La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Roma e l’Italia: le fasi della conquista Un mosaico originario di etnie:Un mosaico originario di etnie: –i popoli italici; –i celti; –gli etruschi; –i.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Roma e l’Italia: le fasi della conquista Un mosaico originario di etnie:Un mosaico originario di etnie: –i popoli italici; –i celti; –gli etruschi; –i."— Transcript della presentazione:

1 Roma e l’Italia: le fasi della conquista Un mosaico originario di etnie:Un mosaico originario di etnie: –i popoli italici; –i celti; –gli etruschi; –i greci. Roma: il nucleo originarioRoma: il nucleo originario Roma: la conquista dell’ItaliaRoma: la conquista dell’Italia

2 L’Italia Frutto di una ricchezza e complessità di etnie I più antichi e autoctoni:I più antichi e autoctoni: –Lanell’Italia centrale; –La civiltà villanoviana nell’Italia centrale; –a nord-est; –liguri a nord-est; –in Sardegna; –sardi in Sardegna; –in Sicilia; –sicani in Sicilia; –in Calabria. –bruzi in Calabria. Inelle valli alpine e ai margini della pianura padana.I celti nelle valli alpine e ai margini della pianura padana. GliGli italici: –rezi e veneti a nord-ovest; –latini, osci, umbri e sabini in Italia centrale; –sanniti e lucani in Italia meridionale; –piceni sul versante adriatico; –iapigi, apuli e messapi in Puglia –siculi in Sicilia. Glinell’Italia centrale,Gli etruschi nell’Italia centrale, Iin Sicilia e sulle coste dell’Italia meridionale,I greci in Sicilia e sulle coste dell’Italia meridionale, Iin Sicilia e Sardegna.I fenici in Sicilia e Sardegna.

3 I Celti Originari dell’Europa centrale, nell’area tra il Danubio e il Reno.Originari dell’Europa centrale, nell’area tra il Danubio e il Reno. Il nucleo più evoluto è la cultura di Hallstatt (odierna Austria), che dispone di una tecnologia del ferro assai avanzata e si diffonde nell’Europa centrale e occidentale.Il nucleo più evoluto è la cultura di Hallstatt (odierna Austria), che dispone di una tecnologia del ferro assai avanzata e si diffonde nell’Europa centrale e occidentale. Dopo l’800 a.C. dalle attuali Austria e Baviera la cultura di Hallstatt si diffonde nella Svizzera e nella Francia per giungere in Spagna e, infine, in Gran Bretagna e Irlanda.Dopo l’800 a.C. dalle attuali Austria e Baviera la cultura di Hallstatt si diffonde nella Svizzera e nella Francia per giungere in Spagna e, infine, in Gran Bretagna e Irlanda.

4 I celti: gruppi e migrazioni Tra il VI e il III secolo a.C si verifica un grande movimento migratorio:Tra il VI e il III secolo a.C si verifica un grande movimento migratorio: – –a ovest, Francia e Spagna; – –a nord, Boemia, Gran Bretagna e Irlanda; – –a sud-est, Grecia, Italia e Anatolia. Questo movimento mette in crisi Roma che nel 390 a.C. è saccheggiata da un’orda di galli senoni guidata da Brenno.Questo movimento mette in crisi Roma che nel 390 a.C. è saccheggiata da un’orda di galli senoni guidata da Brenno. I celti, che i romani chiamano Galli, sono un insieme assai composito e diversificato di tribù che parlano lingue del ceppo indoeuropeo, alcune delle quali sono tuttora parlate: il gaelico irlandese, il gaelico scozzese, il gallese e il bretone

5 Gli Etruschi Un origine misteriosa:Un origine misteriosa: –autoctona evoluzione della cultura villanoviana; –migrazione dall’Oriente, forse in relazione con i greci. Emerge tra l’VIII e il VII secolo a.C nell’area toscana e umbra;Emerge tra l’VIII e il VII secolo a.C nell’area toscana e umbra; VII-VI secolo a.C massima espansione:VII-VI secolo a.C massima espansione: –a nord nella pianura padana; –a sud nel Lazio e in Campania. Probabile il loro dominio su Roma, desunto dal fatto che almeno due degli ultimi re di Roma sono etruschi.Probabile il loro dominio su Roma, desunto dal fatto che almeno due degli ultimi re di Roma sono etruschi.

