La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

 LA TERAPIA DEL DOLORE NEL BAMBINO GLOSSARIO ED ELEMENTI DI ANATOMOFISIOLOGIA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: " LA TERAPIA DEL DOLORE NEL BAMBINO GLOSSARIO ED ELEMENTI DI ANATOMOFISIOLOGIA."— Transcript della presentazione:

1  LA TERAPIA DEL DOLORE NEL BAMBINO GLOSSARIO ED ELEMENTI DI ANATOMOFISIOLOGIA

2 GLOSSARIO Dolore Allodinia Iperalgesia Iperpatia Ipersensibilizzazione periferica/centrale Dolore cronico Dolore acuto

3 Dolore neuropatico A parità di stimolo, percepisce più dolore un neonato di 31 settimane o un bambino di 3 anni ? Perché ? Dolore fittizio Dolore somatoforme GLOSSARIO

4 30’ di… buon lavoro! GLOSSARIO

5 RESTITUZIONE GLOSSARIO

6 Il dolore è un’esperienza sgradevole sensoriale ed emotiva, associata ad un danno tessutale reale o potenziale, o descritta nei termini di tale danno. Ogni individuo impara l’applicazione della parola dolore per il tramite delle esperienze correlate ai traumatismi della prima infanzia DOLORE

7 Il danno tissutale è in grado, attraverso meccanismi di attivazione a cascata, di amplificare notevolmente la stimolazione del recettore stesso, aumentando pertanto la quota di nocicezione inviata verso le strutture nervose superiori. IPERSENSIBILIZZAZIONE PERIFERICA

8 non coperti da analgesia e ripetuti Stimoli che arrivano dalla periferia a livello midollare, non coperti da analgesia e ripetuti, amplificazione dello stimolo nocicettivo possono a causare una amplificazione dello stimolo nocicettivo, riduzione della soglia algica ed a a livello clinico determinare una riduzione della soglia algica IPERSENSIBILIZZAZIONE CENTRALE

9 dolorosa Percezione dolorosa stimolo di uno stimolo normalmente innocuo ALLODINIA

10 Aumento della risposta ad uno stimolo normalmente doloroso Aumento della risposta ad uno stimolo normalmente doloroso, con ridotta soglia di percezione del dolore. primaria primaria: se il dolore è sentito nella sede dov’è applicato lo stimolo secondaria secondaria: se il dolore è percepito in aree diverse IPERALGESIA

11 abnormemente dolorosa ed esagerata Risposta abnormemente dolorosa ed esagerata ad uno stimolo, specie se ripetitivo IPERPATIA

12 Durata > a tre mesi fattori non collegati alla causa scatenante Perpetuato da fattori non collegati alla causa scatenante Poconeurovegetativa Poco associato a iperattività neurovegetativa componente emotiva Accompagnato da importante componente emotiva (irritabilità, isolamento, depressione) ed alterazione del ritmo circadiano DOLORE CRONICO

13 Origina da anomalie della trasmissione degli impulsi secondarie a lesioni o disfunzioni del sistema nervoso periferico o centrale. Spesso di cronicizza, e si accompagna a iperalgesia, allodinia e/o ad altre modificazioni della sensibilità DOLORE NEUROPATICO

14 consapevole inganno richiesta di aiuto “consapevole inganno”, dentro un quadro di disagio rappresenta una “richiesta di aiuto”. E’ un mezzo cosciente per ottenere fini anche inconsci. Vantaggio secondario Discrepanza racconto-obiettività Perdita scolastica DOLORE FITTIZIO

15 Psicosomatico Psicosomatico: espressione fisica di un problema psicologico, mezzo incosciente per uscire dal disagio DOLORE SOMATOFORME

16 MEMENTO La chiarezza d’uso dei termini, aiuta nella definizione della diagnosi, nella valutazione e misurazione del dolore e nella proposta di un piano terapeutico

17 A parità di stimolo, percepisce più dolore un neonato di 31 settimane o un bambino di 3 anni ? Perché ?

18 PRINCIPI di ANATOMIA e FISIOLOGIA …come dalla fisiologia si arriva alla terapia…

19 NOCICEZIONE

20 … a livello del recettore una forma di energia viene convertita in impulso nervoso elettrochimico nell’afferente primario. Non è un fenomeno ON-OFF Sensibilizzazione periferica TRASDUZIONE

21 limitata e inibita la sensibilizzazione periferica Se viene limitata e inibita la sensibilizzazione periferica, riduce il dolore percepito si riduce il dolore percepito Trauma: l’applicazione di ghiaccio previene la sensibilizzazione periferica: la vasocostrizione determinata dal freddo riduce la flogosi e la liberazione di mediatori, limitando così il fenomeno della sensibilizzazione periferica. da un PUNTO di VISTA PRATICO …

22 ... processo attraverso il quale, l’informazione in codice viene trasmessa a quelle strutture del SN centrale deputate alla elaborazione della sensazione dolorosa primo neurone fibre C fibre C dolore sordo terminano in lamina I e II corno posteriore Midollo Spinale fibre A  fibre A  dolore pungente terminano in lamina V corno posteriore Midollo Spinale corno posteriore Midollo Spinale centralina di elaborazione SENSIBILIZZAZIONE CENTRALE TRASMISSIONE

