La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Profili di diritto internazionale Le conferenze internazionali Aspetti generali e Conferenze Mondiali Rio de Janeiro 1992 - 2012 Johannesburg 2002.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Profili di diritto internazionale Le conferenze internazionali Aspetti generali e Conferenze Mondiali Rio de Janeiro 1992 - 2012 Johannesburg 2002."— Transcript della presentazione:

1 Profili di diritto internazionale Le conferenze internazionali Aspetti generali e Conferenze Mondiali Rio de Janeiro Johannesburg 2002

2 1972 Conferenza di Stoccolma Sviluppo sostenibile: tappe fondamentali Recepisce le conclusioni del rapporto Brundtland (sviluppo sostenibile) “Our Common Future”: il mondo si trova davanti ad una "sfida globale" a cui può rispondere solo con un nuovo modello di sviluppo definito "sostenibile" E' la prima volta che vengono adottati a livello internazionale alcuni principi che saranno alla base del concetto di "sviluppo sostenibile" Anni ’70: esigenza di dare risposte ai problemi ambientali Impulso al Diritto Ambientale basato su principi di prevenzione del danno 1989 Risoluzione 44/228 dell’ ONU 1987 Rapporto Brundtland

3 Sviluppo sostenibile: tappe fondamentali 1997 Protocollo di Kyoto Ratifica: UE paesi > 55 stati Limiti emissioni inquinanti: 44,2% < 55% Non applicato (USA 36,1% e FED Russa 17,4%) Limitativo per lo sviluppo 2002 Conferenza Johannesburg Presa d’atto di interessi contrastanti USA: no vincoli giuridici UE: impegni su questioni globali PVS: no all’ambiente in quanto freno allo sviluppo 1992 Conferenza di Rio de Janeiro Avvia una nuova fase di sviluppo sostenibile cercando di: -conciliare sviluppo economico e tutela ambientale -stimolare cooperazione internazionale per soluzione problemi ambientali globali (clima, biodiversità, deforestazione)

4 Sviluppo sostenibile: tappe fondamentali Ultimi 50 anni: raddoppio della popolazione mondiale 1950 → 2,5 mld 2000 → 6,0 mld La crescita della popolazione degli ultimi 50 anni risulta superiore alla crescita che c’è stata in tutta la storia dell’umanità fino al 1950 Nel 2020: popolazione stimata > 7,5 mld → aumento consumi: è sostenibile? Distribuzione della popolazione: nei Paesi Industrializzati è stabile (~ 1 mld) nei PVS è in continua crescita (~ 5 mld) Aumento pressione su risorse naturali in paesi con: - scarse risorse finanziarie - bassa capacità di gestione - basso livello tecnologico Es: Paesi Industrializzati: consumo petrolio > 62% 16% popolazione CRITICITA’ Accesso alle risorse Sostenibilità del sistema a fronte dell’aumento dei consumi

5 Diritto internazionale ambientale FONTI Art. 38 Statuto Corte Internazionale di Giustizia CONSUETUDINI ATTI O ACCORDI INTERNAZIONALI TRA STATI PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO DIRITTO INTERNAZIONALE Principi e norme giuridiche che stabiliscono norme di comportamento per gli Stati al fine di realizzare: TUTELA AMBIENTE USO EQULIBRATO RISORSE NATURALI nel contesto di sviluppo economico e sociale mondiale DEFINIZIONE DIRITTO INTERNAZIONALE AMBIENTALE

