La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISTITUTO PACINOTTI TARANTO Esperimento di Laboratorio di Chimica ORGANICA ALUNNI : -Danny Turco -Vincenzo Pellicoro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISTITUTO PACINOTTI TARANTO Esperimento di Laboratorio di Chimica ORGANICA ALUNNI : -Danny Turco -Vincenzo Pellicoro."— Transcript della presentazione:

1 ISTITUTO PACINOTTI TARANTO Esperimento di Laboratorio di Chimica ORGANICA ALUNNI : -Danny Turco -Vincenzo Pellicoro

2 La cromatografia è una tecnica analitica per separare specifiche sostanze in miscele complesse. Le separazioni si basano su interazioni fisico-chimiche a livello molecolare tra il supporto cromatografico,le sostanze da separare e qualche componente del solvente. Il supporto cromatografico è la FASE FISA o (STAZIONARIA) che può essere un solido o un liquido, mentre il solvente è LA FASE MOBILE e percola attraverso la fase stazionaria e può essere un liquido o un gas. Le sostanze si distribuiscono fra la fase fissa e la fase mobile in modo diverso. Principalmente a seconda della loro struttura e peso molecolare. Alcuni componenti si legano più saldamente alla fase stazionaria altri di meno:questo comporta che durante la percolazione della fase mobile, i primi sono più lenti nel loro movimento i secondi si muovono più velocemente. In questo modo le sostanze di una miscela si separano e possono essere identificate. CROMATOGRAFIA

3 Materiale di consumo: -alcool etilico Solfato di sodio prepariamo l'eluente formato da: acetone Etere etilico e cicloesano

4 SCHEDA DI SICUREZZA L'etanolo (o alcol etilico) è un alcol a catena libera, la cui formula di struttura condensata è CH3CH2OH, il suo numero CAS è È anche chiamato, per antonomasia, semplicemente alcol essendo alla base di tutte le bevande alcoliche. È noto anche come alcol etilico e per gli alcolici viene chiamato spirito.A temperatura ambiente si presenta come un liquido incolore dall'odore caratteristico e pungente, dal gusto leggermente dolce. È tendenzialmente volatile ed estremamente infiammabile. La fiamma che produce durante la combustione si presenta di colore blu tenue, e quindi non è molto distinguibile in presenza di luce.

5 Materiale di uso comune : -mortaio-becher-cilindro-capillare-Provetta

6 Apparecchiature -lastra cromatografica -camera di sviluppo

7 Procedimento 1° Parte Tagliamo gli spinaci li mettiamo nel mortaio e li pestiamo con alcool etilico con alcool etilico 2° Parte prepariamo l'eluente formato da: acetone Etere etilico e cicloesano

8 3° Parte a 2 cm della lastra si segna la linea della partenza e con un capillare si fa la semina a 2 cm della lastra si segna la linea della partenza e con un capillare si fa la semina 4° Parte 4° Parte versiamo l'eluente nella camera di sviluppo circa 1mm inferiore alla linea di partenza e inseriamo la lastra

9 Conclusione In conclusione:L'estremità inferiore della lastrina viene immersa nell'opportuno eluente: quest'ultimo risalendo per capillarità lungo lo strato sottile di materiale omogeneo trascina con sè, in modo differenziato, i vari componenti della miscela che, pertanto, vengono separati. Terminata la separazione, distribuite lungo lo strato si potranno notare macchie di varie dimensioni e di vario colore separate tra loro, corrispondenti ad ognuna delle sostanze componenti la miscela.


Scaricare ppt "ISTITUTO PACINOTTI TARANTO Esperimento di Laboratorio di Chimica ORGANICA ALUNNI : -Danny Turco -Vincenzo Pellicoro."

Presentazioni simili


Annunci Google