La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL PROFILO COGNITIVO E BIOLOGICO DELLE DEMENZE DEGENERATIVE E VASCOLARI 1- Definizione e classificazione delle demenze 2- Malattia di Alzheimer (AD) 3-

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL PROFILO COGNITIVO E BIOLOGICO DELLE DEMENZE DEGENERATIVE E VASCOLARI 1- Definizione e classificazione delle demenze 2- Malattia di Alzheimer (AD) 3-"— Transcript della presentazione:

1 IL PROFILO COGNITIVO E BIOLOGICO DELLE DEMENZE DEGENERATIVE E VASCOLARI 1- Definizione e classificazione delle demenze 2- Malattia di Alzheimer (AD) 3- Demenza a corpi di Lewy (DLB) 4- Demenze fronto-temporali (FTD) 5- Demenze vascolari 6- Considerazioni conclusive

2 Demenza (DSM IV) A- Presenza di deficit cognitivi multipli caratterizzati da: 1) compromissione mnesica – apprendimento e richiamo 2) uno o più dei seguenti: a) afasia b) aprassia c) agnosia d) deficit pensiero astratto e capacità di critica B- I deficit interferiscono significativamente sulle attività della vita quotidiana C- I deficit non si manifestano esclusivamente durante uno stato confusionale acuto (“delirium”)

3 Classificazione DEMENZE DEGENERATIVE PRIMARIE DEMENZE DEGENERATIVE PRIMARIE Malattia di Alzheimer Demenza a corpi di Lewy Demenze fronto-temporali DEMENZE ASSOCIATE A MALATTIE CON DEGENERAZIONE NEURONALE PRIMARIA DEMENZE ASSOCIATE A MALATTIE CON DEGENERAZIONE NEURONALE PRIMARIA DEMENZE VASCOLARI DEMENZE SECONDARIE Classificazione delle demenze

4 Classificazione DEMENZE DEGENERATIVE PRIMARIE DEMENZE DEGENERATIVE PRIMARIE Malattia di Alzheimer Demenze fronto-temporali Demenza a corpi di Lewy DEMENZE ASSOCIATE A MALATTIE CON DEGENERAZIONE NEURONALE PRIMARIA DEMENZE ASSOCIATE A MALATTIE CON DEGENERAZIONE NEURONALE PRIMARIA DEMENZE VASCOLARI DEMENZE SECONDARIE Classificazione delle demenze

5 MALATTIA DI ALZHEIMER, AD

6 Malattia di Alzheimer Epidemiologia e fattori di rischio  ~ 55% di tutti i casi di demenza  Prevalenza: 6,4% Principali fattori di rischio  Età  Sesso femminile  Familiarità  Traumi cranici  Genotipo APO E  Fattori di rischio vascolari Alois Alzheimer AD

7 Compromissione funzionale * Attività strumentali della vita quotidiana, IADL * Attività di base della vita quotidiana, ADL Declino cognitivo * Perdita di memoria *Disorientamento temporale e spaziale *Afasia * Aprassia * Agnosia * Difficoltà delle funzioni esecutive Disturbi del Comportamento * Oscillazioni dell’umore * Alterazioni della personalità * Psicosi * Agitazione * Wandering * Sintomi neurovegetativi M. di Alzheimer Quadro clinico

8 Storia naturale della demenza di Alzheimer Anni Sintomi cognitivi Perdita dell’autosufficienza Perdita dell’autosufficienza Disturbi del comportamento Ricovero in strutture sanitarie Morte Decadi Pre-DALieve-ModerataIntermediaGrave MMSE

9 Memoria Memoria episodica e apprendimento  Memoria semantica  Memoria autobiografica Sintomi cognitivi

10 Attenzione Attenzione divisa  Attenzione sostenuta  Totale estraneamento Sintomi cognitivi

11 Capacità di astrazione Ridotta capacità di sintesi e difficoltà a cogliere il significato di espressioni astratte, somiglianze o differenze tra concetti  Perdita delle capacità logico-percettive Sintomi cognitivi

12 Linguaggio Difficoltà nel trovare le parole, discorso meno articolato, riduzione dell’eloquio spontaneo  Contenuto semantico povero, anomie, frasi clichè, parole passepartout, deficit di comprensione  Inerzia dell’iniziativa verbale, stereotipie linguistiche, linguaggio egocentrico  Eloquio incoerente, ecolalia, perseverazione, ridotta comprensione del linguaggio scritto e parlato Sintomi cognitivi

13 Prassia Aprassia costruttiva lieve, difficoltà nelle attività strumentali più complesse  Aprassia ideativa  Alterazione della pantomima e della copiatura di modelli gestuali  Aprassia ideo motoria (dell’abbigliamento) Sintomi cognitivi

