La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Direzione generale sanità e politiche sociali Servizio Presidi Ospedalieri AREA OSTETRICA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Direzione generale sanità e politiche sociali Servizio Presidi Ospedalieri AREA OSTETRICA."— Transcript della presentazione:

1 Direzione generale sanità e politiche sociali Servizio Presidi Ospedalieri AREA OSTETRICA

2 2 Componenti GDL Sandra Tedioli (Azienda USL della Romagna- sede di Ravenna ); Silvia Guerra (Policlinico Modena); Enrico Naldi - Manuela Ghermandi (Azienda Ospedaliera Universitaria S.Orsola-Malpighi, Bologna); Cristiana Pavesi (Azienda USL Piacenza); Rita Lombardini (Azienda Ospedaliera, Parma); Licia Massa (Azienda USL della Romagna- sede di Forlì) Coordinatore del gruppo. Sandra Tedioli (Azienda USL della Romagna- sede di Ravenna ); Silvia Guerra (Policlinico Modena); Enrico Naldi - Manuela Ghermandi (Azienda Ospedaliera Universitaria S.Orsola-Malpighi, Bologna); Cristiana Pavesi (Azienda USL Piacenza); Rita Lombardini (Azienda Ospedaliera, Parma); Licia Massa (Azienda USL della Romagna- sede di Forlì) Coordinatore del gruppo.

3 Dgr 533/2008 Il gruppo di lavoro (GdL) è stato inizialmente invitato a definire quali sono gli elementi fondanti affinché la cartella ostetrica sia coerente appieno con le linee di indirizzo regionale, come previsto dalla DGR 533/2008 e successive modifiche e integrazioni rispetto all’inserimento del DSA2 e Ambulatorio GAT (gravidanza a termine)

4 Obiettivi: valutare ed individuare eventuali componenti aggiuntivi sulla parte della raccolta anamnestica (sociale e abitudini di vita, anamnesi patologica familiare, anamnesi remota, esame obiettivo); ideare un format per l’anamnesi ostetrico-ginecologica che ricalchi il ragionamento clinico assistenziale sotteso al percorso di ricovero e cura, a garanzia della continuità assistenziale; ricercare gli elementi utili/necessari da inserire nella CCI utilizzabili anche ai fini della redazione della lettera di dimissione.

5 Metodologia di lavoro: Analisi dell’esistente Confronto delle realtà regionali Individuazione di modelli di riferimento nazionali e internazionali Analisi di fattibilità del trasferimento dei modelli nelle realtà Regionali Ipotesi di modello Regionale di cartella Ostetrica Redazione Progetto e presentazione 5

6 La cartella ostetrica documenta le fasi di accertamento e sorveglianza dello stato di salute e benessere globale materno-fetale e del neonato, per quanto di competenza; il processo diagnostico; la pianificazione e realizzazione delle cure, tenendo conto dei bisogni della sfera fisica, psico-emotiva e sociale della donna, della coppia e del neonato, per quanto di competenza.

7 Anamnesi descrittiva generale RER, ginecologica-ostetrica remota, gravidanza in corso, Visita ostetrica d’ingresso; Categorizzazione del rischio al ricovero; Categorizzazione del rischio al ricovero travaglio-parto; Pianificazione clinico assistenziale; Procedure; Partogramma; Valutazione benessere fetale; Decorso clinico del parto, post partum, puerperio; Schema pianificazione assistenziale ostetrica; Check list di dimissione ostetrica post natale; Sintesi di dimissione post natale – neonato; Sintesi di dimissione post natale – materna; Esempio di lettera di dimissione ostetrica. 7 Sezioni che compongono la documentazione ostetrica

8 Anamnesi ostetrica remota 8

9 9 Categorizzazione del rischio ostetrico al ricovero/esordio travaglio/parto

10 Visita ostetrica 10

11 11 Partogramma

12 Check di dimissione post natale 12

13 13 Sintesi di dimissione post natale materna

14 14 Sintesi di dimissione post natale neonatale

15 15 Lettera di dimissione dell’ostetrica

16 16 GRAZIE PER L’ATTENZIONE


Scaricare ppt "Direzione generale sanità e politiche sociali Servizio Presidi Ospedalieri AREA OSTETRICA."

Presentazioni simili


Annunci Google