La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1. PERCHE’ ABBIAMO FINANZIATO QUESTO PROGETTO? Questo progetto è stato finanziato dalla nostra scuola per far trovare a tutti noi delle soluzioni per.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1. PERCHE’ ABBIAMO FINANZIATO QUESTO PROGETTO? Questo progetto è stato finanziato dalla nostra scuola per far trovare a tutti noi delle soluzioni per."— Transcript della presentazione:

1 1

2 PERCHE’ ABBIAMO FINANZIATO QUESTO PROGETTO? Questo progetto è stato finanziato dalla nostra scuola per far trovare a tutti noi delle soluzioni per impattare il meno possibile sull’ambiente. FORZA, DIAMOCI DA FARE! 2

3 COS’E’ L’ENERGIA? L'energia è la capacità di un corpo di compiere un lavoro. Essa né si crea né si distrugge ma si trasforma. L’uomo da sempre per la sua sopravvivenza ne ha avuto bisogno. Se non ci fosse energia, ogni cosa, ogni particella di materia, sarebbe ferma e fredda. L’energia infatti è l’anima del mondo, è il tempo, l’evoluzione, la vita. TU LO SAPEVI? 3

4 E’ un indice statistico utilizzato per misurare la richiesta umana nei confronti della natura. Essa mette in relazione il consumo umano di risorse e la capacità della Terra di rigenerarle. 4

5 IMPRONTA ECOLOGICA NEL TEMPO GUARDATE COME E’ CAMBIATA L’IMPRONTA ECOLOGICA NEL TEMPO…G 5

6 Il grafico ci mostra quanti pianeti servono per riequilibrare i consumi in debito con la natura. Nel 1960 bastava solo ½ pianeta … Nel 2005 invece serviva un pianeta e mezzo !! Questo perché non c’è stato uno sviluppo sostenibile. 6

7 7

8 SAI CHE IL TROPPO SVILUPPO TECNOLOGICO A PORTATO AD UNA DECRESCITA DEL PIANETA? Questo processo è avvenuto perché al posto di produrre energia tramite sorgenti a poco impatto sull’ ambiente e quindi con poco inquinamento, si è preferito avere un maggior guadagno economico senza pensare però alle conseguenze: come per esempio la combustione del petrolio. Di questo fatto ci si è accorti troppo tardi e perciò al posto di avere uno sviluppo del pianeta, si è andati a ritroso senza trovare delle soluzioni ecologiche ovvero fonti di energia come per esempio il sole che produce comunque l’energia necessaria al nostro fabbisogno ma senza impattare sull’ambiente. 8

9 Il Protocollo di Kyoto è un accordo internazionale per contrastare il riscaldamento climatico, fenomeno di cui è assolutamente chiara e comprovata la responsabilità umana. Il trattato, di natura volontaria, è stato sottoscritto l’11 dicembre 1997 durante la Conferenza delle parti di Kyoto (la COP3) ma è entrato in vigore solo il 16 febbraio La motivazione della nascita del Protocollo di Kyoto risiede nel contrasto al cambiamento climatico, probabilmente il più grande e preoccupante problema ambientale dell’era moderna, con le emissioni di CO2 in atmosfera che si costituiscono come il principale costituente dell’impronta ecologica umana. Il Protocollo di Kyoto impegna i Paesi sottoscrittori (le Parti) ad una riduzione quantitativa delle proprie emissioni di gas ad effetto serra; per fare questo le Parti sono tenute a realizzare un sistema nazionale di monitoraggio delle emissioni ed assorbimenti di gas ad effetto serra. 9

10 10

11 AUMENTO TEMPERATURA DAL 1880 al

12 CAMBIAMENTO DELLA TEMPERATURA TERRESTRE DAL RAPPORTO

13 L’educazione ambientale ovvero sensibilizzare i cittadini ad una maggiore responsabilità verso i problemi ambientali. Uno sviluppo sostenibile ovvero: «sviluppo che soddisfa i bisogni della generazione presente senza compromettere la possibilità che le generazioni future riescano a soddisfare i propri». Questo sviluppo però si può sostenere solo se tutti noi impariamo a: -Ridurre al minimo l’uso delle risorse non rinnovabili -Rispettare il patrimonio naturale -Non rilasciare più sostanze inquinanti -Usare risorse rinnovabili con ritmo non superiore alla loro capacità di rigenerarsi -Ridurre quindi i consumi e i rifiuti 13

14 IL MONDO E’ NELLE NOSTRE MANI PERCIO’ ANCHE NEL NOSTRO PICCOLO CERCHIAMO DI SALVARLO, INIZIANDO PROPRIO DALLA SCUOLA! -CHIUDIAMO LE FINESTRE (IN INVERNO) PER NON DISPERDERE IL CALORE -CHIUDIAMO LE PORTE -SPEGNAMO LE LUCI QUANDO NON E’ NECESSARIO -NON FACCIAMO SCORRERE L’ACQUA INUTILMENTE -MANTENIAMO LA TEMPERATURA DEI CALORIFERI NON SUPERIORE AI 21 °C -FACCIAMO LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI -PIANTUMIAMO ALBERI NEL GIARDINO PER COMPENSARE LE EMISSIONI DI CO2 14

15 LAVORO ESEGUITO DA: LUCA BRUSCHI E MARTA STROPPA 3^LT 15


Scaricare ppt "1. PERCHE’ ABBIAMO FINANZIATO QUESTO PROGETTO? Questo progetto è stato finanziato dalla nostra scuola per far trovare a tutti noi delle soluzioni per."

Presentazioni simili


Annunci Google