La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università di Pavia, Facoltà di Economia Non accontentarti di meno di quanto sei in grado di fare (P. Senge, 1992, p. XIV). Aula Volta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università di Pavia, Facoltà di Economia Non accontentarti di meno di quanto sei in grado di fare (P. Senge, 1992, p. XIV). Aula Volta."— Transcript della presentazione:

1 Università di Pavia, Facoltà di Economia Non accontentarti di meno di quanto sei in grado di fare (P. Senge, 1992, p. XIV). Aula Volta Palazzo Centrale All stable processes we shall predict. All unstable processes we shall control (John von Neumann)

2 Definizioni generali Il concetto di sistema è alquanto... evanescente... vi sono diverse definizioni che esaminano il concetto di sistema da diversi punti di vista arrivando a differenti modelli. Un complesso organico di elementi diversi tra loro, collegati ed interagenti tra loro e con l’ambiente esterno, interdipendenti, che concorrono allo svolgimento di una funzione o al raggiungimento di uno scopo (Dizionario Treccani della Lingua Italiana). Con la parola sistema di indica un oggetto, dispositivo o fenomeno, la cui evoluzione nel tempo si manifesta attraverso la variazione di un certo numero di attributi misurabili (vettore di variabili). Esempi: una macchina utensile, un motore elettrico, un calcolatore, un satellite artificiale, l’economia di un paese (G. Marro, Teoria dei sistemi e del controllo, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 1). [A system is:] Any collection, grouping, arrangement or set of elements, objects or entities that may be material or immaterial, tangible or intangible, real or abstract to wich a measurable relationship of cause and effect exist or can be rationally assigned (Sandquist, Introduction to System science, Prentice-Hall Inc N. J, 1985, p. ). 2

3 3 Struttura finale organizzazione Sistema Definizione analitica/sintetica A B D E F C GH L I A D E F CG B H I L Elementi strutturali BDC A GE F H L I Sintesi progressiva Elementi osservati Unità derivata Analisi progressiva Unità osservata Elementi derivati new

4 4 Struttura finale organizzazione Sistema Definizione interno/esterno A B D E F C GH L I A D E F CG B H I L Elementi strutturali BDC A GE F H L I Composizione graduale Proprietà degli elementi Proprietà emergenti Scomposizione graduale Proprietà del tutto Proprietà elementari new

5 5 Struttura finale organizzazione Sistema Definizione dinamico-causale A B D E F C GH L I A D E F CG B H I L Elementi strutturali BDC A GE F H L I Causano la Micro dinamiche degli elementi Macro dinamica del sistema Causa le Macro dinamica Micro dinamiche new

6 6 Il Systems Thinking è un approccio all’osservazione dei sistemi che enfatizza sull’esigenza di considerarne tutti gli aspetti rilevanti: analitico / sintetico  elementi / tutto interno / esterno  costitutivo / emergente macro / micro dinamiche  cause / effetti Una prima definizione generale per il Systems Thinking, un sistema è “pensato” come un complesso di variabili, interconnesse da relazioni di causa / effetto, del quale interessa capire e simulare le macro e le micro dinamiche delle variabili costituenti. La visione del Systems Thinking new Molto importante

7 7 Contenuti della disciplina Il Systems Thinking comprende: Regole logiche per osservare il mondo, richiamate al Par. 2, Regole tecniche per costruire modelli per rappresentare il mondo, richiamate al Par. 3. Queste regole non sono state esplicitate da Peter Senge, che ha presentato il Systems Thinking in modo intuitivo, ma sono state da me formalizzate nel testo: P. Mella, Guida al Systems Thinking, Il Sole24Ore, Milano, 2007 che lascio alla lettura di coloro che desiderino approfondire.

