers: Dott. Luigi Guardamagna Dott.ssa Michela Pellicelli Dott.ssa Nicoletta Spagnolo Tutor: Dott.ssa Chiara Demartini Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2005/ A ula A/K

2 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006 Obiettivi del capitolo 4 Abbiamo: disegnato un sistema di attività economiche fondamentali, convenuto su un sistema di postulati osservativi, esaminato l’investimento. Siamo ora in grado di analizzare la logica operativa delle aziende, le unità economiche fondamentali.

3 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/ Aziende di consumo Sono  organizzazioni durevoli di trasformazione economica nelle quali sono svolti i processi fondamentali di: ricerca della ricchezza necessaria per attuare i consumi, consumo finale della ricchezza in forma efficiente, soddisfacimento dei bisogni e appagamento delle aspirazioni, risparmio di parte della ricchezza, investimento finanziario del risparmio.

4 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006 La logica operativa della Azienda di consumo

5 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006 I fattori di consumo I fattori di consumo I fattori di consumo sono i beni necessari per i bisogni e per le aspirazioni. Si classificano in: beni di utilizzo immediato (servizi), beni a breve (veloce) ciclo di utilizzo o a fecondità semplice (cibi, quotidiani, prodotti di igiene, ecc.), beni a medio ciclo di utilizzo o a fecondità ripetuta (automobile, mobili, computer, vestiario), beni a lungo (lento) ciclo di utilizzo o permanenti o di uso durevole (abitazione, gioielli, ecc.).

6 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006 La trasformazione economica La  trasformazione economica consiste nel consumo  per trarre l'utilità dai beni che costituiscono la ricchezza. Il costo costo di consumo è il valore dei fattori di consumo impiegati per soddisfare bisogni ed aspirazioni:  F =  QF pF La tesoreria appare autosufficiente. Il mix dei fattori impiegati in un periodo T è la combinazione di consumo : % 

7 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006 Tipologia di aziende di consumo Si distinguono in base alla forma di ottenimento delle risorse per i consumi: Aziende domestico-patrimoniali (o familiari): le risorse derivano da retribuzioni del lavoro dei propri componenti o da redditi da investimenti. Associazioni : le risorse derivano da quote associative dei componenti. Fondazioni : le risorse derivano da un patrimonio conferito stabilmente. Aziende assistite : le risorse derivano da sussidi elargiti da altre aziende.

8 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/ La logica operativa della Azienda domestico patrimoniale

9 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006 Le due forme di risparmio Gli investimenti sono ottenuti grazie al risparmio. Si hanno due forme di risparmio: RISPARMIO ECONOMICO AZIENDALE = +VALORE DEI FATTORI CONSUMABILI -VALORE DEI FATTORI CONSUMATI E’ il risultato economico dell’azienda di consumo. RISPARMIO MONETARIO AZIENDALE = + ENTRATE PER IL CONSUMO - SPESE E’ il risultato monetario dell’azienda di consumo.

10 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/ Le aziende di produzione Sono  organizzazioni durevoli di trasformazione economica attuata mediante i processi fondamentali di: ideazione e attuazione di business, ricerca di investimenti finanziari per il reperimento di capitali necessari per i business, produzione e cessione della  ricchezza, produzione di remunerazioni per il capitale e il lavoro risparmio di parte della ricchezza e reinvestimento del risparmio.

11 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006 Logica operativa della Azienda di produzione INVESTITORI DI CAPITALI COMBINAZIONI PRODUTTIVE CASSA o TESORERIA FORNITORI Uscite per acquistiEntrate per cessioni DECISIONI, PROGRAMMI e CONTROLLI UTENTI O CLIENTI Processi cognitivi Processi operativi ERARIO Fattori di produzione Quantitàe Valore Imposte Volumi di produzione Quantitàe Valore CONTRIBUTORI Contributi INVESTITORI DI CAPITALI COMBINAZIONI PRODUTTIVE CASSA o TESORERIA FORNITORI Uscite per acquistiEntrate per cessioni DECISIONI, PROGRAMMI e CONTROLLI UTENTI O CLIENTI Processi cognitivi Processi operativi ERARIO Fattori di produzione Quantitàe Valore Remunerazioni Dividendi e Interessi Imposte Volumi di produzione Quantitàe Valore Capitali Conferimenti e Finanziamenti CONTRIBUTORI Contributi CP =  QF pF %C

12 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006 La trasformazione economica La trasformazine economica consiste nel consumare ricchezza per produrre nuova ricchezza. Il costo di produzione è il valore di produzione dei beni prodotti: CP =  QF pF da cui cP = CP / QP cioè il valore dei fattori di produzione impiegati per ottenere i beni ed i servizi. La ricchezza è valore e viene prodotta se, e nella misura in cui, i prodotti ottenuti hanno un valore pP maggiore di quello dei fattori impiegati. Il mix dei fattori impiegati in un periodo T è la combinazione produttiva, %C.

13 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/ I rischi della produzione Già li conosciamo: Rischi tecnico produttivi : non ottenere produzioni vendibili. Rischi economici : non vendere; sono di due tipi: della domanda, connesso alla libertà del consumatore: i clienti possono rifiutare l’acquisto; della concorrenza connesso alla libertà di iniziativa: aziende possono produrre gli stessi beni. Rischi finanziari : non rimborsare i capitali.

