La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ORIENTAMENTO CONSAPEVOLE Costruiamo il tuo futuro La teoria delle scelte individuali e collettive: il ruolo dell’Economia Politica Prof. Ernesto Somma.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ORIENTAMENTO CONSAPEVOLE Costruiamo il tuo futuro La teoria delle scelte individuali e collettive: il ruolo dell’Economia Politica Prof. Ernesto Somma."— Transcript della presentazione:

1 ORIENTAMENTO CONSAPEVOLE Costruiamo il tuo futuro La teoria delle scelte individuali e collettive: il ruolo dell’Economia Politica Prof. Ernesto Somma

2 Il termine economia... Deriva da una parola greca (οικονομìα, si legge: oiconomìa) che significa “ gestione (delle cose) della famiglia/società ”

3 In una famiglia/una società vi sono molte decisioni da prendere Chi lavora? Chi studia? Cosa e quanto produrre? Quali risorse impiegare? A quali prezzi vendere i beni ?

4 Scarsità, efficienza e gestione Le decisioni sono facili se vi sono risorse abbondanti (= non scarse) Se le risorse sono scarse, sorge il problema di un uso efficiente delle stesse: ovvero, di una gestione che eviti gli sprechi. Da qui il legame fondamentale tra scarsità e gestione efficiente

5 Riassumendo L ’ economia è lo studio del modo in cui i soggetti decisori gestiscono le proprie risorse scarse Essenzialmente, la microeconomia è una teoria delle scelte, sia quelle individuali sia quelle effettuate dalla “ società ”.

6 Come fa “ la società ” a prendere le decisioni ? Il funzionamento economico delle società contemporanee è il prodotto delle decisioni di una molteplicità di individui. Non c ’ è qualcuno che decida su tutto. La teoria economica studia: A.Come gli individui formulano le proprie decisioni B.Come gli individui interagiscono tra loro C.Le forze e le tendenze che influenzano l ’ economia nel suo complesso – A e B: oggetto della Microeconomia – C: oggetto della Macroeconomia

7 I sette principi della microeconomia L ’ economia si può utilmente introdurre (secondo Mankiw) in 10 principi, di cui 7 relativi alla microeconomia Quattro riguardano il punto A, le decisioni individuali 1. Gli individui devono affrontare sceltealternative (trade-off) 2. Il costo di qualcosa è ciò a cui si deve rinunciare per ottenerla 3. Gli individui razionali pensano “ al margine ” 4. Gli individui rispondono agli incentivi

8 I sette principi della microeconomia Altri tre principi riguardano il punto B, l ’ interazione tra individui 5. Lo scambio può rappresentare un vantaggio per tutti 6. I mercati rappresentano di solito uno strumento efficace per organizzare l ’ attività economica 7. L ’ intervento pubblico, a volte, può migliorare il risultato del mercato

9 1. Gli individui devono affrontare scelte alternative Per ottenere qualcosa di solito siamo costretti a rinunciare a qualcos ’ altro Il Principio 1 deriva dalla scarsità delle risorse, e descrive un elemento cruciale di una scelta informata Esempi  Burro o cannoni  Tempo libero o lavoro o studio  Produzione o inquinamento  “ Efficienza ” o “ equità ”

10 1. Gli individui devono affrontare scelte alternative Efficienza: significa che la società ottiene il “ massimo ” possibile dalle proprie risorse (senza “ sprechi ” ). Equità: significa che i benefici che discendono dalle risorse di una società sono distribuiti in modo “ equo ” tra i suoi membri.

11 2. Il costo di qualcosa è ciò a cui si deve rinunciare per ottenerla Scegliendo, gli individui razionali confrontano costi e benefici di un ’ azione con quelli connessi con azioni alternative Per esempio: qual è il vero costo di frequentare l ’ università?

12 2. Il costo di qualcosa è ciò a cui si deve rinunciare per ottenerla Contano i “ costi opportunità ”, non solo i costi direttamente monetari Costo opportunità è ciò a cui si è costretti a rinunciare per ottenere un certo bene

13 3. Gli individui razionali pensano “ al margine ” Le variazioni marginali sono modesti cambiamenti incrementali rispetto a un piano d ’ azione predefinito Gli individui solitamente decidono sulla base di costi e benefici al margine, non di costi e benefici “ medi ” Esempio: le compagnie aeree e gli sconti per i viaggiatori “ last minute ”

14 4. Gli individui rispondono agli incentivi Gli individui razionali “ rispondono agli incentivi ”, cioè decidono confrontando costi e benefici marginali Una scelta è preferita ad un ’ alternativa quando: BMa > CMa (BMa = Benefici marginali; CMa = Costi marginali) E ’ importante saperlo anche per politici e legislatori – Esempio: sussidi a tutti i disoccupati o solo a chi segue un corso di riqualificazione?