8  Nel mio testo citato ho cercato di formalizzare cinque semplici regole logiche che presenterò insieme con le regole tecniche: 1. Dobbiamo essere capaci di «vedere gli alberi e la foresta» di zoomare tra tutto e parti. 2. Dobbiamo ricercare ciò che varia osservando il mondo in termini di variabili e di loro variazioni nel tempo. 3. Dobbiamo sforzarci di capire la causa delle variazioni nelle variabili che osserviamo. 4. Dobbiamo abituarci a concatenare le variabili in modo circolare fino a specificare i loop tra le loro variazioni e formare sistemi di variabili. 5. Dobbiamo abituarci a specificare sempre i confini del sistema che vogliamo indagare. Le regole del Systems Thinking Ho scritto dobbiamo perché – non dimentichiamolo – sono regole di una disciplina. 8

9 9 La prima regola, per applicare la quale occorre un costante esercizio, è quella che impone di «vedere gli alberi e la foresta». Questa regola che sta alla base del pensiero sistemico può essere tradotta cosi: «Se vogliamo ampliare la nostra intelligenza, dobbiamo sviluppare l’attitudine a “zoomare” tra parti e tutto e tra unità e componenti». Prima regola L’arte dello zoomare

10 10 Il Pensiero Sistemico è l’attuazione del pensiero olonico. Nell’osservare l’Universo che ci circonda, a livello fisico e biologico, nella sfera reale o formale non dobbiamo limitarci a considerare gli oggetti (atomi, molecole, cellule, individui, sistemi, parole o concetti, processi, ecc.) quali unità autonome ed indipendenti, ma dobbiamo sempre tenere conto che ciascuna di tali unità è una individualità autonoma ma è, contemporaneamente, un intero – composto da parti di minore ampiezza – e parte di un intero più ampio. È un holon, appunto! Il mondo non è composto di atomi o simili o cellule o concetti. E’ composto di oloni (Ken Wilber, 2001, pag. 21). Il pensiero sistemico è una disciplina olistica. Meglio: olonica Pag. 369

11 11 Il concetto di olone (holon) è stato introdotto da Arthur Koestler, nel 1967, con il suo volume The Ghost in the Machine, con una intuizione semplice e chiara: Parti ed interi non esistono in senso assoluto nel dominio della vita […] L’organismo deve essere concepito come una gerarchia multi-livello di sub unità, ramificate in sub unità di livello inferiore, e così via. Le sub unità ad ogni livello della gerarchia sono definiti come oloni (holons) […] Il concetto di olone è volto a riconciliare l’approccio atomistico a quello olistico (Koestler, 1967; Appendix I.1). Per saperne di più: P. Mella, The holonic revolution. Holons, Holarchies and holonic networks, Pavia University Press, Il Testo è pubblicato on line e scaricabile gratuitamente. Athur Koestler, 1967 Pag. 369

12 La seconda regola afferma che dobbiamo abituarci vedere il mondo in termini di variabili. Non un’automobile ma: Seconda regola Un mondo di variabili «Non dobbiamo fermare la nostra osservazione su ciò che appare costante ma ricercare ciò che varia». 12

13 «Se vuoi comprendere veramente il mondo, cerca di capire la causa delle variazioni nelle variabili che osservi». Terza regola Ricercare le relazioni causali Pressione acceleratore Velocità Pressione freno Velocità Pendenza della strada Velocità Pressione acceleratore 13

14 14 Per il Systems Thinking i sistemi, pertanto, sono osservati nella dimensione dinamica e causale. Alla base del pensiero sistemico c’è il seguente modello di sistema causale dinamico semplice. Sistemi causali dinamici Variabili input(t)Variabili output(t+∆t) Struttura Processi Stati interni (black box) Cause o variabili causanti Effetti o variabili causate new Molto importante

15 Conveniamo che una relazione tra variabili sia causale: se deriva da un processo riconoscibile (conosciuto o ipotizzato) che connette la variabile in input alla variabile in output e tale che, ad uno o più Δ input corrisponda uno o più Δ output, sempre. Relazione causale tra variabili Δ X= Δ Pressione acceleratore in gradi Δ Y= Δ Velocità in Km i processi di Apparato meccanico ??? Δ Y= Δ peso corporeo i processi di BLACK BOX Δ X2 = Δ Moto Δ X1 = Δ Cibo 15