6 Diritto internazionale ambientale FONTE PRINCIPALE DIRITTI E OBBLIGHI DEGLI STATI PER LA PROTEZIONE DELL’AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE TRATTATI Anni ’90Nuova categoria CONVENZIONI AMBIENTALI GLOBALI CONVENZIONI-QUADRO integrate progressivamente da PROTOCOLLI Specifici atti di esecuzione CARATTERI COMUNI si ispirano ai principi dello sviluppo sostenibile sono il risultato di pressioni della comunità scientifica mondiale sui Governi gettano le basi per il consolidarsi di regimi giuridici di natura consuetudinaria innescano un processo normativo continuo flessibile attraverso procedure di revisione ed emendamento modulano in forma asimmetrica le situazione giuridiche soggettive degli Stati (principio della responsabilità comune, ma differenziata) non cambiano nulla rispetto ai trattati di diritto internazionale in ordine ai limiti di efficacia soggettiva AD OGGI NON ESISTE UN’ORGANIZZAZIONE MONDIALE PER LA PROTEZIONE DELL’AMBIENTE

7 I NUMERI Sviluppo sostenibile Ambiente - Società - Terra Confronto Nord-Sud Temi ambientali Carta della Terra Sistema Nazioni Unite Conferenza Mondiale di Rio de Janeiro Larga partecipazione 183 Paesi (1992) 193 (2012) delegati partecipanti e (2012) GLI OBIETTIVI

8 Conferenza Mondiale di Rio de Janeiro GLI OBIETTIVI SVILUPPO SOSTENIBILE Sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri – Conferma 2012 AMBIENTE – SOCIETA’ – TERRA Tutela ambientale compatibile allo Sviluppo economico-sociale per l’eliminazione della povertà – Più sfumato nel 2012 CONFRONTO NORD - SUD Diverse visioni dello sviluppo Differenti priorità per gli impegni da affrontare Indennizzo finanziario e risorse disponibili

9 Conferenza Mondiale di Rio de Janeiro GLI OBIETTIVI CARTA DELLA TERRA Diritti e doveri ecologici degli Stati (Costituzione ecologica Mondiale) (1992) – Tema eluso nel 2012 TEMI AMBIENTALI Esaurimento delle risorse Surriscaldamento globale Inquinamento Protezione del patrimonio forestale, marino e della biodiversità naturale

10 Conferenza Mondiale di Rio de Janeiro I RISULTATI DICHIARAZIONE DI RIO Codice di comportamento etico-ambientale non vincolante, basato su 27 principi generali (1992) – 283 punti “Il futuro che vogliamo” (2012) DUE CONVENZIONI (1992) Clima Biodiversità DICHIARAZIONE NON VINCOLANTE SULLE FORESTE (1992) AGENDA 21 (1992)

11 Uomo - sviluppo sostenibile – rapporto crescita e sostenibilità Sovranità di ogni Stato nell’utilizzo delle proprie risorse senza danni ai Paesi confinanti Eliminazione della povertà quale requisito indispensabile per lo Sviluppo sostenibile Conferenza Mondiale di Rio de Janeiro I RISULTATI (1992) DICHIARAZIONE DI RIO 1992 – Confermata nel 2012 Principi essenziali Alleanza globale per la salvaguardia ambientale con responsabilità differenziate Principio precauzionale

12 Convenzione quadro per riduzione emissione gas Conferenza Mondiale di Rio de Janeiro I RISULTATI (1992) DUE CONVENZIONI Clima Biodiversità Conservazione del patrimonio biogenetico DICHIARAZIONE NON VINCOLANTE SULLE FORESTE AGENDA 21 Dichiarazione di principi non vincolanti per un consenso globale sulla gestione conservazione e lo sviluppo sostenibile di ogni tipo di foresta Accordo programmatico- operativo sottoscritto da tutti gli Stati finalizzato alla completa integrazione fra ambiente e sviluppo attraverso la cooperazione internazionale

13 Mancanza di impegni, di valutazione economiche e di volontà politiche Mera conferma di indirizzi precedenti Assenze e posizioni critiche Conferenza Mondiale di Rio de Janeiro LE CONCLUSIONI (1992) LE CRITICITA’ (2012) Lo sviluppo sostenibile è stato ritenuto un utile criterio di comportamento per la politica e per l’economia in tema di tutela dell’ambiente Costituzionalizzazione del principio dello sviluppo sostenibile

