La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Ragioneria generale e applicata - Esercitazioni Dott.ssa Annalisa Sentuti A.A. 2013 – 2014.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Ragioneria generale e applicata - Esercitazioni Dott.ssa Annalisa Sentuti A.A. 2013 – 2014."— Transcript della presentazione:

1 Corso di Ragioneria generale e applicata - Esercitazioni Dott.ssa Annalisa Sentuti A.A – aprile 2014 Scuola di Economia Laurea Triennale in Economia aziendale

2 2 SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI Presentiamo le scritture contabili relative a: 1.acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice (costi d’esercizio); 2.acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta (costi pluriennali); 3.rettifiche su acquisti.

3 3 1. Acquisti nel mercato nazionale dei FATTORI PRODUTTIVI A FECONDITÀ SEMPLICE Si distinguono: a)beni materiali (materie prime, merci, ecc.); b)servizi (beni economici non materiali). a) Le scritture relative agli acquisti di beni materiali possono essere distinte in base all’applicazione della normativa IVA in: i. acquisti di beni soggetti ad IVA (operazioni imponibili); ii. acquisti di beni non imponibili IVA; iii. acquisti esclusi dalla disciplina IVA (operazioni esenti ed escluse); iv. acquisto di beni soggetti ad IVA non rimborsabile; v. autofatturazione.

4 4 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice: BENI MATERIALI a) Piano dei conti utilizzato nelle operazioni di acquisto di beni materiali Conti Economici di reddito, accesi ai costi d’esercizio, per identificare, in Dare, il costo di acquisto di beni materiali (Variazione Economica Negativa) Conti Numerari assimilati, per identificare, in Avere, i debiti di funzionamento (Variazione Numeraria Passiva) Conti Numerari assimilati, per rilevare, in Dare, l’IVA a credito (Variazione Numeraria Attiva) Materie prime c/acquisti Merci c/acquisti Semilavorati c/acquisti Materie sussidiarie c/acquisti Debiti v/fornitori - debiti v/ fornitore x - debiti v/ fornitore y - ecc. Debiti v/imprese controllate Debiti v/imprese collegate Debiti v/controllanti Debiti v/professionisti Debiti diversi IVA ns/credito

5 i) ACQUISTI DI BENI SOGGETTI AD IVA (operazioni imponibili) DareAvereImporto parzialeImporto totale Diversi a Merci c/acquisti IVA ns/credito Debiti v/fornitori 1.000,00 220, ,00 5  Merci c/acquisti: Conto Economico di Reddito acceso ai costi di esercizio, accoglie in Dare una Variazione Economica Negativa (+Costi). In Bilancio, confluisce nel CE  IVA ns/Credito: Conto Numerario Assimilato, accoglie in Dare una Variazione Numeraria Attiva, rappresentata dal credito verso lo Stato (Erario). Il saldo tra Iva a credito e Iva a debito viene regolato con l’Erario.  Debiti vs/fornitori: Conto Numerario Assimilato, accoglie una Variazione Numeraria Passiva, rappresentata dall’aumento dei debiti verso i fornitori. In Bilancio confluisce nello SP, Passivo Esempio. In data 30/06/x, ricevuta fattura n. 318 per acquisto di merci dal fornitore Giallo per 1.000,00 euro + IVA ordinaria. Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice: BENI MATERIALI

6 6 ii) Acquisti di beni non imponibili IVA DareAvereImporto parziale Importo totale Merci c/acquistiDebiti v/fornitori1.000,00  Rientrano in questa tipologia di scritture le importazioni dai Paesi esterni all’UE.  La scrittura non contiene la rilevazione dell’IVA. Esempio. In data 30/06/x, si acquistano merci non soggette ad IVA, documentate da fattura n. 25, per 1.000,00 euro. Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice: BENI MATERIALI