16 16 Cosa succede se un sistema è composto di altri sottosistemi? O se è parte di un più ampio sistema? Per il Systems Thinking per quanto analizziamo i sistemi verso il piccolo, ogni sottosistema è sempre un sistema causale; per quanto analizziamo i sistemi verso il grande, ogni supersistema è sempre un sistema causale. Sistemi composti Variabili inputVariabili output Cause o variabili causanti Effetti o variabili causate new Molto importante

17 Supponendo il processo quale Black box, ci interessano le variabili causa ed effetto. Possiamo ignorare i processi e rappresentare le relazioni causali con una freccia di qualunque forma. Le frecce sottintendono i processi causali Pressione acceleratore Velocità Pressione freno Velocità Pendenza della strada Velocità Pressione acceleratore Velocità Pressione freno Velocità Pendenza della strada Velocità Pressione acceleratore Attenzione! Le relazioni causali presentano: una direzione un senso 17

18 Dovendo esprimere relazioni causali, le variabili non possono essere connesse liberamente. Occorre specificare la direzione della connessione. Le relazioni causali hanno una direzione Pressione feno Velocità Pendenza della strada Velocità Pressione freno Velocità Pendenza della strada Velocità si no 18

19 Il senso del collegamento indica come la causa modifica l’effetto. Indichiamo con “ s ” e con “ o ” il senso del collegamento. Le relazioni causali hanno un senso X=Pressione acceleratore Y=Velocità -Δx +Δx -Δy +Δy s X=Pressione freno Y=Velocità -Δx +Δx +Δy -Δy o “s”“s” “o”“o” 19

20 I nomi delle variabili Quali variabili rappresentare ? variabili flusso (flusso d’acqua del rubinetto, reddito nazionale, arrivi, partenze, nascite, morti, ecc.), variabili stock (livello dell’acqua, ricchezza nazionale, code d’attesa, stock di magazzino), variabili intensità (apertura rubinetto, produzione giornaliera, consegne orarie, pressione dei pedali dell’auto), variabili reali (dipendenti, assunzioni, reclami, finanziamenti), variabili mentali o psicologiche (paura, stress, soddisfazione, stanchezza). Come assegnare i nomi alle variabili? È assolutamente “proibito” impiegare nomi che non abbiano il significato di variabili. 20

21 Osserviamo le catene causali e il loro senso PrezzoOfferta s Pressione frenoVelocità o PrezzoOfferta s Convenienza per il produttore s Pressione freno Velocità s Attrito dei ferodi e trasformazione velocità in calore o Apertura del rubinetto Durata di riempimento s Flusso d’acqua o Efficienza della PA Soddisfazione contribuente s Qualità servizi pubblici Evasione fiscale so Imposte incassate o Rumori in aulaAttenzione studenti o Efficienza docente Vociare in gruppo so Resa della lezione o “s”“s” “o”“o” “s”“s” “o”“o” “o”“o” “s”“s” “o”“o” 21

22 Contare le “ o ”. Sele “ o ” non ci sono, o sono in numero pari, allora il senso della catena causale è. Altrimenti, se le “ o ” sono in numero dispari, il senso della catena causale è. La regola per individuare il senso di una intera catena causale “s”“s” “o”“o” 22

23 Sistema nel Systems Thinking 23 Il Systems Thinking denomina sistema un complesso unitario di variabili interconnesse del quale indaga, e rappresenta, la struttura logica. In particolare, un sistema dinamico, nel senso del Systems Thinking, assume la struttura di un complesso di variabili tra loro variamente connesse tramite uno o più loop. Deriva che il comportamento di una variabile qualunque dipenda da quello di tutte le altre. Precisazione: poiché, come sappiamo, ogni variabile deriva da un processo messo in atto da qualche “macchina” (fisica, biologica, sociale, concettuale), ogni sistema deve necessariamente possedere una struttura operativa, sottostante la struttura logica. Il Systems Thinking indaga unicamente la struttura logica. Pag. 29 Pag. 41