14 Gnosia Difficoltà nel riconoscere oggetti di uso non comune  Prosopoagnosia  Somatoagnosia  Mancato riconoscimento della propria persona Sintomi cognitivi

15 Malattia di Alzheimer: quadro neuropatologico caratteristico riflesso nel liquido cerebrospinale Atrofia cerebrale Placche senili Grovigli neurofibrillari Beta amiloide Tau

16 Esame del liquor A β 1-42: ↓↓ Tau: ↑↑ Phospho-Tau: ↑↑

17 DEMENZA A CORPI DI LEWY, DLB

18 Epidemiologia  10-15% dei casi di demenza (conferma autoptica)  Prevalenza nella popolazione di età superiore ai 65 anni ~ 1 %  Assenza di studi epidemiologici classici riguardo ai potenziali fattori di rischio  Difficoltà nella caratterizzazione per le somiglianze clinico-patologiche con la demenza associata alla malattia di Parkinson

19 Patologia : Corpi di Lewy  Inclusioni neuronali citoplasmatiche, eosinofile, a localizzazione nel tronco encefalo (SN, locus coeruleus, nucleo dorsale del vago), nelle aree limbiche (corteccia entorinale, corteccia del cingolo ed amigdala) e nella neocortex temporale e frontale.  Forma aggregata ed insolubile dell’ α -sinucleina, proteina fisiologicamente presente a livello sinaptico Pathological -synuclein (  -syn) aggregates in the pigmented nuclei of the brainstem (A,B) Antibodies: A (  -sin), B (tyrosine hydroxylase)

20 Quadro Clinico  Deterioramento Cognitivo : coinvolgimento corticale e sottocorticale con prevalenti deficit attentivi e visuo- spaziali. Nel 50-75% dei casi fluttuazioni dello stato cognitivo della durata di minuti, ore o giorni  Sintomatologia Psichiatrica : allucinazioni visive, mispercezioni, depressione, apatia e disturbi d’ansia. Le allucinazioni, spesso vivide, colorate e tridimensionali sono associate a più marcati deficit colinergici corticali.  Segni Extrapiramidali  Disturbi del Sonno  Disfunzioni Autonomiche

21 Marcatori biologici  dosaggio alfa-sinucleina liquorale (in fase di sviluppo)  informazioni complementari dal dosaggio dei biomarcatori classici AD DLB ▼▼ A β 42 ▼▼▼ A β 42 ▲▲ Tau totale ▲ = Tau totale ▲▲ fosfo Tau = = fosfo Tau

22 DEMENZE FRONTO-TEMPORALI, FTD

23 Gruppo di demenze degenerative eterogenee sul piano clinico e neuropatologico, caratterizzate da disfunzione dei lobi frontali e della porzione anteriore dei lobi temporali FTD

24 Sottotipi di Demenza Frontotemporale Malattia di Pick Afasia Primaria Progressiva Demenza semantica Demenza fronto-temporale con amiotrofia Demenza fronto-temporale e parkinsonismo associata al cr.17

25 Malattia di Pick Età d’esordio: 4 a – 5 a decade Entità definibile unicamente sul piano neuropatologico Imponente atrofia corticale Presenza di inclusioni argentofile intracitoplasmatiche (corpi di Pick) nelle regioni atrofiche. Gli aggregati intraneuronali sono costituiti da filamenti di prot Tau. Pick bodies Argyrophilic cytoplasmatic inclusions Arnold Pick

26 Quadro Clinico  Alterazioni del comportamento, della personalità, della condotta sociale e dell’espressione verbale, con relativa conservazione della memoria, dell’orientamento topografico e delle funzioni prassiche  Possibile precoce comparsa della sindrome di Kluver-Bucy (bulimia, iperoralità ed ipersessualità)

27 Neuroimmagini TC e RM: atrofia dei lobi frontali e temporali, rarefazione della sostanza bianca sottocorticale maggiore di quella riscontrata nella malattia di Alzheimer PET, SPECT: ipometabolismo frontale e temporale MRI: frontotemporal dementia

28 Afasia Primaria Progressiva  Disturbo isolato e progressivo del linguaggio, caratterizzato da difficoltà nel reperimento di parole, riduzione della fluenza verbale e conservazione delle altre funzioni cognitive.  Evoluzione verso la demenza conclamata  Neuroimmagini: atrofia ed ipometabolismo in sede frontotemporale nell’emisfero dominante Primary progressive aphasia. Left parasagittal (B) magnetic resonance images and axial positron emission tomography images