7 7 iii) Acquisti esclusi dalla disciplina IVA DareAvereImporto parziale Importo totale Merci c/acquistiDebiti diversi100,00 Nel caso di pagamento contestuale all’acquisto (ad es. se si acquista da un privato): DareAvereImporto parziale Importo totale Merci c/acquistiCassa100,00 operazioni escluse ai fini IVA; operazioni per le quali non sussistono i presupposti per l’applicabilità del regime IVA. Esempio. In data 30/06/x, si acquistano merci esenti IVA per 100,00 euro. Nel caso di pagamento successivo all’acquisto: Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice: BENI MATERIALI

8 8 iv) Acquisto di beni soggetti ad IVA non rimborsabile DareAvereImporto parziale Importo totale Merci c/acquistiDebiti diversi48.800,00 L’IVA calcolata sull’acquisto di beni non necessari al processo produttivo o non pertinenti l’attività propria dell’impresa, non può essere considerata come credito verso l’Erario, ma come maggior costo per l’impresa (che in questo caso viene considerata «consumatore finale» del bene. Il valore del conto Merci c/acquisti è, quindi, comprensivo di IVA: valore del bene acquistato € IVA = euro. Esempio. In data 30/06/x l’impresa Scarpe&Co. SPA acquista un’imbarcazione da diporto per € + IVA (22%). Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice: BENI MATERIALI

9 9 v) Autofatturazione DareAvereImporto parziale Importo totale Diversi a Merci c/acquisti IVA ns/credito diversi Debiti v/fornitori IVA ns/debito 3.000,00 660, ,00 660, ,00 Se, trascorsi i 4 mesi dall’operazione di acquisto, l’impresa acquirente non ha ancora ricevuto la fattura emessa dal fornitore, per legge è obbligata a emettere «autofattura» entro il 30mo giorno successivo ai 4 mesi. L’azienda direttamente l’IVA all’Erario, anziché al fornitore. Quindi i Debiti v/fornitori sono relativi soltanto al costo della merce. L’IVA a debito viene quindi registrata contestualmente all’acquisto. Esempio. In data 30/06/x l’impresa Giusti, non ricevendo nei termini previsti dalla legge la fattura relativa all’acquisto di merci per € + IVA (22%), emette autofattura. Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice: BENI MATERIALI

10 10 Conti Economici di reddito, accesi ai costi d’esercizio, per identificare, in Dare, il costo di acquisto del servizio (Variazione Economica Negativa) Conti Numerari assimilati, per identificare, in Avere, i debiti di funzionamento (Variazione Numeraria Passiva) Conti Numerari assimilati, per rilevare, in Dare, l’IVA a credito (Variazione Numeraria Attiva) Costi per servizi Spese di trasporto Lavorazioni esterne Consulenze tecniche Servizi di manutenzione Acqua, energia elettrica, gas Pubblicità, Promozione Servizi commerciali vari Servizi amministrativi, telefono Premi assicurativi, Fitti passivi Debiti v/fornitori - debiti v/ fornitore x - debiti v/ fornitore y - debiti v/ fornitore z - ecc. Debiti v/imprese controllate Debiti v/imprese collegate Debiti v/controllanti Debiti diversi IVA ns/credito b) Piano dei conti utilizzati nelle operazioni di acquisto di servizi Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice: SERVIZI

11 11 b)Le scritture relative agli acquisti di servizi possono essere distinte: i)come per i beni materiali, in base all’applicazione della normativa IVA: operazioni imponibili; operazioni non imponibili; operazioni esenti ed escluse; operazioni soggette ad Iva non rimborsabile; autofatturazione; ii)in servizi collegati alle operazioni di acquisto merci ( spese di trasporto, carico e scarico, premi di assicurazione, immagazzinaggio, ecc. ): spese sostenute dall’acquirente delle merci; spese a carico dell’acquirente ma anticipate dal fornitore delle merci e documentate (es. con fattura di trasporto); spese a carico dell’acquirente e addebitate a forfait, dal fornitore delle merci, in fattura; iii)in servizi industriali ( lavorazioni esterne, consulenze tecniche, manutenzione ); iv)in servizi commerciali ( provvigioni intermediari, pubblicità, ecc. ); v)in servizi amministrativi ( premi assicurativi, fitti passivi, telefono, ecc. ). Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice: SERVIZI