15 5. Lo scambio può rappresentare un vantaggio per tutti Gli individui possono trarre beneficio dalla possibilità di reciproci rapporti di scambio Lo scambio permette la specializzazione individuale in ciò che si sa fare meglio (specializzazione  efficienza) Quel che vale tra le famiglie di uno stato vale tra gli stati (ex Italia/Cina): si è potenzialmente più partner che competitori!

16 6. I mercati rappresentano di solito uno strumento efficace per organizzare l ’ attività economica In un ’ economia di mercato: Gli individui (le famiglie) decidono a chi offrire il proprio lavoro e che cosa acquistare con il reddito ricavato Le imprese decidono chi assumere e che cosa produrre L ’ intero processo non è pianificato da nessuno ma viene guidato dai prezzi

17 6. I mercati rappresentano di solito uno strumento efficace per organizzare l ’ attività economica Gli individui e le imprese operanti su un mercato concorrenziale sono guidati da una sorta di “ mano invisibile ” verso un assetto sociale in cui non vi sono sprechi. In particolare, la libera concorrenza non è distruttiva, ma benefica. Perciò, ogni interferenza col sistema competitivo di formazione dei prezzi rischia di generare inefficienze.

18 7. L ’ intervento pubblico, a volte, può migliorare il risultato del mercato Quando il mercato fallisce, il governo può (direttamente o indirettamente) intervenire per promuovere l ’ efficienza e/o l ’ equità, ovvero per ripristinare il libero operare delle forze della concorrenza, o per distribuirne i risultati in modo più equo.

19 7. L ’ intervento pubblico, a volte, può migliorare il risultato del mercato Fallimento del mercato: caso in cui il mercato non riesce ad allocare le risorse in modo efficiente Esempio 1: Esternalità (lo scambio tra due individui può generare un effetto “ esterno ” su di un terzo individuo) Esempio 2: Potere di mercato (la capacità di determinati soggetti, per esempio un monopolista, di influenzare la formazione dei prezzi a loro favore)

20 7. L ’ intervento pubblico, a volte, può migliorare il risultato del mercato Se il mercato fallisce, l ’ intervento pubblico può talvolta correggere le esternalità con un sistema di tasse o sussidi, e eliminare il potere di mercato con politiche di tutela della concorrenza Ci sono però anche i Fallimenti dello Stato, ovvero: non sempre l ’ intervento pubblico mira all ’ efficienza, o è effettivamente in grado di perseguirla più efficacemente del mercato

21 Conclusioni Quando gli individui prendono delle decisioni, essi devono affrontare scelte alternative Gli individui razionali prendono decisioni mettendo a confronto costi e benefici marginali

22 Conclusioni Lo scambio può rappresentare un vantaggio per tutti I mercati rappresentano di solito uno strumento efficace per organizzare l ’ attività economica L ’ intervento pubblico può talvolta migliorare il risultato del mercato

23 Pensare da economista

24 L ’ economia insegna a.... Pensare in termini di alternative Comprendere i costi delle scelte individuali e sociali Vedere i pro e i contro di eventi e controversie

25 Economia come scienza L ’ Economia è una scienza (come per esempio la Biologia) perché usa il metodo scientifico Metodo scientifico – L ’ uso di Modelli astratti ( “ teorie ” ) per capire la realtà (il ruolo delle ipotesi di lavoro) – La raccolta ed analisi dei dati per verificare le teorie

26 Economia come scienza SOCIALE L ’ economia, diversamente dalla biologia, è una scienza sociale – Il suo laboratorio è la società Perciò è (quasi) impossibile fare prove ripetute di laboratorio, ed è più difficile “ verificare ” le teorie economiche – Esperimenti “ naturali ” (storici)

27 Teoria e pratica “La pratica senza la teoria è cieca, come cieca è la teoria senza la pratica.” (Protagora) “Quelli che s'innamoran di pratica sanza scienzia son come 'l nocchier ch'entra in navilio senza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada. Sempre la pratica deve essere edificata sopra la bona teorica.” (Leonardo da Vinci)

