La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il cibo e i banchetti. Gli alimenti puls Plauto, il punico, 54 chiama i romani con termine greco pultiphagonides = mangiatori di “polenta” Zuppa di cereali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il cibo e i banchetti. Gli alimenti puls Plauto, il punico, 54 chiama i romani con termine greco pultiphagonides = mangiatori di “polenta” Zuppa di cereali."— Transcript della presentazione:

1 Il cibo e i banchetti

2 Gli alimenti

3 puls Plauto, il punico, 54 chiama i romani con termine greco pultiphagonides = mangiatori di “polenta” Zuppa di cereali selvatici, legumi e pezzetti di carne

4 Pane Napoli, Museo archeologico nazionale da Pompei

5 Alimento base (panem et circenses) Pane di farina di farro (confarreatio) Pane di farina di frumento introdotto nel III sec. a.C. circa Lievito (più tardo) confezionato una volta l’anno durante la vendemmia con mosto d’uva e pasta fermentata

6 Tipi di pane Cibarius Secundarius Plebeius Rusticus Castrensis Nauticus Parthicus Alexandrinus

7 Modi di cottura Nel forno (furnaceus) Fatto in casa (artopticus) Sulla parte di un vaso arroventato (clibanicus) Sotto la cenere (focacius)

8 Formati di pane Filoni Panis quadratus (Pagnotte tonde con incisioni a croce per dividerle in porzioni=quadra) Forme varie (anche oscene) Marziale (IX 2 e XIV 70) ne menziona alcuni a forma di vagina e di membro virile

9 Industria del pane Introdotta nel 171 a.C. (Plinio XVIII ) Pistores riuniti anche in collegio Panis gradilis (gratuito, distribuito sui gradus=gradini agli aventi diritto) Panis fiscalis (pane di stato venduto a prezzo fisso)

10 Un industriale di successo Roma, Porta Maggiore Tomba di Eurisace (40-30 a.C.)

11 Carne e pesce Animali da cortile (maiali, polli, conigli, agnelli e capretti) Buoi (solo in occasione di sacrifici) Selvaggina Tutti i tipi di pesce (allevati nelle peschiere) Frutti di mare

12 Selvaggina

13 Napoli, Museo Archeologico Nazionale

14 Al mercato Ostia, Museo Ostiense

15 Ampia scelta Roma, Collezione Torlonia

16 Dal macellaio Dresda, Staatliche Kunstsammlungen

17 Verona, Museo archeologico (da Aquileia) Roma, Villa Albani

18 Uova e formaggi Alla coque Sode Strapazzate Oxygala (una sorta di yogurt) caseus

19 Verdure RapeCicoria BietaCarciofi LattugaCetrioli Ravanelli Aglio Carote Cipolle Cavoli Porri Funghi legumi (fave, lenticchie, piselli) zucche

20 Napoli, Museo Archeologico Nazionale

21 Frutta a volontà

22 Selvatici (nocciole, pruni, corniole, sorbe, more, fragole, mirtilli, pinoli, castagne, ghiande) Coltivati (mele, pere, uva, fichi, olive) Importati (pesche, melograni, albicocche, ciliege, cedri, limoni, nespole, pistacchi, mandorle) Datteri, meloni, angurie

23 Napoli, Museo Archeologico Nazionale

24 Vari tipi di mele

25 Napoli, Museo Archeologico Nazionale

26 Dolci La cassata di Poppea Oplontis

27 Il vino: bevanda divina Alimento legato alla sfera religiosa consumato (soprattutto a cena) da tutti, compresi gli schiavi e gli animali

28 Feste del vino 19 agosto: vinalia rustica (vendemmia primiziale) leggenda di Atto Navio 11 ottobre: Meditrinalia (festa dell’imbottatura) 23 aprile: vinalia priora (immissione al consumo) mito di Mezenzio e Enea

29 La coppa di Mezenzio Parigi, Museo del Louvre (da Cerveteri)

30 Usi e abusi Eccitante, afrodisiaco Pericoloso, ubriachezza Effetti del vino:

31 Le donne e il vino Gellio, Notti attiche, X 23 Gli autori... dicono che in Roma e nel Lazio le donne vivevano astemie (sempre cioè si astenevano dal vino, che nella lingua antica si chiamava temetum); che... dovevano porgere il bacio ai familiari: l'odore dell'alito avrebbe rivelato se avevano bevuto; che esse usavano bere vinello, vino passito, vino alla mirra e altre simili bevande di gusto dolce. Marco Catone riferisce che le donne venivano non solo biasimate ma addirittura punite dal giudice quando avessero bevuto, non meno che se avessero commesso onta e adulterio.