12 12 i) Scritture distinte in base alla normativa Iva Acquisti di servizi soggetti ad IVA (operazioni imponibili) DareAvereImporto parziale Importo totale Diversi a Costi per servizi Iva ns/credito Debiti v/fornitori 1.000,00 210, ,00 Acquisti di servizi non imponibili IVA, esenti ed esclusi DareAvereImporto parzialeImporto totale Costi per serviziDebiti v/fornitori1.000,00 Le scritture sono analoghe a quelle relative all’acquisto di beni materiali. A Titolo esemplificativo: Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice: SERVIZI

13 13 ii) Servizi collegati alle operazioni di acquisto merci CASO A – SPESE SOSTENUTE DALL’ACQUIRENTE DareAvereImporto parzialeImporto totale Diversi a Spese di trasporto Iva ns/credito Debiti v/fornitori 100,00 22,00 122,00 Esempio. Riceviamo fattura di acquisto merci dal fornitore Gioioso SPA per IVA, consegna «franco magazzino venditore» (il trasporto della merce è a carico di chi acquista). Riceviamo dall’impresa Trasporti Sicuri srl fattura di 100,00 euro + IVA relativa al servizio di trasporto (l’acquirente riceve direttamente dall’azienda erogatrice del servizio la fattura). Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice: SERVIZI DareAvereImporto parzialeImporto totale Diversi a Merci c/acquisti Iva ns/credito Debiti v/fornitori 2.000,00 440, ,00

14 14 ii) Servizi collegati alle operazioni di acquisto merci CASO B – SPESE ANTICIPATE DAL FORNITORE E DOCUMENTATE DareAvereImporto parzialeImporto totale Diversi a Spese di trasporto Iva ns/credito Debiti v/fornitori 100,00 22,00 122,00 Esempio. Riceviamo fattura di acquisto merci dal fornitore Gioioso SPA per IVA e documentazione delle spese di trasporto anticipate da Gioioso alla ditta Trasporti Sicuri srl pari a 100,00 euro + IVA. Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice: SERVIZI DareAvereImporto parzialeImporto totale Diversi a Merci c/acquisti Iva ns/credito Debiti v/fornitori 2.000,00 440,00 122, ,00

15 15 ii) Servizi collegati alle operazioni di acquisto merci CASO C – SPESE ADDEBITATE A FORFAIT Esempio. Riceviamo fattura di acquisto merci dal fornitore Gioioso SPA per IVA. Il fornitore inserisce in fattura le spese di trasporto sostenute e addebitate a forfait pari a 100,00 euro + IVA. Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice: SERVIZI DareAvereImporto parzialeImporto totale Diversi a Merci c/acquisti Spese di trasporto Iva ns/credito Debiti v/fornitori (Gioioso) 2.000,00 100,00 462, ,00 In questo caso riceviamo un’unica fattura, comprensiva dell’acquisto merci e delle spese di trasporto. L’IVA va calcolata sull’intero ammontare: costo di acquisto merci + spese accessorie

16 16 iii) Acquisto di servizi industriali L’acquisto di servizi industriali può riguardare i seguenti conti Economici di Reddito accesi ai costi d’esercizio: lavorazioni esterne; consulenze tecniche; servizi di manutenzione; costi per energia elettrica; gas; metano e acqua. Esempio: Ricevuta fattura per un servizio di consulenza tecnica dell’importo di 244,00 euro IVA inclusa. DareAvereImporto parzialeImporto totale Diversi a Consulenze Tecniche Iva ns/credito Debiti v/fornitori 200,00 44,00 244,00 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice: SERVIZI

17 17 iv) Acquisto di servizi commerciali L’acquisto di servizi commerciali può riguardare i seguenti conti Economici di Reddito accesi ai costi d’esercizio: provvigioni e oneri ad intermediari; ricerche di mercato; pubblicità, promozioni, sponsorizzazioni; servizi vari commerciali. DareAvereImporto parzialeImporto totale Diversi a Costi per Pubblicità Iva ns/credito Debiti v/fornitori 4.500,00 990, ,00 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice: SERVIZI Esempio: Ricevuta fattura per spese di pubblicità dell’importo di 4.500,00 euro + IVA.

