La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

TECNOLOGIE PER COMUNICARE. La CAA (Comunicazione Alternativa Aumentativa) L’assenza di linguaggio verbale è una situazione abbastanza diffusa tra i bambino.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "TECNOLOGIE PER COMUNICARE. La CAA (Comunicazione Alternativa Aumentativa) L’assenza di linguaggio verbale è una situazione abbastanza diffusa tra i bambino."— Transcript della presentazione:

1 TECNOLOGIE PER COMUNICARE

2 La CAA (Comunicazione Alternativa Aumentativa) L’assenza di linguaggio verbale è una situazione abbastanza diffusa tra i bambino con disabilità medio- grave, spesso associata ad altre limitazioni funzionali di tipo motorio, sensoriale o cognitivo. Sviluppatasi inizialmente nei Pesi anglosassoni la CAA inizierà a diffondersi in Italia verso la metà degli anni ’90 con l’apertura nel 1996 della prima scuola c/0 il Centr Benedetta D’Intino di Milano.

3 In cosa consiste… Vengono considerate come forme di CAA tutte le modalità di comunicazione che possono facilitare e migliorare la comunicazione che possono facilitare e migliorare la comunicazione di tutte le persone che hanno difficoltà a utilizzare i più comuni canali comunicativi, soprattutto il linguaggio orale e la scrittura. Vengono considerate come forme di CAA tutte le modalità di comunicazione che possono facilitare e migliorare la comunicazione che possono facilitare e migliorare la comunicazione di tutte le persone che hanno difficoltà a utilizzare i più comuni canali comunicativi, soprattutto il linguaggio orale e la scrittura. E’ dunque un sistema multimodale inserito in un percorso che, partendo dai bisogni comunicativi di una persona, cerca di fornirle uno strumento duttile e dinamico che facilmente si adatti alla sua evoluzione nel tempo, ai contesti nei quali si troverà a interagire e che soprattutto non prescinda dalla sua sfera emotiva, sociale e cognitiva (Stucci, 2001)

4 La comunicazione iconica Alla base di molti sistemi di CAA c’è la comunicazione iconica, cioè basata su immagini o set di simboli ai quali è associato un determinato messaggio. Alla base di molti sistemi di CAA c’è la comunicazione iconica, cioè basata su immagini o set di simboli ai quali è associato un determinato messaggio. Essa avviene indicando o selezionando in qualsiasi modo le immagine scelte,isolate o in sequenza. Essa avviene indicando o selezionando in qualsiasi modo le immagine scelte,isolate o in sequenza. In genere si usano supporti non tecnologici: tabelle cartacee costituite da fogli su cui vengono incollate le immagini selezionandole in base ad alcuni ambiti di interesse o attività ( ad es. comunicazioni per il gioco, la pulizia, la scuola, il mangiare ecc.). Solitamente i fogli vengono sistemati in raccoglitori trasparenti e l’utente comunica selezionando via via con il dito o lo sguardo i diversi simboli. In genere si usano supporti non tecnologici: tabelle cartacee costituite da fogli su cui vengono incollate le immagini selezionandole in base ad alcuni ambiti di interesse o attività ( ad es. comunicazioni per il gioco, la pulizia, la scuola, il mangiare ecc.). Solitamente i fogli vengono sistemati in raccoglitori trasparenti e l’utente comunica selezionando via via con il dito o lo sguardo i diversi simboli.

5 IL BLISS Tra i più noti sistemi di comunicazione iconica menzioniamo il Picture Communication Symbols e il Bliss. Tra i più noti sistemi di comunicazione iconica menzioniamo il Picture Communication Symbols e il Bliss. Quest’ultimo è stato cretao ispirandosi alla scrittura ideografica cinese, che se inizialmente sembra difficile e complicata, una volta compresane l’organizzazione e la chiave di lettura risulta semplice e affascinante. Quest’ultimo è stato cretao ispirandosi alla scrittura ideografica cinese, che se inizialmente sembra difficile e complicata, una volta compresane l’organizzazione e la chiave di lettura risulta semplice e affascinante. Bliss ha realizzato la sua scrittura geometrico ideografica con un numero limitato di simboli base ( 38 più 11 caratteri lineari ) con cui creare un vocabolario sufficiente di significati. Essi possono essere combinati tra loro e generare un numero illimitato di significati. Bliss ha realizzato la sua scrittura geometrico ideografica con un numero limitato di simboli base ( 38 più 11 caratteri lineari ) con cui creare un vocabolario sufficiente di significati. Essi possono essere combinati tra loro e generare un numero illimitato di significati.