24 I sistemi del Systems Thinking Il pensiero sistemico non considera i sistemi ordinali ma i sistemi dinamici. I sistemi del Systems Thinking oltre che dinamici sono: ripetitivi, si ripetono per diversi cicli, ricorsivi, i loro output diventano, in tutto o in parte i loro stessi input formando loop, con memoria. 24 Fare esempi di sistemi ripetivi e ricorsivi Pag. 39

25 25 Quando non è dichiarato esplicitamente, si suppone che: lo stimolo  X e la risposta  Y siano concatenati istantaneamente oppure che tra  X e  Y vi sia un intervallo trascurabile. Se tra lo stimolo  X e la risposta  Y intercorre un periodo relativamente lungo, allora si dice che la risposta  Y si produce con un ritardo rispetto allo stimolo  X. Regola : vi è un ritardo nella risposta se è possibile fare variare almeno due volte la X prima che si produca la prima variazione della Y. Regola : per rappresentare un processo con risposta ritardata, solitamente si scrive RITARDO o si barra la freccia che lega  X e  Y tante volte quanto è lungo il ritardo (numero di variazioni di X prima che vari Y). Attenzione ai ritardi

26 Quarta regola Individuare i loop tra le variabili Possiamo enunciarla come segue: Se veramente vuoi comprendere il mondo e capirne il cambiamento, non è sufficiente ragionare per cause ed effetti. Devi riconoscere che gli effetti possono a loro volta diventare cause delle loro cause, formando un loop, un legame circolare. Un loop è formato da due variabili collegate in doppia direzione. «Devi sforzarti di concatenare le variabili fino a specificare i loop tra le loro variazioni». In altri termini, dobbiamo abbandonare il pensiero lineare (catene di cause e di effetti) e abituarci al pensiero sistemico formando loop. Il modello che evidenzia le relazioni circolari tra variabili e loro loop, si definisce Causal Loop Diagram. 26

27 Il loop si definisce di rinforzo [ R ] se non vi sono “ o ” o se le “ o ” sono in numero pari. I loop [ R ] portano ad una espansione o ad un annichilimento reciproco delle variabili. Se espansione o riduzione sono vantaggiose, il loop [ R ] si dice anche (impropriamente) circuito virtuoso ; alrimenti, vizioso. I loop elementari e il loro senso Loop di rinforzo Armamenti USAArmamenti URSS loop se aumentanoallora aumentano se aumentano s s R Armamenti USAArmamenti URSS se aumentanoallora aumentano se aumentano La paura mette in moto i processi di produzione dell’URSS La paura mette in moto i processi di produzione dell’URSS La paura mette in moto i processi di produzione dell’URSS La paura mette in moto i processi di produzione degli USA 27 Non è necessario specificare i processi

28 Il loop si definisce di bilanciamento [ B ] se vi è un numero dispari di “ o ”. I loop di bilanciamento si presentano in numerosi fenomeni: di interazione tra popolazioni di prede e predatori, fisiologici e biologici, di controllo [ Sistemi di Controllo ]. I loop e il loro senso Loop di bilanciamento s o predepredatori loop B SardineSquali se aumentanoallora aumentano se diminuisconoallora diminuiscono se aumentano allora aumentanose diminuiscono loop 28 B

29 Sistemi semplici - Analogie Armamenti USA R Armamenti URSS s s Armi predatori R Difese prede s s Torti di A a B R Torti di B ad A s s Potenza calcolo PC R Esigenze calcolo software s s 29 Sono sistemi di escalation.

