La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PARROCCHIA DI VILLAR DORA 15 MARZO 2013 VIA CRUCIS DEI RAGAZZI Parrocchia S. Vincenzo ed Anastasio – Villar Dora 1 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PARROCCHIA DI VILLAR DORA 15 MARZO 2013 VIA CRUCIS DEI RAGAZZI Parrocchia S. Vincenzo ed Anastasio – Villar Dora 1 1."— Transcript della presentazione:

1 PARROCCHIA DI VILLAR DORA 15 MARZO 2013 VIA CRUCIS DEI RAGAZZI Parrocchia S. Vincenzo ed Anastasio – Villar Dora 1 1

2 Saliamo insieme a Gesù il monte Calvario. Durante il nostro viaggio faremo alcune soste, stazioni. Lì incontreremo i personaggi che insieme a Lui hanno fatto questo viaggio. Ci parleranno del loro incontro con Gesù e di come ha cambiato la loro vita. Come in ogni scalata porteremo con noi il nostro zaino. Ad ogni tappa scopriremo cosa ci appesantisce e rallenta il nostro cammino, lo lasceremo e porteremo con noi un dono che ci consegnerà il personaggio che abbiamo incontrato 1 2

3 1° STAZIONE PIETRO rinnega Gesu’ 1 3

4 1 4

5 Dal Vangelo di Luca Dopo averlo preso, lo condussero via e lo fecero entrare nella casa del sommo sacerdote. Pietro lo seguiva da lontano. Siccome avevano acceso un fuoco in mezzo al cortile e si erano seduti attorno, anche Pietro si sedette in mezzo a loro. Vedutolo seduto presso la fiamma, una serva fissandolo disse: «Anche questi era con lui». Ma egli negò dicendo: «Donna, non lo conosco!». Poco dopo un altro lo vide e disse: «Anche tu sei di loro!». Ma Pietro rispose: «No, non lo sono!». Passata circa un'ora, un altro insisteva: «In verità, anche questo era con lui; è anche lui un Galileo». Ma Pietro disse: «O uomo, non so quello che dici». E in quell'istante, mentre ancora parlava, un gallo cantò. Allora il Signore, voltatosi, guardò Pietro, e Pietro si ricordò delle parole che il Signore gli aveva detto: «Prima che il gallo canti, oggi mi rinnegherai tre volte». E, uscito, pianse amaramente. 1 5

6 Pietro rinnega Gesù. Come lui ciascuno di noi vive la tentazione di non riconoscerlo per paura di essere giudicati e condannati come lui. Lo sguardo di Gesù e il pianto di Pietro ci dicono che è sempre possibile pentirsi ed essere perdonati. 1 6

7 PIETRO e MATTEO 1 7

8 GESTO : GESTO : Togliamo dal nostro zaino un sasso e lo lasciamo sulla strada. Rappresenta i tanti no che diciamo ogni giorno. Pietro ci regala un’immagine del gallo, a lui e a noi ricorda che Gesù e’ sempre pronto a posare il suo sguardo su di noi e a perdonarci. 1 8

9 A volte anche noi Gesù ci sentiamo un po’ come Pietro. Insieme ti chiediamo: Perdonaci Signore! Quando vogliamo essere sempre e solo noi i protagonisti. Ripetiamo: PERDONACI SIGNORE Quando ci sentiamo migliori e critichiamo e condanniamo gli altri PERDONACI SIGNORE Quando facciamo tante promesse e non ne manteniamo nemmeno mezza. PERDONACI SIGNORE! 1 9

10 Lett. Ripetiamo insieme: Gesù guardaci con il tuo sguardo di misericordia. Come quando hai guardato Pietro quando ha negato la tua amicizia con te. RIPETI Come quando il canto del gallo gli ha fatto capire quanto era sprofondato in basso. RIPETI Come quando Pietro è stato presuntuoso. RIPETI Come quando il suo pianto ha sostituito l’entusiasmo. RIPETI 1 10

