La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Anno scolastico 2014/2015 LICEO SERPIERI prof. Piazza Silvia DONATELLO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Anno scolastico 2014/2015 LICEO SERPIERI prof. Piazza Silvia DONATELLO."— Transcript della presentazione:

1 Anno scolastico 2014/2015 LICEO SERPIERI prof. Piazza Silvia DONATELLO

2 1386 Nasce a Firenze A Roma con Brunelleschi Donato di Niccolò di Betto Bardi – va a bottega da GHIBERTI (fino al 1407) 1416 A Pisa con Masaccio A Prato  Pulpito marmoreo del Duomo - Nicola e Giovanni Pisano Padova  realizza Crocifisso, Rilievi dell’Altare del Santo e Monumento a Gattamelata Risiede a Siena  Modelli per le porte del Duomo (non realizzate) 1466 Muore a Firenze DONATELLO A Siena  Fonte battesimale del Battistero - Nel 1425 apre una bottega con Michelozzo ( ) ( ) 1432 Torna a Roma, forse con Michelozzo. Studia la decorazione tardo antica. A Firenze  Duomo (facciata e campanile)

3 San Giorgio e la principessa Rilievo posto sulla predella della statua di san Giorgio, realizzata intorno al 1416 per la chiesa di Orsanmichele, oggi presso il Museo del Bargello a Firenze.

4 Donatello ritrae il momento in cui il drago viene trafitto dal cavaliere. La scena è estremamente realistica. L'azione si svolge con grande rapidità e violenza: il cavallo impennato con la testa girata, spaventato dal drago che lo aggredisce; il cavaliere tutto curvo in avanti e inclinato su un fianco, raccolto nello sforzo di trafiggere il drago; il mantello svolazzante e il drago che si accartoccia per la ferita mortale. La figura del santo è leggermente ruotata intorno all'asse centrale; le gambe sono un poco divaricate, il torso ben eretto, in modo da far risaltare l'idea di fermezza e coraggio. A destra, scorgiamo la principessa che sta pregando a mani giunte per la vittoria del santo. Ai lati elementi contrapposti: a sinistra la grotta del drago, simbolo di barbarie, rozzezza e oscurità; a destra, un porticato rinascimentale, in prospettiva, che rinvia a criteri di razionalità e compostezza. Il rilievo rappresenta il momento in cui San Giorgio sta trafiggendo il drago. La scena è estremamente realistica. L’azione si svolge con grande rapidità e violenza, come dimostrano i gesti del cavaliere, il cavallo che si impenna, spaventato dal drago che lo aggredisce e il drago che si ripiega per la ferita mortale. Descrizione Il santo è proteso nell’atto di uccidere il drago: il suo corpo è leggermente ruotato intorno all’asse centrale, i piedi un poco ricurvi serrano il cavallo, il torso è ben eretto, in modo da dare l’idea di fermezza e coraggio.

5 A destra, scorgiamo la principessa che sta pregando a mani giunte per la vittoria del santo. Descrizione Ai lati troviamo elementi contrapposti: a sinistra la grotta del drago, simbolo di barbarie, rozzezza e oscurità; a destra, un porticato rinascimentale, in prospettiva, che rinvia a criteri di razionalità e compostezza.

6 Caratteristiche dell’opera La scena, realizzata secondo il metodo prospettico che Donatello ha appreso da Brunelleschi, è rappresentata con un unico punto di fuga. 1.Uso della prospettiva Tutte le linee convergono nella figura di san Giorgio, che diventa dunque centro prospettico e centro dell’azione.

7 Caratteristiche dell’opera 2.La tecnica dello stiacciato Questo rilievo è il primo esempio di STIACCIATO (SCHIACCIATO). Lo stiacciato è una tecnica scultorea, inventata da Donatello, che consiste nel realizzare un rilievo in modo tale che lo spessore diminuisca gradualmente dal primo piano allo sfondo, per dare all'osservatore un'illusione di profondità. In questo modo si creano anche effetti di chiaroscuro molto simili a quelli che ritroviamo in pittura.

8 Banchetto di Erode Formella in bronzo dorato, posta alla base del Fonte battesimale del Battistero di Siena tra il 1423 e il 1427.

9 La formella presenta la storia della decapitazione di San Giovanni divisa in tre episodi, disposti su tre piani diversi. PRIMO PIANO PIANO CENTRALE PIANO DI SFONDO PIANO CENTRALE Dei musici richiamano il momento della danza di Salomè. PIANO DI SFONDO Si vede il servitore che mostra a Salomè e alle donne che sono con lei la testa del Battista. PRIMO PIANO E’ raffigurato il momento in cui viene presentata ad Erode la testa del santo.

10 Caratteristiche dell’opera 1.Uso sapiente della PROSPETTIVA La rappresentazione è ordinata secondo la PROSPETTIVA LINEARE con UN UNICO PUNTO DI FUGA. Il centro è VUOTO: i personaggi si dispongono tutt’intorno secondo linee diagonali per creare un effetto di grande movimento.

11 Erode, all'estrema sinistra, si scosta inorridito dalla visione della testa mozzata del Battista, come mostrano il volto e il gesto delle mani. Caratteristiche dell’opera 2. Descrizione realistica dei personaggi Anche i suoi commensali sono sconvolti da questa visione (l’uomo al centro sulla destra si copre gli occhi con la mano). Erodiade, invece, si avvicina al re e con un gesto del braccio cerca di placare il suo sdegno.

12 3. Uso del rilievo STIACCIATO Caratteristiche dell’opera Donatello schiaccia le figure sul piano di fondo e, via via che procede verso il primo piano, aggiunge spessore, fino ad arrivare all'alto rilievo del gruppo di destra e al tutto tondo della testa del personaggio che porta il vassoio.

13 Caratteristiche dell’opera 4. Struttura simmetrica della scena Benché la storia abbia il suo centro narrativo nell’angolo in basso a sinistra (dove la testa del Battista viene presentata su un piatto a Erode), la scena ha una costruzione simmetrica, scandita soprattutto dai due gruppi ai lati della scena.

14 Caratteristiche dell’opera 5. Architettura disegnata con grande abilità Qui lo spazio non è finito, ma sembra anzi espandersi oltre il rilievo, come dimostrano gli archi o le figure tagliate a metà. Anche lo sfondo sembra solo una parte di qualcosa di più ampio. Lo spazio rinascimentale, finito e misurabile, lascia il campo a uno spazio più indefinito.

15 Donatello, Miracolo della mula, Padova, Basilica del Santo

16

17 Donatello, Maddalena, , Firenze, Museo dell’Opera del Duomo


Scaricare ppt "Anno scolastico 2014/2015 LICEO SERPIERI prof. Piazza Silvia DONATELLO."

Presentazioni simili


Annunci Google