30 Sono sistemi di accumulazione. Sistemi semplici - Analogie R Numero Ninfee Nuove nate s s 30 rinforzo R CapitaleInteresse s s R Mucchio immondizia Nuovi abbandoni s s R Diffusione di un carattere Nuove adozioni s s

31 Esempi di sistemi semplici Domanda/Offerta PrezzoOfferta o s B 31 DomandaPrezzo o s B Offerta o s B DomandaPrezzo o s B Sistema a doppio loop conosciuto come LEGGE DELLA DOMANDA E DELL’OFFERTA

32 Investimenti in pubblicità sui media Vendite Efficacia della pubblicità sui media Profitto e cash flow R s s s s Vedere gli alberi - Loop di diverse variabili

33 In un loop con diverse variabili è bene indicare lo START Vedere gli alberi - Loop di diverse variabili Efficienza della PA Soddisfazione contribuente Qualità servizi pubblici Evasione fiscale Imposte incassate Investimenti in modernizzazione s s o o s s R start 33

34 Conflittualità aziendale Richieste salariali o o Costo di produzione s Potere d’acquisto INFLAZIONE) Prezzi Stipendi s s s R Costo altri fattori di produzione Altri fattori di conflittualità L’inflazione. Modello parziale ? + Possiamo indicare con ? a variabile che pone problemi e con + o – un impulso dato ad una variabile. start 34

35 ConflittiRisorse Popolazione Competitività o o o s o R o o o s o B Uccisioni Lotta per la vita Consumi Ricerca risorse Distruzioni CLD con diversi loop ? - 35

36 Peso bolla d’aria Altezza da terra Temperatura o o B o Vento o Sistemi che non si vedono. Le termiche start 36

37 Ordini ai fornitori Consegne dai fornitori o s Scorte s s Scarto = eccesso di scorta o fabbisogno Livello ottimale o Consumi previsti s B Prezzo di listino Domanda dai clienti s s Vendite s o Scarto = vendite rispetto a capacità Capacità produttiva o Consumi previsti s B Imparare il linguaggio

38 Capacità gestionali dei tecnici RB Profitto Nuovi prodotti Investimento per nuovi prodotti Complessità manageriale ss AutofinanziamentoCompetenze tecniche richieste Tempo per lo sviluppo di nuovi prodotti R ss ss o s o o ritardo Imparare il linguaggio

39 39 Agenda In questo PRIMO MODULO mi propongo di affrontare i seguenti temi, oggetto del Capitolo 1 del testo: Ruolo del ST nella costruzione delle learning organizations Le cinque discipline per formare le learning organizations e l’ipotesi di una sesta disciplina Presentazione di alcune definizioni di sistema Le regole del Systems Thinking Le tecniche per costruire modelli di sistemi intesi come Causal Loop Diagrams Esempi di CLD Cenno alla simulazione e al System Dynamics Due leggi generali del Systems Thinking.

40 La simulazione quantitativa Il System Dynamics Il Systems Thinking simulato quantitativamente diventa System Dynamics, ideato da Jay Forrester. Forrester: La dinamica dei sistemi dinamici è una disciplina professionale che tratta della complessità dei sistemi. Il system dynamics rappresenta la base necessaria del pensiero efficace sui sistemi. Il system dynamics si occupa di come le cose cambino nel tempo, e ciò include la maggior parte di ciò che normalmente la gente trova interessante. Il system dynamics comporta l’interpretazione dei sistemi della vita reale in modelli di simulazione al computer che permettono di comprendere come la struttura e le politiche di decision-making in un sistema determinino il comportamento di questo (Forrester, 1999). Il Systems Thinking rappresenta una generalizzazione del System Dynamics, oppure viceversa? System Dynamics Society : “What is the relationship of Systems Thinking to System Dynamics? Systems thinking looks at exactly the same kind of systems from the same perspective. It constructs the same Causal-Loop- Diagram. But it rarely takes the additional steps of constructing and testing a computer simulation model, and testing alternative policies in the model.”. 40 Par. 1.4