11 PADRE NOSTRO…… 1 11

12 Tu sei la mia forza: altro io non ho. Tu sei la mia pace, la mia libertà. Niente nella vita ci separerà: so che la tua mano forte non mi lascerà. so che da ogni male tu mi libererai e nel tuo perdono vivrò. 1 12

13 2 INCONTRO SIMONE DI CIRENE aiuta Gesù a portare la croce 2° STAZIONE 1 13

14 Dal Vangelo di Luca Mentre lo conducevano via, presero un certo Simone di Cirène che veniva dalla campagna e gli misero addosso la croce da portare dietro a Gesù 1 14

15 Signore a volte cadiamo nel miraggio di una vita tranquilla, chiusi nella propria casa, dove nessuno viene a disturbare; una vita per pensare solo a se stessi e non a chi soffre e domanda il nostro aiuto Abbi pietà di noi Signore e risollevaci. Tu sotto il peso della croce ti lasci schiacciare a terra, tocchi il nostro fondo. Signore, Figlio schiacciato, fa che ci lasciamo risollevare e impariamo a chinarci su chi soffre e a non far finta di non vedere … 1 15

16 1 16

17 SIMONE DI CIRENE E SUO PADRE 1 17

18 GESTO : Togliamo dalla zaino un sasso e lo lasciamo sulla via della croce. Rappresenta la nostra voglia di starcene belli tranquilli dentro la nostra comoda vita. Simone ci lascia in dono una piccola croce, anche noi ogni giorno come lui possiamo essere di aiuto a chi ha bisogno. 1 18

19 PADRE NOSTRO…… 1 19

20 CANTO AMATEVI FRATELLI Amatevi fratelli, come io ho amato voi! Avrete la mia gioia che nessuno vi toglierà! Avremo la sua gioia che nessuno ci toglierà! Vivete insieme uniti come il Padre è unito a me! Avrete la mia vita se l’amore sarà con voi! Avremo la sua vita se l’amore sarà con noi! Vi dico queste parole perchè abbiate in voi la gioia! Sarete miei amici se l’amore sarà con voi! Saremo suoi amici se l’amore sarà con noi! 1 20

21 3° STAZIONE LA VERONICA asciuga il volto di Gesù 1 21

22 Dal Vangelo di Luca: lo seguiva una gran folla di popolo e di donne che si battevano il petto e facevano lamenti su di lui. 1 22

23 Signore, che coraggio ha avuto la Veronica. Si è fatta largo tra i soldati e la gente ed è venuta da te per asciugare il tuo volto. A quel gesto di bontà tu hai voluto aggiungere un incredibile regalo: il tuo volto stampato sul fazzoletto. 1 23

24 Due ragazzi e il coraggio della Veronica 1 24

25 Anche noi vogliamo essere come la Veronica RIPETIAMO INSIEME: mostraci il tuo volto Signore imprimilo nel nostro cuore Signore fa’ che scorgiamo i tuoi lineamenti, nei nostri fratelli. Rit Signore, fa che il nostro volto rifletta a tutti il tuo volto, perché piano piano diventiamo sempre più simili a te. Rit 1 25

26 1 26

27 GESTO : togliamo dalla zaino un sasso e lo lasciamo sulla via della croce. Rappresenta la nostra indifferenza verso chi ci sta accanto. La Veronica ci dona il fazzoletto sul quale è impresso il volto di Gesu’. Il suo agire insegna ad amare con piccoli gesti quotidiani. 1 27

28 PADRE NOSTRO…… 1 28

29 CANTO: SIGNORE DOLCE VOLTO Signore, dolce volto di pena e di dolor, o volto pien di luce, colpito per amor. Avvolto nella morte, perduto sei per noi. Accogli il nostro pianto, o nostro Salvator Nell'ombra della morte resistere non puoi. O Verbo, nostro Dio, in croce sei per noi. Nell'ora del dolore ci rivolgiamo a te. Accogli il nostro pianto, o nostro Salvator

