La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le fonti “secondarie” I regolamenti del potere esecutivo alla ricerca dei fondamenti costituzionali: - art.87, comma quinto, Cost.: Il Presidente della.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le fonti “secondarie” I regolamenti del potere esecutivo alla ricerca dei fondamenti costituzionali: - art.87, comma quinto, Cost.: Il Presidente della."— Transcript della presentazione:

1 Le fonti “secondarie” I regolamenti del potere esecutivo alla ricerca dei fondamenti costituzionali: - art.87, comma quinto, Cost.: Il Presidente della Repubblica “emana” i regolamenti -art.117, sesto comma, Cost.: L’esecutivo può adottare regolamenti nelle sole materie nelle quali lo Stato ha la competenza legislativa esclusiva - Le “riserve di legge”

2 segue In quanto fonti secondarie trovano la loro disciplina nella legge ordinaria -In particolare: a)Nelle cd “preleggi” b)Nell’art.17 della legge n.400 del 1988

3 segue Art.4 delle preleggi: “i regolamenti non possono contenere norme contrarie alle disposizioni delle leggi” Art.17 della legge n.400 del 1988: Regolamenti del Governo dei ministri

4 segue A) i regolamenti del Governo Il procedimento: 1)Delibera del Consiglio dei ministri (su proposta di uno o più ministri) previo parere – obbligatorio ma non vincolante – del Consiglio di Stato 2)Emanazione con decreto del Presidente della Repubblica 3)Visto e registrazione della Corte dei conti 4)Pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale

5 segue I tipi di regolamenti del Governo: a)di esecuzione delle leggi e dei decreti legislativi b)di attuazione (di leggi o decreti legislativi recanti norme di principio) c)indipendenti (intervengono nelle materie nelle quali manchi la disciplina da parte di leggi o di atti aventi forza di legge, sempre che non si tratti di materie riservate alla legge) d)di organizzazione

6 segue B) i regolamenti ministeriali Il procedimento di formazione: -Delibera del Ministro, previo parere del Consiglio di Stato -Comunicazione al Presidente del Consiglio dei ministri -Emanazione con decreto ministeriale -Visto e registrazione della Corte dei conti -Pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale

7 segue I fondamenti dei regolamenti ministeriali -Le leggi che conferiscano, specificamente, al Ministro tale potere nelle materie di sua competenza; -I regolamenti ministeriali (sono fonti “terziarie”?)

8 I regolamenti “delegati” o “autorizzati” (di “delegificazione”) : art.17, comma 2, della legge n.400 del 1988 Che cos’è la delegificazione? Sostituzione delle precedente disciplina di livello legislativo con una disciplina di livello regolamentare I regolamenti “delegati” o “autorizzati” definiscono la nuova disciplina della materia, apparentemente abrogando la disciplina legislativa

9 segue Il procedimento: - Una legge ordinaria: 1) autorizza il Governo a dettare, mediante proprio regolamento, la nuova disciplina di una certa materia (che non sia coperta da riserva assoluta di legge); 2) detta le “norme generali regolatrici della materia” stessa; 3) dispone l’abrogazione della legge (o delle singole norme di legge) in vigore sulla medesima materia, rinviandola però al momento dell’entrata in vigore del regolamento del Governo


Scaricare ppt "Le fonti “secondarie” I regolamenti del potere esecutivo alla ricerca dei fondamenti costituzionali: - art.87, comma quinto, Cost.: Il Presidente della."

Presentazioni simili


Annunci Google