41 Le relazioni causali ed i tassi di variazione Per le simulazioni quantitative, quando si individua una relazione causale è utile, se possibile, individuare anche il tasso di azione, g(Y/X), scrivendolo in corrispondenza della freccia. Esempi: Pressione feno Velocità g=-20kmh/1 “tacca” pressione o Rotazione miscelatore Temperatura doccia g=8 C°/1 “tacca” rotazione s Popolazione Nuovi nati g=2% s Prezzo Domanda g=-15%domanda/10%prezzo o Rotazione volante Sterzata veicolo g=25gradi strada/90 gradi volante s Calorie Fame g=-10%fame/200calorie o Investimenti Produzione G=5produz/1invest s 41

42 Nei loop è opportuno, quando possibile ed utile, specificare sia i tassi d’azione tra X e Y, g(Y/X), sia i tassi di reazione tra Y e X, h(X/Y), (o viceversa). Tassi d’azione e di reazione OffertaPrezzo o s B g=0%off/10%prezzo h=-5%p/10%Off Armam. URSSArmam. USA s s R g=10%armi USA h=5%armi URSS rinforzo 42 Pag. 35

43 Impariamo il linguaggio. Con calma Zoomare Popolazione di leoni Popolazione di gazzelle o s B Qualità dell’habitat naturale ss Bracconaggio leoni so Riserve naturali e divieti di caccia os Risorse alimentari delle gazzelle s Risorse alimentari alternative di leoni s ??

44 LavoroConsumi s Reddito Soddisfazione s s Tempo libero o s R B1 Fatica Stress s o s s B2 Linguaggio Burnout da stress 44

45 Falso Loop 1 Stipendi venditori Costi commerciali s s Produttività nelle vendite Ricavi Utile s s o Non è un loop 45

46 Falso Loop 2

47 Possiamo enunciare una legge generale del Systems Thinking: il comportamento di una variabile dipende dal sistema in cui essa è inserita; il comportamento del sistema dipende dalla sua struttura, cioè dalle variabili e dalle connessioni. Primo corollario : È inutile cercare di controllare i valori di una variabile se prima non si comprende la struttura sistemica di cui essa fa parte ; i loop di bilanciamento ripristineranno il suo valore; i loop di rinforzo lo faranno lievitare. Una prima legge generale del Systems Thinking 47

48 Possiamo enunciare una legge generale del Systems Thinking: il comportamento di una variabile dipende dal sistema in cui essa è inserita; il comportamento del sistema dipende dalla sua struttura, cioè dalle variabili e dalle connessioni. Secondo corollario : Per capire e controllare la dinamica del mondo devi individuare le strutture sistemiche che lo compongono e individuare le variabili da controllare in modo più efficace che “facciano leva” sull’intero sistema. Tali variabili possono essere pensate come leve di controllo del sistema. Un importante corollario Le leve di controllo 48

49 Possiamo enunciare la seguente: Legge della instabilità dinamica: l’espansione e l’equilibrio sono processi che non durano mai in eterno, non si propagano all’infinito. La stabilità viene, prima o poi, perturbata. La dinamica viene, prima o poi, stabilizzata. Corollario Anche se non ce ne accorgiamo, in ogni contesto sistemico i circuiti di rinforzo sono sempre uniti a qualche circuito di bilanciamento. E viceversa. Un buon modello deve sempre prevedere bilanciamenti ai rinforzi e rinforzi ai bilanciamenti. Una seconda legge generale La legge dell’instabilità dinamica 49

50 Il modello generale della instabilità dinamica B o Variabile Z che stabilizza s R s Variabile X che cresce Variabile Y che cresce s Variabile freno oo Variabile acceleratore ss Variabile disturbo o/s 50 Pag. 38

51 Dimensione del mercato s RB Marketing Ricavi Vendite Domanda Mercato di riferimento s ss ss o s ritardo R Limite alla crescita 51