18 18 v) Acquisto di servizi amministrativi L’acquisto di servizi amministrativi può riguardare i seguenti conti Economici di Reddito accesi ai costi d’esercizio: servizi legali, consulenze amministrative (soggetti ad IVA); servizi telefonici, manutenzione macchine d’ufficio, consulenze telematiche (soggetti ad Iva); Premi assicurativi e fitti passivi (operazioni esenti IVA). DareAvereImporto parzialeImporto totale Diversi a Spese telefoniche Iva ns/credito Debiti v/fornitori 400,00 88,00 488,00 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità semplice: SERVIZI Esempio: Ricevuta bolletta telefonica per 488 €, IVA inclusa

19 19 I fattori produttivi a fecondità ripetuta sono definiti tali in quanto cedono la loro utilità a diversi cicli produttivi e in più esercizi. Esaminiamo singolarmente la rilevazione di: a)acquisto di fattori materiali a fecondità ripetuta; b)acquisto di fattori immateriali a fecondità ripetuta; c)oneri accessori; d)acquisizioni di immobilizzazioni con contratto di leasing. La Variazione Economica Negativa, rappresentata dal costo di acquisto di un fattore produttivo a fecondità ripetuta, si registra in conti economici accesi ai costi pluriennali. 2) Acquisti nel mercato nazionale dei FATTORI PRODUTTIVI A FECONDITÀ RIPETUTA

20 20 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI a) Acquisto di fattori materiali a fecondità ripetuta L’acquisto di fattori materiali a fecondità ripetuta (immobilizzazioni materiali) può riguardare i seguenti conti Economici di Reddito accesi ai costi pluriennali: terreni e fabbricati; impianti e macchinari; attrezzature industriali e commerciali. Esempio: Si acquista un impianto, documentato da fattura, dell’importo di ,00 euro + IVA. DareAvereImporto parzialeImporto totale Diversi a Impianti Iva ns/credito Debiti v/fornitori , , ,00

21 21 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI b) Acquisto di fattori immateriali a fecondità ripetuta L’acquisto di fattori immateriali a fecondità ripetuta (immobilizzazioni immateriali) può riguardare i seguenti conti Economici di Reddito accesi ai costi pluriennali: spese di ricerca e sviluppo; diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere d’ingegno; concessioni, licenze e marchi; campagne pubblicitarie che producono effetti di medio-lungo periodo (2-5 anni). Esempio. Si realizza, con un’azienda specializzata, una campagna pubblicitaria che produce effetti per più esercizi, del costo di ,00 euro (+IVA). DareAvereImporto parzialeImporto totale Diversi a Campagna Pubblicitaria x Iva ns/credito Debiti v/fornitori , , ,00

22 22 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. ONERI ACCESSORI c) Oneri accessori Riguardano spese collegate all’acquisto di fattori produttivi a fecondità ripetuta (impianti, macchinari, programmi software, ecc.), come ad esempio, le spese di trasporto, di installazione e di avvio. Esempio. Ricevuta fattura relativa alle spese di installazione e di avvio degli impianti acquistati, per 800,00 euro + IVA. DareAvereImporto parzialeImporto totale Diversi a Impianti Iva ns/credito Debiti v/fornitori 800,00 176,00 976,00 Regola. Gli oneri accessori si considerano di competenza di più esercizi e si portano in aumento del costo di acquisto del bene a cui sono collegati.

