La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA RIFORMA DI LUTERO. Dopo il GRANDE SCISMA D’OCCIDENTE (1378 – 1417), la struttura dello STATO DELLA DELLA CHIESA si era rafforzata. ROMA divenne una.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA RIFORMA DI LUTERO. Dopo il GRANDE SCISMA D’OCCIDENTE (1378 – 1417), la struttura dello STATO DELLA DELLA CHIESA si era rafforzata. ROMA divenne una."— Transcript della presentazione:

1 LA RIFORMA DI LUTERO

2 Dopo il GRANDE SCISMA D’OCCIDENTE (1378 – 1417), la struttura dello STATO DELLA DELLA CHIESA si era rafforzata. ROMA divenne una vera e propria corte rinascimentale (supera FIRENZE). La CHIESA vive una situazione di CORRUZIONE MORALE. -Nepotismo -Concubinato -Vendita di dignità ecclesiastiche -Monetizzazione del potere spirituale -Vendita delle indulgenze: il papa concedendo il perdono ai peccatori aveva la possibilità di annullare in tutto o in parte le pene previste nell’aldilà per le anime condannate al PURGATORIO (ciò prima avveniva durante il Giubileo o al tempo delle crociate). In cambio di una somma di denaro si poteva cancellare la pena e accorciare nel Purgatorio quella dei parenti defunti. Per il perdono occorreva però la confessione. -La situazione si aggrava con il pontificato di papa LEONE X MEDICI (1513) che utilizzò le indulgenze per la costruzione della cupola di SAN PIETRO. -Nel 1512 venne convocato il V CONCILIO LATERANENSE che si concluse nel 1517 con la conclamata superiorità del papa sul Concilio (diversamente dal Concilio di Costanza che aveva dichiarato l’opposto) e un clima di intolleranza nei confronti degli Ebrei e delle dottrine sull’immortalità dell’anima (Pietro Pomponazzi).

3 Si sentì forte l’esigenza di un RINNOVAMENTO SPIRITUALE e l’aspirazione ad una RIFORMA RELIGIOSA. Ciò era già stato anticipato da umanisti come ERASMO DA ROTTERDAM (Elogio della Follia,1511) e dal movimento nato in BOEMIA all’inizio del ‘400 con JOHN HUSS che riprese le teorie di WYCLIFFE. Egli si appellava alle SACRE SCRITTURE come unica fonte di verità e contestava la gerarchia ECCLESIASTICA. Fu scomunicato e condannato al ROGO dall’imperatore. Anche GIROLAMO SAVONAROLA, a FIRENZE, aveva accusato l’immoralità del papato e si era scagliato contro la dissolutezza di papa Alessandro VI Borgia. Nel clima di corruzione si inserì la predicazione di LUTERO ( ), figlio di un minatore della SASSONIA che dopo uno scampato pericolo fa voto di entrare in un convento agostiniano a ERFURT (1506). Divenuto docente di Teologia a WITTEMBERG, LUTERO si focalizza sul tema del PECCATO e della COLPA. Nel 1516 ha un’illuminazione (ESEPRIENZA della TORRE del castello di Wittemberg) dove, leggendo l’EPISTOLA di SAN PAOLO ai ROMANI, si focalizza sulla frase: “IL GIUSTO VIVRA’ PER FEDE”

4 Mentre LUTERO riflette sulla CONCEZIONE PESSIMISTICA DELLA NATURA UMANA, ossia sulla naturale corruzione dell’uomo e sul fatto che l’UOMO è solo davanti a Dio (l’uomo può avere come unico aiuto la PAROLA di DIO, ossia le SACRE SCRITTURE nel 1517 LEONE X proclama l’INDULGENZA PLENARIA per reperire maggiori fondi per la costruzione di SAN PIETRO. In SASSONIA la vendita delle indulgenze è gestita da ALBERTO di HOHENZOLLERN, fratello del principe elettore di BRANDEBURGO. Alberto era già vescovo e arcivescovo, ma vuole acquisire una terza carica di arcivescovo a MAGONZA. Riceve dai FUGGER, banchieri tedeschi, un prestito anticipato per pagare tale carica. Organizza la COMMERCIALIZZAZIONE dell’INDULGENZA PLENARIA. Affida al predicatore domenicano TETZEL il compito di propagandare le indulgenze. “QUANDO CADE IL SOLDINO NELLA CASSETTA, L’ANIMA SALE IN CIELO BENEDETTA”

5 Le 95 TESI di LUTERO LUTERO, furente, nell’OTTOBRE del 1517 scrive un documento articolato in ‘95 tesi’ che contestano il fondamento teologico delle indulgenze e il diritto del papa a farne commercio. Non c’è certezza sul fatto che furono appese sulla porta della chiesa di Wittemberg. Furono scritte in latino e spedite anche ad Alberto di Hohenzellern. Vennero tradotte in tedesco e diffuse dentro e fuori la Germania.