6 E’ utile un p.c. perchè… Nell’addestramento iniziale impara a riconoscere e collegare i simboli, sviluppandone la motivazione Nell’addestramento iniziale impara a riconoscere e collegare i simboli, sviluppandone la motivazione È possibile associare dei messaggi vocali alle immagini e quindi di poter trasformare, in qualche modo la comunicazione iconica in linguaggio verbale; È possibile associare dei messaggi vocali alle immagini e quindi di poter trasformare, in qualche modo la comunicazione iconica in linguaggio verbale; È possibile cambiare rapidamente e autonomamente i set di icone presenti sullo schermo, aumentando enormemente le possibilità di comunicazione. È possibile cambiare rapidamente e autonomamente i set di icone presenti sullo schermo, aumentando enormemente le possibilità di comunicazione.

7 SUSSIDI PER LA CAA GLI APPARECCHI VOCAs I VOCAs sono apparecchi portatili che consentono all’utente di selezionare e di trasformare in voce dei messaggi iconici. Nella maggior parte dei casi i VOCAs sono degli apparecchi elettronici e non informatici, che riproducono dei messaggi precedentemente registrati attraverso un microfono … le icone da selezionare sono delle immagini di carta ritagliate e collocate in apposite tasche o caselle, e quindi disponibili in numero comunque limitato. ( Da un minimo di 1-4 sino a un massimo di 16-32). La selezione si effettua toccando le caselle corrispondenti mentre in caso di difficoltà motorie gravi è possibile azionare un sistema a scansione comandato da un solo pulsante o sensore.

8 I COMUNICATORI ALFABETICI Si utilizzano quando il soggetto che non può parlare è in grado però di scrivere. I comunicatori alfabetici sono dotati di una piccola tastiere alfanumerica, ed essendo più leggeri e compatti del p.c. sono trasportabili utilizzabili in vari momenti e in luoghi diversi. I messaggi compaiono in un piccolo display a cristalli liquidi, con testo scorrevole, e sono adatti quindi per brevi comunicazioni immediate. Per favorire il dialogo molti apparecchi dispongono di un doppio display: uno rivolto verso l’utente dalla parte della tastiera, l’altro dal lato opposto e destinato quindi all’interlocutore. E’ importante la disponibilità di un segnale sonoro (un cicalino o un campanello) per richiamare l’attenzione quando si vuole cominciare a comunicare. Gli apparecchi più recenti di questo tipo sono dotati anche di sintesi vocale.

9 ALCUNI ACCORGIMENTI …. L’impiego di questi strumenti richiede del tempo, spesso molto più tempo rispetto ad un dialogo normale… perciò primo accorgimento da rispettare è quello di evitare di iniziare una conversazione, anche breve, se si sa di non avere tempo sufficiente per non portarla a termine. L’impiego di questi strumenti richiede del tempo, spesso molto più tempo rispetto ad un dialogo normale… perciò primo accorgimento da rispettare è quello di evitare di iniziare una conversazione, anche breve, se si sa di non avere tempo sufficiente per non portarla a termine. Un’eccessiva delega allo strumento “artificiale” da parte degli adulti può dar luogo a casi di rifiuto per le tecnologie … perciò non lasciare solo in bambino dicendo “Intanto scrivi e poi vengo a vedere cosa volevi dirmi”. Un’eccessiva delega allo strumento “artificiale” da parte degli adulti può dar luogo a casi di rifiuto per le tecnologie … perciò non lasciare solo in bambino dicendo “Intanto scrivi e poi vengo a vedere cosa volevi dirmi”. Questo atteggiamento col tempo può portare ad una maggiore autonomia ma all’iniziò può far subentrare una sensazione di abbandono.


Scaricare ppt "TECNOLOGIE PER COMUNICARE. La CAA (Comunicazione Alternativa Aumentativa) L’assenza di linguaggio verbale è una situazione abbastanza diffusa tra i bambino."

Presentazioni simili


Annunci Google