32 Una donna che bevve vino Roma, Musei Capitolini

33 CIL VI (cfr. p. 3523) = CLE 495 (da Roma hoc iacet in tumulo secura Glyconis honesto. / Dulcis nomine erat, anima quoque dulcior usque / qu(a)e nu(n)cquam tetricos egit sibi lucis honores / set magi(s) lascivos suabes Bacchoq(ue) madere, / simplicitate sequi cantus. Mollesq(ue) coronas / lusibus ipsa suis generabat saepe et amore / dulce sibi natisque suis quos pube reliquit, / Castorea fratres sub imagine quos generavit. / Digna quidem frui perpetua de luce benigna / set celerat quo nos fata benigna vocant. / P(ublius) Mattius Chariton coniugi b(ene) m(erenti) f(ecit). In questa onesta tomba, giace serena Glyconis: era dolce nel nome,ma ancor più dolce nell’anima. Non si curò mai degli onori della vita per lei (troppo) austeri, ma piuttosto sfrenati e piacevoli, (preferì) essere inebriata dal vino (Bacchus) ed eseguire canti con semplicità. Spesso come divertimento lei stessa intrecciava con dolce amore morbide corone (di fiori) per sè e per i suoi figli che lasciò nella pubertà, (figli) che generò fratelli ad immagine dei Castori. Degna sì di godere una beata vita eterna, si affretta però dove i fati benigni (ci) chiamano. Publius Mattius Chariton fece (fare il sepolcro) per la benemerita moglie

34 I pasti principali Ientaculum (colazione) Ore 8/9 del mattino (pane, cipolle, verdure, fichi, formaggio) Prandium pranzo di mezzogiorno (verdure, pesce, uova e funghi) Cena

35 Pasto principale Tra le 14 e le16 a seconda della stagione Piatto tradizionale: puls (polenta di grano bollita in molta acqua) Tre portate (tria fercula): Antipasto Piatto principale Dessert (mensae secundae)

36 L’alimentazione dei bei tempi antichi Ovidio, Fasti, VI Domandi perché in queste Calende si mangi del grasso lardo, e si mescolino fave insieme con farro caldo? Carna è divinità antica, e si nutre di cibi un tempo consueti, non è di gusti raffinati e non chiede vivande esotiche. I pesci nuotavano senza tranelli da parte della gente di allora, e le ostriche stavano sicure nelle loro valve; il Lazio non conosceva il volatile offerto dalla ricca Ionia, né quello che si nutre gustando il sangue dei Pigmei; e il pavone per nulla piaceva, se non per il piumaggio, né la terra aveva prima mandato bestie catturate.

37 Ofello Orazio, Satire, II 2 «Non a occhi chiusi io, nei giorni feriali, di niente altro mi cibai che d'erbaggi, con un piede di prosciutto affumicato; ma se a me, dopo lunga assenza, si presentava un ospite, ovvero il vicino, gradito commensale, quando ero libero dai lavori a causa della pioggia, allora si, che ci si dava alla pazza gioia, non con pesci comprati in città, ma col pollo e il capretto; quindi l'uva sospesa al solaio, e la noce con i fichi doppiati rallegrava le seconde mense. In fine del desinare, s'impiantava il giuoco del bere, con la penitenza per chi sbagliava; e Cerere, invocata a far crescere rigogliose le spighe, rasserenava col bicchiere le fronti annuvolate,