30 Fratelli in cammino verso la sua e la nostra Pasqua 4° STAZIONE I SOLDATI si dividono le vesti di Gesù 1 30

31 Dal Vangelo di Giovanni I soldati poi, quando ebbero crocifisso Gesù, presero le sue vesti e ne fecero quattro parti, una per ciascun soldato, e la tunica. Ora quella tunica era senza cuciture, tessuta tutta d'un pezzo da cima a fondo. Perciò dissero tra loro: Non stracciamola, ma tiriamo a sorte a chi tocca. Così si adempiva la Scrittura: Si son divise tra loro le mie vesti e sulla mia tunica han gettato la sorte. 1 31

32 3 soldati 1 32

33 Ripetiamo: Perdonaci, Signore Quando siamo presi dall’egoismo, raccogliendo tutto per noi PERDONACI SIGNORE Quando siamo violenti e pensiamo che tutto debba essere aggredito e assalito PERDONACI SIGNORE Quando siamo ridotti male perché non sappiamo che cosa significa donare PERDONACI SIGNORE Quando non siamo miti e pazienti PERDONACI SIGNORE. 1 33

34 Lett. Diciamo: Vieni e rivestici tu, Signore Come hai fatto con Adamo ed Eva dopo il loro peccato VIENI E RIVESTICI TU, SIGNORE Q uando facciamo a brandelli la nostra veste di figli VIENI E RIVESTICI TU, SIGNORE Rivestici delle tue vesti di salvezza e del tuo manto di giustizia VIENI E RIVESTICI TU, SIGNORE Quando restiamo nudi per la vergogna per il male che abbiamo fatto VIENI E RIVESTICI TU, SIGNORE 1 34

35 GESTO : Togliamo dallo zaino un sasso e lo lasciamo sotto la croce. Ci ricorda quanto siamo bravi a giudicare e condannare. I soldati ci donano un pezzetto della veste di Gesù. Ci aiuti a rivestirci di Gesù 1 35

36 PADRE NOSTRO…… 1 36

37 CANTO: SERVO PER AMORE Una notte di sudore sulla barca in mezzo al mare e mentre il cielo s’imbianca già, tu guardi le tue reti vuote. Ma la voce che ti chiama un altro mare ti mostrerà e sulle rive di ogni cuore le tue reti getterai. OFFRI LA VITA TUA COME MARIA AI PIEDI DELLA CROCE, E SARAI SERVO DI OGNI UOMO, SERVO PER AMORE, SACERDOTE DELL’UMANITÀ. Avanzavi nel silenzio Fra le lacrime e speravi Che il seme sparso davanti a te Cadesse sulla buona terra. Ora il cuore tuo è in festa Perché il grano biondeggia ormai, è maturato sotto il sole, puoi riporlo nei granai. 1 37

38 Gesù muore per noi 5a stazione 1 38

39 Dal Vangelo secondo Marco (15, 33-37) Venuto mezzogiorno, si fece buio su tutta la terra, fino alle tre del pomeriggio. Alle tre Gesù gridò con voce forte: Eloì, Eloì, lemà sabactàni?, che significa: Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? Alcuni dei presenti, udito ciò, dicevano: “Ecco, chiama Elia!”. Uno corse a inzuppare di aceto una spugna e, postala su canna, gli dava da bere, dicendo: “Aspettate, vediamo se viene Elia a toglierlo dalla croce”. Ma Gesù, dando un forte grido, spirò. 1 39

40 1 40

41 Ha voluto annunciare la bontà di Dio. Ha voluto annunciare la bontà di Dio. Ha voluto distribuire la tenerezza di Dio. Ha voluto distribuire la tenerezza di Dio. Ha voluto offrire il perdono di Dio a tutti, Ha voluto offrire il perdono di Dio a tutti, ne siano degni o indegni. ne siano degni o indegni. A tutti e a tutte! A tutti e a tutte! Ha compiuto la sua missione. Ha compiuto la sua missione. Ha resistito. Ora egli grida e muore sulla croce. Ha resistito. Ora egli grida e muore sulla croce. Avvicinatevi e guardate: colui che è afferrato dalla morte Avvicinatevi e guardate: colui che è afferrato dalla morte come qualunque vivente della terra, è Gesù, è Dio! come qualunque vivente della terra, è Gesù, è Dio! Egli entra nella morte per dire a tutti: Egli entra nella morte per dire a tutti: Non abbiate paura: io sono la Vita! 1 41