6 La Magna Grecia Dalla metà dell’VIII secolo a.C. intensa colonizzazione greca.Dalla metà dell’VIII secolo a.C. intensa colonizzazione greca. Limitata alle zone costiere.Limitata alle zone costiere. Scambi commerciali con le comunità dell’entroterra.Scambi commerciali con le comunità dell’entroterra. Stimolo per l’evoluzione verso la civiltà urbana.Stimolo per l’evoluzione verso la civiltà urbana. Civiltà, cultura e splendore pari alle poleis greche.Civiltà, cultura e splendore pari alle poleis greche. La Sicilia è pure oggetto della colonizzazione fenicia di Cartagine.La Sicilia è pure oggetto della colonizzazione fenicia di Cartagine. Le colonie greche sono ricche e potenti: −Siracusa è la maggiore potenza militare della Magna Grecia; −Sibari arriva a contare abitanti.

7 Roma: le basi materiali Posizione strategica ben difesa dal fiume Tevere e dalle alture (i sette colli). nodo stradale tra – –la via Salaria (commercio del sale) – –e l’asse nord-sud tra Etruria e Magna Grecia. Il fiume Tevere è navigabile. Estese terre fertili Capacità di acquisire le tecnologie più avanzate dei popoli confinanti: – –siderurgia etrusca; – –cantieristica navale greca.

8 Roma conquista l’Italia: il Lazio 496 a.C. popoli latini a.C. sanniti 295 a.C. battaglia di Sentino a.C. Magna Grecia a.C. Gallia cisalpina Espansione in età monarchica Conquiste nei primi decenni dell’età repubblicana 396 a.C. Distruzione di Veio, città etrusca rivale nel controllo della via Salaria. 496 a.C. vittoria sulla Lega latina presso il lago Regillo fra Gabii e Tuscolo.

9 Roma conquista l’Italia: la Campania 390 a.C. Roma è saccheggiata dai galli senoni (Brenno).390 a.C. Roma è saccheggiata dai galli senoni (Brenno). Viene ricostituito l’esercito e le difese murarie.Viene ricostituito l’esercito e le difese murarie. Inizia il periodo più intenso delle guerre di conquista:Inizia il periodo più intenso delle guerre di conquista: – – guerre contro i sanniti a.C a.C; – – a.C. nuova guerra contro la Lega latina; – – 295 a.C: guerra alla coalizione di galli, etruschi, umbri e sanniti. 496 a.C. popoli latini a.C. sanniti 295 a.C. battaglia di Sentino a.C. Magna Grecia a.C. Gallia cisalpina

10 Roma conquista l’Italia: l’Etruria 295 a.C a Sentino viene sconfitta una coalizione di galli, etruschi, umbri e sanniti. Roma è padrona dell’Italia centro-meridionale.295 a.C a Sentino viene sconfitta una coalizione di galli, etruschi, umbri e sanniti. Roma è padrona dell’Italia centro-meridionale. Nel 280 a.C si apre nel frattempo un nuovo fronte a sud con l’intervento di Pirro, re dell’Epiro, in aiuto di Taranto, potente colonia greca dell’Italia meridionale.Nel 280 a.C si apre nel frattempo un nuovo fronte a sud con l’intervento di Pirro, re dell’Epiro, in aiuto di Taranto, potente colonia greca dell’Italia meridionale. 265 a.C. la conquista e distruzione di Volsinii pone fine all’autonomia delle città etrusche.265 a.C. la conquista e distruzione di Volsinii pone fine all’autonomia delle città etrusche a.C. Sanniti 280 a. C. Etruschi Sabini Umbri a. C. Magna Grecia 225 – 222 a. C. Gallia padana 496 a. C. popoli latini a.C. Sanniti 295 a.C. battaglia di Sentino a.C. Magna Grecia a.C. Gallia cisalpina 496 a.C. popoli latini

11 Roma conquista l’Italia: la Magna Grecia Taranto minacciata da Roma chiede aiuto a Pirro, re dell’Epiro.Taranto minacciata da Roma chiede aiuto a Pirro, re dell’Epiro. 280 a.C. Pirro sbarca in Italia e sconfigge i Romani a Eraclea e ad Ascoli Satriano.280 a.C. Pirro sbarca in Italia e sconfigge i Romani a Eraclea e ad Ascoli Satriano. Dopo un tentativo fallito di conquistare la Sicilia, Pirro è costretto a dar battaglia a Maleventum (poi Benevento), dove è sconfitto definitivamente.Dopo un tentativo fallito di conquistare la Sicilia, Pirro è costretto a dar battaglia a Maleventum (poi Benevento), dove è sconfitto definitivamente. Taranto si sottomette a Roma nel 272 a.C.Taranto si sottomette a Roma nel 272 a.C a.C. Sanniti 295 a.C. battaglia di Sentino a.C. Magna Grecia a.C. Gallia cisalpina 496 a.C. popoli latini