14 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006 Le business profit organizations o Imprese tipiche Si definisce impresa un’organizzazione produttiva business e profit oriented contemporaneamente che sviluppa un portafoglio di capital business sopportando pienamente i rischi economici ricercando risorse monetarie conferite a titolo di Equity e di Debit svolgendo i business ricercando la massima economicità per garantire il massimo rendimento finanziario del capitale investito, in rischio.

15 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006 I caratteri delle business profit organizations o Imprese tipiche Sono production oriented organizations. Sono business (o market oriented) organizations, cioè vendono sul mercato le produzioni. Sono risk oriented organizations. Sono capital business organizations: acquisiscono autonomamente i capitali necessari. Sono profit oriented organizations: ricercando la massima economicità dei business. Ricercano la massima produttività, come condizione per la realizzazione del profitto. Godono di autonomia imprenditoriale. Godono di autonomia organizzativa.

16 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006 La logica operativa delle profit organizations o imprese tipiche max ROE min ROD La trasformazione manageriale segue una logica che tende a massimizzare la performance max ROI min cP Max pP

17 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006 Legge generale di teleonomia esogena Condizione finanziaria di esistenza duratura dell’impresa è che - con i suoi investimenti produttivi - sia in grado di remunerare convenientemente gli investimenti finanziari dai quali ha attinto le risorse, garantendo la loro integrità e liquidabilità nel tempo. Condizione economica di esistenza duratura dell’impresa è che essa riesca a: aumentare le dimensioni, cioè i volumi di vendita produrre beni dotati di valore, aumentando la qualità, riducendo i prezzi, ridurre il costo di produzione.

18 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/ Tipi di profit organizations Profit sharing to capital owners organizations: il risultato economico conseguito RN viene distribuito o viene trattenuto a titolo di autofinanziamento per lo sviluppo; ricercano il massimo RO, insieme con il massimo ROI. Profit sharing to labour organizations: il profitto viene, distribuito tra i lavoratori sotto forma di compenso, o di remunerazione integrativa del lavoro; si definiscono anche imprese di lavoro (cooperative di produttori). Profit sharing to environment organizations: il RO viene erogato in elargizioni liberali per iniziative che favoriscano soggetti dell’ambiente esterno (fondazioni capitalistiche). Profit retaining organizations: capitalizzano il RN distribuendolo, indirettamente, in forma di capital gains (società di calcio).

19 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/ Le non profit organizations Queste organizzazioni producono ed erogano cercando di ottenere semplicemente l’equilibrio tra ricavi e costi senza profitto. Possono essere designate con il termine di aziende di produzione per l’utenza e sono tipiche delle organizzazioni generate per finalità di consumo collettivo pubblico.

20 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006 La logica operativa delle profit e non profit organizations max ROE min ROD cP  min  pP min RO min roc ROE nullo Utenti Utilizzatori

21 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006 Particolari aziende di produzione: le aziende di erogazione Si denominano aziende di erogazione. le aziende di produzione particolari che: non vendono le produzioni ma le cedono senza scambio e quindi che erogano i propri prodotti o servizi senza corrispettivo. Non sono business oriented organizations. per l'assenza di corrispettivo per la cessione dei beni prodotti, tali aziende normalmente ricevono contributi da altre aziende o parziali rimborsi di costi – sotto forma di tariffe, canoni e simili – da parte degli utenti fruitori delle produzioni.

22 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006 Business e non business Profit e non profit Business profit Business non profit Non business Vendono a ClientiVendono ad UtentiErogano ad Utenti Vendono a pP = cP (1+roc) Vendono a pP = cP Erogano gratis o a una tariffa tP minore del costo  cP  max  pP  cP  min  pP   cP > tP 

23 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/ Aziende pubbliche Le aziende composte pubbliche hanno la funzione di ottenere servizi pubblici tramite i quali soddisfare i bisogni pubblici. L'insieme delle aziende composte pubbliche è anche chiamato, in forma sintetica Pubblica Amministrazione. Sono sia aziende di produzione sia aziende di erogazione. Per questo si definiscono composte. Sono gestite dallo Stato e dagli Enti locali (sono pubbliche). Rientrano in questa classe anche le aziende il cui equity è conferito dallo Stato o da Organizzazioni pubbliche territoriali: regione, provincia, comune.

24 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006 Le risorse finanziarie Non hanno capitale. Si finanziano con i tributi e con il debito pubblico (dovrebbe essere restituito). I tributi non sono proporzionati alla quantità di servizi pubblici utilizzati dalle aziende beneficiarie ma a parametri di capacità contributiva, intesa come la capacità dei soggetti e delle aziende a contribuire alla copertura dei fabbisogni monetari delle aziende composte pubbliche.

25 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006 La logica operativa delle Aziende pubbliche

26 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/ Il sistema economico generale. I tre macro operatori

27 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/ Fine del capitolo 4 Queste diapositive sono disponibili alla pagina:

28 Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006


Scaricare ppt "Corso di Economia Aziendale Istituzioni CAPITOLO 4 La logica operativa delle aziende Titolari: Prof. Piero Mella [A/K] - Prof.ssa Anna Moisello [L/Z] Lecturers:"

Presentazioni simili


Annunci Google