14 Conferenza Mondiale di Johannesburg 2002 I NUMERI 190 Stati COSA HA RAPPRESENTATO Paesi europei Stati Uniti e loro alleati (Australia, Canada, Giappone) Paesi in via di sviluppo GLI ATTI DICHIARAZIONE SULLO SVILUPPO SOSTENIBILE PIANO D’AZIONE Rinnovata riflessione sugli aspetti dell’agenda ambientale Chiarimento delle diverse posizioni e fissazione nuovi obiettivi per soluzione aspetti irrisolti Verifica impegni assunti con RIO

15 Conferenza Mondiale di Johannesburg CRITICITA’ troppo generica e vaga se paragonata a Rio non capace di costituire la base per la creazione di nuovi principi di condotta o il consolidamento di quelli di Rio GLI ATTI DICHIARAZIONE SULLO SVILUPPO SOSTENIBILE dalle nostre origini al futuro: necessità di conciliare lo sviluppo economico e civile dei popoli con le esigenze di protezione dell'ambiente; da Stoccolma a Rio de Janeiro a Johannesburg: rievocazione dei principi fondamentali nella prospettiva dello sviluppo sostenibile; le sfide da raccogliere: interdipendenza tra i problemi ambientali e quelli sociali; il nostro impegno verso lo sviluppo sostenibile: le priorità-lo sradicamento della povertà, diritti umani, assistenza ai Paesi in via di sviluppo; multilateralismo: necessità di istituzioni multilaterali per un monitoraggio dei progetti di sostenibilità; che si avveri: augurio di una concreta realizzazione delle dichiarazioni di intenti pronunciate a Johannesburg.

16 Conferenza Mondiale di Johannesburg conferma due principi della dichiarazione di Rio: ripropone i programmi dell’Agenda 21 in forma di raccomandazioni definisce le misure prioritarie da intraprendere al fine di attuare le politiche di sviluppo sostenibile nel quadro del processo di globalizzazione RESPONSABILITA’ COMUNI MA DIFFERENZIATE TRA PAESI INDUSTRIALIZZATI E PAESI IN VIA DI SVILUPPO APPROCCIO PRECAUZIONALE GLI ATTI PIANO D’AZIONE

17 I RISULTATI INNOVATIVI Conferenza Mondiale di Johannesburg LE CRITICITA’ Partnership per lo sviluppo sostenibile Presa d’atto del disaccordo tra gli Stati sui principali temi della questione ambientale STATI UNITI → privilegiano progetti specifici UNIONE EUROPEA → punta ad un accordo generale con obiettivi, scadenze e percentuali precisi PAESI IN VIA DI SVILUPPO → privilegiano il fattore economico trascurando il “valore” ambiente (uso massiccio delle risorse naturali e petrolifere) es. Cina e India Centinaia di iniziative concrete di cooperazione, in 12 diversi settori di intervento, tra paesi sviluppati e paesi in via di sviluppo, da parte di soggetti pubblici e privati e volontariamente iscritte nel registro di Johannesburg Impegni economici degli Stati inalterati rispetto a RIO

18 Conferenza Mondiale di Johannesburg …… e dopo ? 2020 IMPEGNI DI MEDIO-TERMINE I Paesi Emergenti chiedono ai Paesi Industrializzati (G8) di ridurre le emissioni di gas serra del 25-40% entro il OBIETTIVO FINALE I Paesi Industrializzati (G8) si impegnano a ridurre le emissioni di gas serra del 50% entro il 2050

19 La questione ambientale non può essere risolta solo attraverso dichiarazioni d’intenti e in mancanza di adeguate risorse Deve esserci un efficace impegno da parte degli Stati e si deve trovare un accordo politico ed economico E’ urgente una riforma del sistema delle Nazioni Unite anche in ambito ambientale


Scaricare ppt "Profili di diritto internazionale Le conferenze internazionali Aspetti generali e Conferenze Mondiali Rio de Janeiro 1992 - 2012 Johannesburg 2002."

Presentazioni simili


Annunci Google