6 I CATTOLICI CREDONO IN UN DIO UNICO

7 ANCHE I PROTESTANTI

8 ANCHE GLI ORTODOSSI

9 IL CRISTIANESIMO E’ UNA DELLE TRE RELIGIONI MONOTEISTE

10 I CATTOLICI CREDONO IN GESU’ CRISTO FIGLIO DI DIO DIO COME IL PADRE MORTO RISORTO RITORNERA’ ALLA FINE DEI TEMPI MESSIA

11 ANCHE I PROTESTANTI

12 ANCHE GLI ORTODOSSI

13 CATTOLICI PROTESTANTI ORTODOSSI SONO CRISTIANI

14 PER I CATTOLICI DIO E’ TRINITA’

15 ANCHE PER I PROTESTANTI

16 ANCHE PER GLI ORTODOSSI

17 NELL’UNICA NATURA DI DIO VI SONO TRE PERSONE LA PERSONA DEL PADRE LA PERSONA DEL FIGLIO LA PERSONA DELLO SPIRITO

18 I CATTOLICI HANNO COME LIBRO SACRO LA BIBBIA ANTICO E NUOVO TESTAMENTO

19 ANCHE I PROTESTANTI MA L’ANTICO TESTAMENTO DEI PROTESTANTI SEGUE IL CANONE EBRAICO DOVE MANCANO 7 LIBRI (DEUTEROCANONICI) PRESENTI INVECE NELLA BIBBIA CATTOLICA

20 LA BIBBIA É AL CENTRO DELLA FEDE PROTESTANTE “SOLA SCRIPTURA” SOLO QUELLO CHE É ESPLICITAMENTE CONTENUTO NELLA BIBBIA É DA PRENDERE IN CONSIDERAZIONE NO TRADIZIONE DELLA CHIESA

21 IL CREDENTE DEVE POTER LEGGERE E INTERPRETARE DA SOLO LA BIBBIA. LA BIBBIA DEVE ESSERE TRADOTTA NELLA LINGUA DEL POPOLO IN MODO CHE TUTTI LA POSSANO LEGGERE

22

23 ANCHE GLI ORTODOSSI

24 I CATTOLICI HANNO SETTE SACRAMENTI BATTESIMO PENITENZA EUCARESTIA CONFERMAZIONE ORDINE MATRIMONIO UNZIONE DEI MALATI

25 I PROTESTANTI HANNO DUE SACRAMENTI BATTESIMO SANTA CENA (EUCARESTIA) PERCHE’ SONO GLI UNICI MENZIONATI ESPLICITAMENTE NELLA BIBBIA

26 LUTERO NE CONSIDERAVA ANCHE UN TERZO: LA PENITENZA. CALVINO RITORNÒ A DUE (BATTESIMO E SANTA CENA). ATTUALMENTE TUTTE LE CONFESSIONI PROTESTANTI RICONOSCONO SOLO DUE SACRAMENTI

27 GLI ORTODOSSI HANNO SETTE SACRAMENTI

28 I CATTOLICI CREDONO NEL PURGATORIO E CREDONO CHE ATTRAVERSO PREGHIERE O OPERE DI CARITA’ SI POSSA ABBREVIARE LA PERMANENZA DI UN’ANIMA NEL PURGATORIO (INDULGENZE)

29 I PROTESTANTI NON CREDONO NEL PURGATORIO NELLA BIBBIA NON SE NE PARLA!!! SOLO LA MISERICORDIA DI DIO SALVA!!!!

30 GLI ORTODOSSI NON CREDONO AL PURGATORIO

31 I CATTOLICI HANNO IL CULTO DEI SANTI A CUI RIVOLGONO PREGHIERE PERCHE’ INTERCEDANO PRESSO DIO

32 I PROTESTANTI NON HANNO IL CULTO DEI SANTI NON ESISTONO MEDIATORI TRA DIO E L’UOMO!

33 GLI ORTODOSSI HANNO IL CULTO DEI SANTI

34 PER I CATTOLICI MARIA E’ OGGETTO DI ADORAZIONE E VENERAZIONE MARIA E’ STATA CONCEPITA SENZA PECCATO ORIGINALE MARIA HA DATO ALLA LUCE GESU’ RIMANENDO VERGINE MARIA DOPO LA SUA MORTE E’ STATA ASSUNTA IN CIELO ANIMA E CORPO

35 PER I PROTESTANTI MARIA E’ UNA FIGURA IMPORTANTE, MA NON VIENE NE’ ADORATA NE’ VENERATA. IMMACOLATA CONCEZIONE, VERGINITA’, ASSUNZIONE IN CIELO DI TUTTO QUESTO NON SI PARLA NELLA BIBBIA, QUINDI I PROTESTANTI NON CI CREDONO NON SI RECITANO PREGHIERE A MARIA (AVE MARIA, ROSARIO…) NON ESISTONO MEDIATORI TRA DIO E L’UOMO!!!