28 Il nostro primo modello: il diagramma del flusso circolare Il diagramma del flusso circolare descrive in modo semplificato il funzionamento di un ’ economia di mercato Solo famiglie e imprese Niente settore pubblico, niente settore estero

29 Il diagramma del flusso circolare poco alla volta

30 Il diagramma del flusso circolare

31

32

33

34

35

36

37

38

39 Spesa Acquisto di beni e servizi Ricavo Vendita di beni e servizi Terra, lavoro, e capitale Reddito =Flusso di beni e servizi =Flusso di moneta Fattori di produzione Salari, rendite e profitti IMPRESE Producono e vendono beni e servizi Utilizzano fattori di produzione e assumono manodopera. Comprano e assumono beni e servizi. Possiedono e cedono fattori di produzione FAMIGLIE Le famiglie vendono Le imprese comprano MERCATI DEI FATTORI DI PRODUZIONE Le imprese vendono Le famiglie comprano MERCATI DI BENI E SERVIZI Figura 2-1

40 Riassunto sul diagramma del flusso circolare Cosa si impara da questo modello ? Due cose I medesimi agenti (famiglie, imprese) possono ricoprire ruoli diversi su mercati diversi L ’ economia di mercato è un ’ economia monetaria (i beni e i fattori vanno in una direzione, la moneta nella direzione opposta), e la moneta evita la ricerca di doppia coincidenza di bisogni (abbassando i cosiddetti “ costi di transazione ” )

41 Il nostro secondo modello: la curva delle possibilità di produzione Curva delle possibilità di produzione = è un grafico con combinazioni di produzione efficienti in un sistema economico con due beni Dati: risorse disponibili e stato della tecnologia

42 La curva delle possibilità di produzione A Numero di automobili prodotte Numero di computer prodotti 4 000

43 La curva delle possibilità di produzione Curva delle possibilità di produzione A B C Numero di Automobili prodotte ,000 Numeri di computer prodotti D

44 I concetti illustrati dalla curva delle possibilità di produzione Efficienza: A,C Inefficienza: B Scelte alternative: A, B, C Misura del costo opportunità Si noti che la frontiera è concava, riflettendo un costo opportunità variabile Crescita economica

45 La curva delle possibilità di produzione A Numero di automobili prodotte Numero di computer prodotti 4 000

46 La curva delle possibilità di produzione A Numero di automobili prodotte Numero di computer prodotti 4 000

47 La curva delle possibilità di produzione: crescita A Numero di automobili prodotte Numero di computer prodotti E

48 Analisi positiva e normativa Un ’ affermazione positiva spiega il mondo come è (a giudizio di chi la fa)  E ’ parte di un ’ analisi descrittiva Un ’ affermazione normativa riguarda il mondo come dovrebbe essere (a giudizio di chi la fa)  E ’ parte di un ’ analisi prescrittiva

49 Due ruoli dell ’ economista Quando un economista cerca di spiegare il mondo, svolge il ruolo di uno scienziato Quando un economista cerca di migliorare il mondo, svolge il ruolo di un politico (policy maker) La distinzione riflette quella tra analisi descrittiva e prescrittiva

50 Esempi di Analisi positiva Un aumento del salario minimo provocherà una riduzione dell ’ occupazione tra i lavoratori meno qualificati Un aumento dell ’ imposta sulla benzina fa diminuire di poco l ’ uso dell ’ automobile

51 Esempi di Analisi normativa I guadagni di reddito derivanti da un salario minimo più alto valgono di più di una lieve riduzione dell ’ occupazione I governi dovrebbero riscuotere dalle multinazionali del tabacco i costi delle cure delle malattie causate dal fumo

52 Perché gli economisti non sono sempre d ’ accordo tra loro Gli economisti possono non essere d ’ accordo sulla validità di teorie positive alternative sul funzionamento del sistema economico Gli economisti possono avere valori diversi e, perciò, diverse posizioni normative Es: tasse sull ’ uso delle risorse pubbliche Infine, ci sono ovviamente economisti bravi e meno bravi

53 Conclusioni Gli economisti usano il metodo scientifico (modelli e ipotesi + analisi dei dati) L ’ economia è tuttavia una scienza sociale Gli economisti fanno analisi positive e normative Gli economisti hanno spesso (ma non sempre!) opinioni diverse


Scaricare ppt "ORIENTAMENTO CONSAPEVOLE Costruiamo il tuo futuro La teoria delle scelte individuali e collettive: il ruolo dell’Economia Politica Prof. Ernesto Somma."

Presentazioni simili


Annunci Google