42 GESTO : Togliamo dallo zaino un sasso e lo lasciamo sotto la croce, rappresenta la nostra paura della morte come la fine di tutto. Gesù ci dona il pane dell’Eucarestia: la Sua vita in mezzo a noi 1 42

43 CANTO: PANE DEL CIELO Rip: PANE DEL CIELO SEI TU, GESÙ, VIA D'AMORE: TU CI FAI COME TE. No, non è rimasta fredda la terra: Tu sei rimasto con noi per nutrirci di Te, Pane di vita; ed infiammare col tuo amore tutta l'umanità. Sì, il Cielo è qui su questa terra: Tu sei rimasto con noi ma ci porti con Te nella tua casa dove vivremo insieme a Te tutta l'eternità. No, la morte non può farci paura: Tu sei rimasto con noi. E chi vive di Te vive per sempre. Sei Dio con noi, sei Dio per noi, Dio in mezzo a noi. 1 43

44 QUARESIMA 2012 Fratelli in cammino verso la sua e la nostra Pasqua 6° STAZIONE MARIA DI MAGDALA sotto la croce di Gesù 1 44

45 Dal Vangelo di Giovanni Era il giorno della Parasceve e i Giudei, perché i corpi non rimanessero in croce durante il sabato (era infatti un giorno solenne quel sabato), chiesero a Pilato che fossero loro spezzate le gambe e fossero portati via. Vennero dunque i soldati e spezzarono le gambe al primo e poi all'altro che era stato crocifisso insieme con lui. Venuti però da Gesù e vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe, ma uno dei soldati gli colpì il fianco con la lancia e subito ne uscì sangue e acqua. Chi ha visto ne dà testimonianza e la sua testimonianza è vera e egli sa che dice il vero, perché anche voi crediate. Questo infatti avvenne perché si adempisse la Scrittura: Non gli sarà spezzato alcun osso. E un altro passo della Scrittura dice ancora: Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto. 1 45

46 Maria di Magdala Nicodemo 1 46

47 GESTO: togliamo dallo zaino un sasso e lo lasciamo sotto la croce, ci ricorda quando il peccato ci fa morire nello spirito. Gesù ci dona un piccolo cuore rosso è il suo cuore trafitto, un cuore straripante d’amore per noi, capace di far rinascere in noi la VITA 1 47

48 Preghiamo Signore, con le tue braccia inchiodate e spalancate abbracciami e salva il mondo intero. Con il torrente di grazia che esce dal tuo cuore trafitto annega il male che è in noi e riaprici alla Vita ! 1 48

49 PADRE NOSTRO …… 1 49

50 1 50 Gesù abbi misericordia di noi!

51 CANTO. IO VERRO’ A SALVARVI Io verrò a salvarvi tra le genti, vi condurrò nella vostra dimora. Spargerò su voi torrenti d’acque: da ogni colpa sarete lavati. RIT.: Dio ci darà un cuore nuovo, porrà in noi uno spirito nuovo. Voglio liberarvi dai peccati, abbatterò ogni falso Dio. Tolgo il vostro cuore di pietra per regalarvi un cuore di carne. Rit. 1 51

52 Con Maria … aspettiamo la resurrezione di Gesù aprendo il nostro cuore a Lui e ai nostri fratelli 1 52


Scaricare ppt "PARROCCHIA DI VILLAR DORA 15 MARZO 2013 VIA CRUCIS DEI RAGAZZI Parrocchia S. Vincenzo ed Anastasio – Villar Dora 1 1."

Presentazioni simili


Annunci Google