29 Demenza Semantica Processo patologico a carico dei lobi temporali (sn>dx) Disturbi cognitivi: afasia fluente, con parafasie e perdita del significato delle parole; prosopoagnosia, agnosia per gli oggetti ed alterazioni del comportamento quali compulsività e perdita degli interessi MRI e neuroimmagini funzionali: atrofia e ed ipometabolismo a livello temporale

30 Marcatori biologici liquorali  Aumento consistente a livello liquorale del neurofilamento a catena leggera (NFL) come promettente marcatore di FTD  Informazioni complementari dal dosaggio dei biomarcatori classici AD DLB FTD A β 42 ▼▼ ▼▼ ▼ ▼ = Tau tot. ▲▲ ▲ = ▲ = fosfo Tau ▲▲ = == =

31 DEMENZE VASCOLARI

32 Demenza Vascolare (VaD) Demenza secondaria ad un danno vascolare cerebrale su base ischemica e/o emorragica e/o ipossica

33 Classificazione clinico-patologica delle Demenze Vascolari  Demenza da patologia dei grandi vasi: Demenza multiinfartuale Demenza da infarti strategici  Demenza da patologia dei piccoli vasi Demenza vascolare ischemica sottocorticale  Demenza da ipoperfusione  Demenza emorragica  Demenza vascolare ereditaria  Demenza mista (AD + VaD)

34 Fattori di Rischio  Età avanzata  Sesso maschile  Familiarità  Ipertensione arteriosa  Patologia cardiaca (es. FA)  Diabete mellito  Dislipidemie  Fumo di sigaretta  Abuso di alcolici

35 Quadro Clinico Demenza da patologia dei grandi vasi (multiinfartuale e da infarti strategici): quadro clinico strettamente dipendente dalla sede lesionale, caratterizzato da esordio brusco con andamento “a scalini” del deterioramento cognitivo

36 QuadroClinico Demenza Vascolare Ischemica Sottocorticale Interruzione dei circuiti sottocortico-prefrontali Compromissione delle funzioni esecutive Rallentamento psicomotorio Turbe della personalità e dell’umore: apatia, irritabilità e depressione Turbe dell’andatura: “marche à petis pas” Incontinenza urinaria

37 Demenza da patologia dei piccoli vasi Demenza Vascolare Ischemica Sottocorticale  Compromissione cognitiva secondaria al diffuso danno sottocorticale Infarti completi: infarti lacunari e microinfarti Infarti incompleti: lesioni della sostanza bianca spesso identificati con l’eponimo di “malattia di Binswanger”

38 IPERTENSIONE ARTERIOSA ALTERAZIONI STRUTTURALI NEL SNC Danno endoteliale e della membrana basale Arteriolosclerosi Angiopatia amiloidea ALTERAZIONI DELLA REATTIVITA’ CEREBROVASCOLARE ALTERAZIONI DELLA REATTIVITA’ CEREBROVASCOLARE Perdita della capacità di autoregolazione del flusso cerebrale IPOPERFUSIONE CEREBRALE Deficit metabolismo energetico cerebrale Stress ossidativo, infiammazione, eccitotossicità Amiloidogenesi Malattia di Alzheimer Danno vascolare sottocorticale diffuso Demenza vascolare

39 Alterazioni della sostanza bianca e markers liquorali: recenti evidenze Jonsson et al., 2009 – Studio LADIS

40 Significato prognostico delle alterazioni della sostanza bianca

41 Significato prognostico delle alterazioni della sostanza bianca Significato prognostico delle alterazioni della sostanza bianca Soggetti anziani con marcate alterazioni della sostanza bianca sono ad alto rischio* di declino funzionale nei successivi tre anni * Tasso annuale di morte o disabilità: 10.5% per alterazioni lievi; 15.1% per alterazioni moderate 29.5% per alterazioni di grado marcato

42 “Take home messages” di buona pratica neurologica La diagnosi di demenza è una sconfitta per il clinico 1. diagnosi precoce per attuare tempestivamente interventi sia farmacologici che non (stile di vita); 2. valutazione funzioni corticali superiori e stato funzionale = parte integrante dell’esame neurologico del paz. con sospetta patologia del SNC 3. neuroimmagini e dosaggi liquorali dei biomarker quale aiuto nel prossimo futuro per la diagnosi precoce


Scaricare ppt "IL PROFILO COGNITIVO E BIOLOGICO DELLE DEMENZE DEGENERATIVE E VASCOLARI 1- Definizione e classificazione delle demenze 2- Malattia di Alzheimer (AD) 3-"

Presentazioni simili


Annunci Google