38 Un “tirchio” inguaribile Catone, l’agricoltura, 56: RAZIONI ALIMENTARI PER GLI SCHIAVI…in inverno 4 libbre di pane al giorno, quando cominceranno a zappare la vigna 5 libbre, finché non cominceranno a mangiare fichi, poi si tornerà a 4 libbre

39 Alcuni “menù” 1. Antipasti: lattuga, porri, tonno con uova strapazzate; piatto principale: cavolo verde, salsicciotti con besciamella, fagioli con lo speck; dessert: uva passa, pere, castagne (Marziale V, 78). 2. Antipasti: malva, erbe di campo, lattuga, erba cipollina, menta, uova sode con sugherello (pesce), mammella di scrofa in salsa di tonno; piatto principale: capretto con fagioli, cavolo, polletto, prosciutto; dessert: frutta (Marziale IX, 48). 3. Antipasti: lattuga, aglio, tonno essiccato, uova con foglie di ruta, uova sode, formaggio, olive; piatto principale: pesce, cozze, mammelle in salsa acida, pollame e selvaggina; dessert: non specificato (Marziale IX, 52 );

40 4. Antipasti: insalata, tre lumache, due uova a testa; piatto principale: minestra di farro; dessert: olive, bietola, cetrioli, cipolle e «migliaia di cose appetitose» (Plinio il Giovane, Lettere, I, 15). 5. Antipasti: asparagi, uova; piatto principale: capretto; dessert: uva, pere, mele (Giovenale XI, 65 sgg.). 6. Antipasti: prosciutto, verdure; piatto principale: capretto, pollo; dessert: uva, noci, fichi (Orazio, Satire II, 116 sgg.).

41 Un menù illustrato Tunisi, Museo del Bardo (fine II sec. d.C.) da El Jem

42 Il banchetto Cena di gala Apparato sontuoso Cibi prelibati Spettacolo Commisatio: intervallo prima del dessert in cui si discute e si gusta il vino buono

43 Gli invitati Numero ideale di commensali: da 3 (le Tre Grazie) a 9 (le Nove Muse) Gli uomini mangiano sdraiati sui letti triclinarii Le donne prima escluse poi ammesse ma mangiano sedute Gli ospiti dell’ultimo minuto (umbrae) mangiano seduti

44 Pizzoli, chiesa di S. Stefano (da Amiterno)

45 Svolgimento del banchetto Ospiti sdraiati sui letti e vestiti con abiti comodi (vestis coenatoria, synthesis) senza cinte né nodi Schiavetti lavano mani e piedi degli ospiti Preghiere agli dei (Vesta dea della casa del focolare; Ercole “santo bevitore”) Invocazione al Genio del padrone di casa

46 “ab ovo usque ad mala” Orazio, Satire, I 3, 6 GUSTATIO (antipasti) Sacrificio ai Lari COENA Conversazione e COMMISATIO (brindisi) Spettacoli (intermezzi musicali, teatrali) Buffoni, giullari, acrobati, scimmie ammaestrate, danzatrici del ventre SECUNDAE MENSAE (frutta e dolci)

47 I posti a tavola Ospite di riguardo Padrone di casa

48 Buone maniere a tavola Le insane liti e gli odiosi litigi rinvia, se puoi; altrimenti, vattene a casa tua. allontana il volto lascivo e gli occhi languidi dalla moglie di un altro, il pudore sia sulla tua bocca L'acqua lavi i piedi, e li asciughi bagnati uno schiavo; una tovaglia copra il letto, fai attenzione ai nostri lini CIL IV, 7698 = F. Buecheler - E. Lommatzsch, Anthologia Latina 2. 3: Supplementum (Stuttgart 1982) 75, nr = AE 2001, 799 (Pompei, Casa del Moralista) [Insanas?] lites odiosaque iurgia differ si potes, aut gressus ad tua tecta refer lascivos voltus et blandos aufer ocellos coniuge ab alterius, sit tibi in ore pudor abluat unda pedes puer et detergeat udos, mappa torum velet, lintea nostra cave