36 GLI ORTODOSSI ADORANO E VENERANO MARIA LA INVOCANO CON IL TITOLO DI THEOTOKOS = MADRE DI DIO

37 I CATTOLICI RICONOSCONO COME CAPO DELLA CHIESA SUCCESSORE DI PIETRO VICARIO DI CRISTO IL VESCOVO DI ROMA IL PAPA

38 I PROTESTANTI NO PIETRO NON HA MAI RICEVUTO DA GESÙ IL COMPITO DI GUIDARE LA CHIESA PIETRO NON È MAI STATO VESCOVO DI ROMA

39 GLI ORTODOSSI NO DAL 1054 SCISMA D’ORIENTE

40 I CATTOLICI HANNO UNA FIGURA IL SACERDOTE CHE SOLO PUÒ CELEBRARE L’EUCARESTIA E CHE HA UNA FUNZIONE DI MEDIATORE TRA IL FEDELE E DIO NELLA CHIESA CATTOLICA DI RITO LATINO IL SACERDOTE DEVE RISPETTARE L’OBBLIGO DEL CELIBATO

41 I PROTESTANTI NON HANNO I SASCERDOTI LE LORO COMUNITA’ SONO GUIDATE DA LAICI CHE HANNO STUDIATO TEOLOGIA E CHE SONO CHIAMATI PASTORI POSSONO ESSERE SIA MASCHI CHE FEMMINE E POSSONO ESSERE SPOSATI

42 I SACERDOTI ORTODOSSI SONO CHIAMATI POPE POSSONO ESSERE SOLO MASCHI E POSSONO ESSERE SPOSATI

43 NELLE CHIESE CATTOLICHE VI SONO IMMAGINI SACRE E STATUE NELLE CHIESE CATTOLICHE È PRESENTE IL CROCEFISSO

44 NELLE CHIESE PROTESTANTI NON VI SONO IMMAGINI PUÒ ESSERCI LA CROCE

45 NELLE CHIESE ORTODOSSE SI VENERANO LE ICONE

46 NELL’EUCARESTIA CATTOLICA IL PANE E IL VINO DIVENTANO REALMENTE IL CORPO E IL SANGUE DI CRISTO TRANSUSTANZIAZIONE

47 PER I PROTESTANTI LUTERANI NELLA SANTA CENA IL PANE E IL VINO SONO SIA IL CORPO E IL SANGUE DI CRISTO SIA PANE E VINO CONSUSTANZIAZIONE

48 MA DOPO LA SANTA CENA RITORNANO SEMPLICEMENTE PANE E VINO QUINDI IL PANE E IL VINO NON SONO CONSERVATI NEL TABERNACOLO

49 PER I CALVINISTI E I VALDESI NEL PANE E NEL VINO DURANTE LA SANTA CENA VI È UNA PRESENZA VIRTUALE – SIMBOLICA DEL CORPO E DEL SANGUE DI CRISTO

50 PER I CATTOLICI L’UOMO SI SALVA PER LA FEDE E PER LE OPERE BUONE

51 PER I PROTESTANTI L’UOMO SI SALVA ESCLUSIVAMENTE PER LA SUA FEDE NELLA INFINITA MISERICORDIA DI DIO “ SOLA FIDE”

52 L’UOMO DA SOLO NON È IN GRADO DI FARE NULLA DI BUONO SOLO L’AMORE DI DIO SALVA

53 PER GIOVANNI CALVINO DIO CONOSCE IN ANTICIPO IL NOSTRO DESTINO DI SALVEZZA O DI DANNAZIONE

54 CATTOLICI LUTERANI CALVINISTI

55 DIO UOMO

56 DIO MARIA SANTI CHIESA ISTITUZIONALE (PAPA – SACERDOTI..) FEDELE

57 Le reazioni della CHIESA Fu avviato nel 1518 un processo per eresia e fu inviato il generale dell’ordine domenicano, TOMMASO DE VIO, detto il CAIETANO o GAETANO (proveniente da Gaeta) per ritrattare. Nel 1520, dopo l’elezione di CARLO V, fu emanata la bolla papale da papa Leone X dove Lutero venne definito ‘un cinghiale che rovina le vigne del Signore’: i suoi scritti vennero condannati al rogo e l’autore venne minacciato di scomunica se non avesse abiurato. Lutero rispose bruciando la bolla e tutti i volumi di diritto canonico e scrivendo altri testi: Alla nobiltà cristiana di nazione tedesca, La cattività babilonese della Chiesa, La libertà cristiana. Il cristiano era libero nello spirito, ma era soggetto alle autorità politicamente costituite.