23 23 Acquisti nel mercato nazionale dei fattori produttivi a fecondità ripetuta. LEASING d) Acquisizioni di immobilizzazioni con contratto leasing Esempio. In data 25/03/2014 è stato stipulato un contratto di leasing per l’acquisizione di un macchinario alle seguenti condizioni:  01/04/2014: maxicanone iniziale di € + Iva;  in data 01 di ogni mese, pagamento del canone mensile di € + Iva, per un totale di 24 canoni;  26/04/2016: riscatto del bene al prezzo di € + Iva. Rilevazioni relative alle fatture: 1.liquidazione fattura del canone iniziale e delle spese istruttorie; 2.liquidazione fattura canone mensile; 3.riscatto del bene (eventuale). Scritture «di memoria» nei conti d’ordine: 1.stipula del contratto di leasing; 2.liquidazione maxicanone; 3.liquidazione canone mensile; 4.liquidazione prezzo di riscatto del bene (eventuale).

24 24 DareAvereImporto parziale Importo totale Macchinari in LeasingCedenti Macchinari in Leasing I Conti d’Ordine sono conti di memoria e non modificano né lo Stato Patrimoniale né il Conto Economico. In bilancio i conti d’ordine sono esaminati solo nella Nota Integrativa. Il conto Cedenti Macchinari in leasing registra il valore del debito nei confronti del cedente il macchinario in leasing. Il conto Macchinari in leasing registra il valore bene acquisito in leasing. Leasing – Conti d’ordine: stipula del contratto Cedenti Macchinari in Leasing Macchinari in Leasing

25 DareAvereImporto parzialeImporto totale Diversi a Maxicanone iniziale Leasing Iva ns/credito Debiti v/fornitori Liquidazione fattura del maxicanone iniziale Maxicanone iniziale Leasing è un conto Economico di Reddito acceso ai costi pluriennali. E’ un conto atipico. In bilancio, dopo le operazioni di assestamento, confluisce nello Stato Patrimoniale fra i Risconti Attivi. Leasing: liquidazione e pagamento del maxicanone Pagamento maxicanone iniziale DareAvereImporto parzialeImporto totale Debiti v/fornitoriBanca c/c24.400

26 26 Leasing – Conti d’ordine: liquidazione maxicanone Liquidazione maxicanone iniziale. Rilevazione sui conti d’ordine. DareAvereImporto parzialeImporto totale Cedenti Macchinari in LeasingMacchinari in Leasing I Conti d’Ordine Cedenti Macchinari in Leasing e Macchinari in Leasing registrano la diminuzione del valore residuo del Leasing e del debito nei confronti del cedente il macchinario in Leasing. Cedenti Macchinari in Leasing Macchinari in Leasing

27 27 Liquidazione fattura del canone mensile DareAvereImporto parzialeImporto totale Diversi a Canoni di Leasing Iva ns/credito Debiti v/fornitori Canoni di Leasing è un conto Economico di Reddito acceso ai costi d’esercizio. In bilancio confluisce nel Conto Economico, nella voce Costi per godimento beni di terzi. Leasing: liquidazione e pagamento canone mensile Pagamento fattura del canone mensile DareAvereImporto parzialeImporto totale Debiti v/fornitoriBanca c/c2.440

28 28 DareAvereImporto parzialeImporto totale Cedenti Macchinari in LeasingMacchinari in Leasing I Conti d’Ordine Cedenti Macchinari in Leasing e Macchinari in Leasing registrano la diminuzione del valore residuo del Leasing e del debito nei confronti del cedente il macchinario in Leasing. Leasing – Conti d’ordine: liquidazione canone mensile Cedenti Macchinari in Leasing Macchinari in Leasing … … x 24 =

29 29 DareAvereImporto parzialeImporto totale Diversi a Impianti Iva ns/credito Debiti v/fornitori Liquidazione prezzo di riscatto del bene Impianti è un conto Economico di Reddito acceso ai costi pluriennali. In sede di chiusura confluisce nell’Attivo dello Stato Patrimoniale. Leasing: liquidazione e pagamento riscatto Pagamento prezzo di riscatto del bene DareAvereImporto parzialeImporto totale Debiti v/fornitoriBanca c/c14.640