49 Napoli, Museo Archeologico Nazionale

50 Consigli a una signora Ovidio, L’arte di amare, III 755 ss. Tu aspetti con ansia che io ti conduca ai banchetti, e chiedi anche su questo argomento i miei consigli. Arriva tardi e, dopo che si sono accese le lucerne, avanza con grazia: verrai gradita per l'attesa; l'attesa è la più grande mezzana; anche se sarai brutta, a chi ha bevuto sembrerai bella; e la notte getterà un velo sui tuoi difetti. Prendi i cibi con la punta delle dita (ha una sua importanza il comportamento nel mangiare), con la mano sporca non ungerti tutto il viso; non mangiare cibo prima, a casa tua, ma finisci di mangiare prima di essere sazia; mangia un po' meno di quanto puoi mangiare. Se il figlio di Priamo vedesse Elena mentre mangia avidamente, l'odierebbe e direbbe: « Che furto sciocco è stato il mio! ».

51 “Licenze” imbarazzanti Ovidio, L’arte di amare, III 755 ss. È... opportuno...il bere alle donne...Anche questo sta bene, finché la testa lo sopporta, e la mente e le gambe non vacillano e tu non vedi doppia la cosa che è una. Ma è spettacolo indecente una donna che giace ubriaca fradicia: quella è degna di subire qualsiasi amplesso. Ed è pericoloso cedere al sonno, sulla mensa imbandita: durante il sonno sono solite accadere molte cose vergognose.

52 “Ospitalità” imperiale Svetonio, Vita di Claudio, 32 Diede conviti lauti e frequenti... A ogni cena ammetteva anche i suoi figli insieme con fanciulli e fanciulle nobili che mangiavano sedendo all'uso antico presso i piedi dei letti. A un convitato, che si diceva avesse sottratto il giorno precedente una coppa d'oro, invitatolo anche il giorno dopo mise innanzi un calice di argilla. Si dice inoltre che avesse meditato un editto per conceder licenza di lasciare uscir fuori durante il pasto le flatulenze dello stomaco e i crèpiti del ventre, avendo risaputo che un tale aveva corso pericolo dall'essersi per vergogna trattenuto.

53 Petronio, Satyricon, 47, se qualcuno di voi avrà da fare un bisogno, non c'è da vergognarsi. Nessuno di noi è nato d'un pezzo. A mio parere, non esiste una tortura come trattenersi. È la sola cosa che neanche Giove ha il potere di proibire. Eh, tu ridi, Fortunata, che di notte così spesso non mi lasci prender sonno! Ad ogni modo, qui nel triclinio io non proibisco a nessuno di fare i suoi comodi, che anche i medici proibiscono di trattenersi. E, se vi viene da fare qualcosa di più, fuori c'è tutto pronto: acqua, pitali, ammenicoli vari. Credete a me, se il meteorismo raggiunge il cervello, produce flussioni anche nel resto del corpo. So di molti che ci son morti…. Un “ospite” disinibito

54 “apophoreta” Marziale, Epigrammi, libro XIV Petronio, Satyricon, 56, cominciano a far girare una coppa piena di biglietti della lotteria e uno schiavetto addetto a questo compito estrae i numeri leggendo ad alta voce le scritte sui premi. «Argentum sceleratum» «Argento al prosciutto»: portano un prosciutto con sopra dei bussolotti d'argento. «Cervical» «Cuscino»: ed ecco arrivare un pezzo di capicollo. «Serisapia et contumelia» «Scemenze e insulti»: e sono offerte delle gallette scipite insieme a una mela con dentro uno stecco. «Porri et persica» «Porri e pesche»: e vengono consegnati una frusta e un coltello. «Passeres et muscarium» «Passeri e moscato»: e arrivano uva passa e miele dell'Attica. « Cenatoria et forensia»«Per la tavola e per il tribunale»: e ci becchiamo un pasticcino e tavolette. «Canale e pedale»: ed eccoti una lepre e una suola di scarpa. «Murena et littera»: e ci presentano un sorcio legato a una rana e con un fascio di bietole. Ce la ridiamo di gusto. Di messaggi così ne passano una marea, ma ormai chi li ricorda più?