12 Sinossi della conquista dell’Italia peninsulare Date e popolazioni ostiliCauseEventi determinantiEsito e conseguenze a.C. Prima guerra sannitica L’espansione e la crescente egemonia dei sanniti in Campania entra in conflitto con la penetrazione romana nella stessa regione. Guerra di “logoramento”: i romani vincono nelle battaglie in campo aperto, i sanniti negli scontri sulle montagne. L’equilibrio di forze suggerisce un accordo di pace. Agli abitanti delle città campane soggiogate viene concessa la cittadinanza senza diritto di voto a.C. Lega latina La pacificazione tra romani e sanniti allarma i popoli del Lazio la cui ostilità era ripresa dopo il saccheggio di Roma da parte dei galli senoni nel 390 a.C. La Lega latina subisce ripetute sconfitte fino alla battaglia decisiva ai Campi Fenectani nella pianura Pontina. Roma, imposto il suo definitivo dominio sui popoli del Lazio, concede loro la cittadinanza a pieno diritto a.C. Seconda guerra sannitica La minaccia della conquista di Napoli da parte di Roma riapre la guerra con i sanniti. 321 a.C Forche Caudine, sconfitta dei romani. 316 a.C la guerra riprende e Roma sconfigge una a una le popolazioni alleate con i sanniti. 304 a.C. Roma costringe i sanniti alla pace e alla rinuncia della Campania a.C. Coalizione di etruschi, galli, umbri e sanniti Conflitti aperti durante le guerre sannitiche che di volta in volta si risolvevano con paci e tregue mai rispettate. 295 a.C vittoria romana nella battaglia di Sentino. 283 a.C presso il lago Vadimone l’esercito romano fa strage dei Galli Boi. La vittoria romana apre la strada all’unificazione dei territori della penisola centro- meridionale sotto il dominio romano a.C. Taranto, regno dell’Epiro Le città greche del sud, minacciate da Roma, chiedono protezione a Pirro. Pirro sbarca in Italia e sconfigge i romani a Eraclea nel 280 a.C e ad Ascoli Satriano nel 279 a.C. Nel 275 Pirro è sconfitto definitivamente a Maleventum. Roma conquista Taranto e controlla l’Italia meridionale.

13 La sottomissione della Gallia cisalpina Nel contesto delle guerre puniche, tra la prima e la seconda ( a.C.): –225 a.C. coalizione di tribù galliche contro Roma; –Roma mobilita più di legionari; –battaglia di Talamone (foce dell’Ombrone): massacro di galli e cattura di prigionieri; –Roma decide di invadere la Gallia cisalpina; –222 a.C. battaglia di Clastidium, sconfitta dei galli insubri; –222 a.C. Roma conquista Milano, capitale dei galli insubri. Nella seconda guerra punica ( a.C), la discesa di Annibale in Italia è il pretesto per i galli a ribellarsi a Roma. − Sconfitto Annibale a Zama (202 a.C.) Roma chiude la partita con i galli in Italia. − a.C. riconquista romana della Gallia cisalpina a.C. sanniti 295 a.C. battaglia di Sentino a.C. Magna Grecia a.C. Gallia cisalpina 496 a.C. popoli latini

14 Prima formazione dell’identità italiana L’unificazione della penisola sotto il dominio di Roma è la condizione necessaria, ma non sufficiente, per la nascita dell’identità italiana.L’unificazione della penisola sotto il dominio di Roma è la condizione necessaria, ma non sufficiente, per la nascita dell’identità italiana. L’idea di Italia quale entità storica unitaria compare solo nel I secolo a.C.:L’idea di Italia quale entità storica unitaria compare solo nel I secolo a.C.: –tra il 91 e l’89 a.C. durante la guerra “sociale”, –quando gli alleati (socii) italici si coalizzano nella guerra contro Roma per ottenere il riconoscimento della cittadinanza romana. La moneta coniata dagli alleati italici durante la guerra sociale: diritto, testa femminile con la scritta “ITALIA”; Rovescio, il giuramento degli alleati italici contro Roma.


Scaricare ppt "Roma e l’Italia: le fasi della conquista Un mosaico originario di etnie:Un mosaico originario di etnie: –i popoli italici; –i celti; –gli etruschi; –i."

Presentazioni simili


Annunci Google