La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISPI Energy Watch Politica energetica europea Il contesto e le sfide nei prossimi decenni Pavia – 21 Aprile 2015 Matteo Verda Istituto per gli Studi di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISPI Energy Watch Politica energetica europea Il contesto e le sfide nei prossimi decenni Pavia – 21 Aprile 2015 Matteo Verda Istituto per gli Studi di."— Transcript della presentazione:

1 ISPI Energy Watch Politica energetica europea Il contesto e le sfide nei prossimi decenni Pavia – 21 Aprile 2015 Matteo Verda Istituto per gli Studi di Politica Internazionale - Milano

2 ISPI Energy Watch I CONSUMI DI ENERGIA PRIMARIA DELLE PRINCIPALI ECONOMIE Fonte: New Policies Scenario, IEA(2014). Mtep

3 ISPI Energy Watch I PANIERI ENERGETICI DELLE PRINCIPALI ECONOMIE NEL 2030 Fonte: New Policies Scenario, IEA(2014).

4 ISPI Energy Watch L’ EVOLUZIONE DELL ’ INTENSITÀ ENERGETICA DELLE PRINCIPALI ECONOMIE tep/ mln USD In tep/mln USD costanti del 2013 – Fonte: New Policies Scenario, IEA(2014).

5 ISPI Energy Watch I CONSUMI DI ENERGIA PRIMARIA DELLE PRINCIPALI ECONOMIE Fonte: New Policies Scenario, IEA(2014). Mtep

6 ISPI Energy Watch L’ EVOLUZIONE DEL PANIERE ENERGETICO GLOBALE Fonte: New Policies Scenario, IEA(2014). Mtep

7 ISPI Energy Watch I CONSUMI DI CARBONE DELLE PRINCIPALI ECONOMIE Fonte: New Policies Scenario, IEA(2014). Mtep

8 ISPI Energy Watch I CONSUMI DI PETROLIO DELLE PRINCIPALI ECONOMIE Fonte: New Policies Scenario, IEA(2014). Mtep

9 ISPI Energy Watch I CONSUMI DI GAS NATURALE DELLE PRINCIPALI ECONOMIE Fonte: New Policies Scenario, IEA(2014). Mtep

10 ISPI Energy Watch I CONSUMI DI ENERGIA NUCLEARE DELLE PRINCIPALI ECONOMIE Fonte: New Policies Scenario, IEA(2014). Mtep

11 ISPI Energy Watch I CONSUMI DI ENERGIA RINNOVABILE DELLE PRINCIPALI ECONOMIE Fonte: New Policies Scenario, IEA(2014). Mtep

12 ISPI Energy Watch I PRINCIPALI PRODUTTORI E CONSUMATORI DI PETROLIO Milioni di barili al giorno (2013) – Fonte: BP, Statistical Review of World Energy P RODUTTORI C ONSUMATORI

13 ISPI Energy Watch In rosso i tre principali produttori di petrolio, in blu i tre principali consumatori. I PRINCIPALI PRODUTTORI E CONSUMATORI DI PETROLIO

14 ISPI Energy Watch I PRINCIPALI ESPORTATORI E IMPORTATORI DI PETROLIO Milioni di barili al giorno (2013) – Fonte: BP, Statistical Review of World Energy E SPORTATORI I MPORTATORI

15 ISPI Energy Watch I PRINCIPALI PRODUTTORI E CONSUMATORI DI GAS NATURALE Miliardi di metri cubi al giorno (39 MJ/mc) (2013) – Fonte: BP, Statistical Review of World Energy P RODUTTORI C ONSUMATORI

16 ISPI Energy Watch I MERCATI REGIONALI DEL GAS

17 ISPI Energy Watch Fonte: Commissione Europea. I PREZZI DEL GAS NEI DIFFERENTI MERCATI REGIONALI $/MMBTU

18 ISPI Energy Watch I CONSUMI ENERGETICI EUROPEI Fonte: elaborazione su dati Commissione Europea. Mtep

19 ISPI Energy Watch L A COMPOSIZIONE DEL PANIERE ENERGETICO EUROPEO fossili nucleare rinnovabili Fonte: elaborazione su dati Commissione Europea.

20 ISPI Energy Watch Fonte: elaborazione su dati Commissione Europea. L’ ANDAMENTO ATTESO NEI CONSUMI EUROPEI, PER FONTE Mtep

21 ISPI Energy Watch Mtep petrolio gas carbonerinnovabilinucleare Fonte: elaborazione su dati Commissione Europea. L A DIPENDENZA EUROPEA DALLE IMPORTAZIONI

22 ISPI Energy Watch mld € 2014 – Fonte: elaborazione su dati Commissione Europea. I PRINCIPALI FORNITORI ENERGETICI EUROPEI

23 ISPI Energy Watch L’ ORIGINE DEL GAS CONSUMATO IN UE NEL 2014 Fonte: elaborazione su dati Commissione Europea, JODI, Eurogas.