55 Petronio, Satyricon, 60, 1-6. …all'improvviso il soffitto si mise a scricchiolare e l'intera sala da pranzo a tremare. Spaventato, io mi alzai in piedi nel timore che qualche acrobata calasse giù dal tetto. Non meno sbalorditi, gli altri commensali sollevarono lo sguardo per vedere quale novità si annunciasse dal cielo. Ecco allora aprirsi i cassettoni del soffitto e a un tratto scendere un enorme cerchio, staccato evidentemente da una grande botte, con appese tutto intorno delle corone d'oro e delle ampolle di alabastro piene di profumo.

56 Storia Augusta, Vita di Eliogabalo, 21, 5 «Facendo azionare il soffitto girevole di certi triclini, sommergeva i suoi parassiti con una pioggia di viole e altri fiori, tanto che alcuni, non riuscendo a risalire in superficie, vi morirono soffocati» L. Alma-Tadema Le rose di Eliogabalo 1888 coll. privata

57 Superstizioni a tavola Si usa solo la destra Non si deve rovesciare il sale Non si infilza la carne con il coltello (si usano solo cucchiai) Non si pronuncia la parola fuoco; se accade bisogna gettare acqua sotto la tavola Bisogna rompere i gusci delle uova e dei molluschi

58 Un gallo di malaugurio Petronio, Satyricon, 74 Mentre stava dicendo queste cose, un gallo cantò. Turbato da quel canto, Trimalchione ordinò di versare del vino sotto la tavola e di spruzzarne anche la lucerna. Poi passò l'anello nella mano destra e disse: «Non è senza ragione che questo trombettiere ha dato il suo segnale: o sta per scoppiare un incendio, o qualcuno nelle vicinanze sta per lasciarci l'anima. Alla larga! E perciò chiunque mi porterà questo profeta di sventure avrà una ricompensa». Detto, fatto: gli fu portato un gallo dei dintorni, che Trimalchione ordinò di cuocere in pentola. Fatto a pezzi, dunque, da quell'abilissimo cuoco, che poco prima con un maiale aveva fatto uccelli e pesci, fu buttato nella pignatta. E mentre Dedalo assaggiava il brodo bollente, Fortunata macinava del pepe in un macinino di bosso.

59 Tavola si identifica con la terra Il pavimento è il regno dei morti Il cibo caduto da tavola appartiene ai morti Non si può spazzare il pavimento

60 Pavimento “asarathon” Roma, Musei Vaticani II sec. d.C.

61 “memento mori”

62 Lusso a tavola e leggi sumptuariae Gellio, Notti Attiche, II, 24 I Romani d'una volta vigilavano sulla sobrietà e la frugalità dell'alimentazione e dei pranzi non solo con i precetti e la disciplina privata ma anche con i provvedimenti pubblici e con la sanzione di parecchie leggi.

63 Lo splendore delle mense Napoli, Museo Archeologico Nazionale

64

65 Una folla di schiavi Parigi, Louvre (da Cartagine) “Samovar” Napoli, Museo Archologico Nazionale (da Pompei)

66 Lucullo e le sue cene Plutarco, vita di Lucullo I pasti quotidiani di Lucullo erano come quelli di un neoricco. Non solo con coperte tinte di porpora e coppe tempestate di pietre preziose, con balletti e recitazioni teatrali si rese invidiato dalla gente volgare, ma anche con imbandigioni di vivande d'ogni sorta e di pasticceria elaborata in modo sopraffino. Pompeo divenne famoso quando, ammalato, alla prescrizione del medico di mangiare tordi, e alla risposta dei servi che in estate non si sarebbe trovato un tordo se non negli allevamenti di Lucullo, proibì di prenderne di là, e replicò al medico; «Dunque morirebbe Pompeo, se Lucullo non vivesse nelle mollezze?»; e comandò di preparare qualcosa di più facile reperibilità,

67 Lucullo non solo godeva, ma era anche orgoglioso di questa sua vita, come appare dagli aneddoti tramandati su di lui. Si racconta, ad esempio, che alcuni greci giunti a Roma vennero da lui ospitati a tavola per parecchi giorni, finché, con sentimento molto greco, ne provarono vergogna e declinarono l'invito con la scusa che spendeva per loro troppi denari ogni giorno; Lucullo sorridendo rispose loro: «Ciò in parte si fa certamente anche per voi, o signori greci, però per la maggior parte si fa per Lucullo». Una volta che mangiava da solo e avevano preparato una sola tavola e un pasto modesto, si adirò e fece venire il servo incaricato di queste cose, e alla sua risposta che non pensava avesse bisogno di niente di costoso, visto che non c'era nessun invitato, replicò: «Che dici? Non sai che oggi da Lucullo pranza Lucullo?».