23 pre-emptive E’ il razionale della una terapia preventiva (pre-emptive), che usata prima che lo stimolo nocicettivo arrivi a livello midollare, riduce l’entità del dolore e la necessita di farmaci. Ricadute pratiche Ricadute pratiche : l’uso di piccole dosi di farmaco oppioide prima di iniziare un intervento chirurgico; l’uso dell’anestesia locale in una sede prima di procedere a incisione e/o procedure diagnostiche terapeutiche in quella stessa sede; la somministrazione ad orario… da un PUNTO di VISTA PRATICO …

24 Secondoneurone vie efferenti motorie sinapsi con le vie efferenti motorie - il riflesso di fuga e sottrazione riflessi simpatici Attivazione dei riflessi simpatici... processo attraverso il quale, l’informazione in codice viene trasmessa a quelle strutture del SN centrale deputate alla elaborazione della sensazione dolorosa TRASMISSIONE

25 Fascio spinotalamico Per la maggior parte fibre che ascendono alle strutture nervose superiori dopo essere passate controlateralmente a livello del midollo spinale. 3° neurone A livello talamico, le fibre prendono sinapsi con fibre che trasmettono l’informazione alla corteccia somatosensoriale.... processo attraverso il quale, l’informazione in codice viene trasmessa a quelle strutture del SN centrale deputate alla elaborazione della sensazione dolorosa Via proprio spinale polisinaptica (fascio Dorso-laterale) Omolaterale, polisinaptica con connessioni a livello ascendente e discendente con la sostanza gelatinosa di Rolando. Trasmissione delle afferenze a livello della sostanza reticolare del midollo allungato e da qui su tutta la corteccia cerebrale. TRASMISSIONE

26 ... processo attraverso il quale, l’informazione in codice viene trasmessa a quelle strutture del SN centrale deputate alla elaborazione della sensazione dolorosa Le connessioni con i centri superiori (sede delle capacità emotive e cognitive) e della sostanza reticolare condizionano e modulano il percepito. EFFETTO DEL RICORDO NEGATIVO EFFETTO DELLO STRESS TRASMISSIONE

27 La ricaduta clinica La ricaduta clinica : annullare un ricordo negativo elimitare lo stress limitano la percezione del dolore modificanola sofferenza emotiva annullare un ricordo negativo (controllando sempre ed in ogni occasione il dolore) e limitare lo stress (con adeguata terapia farmacologica e non farmacologica) limitano la percezione del dolore in ogni situazione e modificano in maniera importante la sofferenza emotiva che l’accompagna. da un PUNTO di VISTA PRATICO …

28 …Attività neurologica di controllo dei neuroni di trasmissione del dolore… - Centrale - Midollare – Periferica … aumentano Le tecniche non farmacologiche aumentano la modulazione inibitoria 2º neurone n. Rafe Magno Bulbo fibra C Corteccia nocicettore mesencefalo grigioperiacqueduttale MODULAZIONE

29 tecniche non farmacologicheaumentano modulazione inibitoria Le tecniche non farmacologiche aumentano a diversi livelli l’attività di modulazione inibitoria: quindi il loro uso, non disgiunto dalla terapia farmacologica, permette un più efficace controllo del dolore da un PUNTO di VISTA PRATICO …

30 … Processo attraverso il quale l’attività dei neuroni nocicettivi di trasmissione produce un fenomeno soggettivo Produzione del fenomeno soggettivo DOVE ? PERCEZIONE

31 approccio globale ed individualizzato Il risvolto clinico che ne deriva è che una terapia antalgica corretta, non può prescindere da un approccio globale ed individualizzato da un PUNTO di VISTA PRATICO …

32 … il dolore NON è riducibile alla semplice conduzione dello stimolo, ma è il risultato di una complessa interazione fra strutture e fenomeni diversi che continuamente modulano ampiezza e qualità della percezione: ESPERIENZA è una ESPERIENZA SOMATO – PSICHICA SOGGETTIVA

33 A parità di stimolo, percepisce più dolore un neonato di 31 settimane o un bambino di 3 anni ? Perché ?

34  MEMENTO 1. Il neonato ed il bambino percepiscono il dolore 2. A parità di stimolo, il neonato percepisce più dolore 3. Stimoli dolorosi ripetuti, senza copertura analgesica, determinano modificazioni strutturali e funzionali persistenti del sistema nocicettivo 4.A tutte le età, uno stimolo doloroso lascia traccia nella memoria

35  5.A tutte le età è possibile la cronicizzazione del dolore 6.Gli effetti negativi del dolore sulla prognosi attuale e futura, sono maggiori in età neonatale-pediatrica rispetto le età successive 7.Una adeguata terapia antalgica, annulla tutti gli effetti negativi del dolore (attuali ed a distanza) MEMENTO


Scaricare ppt " LA TERAPIA DEL DOLORE NEL BAMBINO GLOSSARIO ED ELEMENTI DI ANATOMOFISIOLOGIA."

Presentazioni simili


Annunci Google