La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1. La nascita e lo sviluppo storico dei tagliolini 3. Composizione chimica 5. Conservazione 2. Ingredienti 4. Composizione pasta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1. La nascita e lo sviluppo storico dei tagliolini 3. Composizione chimica 5. Conservazione 2. Ingredienti 4. Composizione pasta."— Transcript della presentazione:

1 1. La nascita e lo sviluppo storico dei tagliolini 3. Composizione chimica 5. Conservazione 2. Ingredienti 4. Composizione pasta

2 Storia dei tagliolini Quand’è nata la pasta ? La pasta è nata circa anni fa, quando l’uomo, abbandonata la vita da nomade, inizia a coltivare la terra, scoprendo il grano. Iniziarono a macinare il grano, ad unirlo con l’acqua e infine far cuocere l’impasto sulle pietre roventi. La leggenda narra che Marco Polo avrebbe portato dalla Cina, oltre a molte meraviglie, anche gli spaghetti nel 1295.

3 Ingredienti Farina 00 Sale (NaCl) Uova

4 Composizione della farina Calorie kcal340 Calorie kj1424 Grassi g2.5 Carboidrati g71.97 Proteine g13.21 Fibre g10.7 Zuccheri g0.41 Acqua g10.74 Amido g57.77 Ceneri g1.58

5 Composizione della pasta Quantità per 100 grammi Calorie 371 Lipidi 1,5 g Acidi grassi saturi 0,3 g Acidi grassi polinsaturi 0,6 g Acidi grassi monoinsaturi 0,2 g Acidi grassi trans 0 g Colesterolo 0 mg Sodio 6 mg Potassio 223 mg Glucidi 75 g Fibra alimentare 3,2 g Zucchero 2,7 g Valori nutrizionali Maccheroni

6 Conservazione Pasta fresca (fatta in casa) Pasta essiccata (industriale) La pasta in assoluto più conosciuta e consumata in Italia è quella secca, la pasta che tutti gli italiani consumano quotidianamente o quasi. Questa tipologia è ottenuta tramite essicazione del prodotto finito, cioè rimozione per evaporazione di una parte dell'acqua in esso contenuta, fino a raggiungere un tasso di umidità inferiore al 14%, oltre al quale il prodotto è inattaccabile dagli agenti biologici. Per questo motivo la pasta secca ha una conservazione di molti mesi. La pasta fresca, al contrario, viene preparata e immediatamente consumata, senza subire alcun tipo di essicazione: il contenuto di umidità è superiore del 30% circa rispetto alla pasta secca, cosa che la rende attaccabile da batteri e muffe. La pasta fresca che non subisce nessun tipo di trattamento va dunque conservata in frigorifero ed ha durata limitata a qualche giorno.


Scaricare ppt "1. La nascita e lo sviluppo storico dei tagliolini 3. Composizione chimica 5. Conservazione 2. Ingredienti 4. Composizione pasta."

Presentazioni simili


Annunci Google