La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

10-Nov-141 Riassunto della lezione precedente Calcolo sez. d’ urto elementare e confronto con formula di Rosenbluth in regime DIS; funzioni di struttura.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "10-Nov-141 Riassunto della lezione precedente Calcolo sez. d’ urto elementare e confronto con formula di Rosenbluth in regime DIS; funzioni di struttura."— Transcript della presentazione:

1 10-Nov-141 Riassunto della lezione precedente Calcolo sez. d’ urto elementare e confronto con formula di Rosenbluth in regime DIS; funzioni di struttura e densità partoniche; relazione di Callan−Gross relazione di Callan-Gross e natura fermionica dei partoni definizioni di distribuzioni partoniche di valenza, del mare, di singoletto test del modello a partoni per DIS elettrone−nucleone; caratteristiche delle distribuzioni di valenza e del mare necessità di allargare il campo di indagine anche a DIS con (anti)neutrino; brevi cenni introduttivi al settore elettrodebole del Modello Standard; meccanismo di Goldstone e rottura spontanea di simmetria

2 10-Nov-142 Deep Inelastic Scattering 2 = Tensore leptonico L  Tensore adronico W 

3 10-Nov-143 Tensore leptonico fascio di neutrini (left-handed) → scambio di W + (ma anche in reazioni inverse del tipo ) V - A fascio di antineutrini (right-handed) → scambio di W - (ma anche in reazioni inverse del tipo ) V + A interazione e.m. (e - /  - left-handed) → scambio di  V-V A-A V ∓ A

4 10-Nov-144 Tensore leptonico (continua) parte antisimmetrica del tensore è memoria dell’interferenza tra corrente debole vettoriale ed assiale

5 10-Nov-145 si approssima con perché Propagatore del bosone vettore

6 10-Nov-146 Tensore adronico 2 vettori indipendenti P, q base tensoriale: b 1 =g , b 2 =q  q, b 3 =P  P, b 4 =(P  q + P  q  ), b  =(P  q – P  q  ), b  =   q  P  tensore adronico W  =  i c i (q 2, P∙q) b i Hermiticity → c i sono reali invarianza per time-reversal → c 5 = 0 corrente debole non conservata: q  W   0 → c 6  0 c 1 e c 3 dipendenti da c 2 e c 4 violazione di parità

7 10-Nov-147 interferenza VA → antisimmetria tra leptoni / antileptoni Ampiezza di scattering

8 10-Nov-148 Sezione d’urto Limite DIS : scaling in d  elastica

9 10-Nov-149 Vertice elettrodebole elementare in correnti cariche interazione e.m. → scambio di  quark (left-handed) antiquark (right-handed)

10 10-Nov-1410 Tensore adronico elementare Poi

11 10-Nov-1411 Funzioni di struttura non-singlet flavor asimmetria right-/left- handed (V/A) sensibile al flavor

12 10-Nov-1412 SU f (3) → 12 incognite : 8 misure possibili : invarianza di isospin : (2 relazioni) simmetria di isospin del “mare” : (2 relazioni) Sistema determinato: da DIS (anti)neutrino – Nucleone si possono estrarre le distribuzioni degli (anti)quark per i tre flavor

13 10-Nov-1413 Esempio :

14 10-Nov-1414 Verifiche sperimentali 1) (anti)neutrino DIS su nuclei isoscalari (Z=N → n o u = n o d quarks) Dati dell’esp. Gargamelle Perkins, Contemp. Phys (75)

15 10-Nov-1415 Interpretazione in QPM

16 10-Nov-1416 Interpretazione (continua) approssimazioni :

17 10-Nov-1417 Interpretazione (continua) N = { partoni a spin ½ con stessa interazione elettrodebole dei leptoni; antipartoni soppressi } nuclei isoscalari → n u = n d N.B. deviazioni dovute a s  c  K e per contributo di antiquarks


Scaricare ppt "10-Nov-141 Riassunto della lezione precedente Calcolo sez. d’ urto elementare e confronto con formula di Rosenbluth in regime DIS; funzioni di struttura."

Presentazioni simili


Annunci Google