30 30 DareAvereImporto parzialeImporto totale Cedenti Macchinari in LeasingMacchinari in Leasing I Conti d’Ordine Cedenti Macchinari in Leasing e Macchinari in Leasing registrano la diminuzione del valore residuo del Leasing e del debito nei confronti del cedente il macchinario in Leasing. Leasing – Conti d’ordine: riscatto del bene Cedenti Macchinari in Leasing Macchinari in Leasing … … x 24 =

31 31 3) RETTIFICHE SU ACQUISTI Le rettifiche su acquisti (o scritture di rettifica dei costi) si riferiscono a fatti aziendali, successivi a quelli di acquisizione dei beni, volti alla modificazione e alla correzione di un costo di acquisto. Regola. Le rettifiche su acquisti si iscrivono in specifici conti Economici di Reddito accesi alle variazioni d’esercizio (conti unilaterali). Accolgono nella sezione dell’Avere una Variazione Economica Positiva (rettifica di costi). Contabilmente è preferibile che le rettifiche non diminuiscano direttamente i costi di acquisto sostenuti. Le rettifiche possono essere contabilizzate con o senza variazione dell’IVA. Fatti di rettifica: a)resi su acquisti; b)abbuoni e sconti su acquisti; c)premi su acquisti.

32 32 a) Resi su acquisti I resi su acquisti si riferiscono a fattori produttivi materiali a fecondità semplice (merci) rispedite al fornitore, perché non corrispondenti a quanto stabilito: merce eccedente (non corrispondente nella quantità); merce non conforme all’ordine (diversa da quella richiesta); merce difettosa o avariata (non corrispondente nella qualità); merce spedita fuori dai tempi di consegna. Dopo la restituzione delle merci, si riceve dal fornitore una nota di accredito per “merci rese”. La nota costituisce il fatto originario per la rilevazione del fatto amministrativo. Il fornitore ha facoltà di evidenziare nella nota la variazione IVA. DareAvereImporto parzialeImporto totale Debiti v/fornitori adiversi Resi su acquisti IVA ns/debito 280,00 61,60 341,60 Resi su acquisti è un conto Economico di Reddito acceso alle rettifiche di costi 3) RETTIFICHE SU ACQUISTI Esempio: ricevuta nota di accredito dal fornitore A&A per merci difettose restituite per 280 € + IVA

33 33 b) Abbuoni e sconti su acquisti L’azienda può ottenere degli abbuoni o sconti sul costo di acquisto quando si presentano i seguenti casi: Pagamento pronta cassa; Acquisti che superano una certa quantità; In alternativa alla restituzione della merce acquistata, l’azienda chiede degli abbuoni sul costo di acquisto; Per acquisti legati a campagne speciali di vendita del fornitore. Si possono presentare due casi: i) abbuoni e sconti inseriti in fattura; ii) abbuoni e sconti inseriti successivamente all’emissione della fattura. 3) RETTIFICHE SU ACQUISTI

34 34 Esempio. In data 16/03 si acquistano merci per 600,00 euro + IVA ordinaria. i)La fattura riporta uno sconto del 25% sul costo di acquisto. ii)Dopo aver registrato la fattura, si riceve un abbuono pari al 25% del costo di acquisto. i) Sconti inseriti in fattura di acquisto merci DareAvereImporto parzialeImporto totale Diversi a Merci c/acquisti IVA ns/credito (su ) Diversi Sconti su acquisti Debiti v/fornitori 600,00 99,00 150,00 549,00 699,00 ii) Abbuoni ottenuti dopo l’emissione della fattura con nota di accredito con variazione IVA DareAvereImporto parzialeImporto totale Debiti v/fornitori aDiversi Abbuoni su acquisti IVA ns/debito 150,00 33,00 183,00 b) Abbuoni e sconti su acquisti 3) RETTIFICHE SU ACQUISTI Sconti su acquisti è un conto Economico di Reddito acceso alle rettifiche di costi Abbuoni su acquisti è un conto Economico di Reddito acceso alle rettifiche di costi

