La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof. Deborah Oldoni Lezioni per le classi V RIM IIS V. BENINI – Melegnano Libro di testo p 173-198.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof. Deborah Oldoni Lezioni per le classi V RIM IIS V. BENINI – Melegnano Libro di testo p 173-198."— Transcript della presentazione:

1 Prof. Deborah Oldoni Lezioni per le classi V RIM IIS V. BENINI – Melegnano Libro di testo p

2 Attività di direzione e controllo : fase 3 Cosa fare? che strategia attuare ? La strategia è un insieme di decisioni attraverso le quali l’az. fissa obiettivi di l/m periodo e predispone PIANI DI AZIONE per realizzarli pag 163

3 Attività di direzione e controllo fase 3 Che strategia attuare ? Strategia sociale etica Strategia Competitiva Pag 164 Attuare una strategia riguarda l’intera struttura organizzativa

4 Attività di direzione e controllo fase 3 Che strategia attuare ? pag Strategie di corporate pag 173 ( coinvolgono l’intera azienda ) es Barilla Strategie di business pag 176 ( coinvolgono singole divisioni aziendali ) es settore sughi di Barilla Strategie funzionali (riguardano singole funzioni aziendali ) es funzione di approvigionamento pag 179- Considerazioni c Pag Strategie internazionali Pag

5 GERARCHIA DELLE STRATEGIE DELL’IMPRESA Strategie di corporate

6 definisce l’orientamento strategico di fondo dell’intera organizzazione aziendale L’orientamento strategico si è evoluta nel tempo Pag 173

7 Strategie di corporate Individuato l’orientamento strategico (coerente con la mission ) bisogna definire : Scelta tra Single /Multi business Risorse umane, finanziarie e tecnologiche da utilizzare Struttura organizzativa da realizzare Creare gruppi aziendali ?

8 Strategie di corporate Strategie di sviluppo aumentando i volumi produttivi Strategie di consolidamento (STAND BY) caso Benetton Concentrazione in un solo settore Diversificazione in più settori Pag Strategie di contrazione/ristrutturazione Caso LEVIS

9 Esempio di impresa diversificata

10 Strategie di business o ASA (aree strategiche di affari ) Le strategie di corporate decidono quali ASA potenziare e/o quali sopprimere ! Si analizza per ogni ASA : 1 il tasso di sviluppo delle vendite 2 la quota di mercato detenuta Matrice di Boston pag 176-7

11 Matrice di Boston per analizzare gli ASA

12 Scopri la Matrice di Boston Tasso di crescita alto Alto tasso di sviluppo Mercati emergenti Ma con rischi elevati Questi ASA producono prodotti in fase di lancio Richiedono ingenti investimenti Presentano problemi di crescita e di incertezza nei risultati CHI SONO ??????????????????????

13 Scopri la Matrice di Boston Tasso di crescita alto Alto tasso di sviluppo Quota di mercato detenuta è alta Pochi rischi perché... Questi ASA producono prodotti in fase sviluppo Presentano redditi soddisfacenti CHI SONO ??????????????????????

14 Scopri la Matrice di Boston Tasso di crescita basso Basso tasso di sviluppo Quota di mercato detenuta è alta Ma….... Questi ASA producono prodotti affermati (fase maturazione ) Presentano redditi soddisfacenti, ma vanno difesi CHI SONO ??????????????????????

15 Scopri la Matrice di Boston Tasso di crescita basso Basso tasso di sviluppo Quota di mercato detenuta è bassa Ma….... Non c’è futuro Presentano redditi insoddisfacenti, Questi ASA producono prodotti in declino CHI SONO ??????????????????????

16 Strategie di business per aumentare il vantaggio competitivo di ogni singola ASA Leadership di costo : produrre in massima efficienza (riduzione costi di produzione e distribuz.) Differenziazione : rendere il prodotto inimitabile affinchè le vendite non siano sensibili al pz Focalizzazione (nicchia di mercato ) intercettare una specifica clientela con esigenze del tutto specifiche Pag 178-9

17 GERARCHIA DELLE STRATEGIE DELL’IMPRESA Strategie di corporate

18 Strategie funzionali ( pag 179) Riguardano le singole funzioni aziendali ( di supporto e primarie ) Agiscono in uno spazio circoscritto ----> una funzione La responsabilità ricade sui DIRETTORI di funzione

19 Strategie della funzione Che target ? Pag 180 A tutto il mercato Ad un solo Segmento Marketing indifferenziato (prodotto =) Marketing Differenziato (prodotti diversi) Marketing concentrato e personalizzato

20 Strategie di funzione Ha il compito di pianificare, progettare e gestire i processi di fabbricazione Leadership del costo (specialmente in recessione ) -Strategia JUST IN TIME -Strategia LAY OUT -Strategia FLESSIBILITA’ Produttiva Differenziazione -migliorano la qualità del prodotto Pag 181-2

21 Strategie di funzione NUOVE ESIGENZE : concorrenza elevata clienti sempre più esigenti (custumer satisfaction) ridurre i costi di produzione offrire produzioni differenziate NUOVE TECNOLOGIE Che abbinano tecniche di ottimizzazione che portano alla produzione più snella e flessibile (lean production) e adottano sistemi gestionali del time to market e propongono una nuova concezione di qualità totale Pag 184

22 STRATEGIE di INTERNAZIONALIZZAZIONE dei prodotti Analisi Ambiente generale Caso Ferrero classe IV Adattare o standardizzare il prodotto ? Centralizzare le funzioni aziendali ? P185-6

23 Diverse strategie PRODOTTOAutonomiaOsservazioniStrategie standardnulloPochi investimenti Aziende piccoli INTERnazionale Standard la funzione commerciale è all’estero Strategie comunicatice differenti per paesi GLOBALE Non standard Distribuisce le funzioni in modo selettivo sul territorio mondiale Massima autonomia Necessaria la condivisione delle info tra sedi TRANSnazionale Forte adattamento locale Anche le funzioni principali spesso sono all’estero Coordinamento tra sede centrale e locale è minimo MULTInazionali ( approfondimento p 188)

24 STRATEGIE di INTERNAZIONALIZZAZIONI dei servizi Caratteristica di immaterialità È più facile dalla nascita di internet Pag Sapere bene lo schema


Scaricare ppt "Prof. Deborah Oldoni Lezioni per le classi V RIM IIS V. BENINI – Melegnano Libro di testo p 173-198."

Presentazioni simili


Annunci Google