24 ISPI Energy Watch

25 Fonte: elaborazione su dati IEA. L A QUOTA DELLE EMISSIONI EUROPEE Mt CO 2 19% quota UE: 11%9%8%7% 6% resto del mondoUE

26 ISPI Energy Watch G LI IMPEGNI UE DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI La questione delle emissioni di anidride carbonica Cambiamento climatico Supposto nesso causale tra emissioni di anidride carbonica e cambiamento climatico Misure principali: riduzione unilaterale del valore assoluto delle emissioni Obiettivi europei 2020 : 20% di riduzione delle emissioni climalteranti UE rispetto ai livelli del : 40% di riduzione delle emissioni climalteranti UE rispetto ai livelli del 1990

27 ISPI Energy Watch Emissioni europee e mondiali di gas climalteranti: valori registrati e previsioni (Mt CO 2 equivalente). In rosso, i livelli di riduzione delle emissioni previsti dalla normativa europea (-20% e -40% rispetto al 1990). L’ ANDAMENTO DELLE EMISSIONI EUROPEE E MONDIALI A CONFRONTO Fonte: elaborazione su dati IEA. Mt CO 2

28 ISPI Energy Watch Mt CO 2 L A VARIAZIONE DELLE EMISSIONI EUROPEE E MONDIALI A CONFRONTO Fonte: elaborazione su dati IEA.

29 ISPI Energy Watch COP-21 DI P ARIGI : L ’ IMPEGNO DEGLI ALTRI P AESI Cina: raggiungimento del picco di emissioni nel 2030, senza nessuna indicazione quantitativa. USA: riduzione entro il 2025 delle emissioni del 26-28% rispetto ai valori del India: nessun impegno sulle emissioni; aumento della tassazione sul carbone. Russia: riduzione entro il 2030 delle emissioni del 25-30% rispetto ai valori del Giappone: riduzione delle emissioni entro il 2030 del 20% rispetto ai valori del 2005.

30 ISPI Energy Watch L E EMISSIONI DELLE PRINCIPALI ECONOMIE Fonte: New Policies Scenario, IEA(2014). Mt CO 2

31 ISPI Energy Watch I L PROCEDIMENTO DELLA C OMMISSIONE E UROPEA CONTRO G AZPROM Caso: “39816 Upstream gas supplies in Central and Eastern Europe”, procedimento di investigazione aperto il dalla DG Competition (commissaria Margrethe Vestager, DK) e preceduto da alcune ispezioni condotte nel settembre Ipotesi: la Commissione sospetta che Gazprom abbia messo in atto pratiche anticorrenziali in Europa orientale e in particolare che abbia: ostacolato la libera circolazione del gas tra Stati membri; impedito la diversificazione degli approvvigionamenti; abbia imposto prezzi iniqui attraverso l’indicizzazione al prezzo del petrolio. Sanzione: nel caso la Commissione passasse a un’indagine formale, la multa potrebbe arrivare fino al 10% del fatturato (circa 10 miliardi di euro).

32 ISPI Energy Watch I L PROCEDIMENTO DELLA C OMMISSIONE E UROPEA CONTRO G AZPROM Mercati interessati: Estonia Lettonia Lituania Polonia Cechia Slovacchia Ungheria Bulgaria

33 ISPI Energy Watch

34 L’ ORIGINE DEL GAS CONSUMATO IN UE NEL 2014 Fonte: elaborazione su dati Commissione Europea, JODI, Eurogas.

35 ISPI Energy Watch Gazprom Export transito Ucraina transito /totale gas russo /consumi Italia14,324,114,324,1100% 35% Germania31,538,220,011,163%29% 43% Cechia6,97,06,97,0100% 86% Ungheria5,05,75,05,7100% 61% Slovacchia4,05,14,05,1100% Austria5,0 100% 60% Francia7,67,82,93,038%39% 17% Bulgaria2,42,62,42,6100% 94% Grecia2,42,52,42,5100% 66% Romania2,11,12,11,1100% 10% Slovenia0,5 100% 73% altri UE23,026,90,0 --13% tot. UE104,7126,565,567,762%54%27% Turchia25,725,313,312,452%49%58% altri1,31,71,31,7100% tot. Europa131,7153,580,181,861%53% G LI ACQUIRENTI DI GAS RUSSO IN E UROPA OCCIDENTALE E A NATOLIA Gmc – Fonte: elaborazione su GazpromExport, Eurostat, Eurogas, BP e Pirani (2014).

36 ISPI Energy Watch punto di arrivomax giornalieromax annuo (Mmc)(Gmc) Rete ucraina Slovacchia Romania Ungheria 5518 Polonia 124 Nord StreamGermania Yamal-EuropaPolonia Blue StreamTurchia 4916 altriFinlandia, Baltici 7224 totale L E INFRASTRUTTURE DI ESPORTAZIONE DEL GAS RUSSO 2014 – Fonte: elaborazione su dati ENTSOG (2012). Annuo ipotizzato con utilizzazione al 90%.

37 ISPI Energy Watch

38

39

40

41

42

43 Matteo Verda Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI) – Milano blog:www.sicurezzaenergetica.it linkedin:Linkedin.com/in/matteoverda C ONTATTI


Scaricare ppt "ISPI Energy Watch Politica energetica europea Il contesto e le sfide nei prossimi decenni Pavia – 21 Aprile 2015 Matteo Verda Istituto per gli Studi di."

Presentazioni simili


Annunci Google