35 35 Sono generalmente liquidati dal fornitore a fine anno, attraverso emissione di nota di accredito, in base al raggiungimento da parte del cliente di un determinato volume di acquisti. Esempio. Si riceve dal fornitore un premio di fine anno in nota di accredito per 360,00 euro, con variazione IVA. DareAvereImporto parzialeImporto totale Debiti v/fornitoria Diversi Premi su acquisti Iva ns/debito 360,00 79,20 439,200 c) Premi su acquisti 3) RETTIFICHE SU ACQUISTI

36 ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO 1.1/10/20xx: ricevuta fattura n. 87 dalla ditta Pasha srl per acquisto di merci per € + IVA ordinaria (22%). Clausola «franco magazzino venditore». Registrata fattura n. 20 dall’impresa Flash per spese di trasporto pari a 120 € + IVA. Pagamento fattura n. 87 con bonifico bancario su BCC Fano. L’altra per cassa. 2.03/10/20xx: ricevuta fattura n. 76 per acquisto impianto che ammonta a € + IVA e fattura n. 77 per spese di installazione e avvio impianto pari a € + IVA. Pagamento tramite emissione di cambiali. 3.05/10/20xx: ricevuta fattura n. 45 dal fornitore Even per acquisto di materie prime per € + IVA. Spese di trasporto documentate e anticipate per nostro conto alla ditta Flash per 240 € + IVA. Pagamento con assegno bancario Banca Popolare di Ancona. 4.09/10/20xx: ricevuta fattura n. 954 dal fornitore Pinguino S.p.A. relativa al nostro acquisto di merci per € IVA. Sono addebitate forfettariamente in fattura spese di trasporto, carico e scarico per 180 €. Pagamento con postagiro sul conto Bancoposta n /10/20xx: ricevuta fattura n. 98 da Unipol per premi assicurativi per 450 €. Pagamento con carta di credito. 6.19/10/20xx: ricevuta fattura n. 86 da Smack Agenzia Pubblicitaria per spese di pubblicità pari a 850 € IVA inclusa. Pagamento tramite ricevuta bancaria regolata tramite BCC Fano.

37 ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO 7.23/10/20xx: ricevuta fattura n. 75 da By srl per acquisto di materiali di consumo per 187€ +IVA, con sconto di 2 €. Pagamento per cassa. Abbuono di 0,70 € senza variazione IVA. 8.30/10/20xx: ricevuta fattura n. 35 da Sensi SPA per acquisto Software gestionale per 750 € + IVA. Spese di installazione pari a 180 € + IVA. Pagamento con vaglia postale. 9.31/10/20xx: ricevuta fattura n. 43 da Otri SPA per acquisto di merci per € + IVA. Ricevuta nota di accredito per reso di merci eccedenti per € + IVA. Pagamento con bonifico bancario su Banca Popolare di Ancona /11/20xx: ricevuta fattura 548 dal fornitore Braschi per merci che ammonta a € + IVA. Nella fattura è riportato uno sconto del 10% /11/20xx: vengono riconsegnate al fornitore Braschi merci difettose per IVA, ricevendo relativa nota di accredito. Il fornitore concede, inoltre, un abbuono per 500 € + IVA /11/20xx: pagato il fornitore Braschi tramite assegno bancario /11/20xx: stipulato contratto di leasing per l’acquisizione di un Automezzo alle seguenti condizioni: versamento maxicanone iniziale IVA in data 15/11; pagamento 12 canoni mensili di IVA il 15 di ogni mese; prezzo di riscatto al termine di un anno € + IVA.


Scaricare ppt "Corso di Ragioneria generale e applicata - Esercitazioni Dott.ssa Annalisa Sentuti A.A. 2013 – 2014."

Presentazioni simili


Annunci Google