52 Capacità gestionali dei tecnici RB Profitto Nuovi prodotti Investimento per nuovi prodotti Complessità manageriale ss AutofinanziamentoCompetenze tecniche richieste Tempo per lo sviluppo di nuovi prodotti R ss ss o s o o ritardo Limite alla crescita 52

53 Standard di consegna e di assistenza Crescita della domanda Strategia di Marketing s s Tempi di consegna e assistenza cliente s o RB1 Capacità produttiva di logistica e di servizio o s B2 Necessità investire in logistica e servizi ritardo s Limite alla crescita per insufficienza di investimenti 53

54 “Nuvola” di Torri “Voglia” di Torre Segno “positivo” di ricchezza Costruzione di nuove torri Scarto = Affollamento Segno “negativo” di ricchezza Numero torri “tollerabili” Scarsità siti – pericolosità – vincoli urbanistici ss ss B1 B2 R s o s o o s Torri di Pavia 54 E’ un Sistema Combinatorio. Lo esamineremo al Cap. 4.

55 Frequenza di minigonne circolanti “Voglia” di Minigonna Segno “positivo” di libertà Indossare la minigonna Scarto = Affollamento Segno “negativo” di conformismo Frequenza massima apprezzabile Competizione sul piano “fisico” ss ss B1 B2 R s o s o o s Diffusione della moda 55 E’ un Sistema Combinatorio. Lo esamineremo al Cap. 4.

56 Quinta regola Individuare i confini del sistema La Prima regola imponeva di zoomare sia all’interno di un sistema – individuando sottosistemi di raggio sempre più limitato – sia all’esterno – individuando supersistemi di raggio sempre più ampio. Dobbiamo prima o poi arrestarci, definendo il confine del sistema. Ciò ciò che osserviamo non può che dipendere dai nostri interessi conoscitivi. Non ci può essere una foresta senza limiti. Chi pratica il pensiero sistemico deve sempre individuare, definire o decidere quali variabili devono formare il sistema (entro il confine) e quelle le cui interconnessioni sono troppo deboli per essere ritenute in grado di influire significativamente sulle altre (oltre il confine). 56

57 Confini esterni ed interni. L’arte dello zoomare I confini in realtà sono due: un confine esterno, che delimita il sistema quando si zooma dalle parti al tutto, uno interno, quando si zooma dal tutto alle parti. Non è facile individuare, o porre, i confini di un sistema; fortunatamente, quanto più ci si applica nella disciplina del Systems Thinking tanto più la soluzione di tale problema diventa agevole, quasi spontanea. 57

58 Quantità e qualità ARMAMENTI di A Quantità e qualità ARMAMENTI di B Vantaggio di B noto a A Paura di A Paura di B Vantaggio di A noto a B Risorse per armamenti di B s ss s s s Informazione ad A Informazione a B ss ss s Risorse per armamenti di A s Ricerche di nuove invenzioni di B Ricerche di nuove invenzioni di A s s R Zoom – Corsa agli armamenti Modello Richardson R Sacrifico economico di B so Sacrifico economico di A os R 58 Pag. 77

59 59 Non ci sono regole standard ma solo suggerimenti. Si impara con l’esperienza! Suggerisco tre tecniche: dall’organo al processo: rappresentare la mappa della struttura fisica del sistema ed associare agli organi le variabili di input e di output relative ai processi svolti dagli organi; progressiva espansione: individuare una o poche variabili fondamentali – quelle, per. es. che evidenziano una situazione problematica - ed aggiungere progressivamente i collegamenti con altre variabili, espandendo gradualmente la mappa; circolarizzazione delle relazioni lineari: fare un elenco di fattori che influiscono su una variabile e trovarne i collegamenti. Come costruire i CLD?


Scaricare ppt "Università di Pavia, Facoltà di Economia Non accontentarti di meno di quanto sei in grado di fare (P. Senge, 1992, p. XIV). Aula Volta."

Presentazioni simili


Annunci Google