68 Sembra che ad ogni sala da pranzo corrispondesse un valore stabilito per il pranzo, un apparato e un'attrezzatura particolare, così i servi, appena udivano dove intendeva mangiare, sapevano qual era la spesa da fare e quali dovevano essere l'apparato e la disposizione del banchetto. Pranzare nell'Apollo soleva costare cinquantamila dracme, e tanto fu sborsato in quella circostanza. Pompeo rimase sbalordito della rapidità con cui un banchetto così costoso era stato allestito. Per simili cose Lucullo usava sprezzantemente la sua ricchezza, come fosse davvero un barbaro fatto prigioniero.

69 Ghiottoni e gourmet Apicio: sono noti tre distinti personaggi con questo nome Il più conosciuto è Marco Gavio Apicio (nato intorno al 25 a.C.), menzionato, da Seneca e Plinio. si sarebbe suicidato dopo aver dilapidato in banchetti un immenso patrimonio (Seneca riporta una cifra che ammonta a circa 100 milioni di sesterzi). De re coquinaria (L'arte culinaria), raccolta di ricette in dieci libri compilata nel III secolo da un cuoco di nome Celio e attribuita ad Apicio.

70 Un grande successo editoriale

71 Moralisti e cibi esotici Seneca, Consolazione alla madre Elvia, 10 I bisogni del corpo sono ridottissimi: vuol riparo dal freddo; alimenti per sedare la fame e la sete: Ogni desiderio che va oltre, è un prezzo che si paga ai vizi, non alle necessità. Non occorre frugare gli abissi marini né gravare il ventre con cataste di animali né estrarre ostriche dai lidi ignoti del mare più remoto. Gli dei e le dee maledicano una ghiottoneria che travalica i confini di un tale impero! Vogliono che si catturino oltre il Fasi gli ingredienti della loro gastronomia, e si preoccupano di importare dai Parti volatili invece che di riportarne vittorie. Convogliano da ogni parte tutti i cibi noti al palato più esigente; si trasporta dall'Oceano, ai confini del mondo, ciò che lo stomaco guastato dalle raffinatezze lascia appena entrare: vomitano per mangiare, mangiano per vomitare, e non si danno neppure la pena di digerire le pietanze reperite in ogni angolo della terra.

72 I fast food

73 Appena sbarcati Ostia, Museo

74 Il menù del giorno Ostia, Thermopolium della Casa di Diana

75 “Ai cacciatori”

76 Ad cucumas Pompei, Via dell’Abbondanza

77 Un conto “salato” L(ucius) Calidius Eroticus / sibi et Fanniae Voluptati v(ivus) f(ecit). / Copo computemus! Habes vini (sextarium) I, pani(s) / a(ssem) I, pulmentar(ii) a(sses) II. Convenit. Puell(am) / a(sses) VIII. Et hoc convenit. Faenum / mulo a(sses) II. Iste mulus me ad factum / dabit Parigi, Museo del Louvre da Isernia CIL IX 2689=ILS 7478

78 «Oste, il conto!» «Tu hai mezzo litro di vino, 1 asse di pane, 2 assi di companatico» «Bene!» «La ragazza 8 assi» «Bene anche questo!» «Il fieno per il mulo 2 assi» «Questo mulo mi manderà in rovina!»


Scaricare ppt "Il cibo e i banchetti. Gli alimenti puls Plauto, il punico, 54 chiama i romani con termine greco pultiphagonides = mangiatori di “polenta” Zuppa di cereali."

Presentazioni simili


Annunci Google