58 LA DIETA DI WORMS Nel 1521 venne convocata dall’imperatore a WORMS la Dieta. Lutero ottenne un salvacondotto imperiale se vi si fosse recato a discutere con Carlo V per ritrattare le sue tesi. Ma Lutero, appellandosi alla sua coscienza individuale, non nega le sue posizioni. Carlo V bandisce dall’Impero Lutero. Con l’editto di WORMS Lutero è inoltre condannato per eresia Nel frattempo il principe elettore di SASSONIA, Federico il Saggio, lo fa rapire per proteggerlo e portarlo in un castello della Turingia. Lutero era un suo suddito e neanche l’imperatore avrebbe dovuto intromettersi. Qui Lutero traduce dal greco (1522) la BIBBIA in tedesco: inizio dell’unità della nazione tedesca.

59 Divisioni del movimento luterano A Wittenberg i seguaci di Lutero, tra cui CARLOSTADIO E MELANTONE, prendono le redini del movimento riformatore:i preti incominciano a sposarsi. A Roma si aggrediscono i preti per costringerli a celebrare secondo le nuove regole. Nascono i primi violenti disordini. Carlostadio e THOMAS MUNZER associarono anche un riformismo sociale. Munzer fu accusato di aver fomentato una rivolta popolare con il disappunto di Lutero. - I CAVALIERI, rappresentanti della piccola nobiltà tedesca, si ribellarono ai principi ma furono sconfitti dall’esercito dei principi stessi. - I CONTADINI organizzarono delle rivolte grazie alla predicazione di Munzer che annunciava una prossima realizzazione del regno di Dio sulla terra. Nel 1525 i contadini elaborarono i 12 ARTICOLI: reclamavano l’abolizione della proprietà dei nobili, l’abolizione delle tasse e un’uguaglianza sociale.

60 LUTERO CONTRO I CONTADINI Lutero si schierò con i principi tedeschi, la nobiltà e le grandi casate. Condannò le rivolte dei contadini. Il potere politico riceve da Dio la ‘spada’ che serve per colpire chi non obbedisce. Lutero non si prefiggeva di ribaltare l’ordine politico e sociale. Egli parlava di libertà interiore non politica! Fu terribile il conflitto a FRANKENHAUSEN, in Turingia, nel 1525 dove vi fu il massacro dei contadini ribelli e fu ucciso lo stesso Munzer.

61 GLI ANABATTISTI Sotto questo termine venivano riunite più posizioni diverse tra loro che avevano la tendenza a separare il corpo dei veri seguaci di Cristo dalla mondanità. Si trattava di intransigenti del Vangelo, nuovi ‘monaci’. Scelsero di sottoporsi a un nuovo battesimo, un secondo battesimo considerato ‘vero’ perché scelto da adulti. Credevano in una nuova discesa di Cristo in terra. Furono considerati ribelli e perseguitati sia dai principi luterani sia dalla Chiesa. A Munster, in Westfalia, nel 1534 nasce una Nuova Gerusalemme, rifugio di estremisti e radicali dove si praticava la comunione dei beni. Fu assediata con violenza dai principi luterani e cattolici.

62 Nascita dei PROTESTANTI 1526: DIETA di SPIRA I principi tedeschi imposero che la scelta della religione spettava al principe di ogni Stato. 1529: Seconda Dieta di SPIRA. Carlo V revoca tale concessione, ma era ormai tardi. I principi luterani risposero con ’NOI PROTESTIAMO’ alla Dieta di Spira, Carlo V tenta una via di conciliazione. I protestanti presentarono la CONFESSIO AUGUSTANA dimostrando che la dottrina luterana era ortodossa e rispondente al Vangelo. Nel 1531 i protestanti si unirono tra loro politicamente e militarmente nella Lega di SMALCALDA (Germania centrale) preparando lo scontro armato con l’imperatore, contrario alle idee luterane. Nel 1555 CARLO V firma la PACE DI AUGUSTA che stabilì il principio del ‘CUIUS REGIO, EIUS RELIGIO’: di chi è il regno sia la religione!


Scaricare ppt "LA RIFORMA DI LUTERO. Dopo il GRANDE SCISMA D’OCCIDENTE (1378 – 1417), la struttura dello STATO DELLA DELLA CHIESA si era rafforzata. ROMA divenne una."

Presentazioni simili


Annunci Google