La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I° Congresso AIPO di Telemedicina ed Applicazioni Medico- Informatiche Bari 29-30 ottobre 2004 - Hotel Palace 29 ottobre – sessione antimeridiana La telemedicina.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I° Congresso AIPO di Telemedicina ed Applicazioni Medico- Informatiche Bari 29-30 ottobre 2004 - Hotel Palace 29 ottobre – sessione antimeridiana La telemedicina."— Transcript della presentazione:

1 I° Congresso AIPO di Telemedicina ed Applicazioni Medico- Informatiche Bari ottobre Hotel Palace 29 ottobre – sessione antimeridiana La telemedicina per lo pneumologo: perché L’impiego della Telemedicina in ambito respiratorio: il razionale F. Falcone Divisione di Pneumologia- Ospedale Bellaria-Maggiore, Bologna

2 Telemedicine uses technology to deliver medical services to the point of need. In its report on the evaluation of clinical applications of telemedicine, a committee of the Institute of Medicine defined telemedicine as "the use of electronic information and communications technologies to provide and support health care when distance separates the participants" The committee settled on this expansive definition after considering at least 10 others Probably the most inclusive definition cited in the Institute of Medicine report was that "telemedicine encompasses all of the health care, education, information and administrative services that can be transmitted over distances by telecommunications technologies" Telemedicine: definition AHRQ 2001

3 2004 Cochrane Review (CL issue 4) di Murray E e coll.: Interactive health communication applications (IHCAs) for people with chronic disease. Reviewer’s conclusions: the number and range of IHCAs is increasing rapidly; however there is a shortage of high quality evaluative data.

4 Tele-medicina in pneumologia……. …Tele-pneumologia!! ….tele-assistenza con metodiche pneumologiche….

5 Modalità assistenziali specifiche della pneumologia Intensivologia respiratoria Fisiopatologia respiratoria Riabilitazione respiratoria Endoscopia toracica e broncologia Pneumologia oncologica Infettivologia respiratoria e tisiologia Allergologia respiratoria

6 Prodotti assistenziali pneumologici erogabili in telecomunicazione Prodotti assistenziali pneumologici erogabili mediante comunicazione verbale o documentale Prodotti assistenziali pneumologici erogabili mediante trattamento, invio o ricezione di immagini Prodotti assistenziali pneumologici che consentono valutazioni funzionali respiratorie

7 Prodotti pneumologici erogabili mediante comunicazione verbale o documentale Consultazioni e/o controlli verbali o con immagini da parte di medici ed infermieri o altro personale assistenziale, per obiettivi diagnostici e terapeutici specifici attività educazionale: tecniche di informazione ed istruzione individuale e collettiva del paziente e dei familiari diagnosi e quantificazione del tabagismo e tecniche di disassuefazione somministrazione di questionari

8

9 CID 2004; 39:

10 Prodotti pneumologici erogabili mediante trattamento, invio o ricezione di immagini controllo visivo a distanza di pazienti spedizione, ricezione e valutazione di immagini di tipo radiologico o simile spedizione, ricezione e valutazione di immagini prodotte da broncoscopi e tecniche correlate lettura test cutanei

11 Endoscopy 2002; 39:

12 Filmato ns esame con broncoscopio ecografico per scansione lineare. Post-produzione da registrazione analogica VHS in formato MPEG2. Digitalizzazione immediata con trasmissione on line in rete web.

13 Filmato ns esame con ecobroncoscopio a scansione lineare. Post-produzione da registrazione analogica VHS in formato MPEG2. Buona definizione immagini fisse ma qualità ridotta, in particolare nella digitalizzazione e invio in bianco-nero ad alta variabilità e mobilità di immagine.

14 Prodotti pneumologici che consentono valutazioni funzionali respiratorie esecuzione, invio e valutazione test saturimetrici monitoraggio ossigenoterapia esecuzione, invio e valutazione test spirometrici esecuzione, invio e valutazione test funzionali ergometrici o di esercizi di ricondizionamento allo sforzo controllo a distanza di parametri della ventilazione meccanica valutazione cardio-respiratoria nel sonno e polisonnografia

15 Necessità valutazione e controllo fattore tempo utilizzato dai professionisti. In questo esempio di telemedicina il vero vantaggio è rappresentato dalla non mobilizzazione del paziente.

16 Determinanti prodotto: erogabilità mediante trasmissione dati interattività necessaria per l’essenzialità completezza ottenibile senza interattività Determinanti produzione: trasduzione di segnali in modalità digitale sistemi di trasmissione di dati digitalizzati sistemi effettori di comandi digitalizzati Tele-pneumologia: assistenza pneumologica senza* contatto fisico tra professionisti e pazienti. *non è esclusa la presenza di personale di appoggio.

17 Natura generale del prodotto erogabile in tele-pneumologia Informazione mono o bi-direzionale Atti eseguiti dal paziente trasducibili in segnali trasmissibili a distanza: atti eseguiti senza azione attiva ed atti eseguiti con azione attiva Atti eseguiti dall’operatore con generazione di effetti a distanza: scrittura o verbalizzazione trasmesse oppure azioni attive trasmessa con telerobotica

18 Contesti per erogare prodotti sanitari di tele-pneumologia Distanza fisica tra professionista e paziente: aree disagiate (montagne, isole, grandi territori non abitati, aree povere o in via di sviluppo) Frequenza del bisogno del prodotto: patologie o disabilità croniche e controlli pre/post-acuzie Configurabilità in un processo assistenziale non casuale ma specifico: disease management, home care, sistema di rete iso-qualità con diversi livelli di complessità, tra cui la tele-assistenza Opportunità di minimizzazione di costo o di costo- beneficio mediante tele-erogazione del prodotto

19 Condizioni di sicurezza per erogare tele-pneumologia Efficienza e stabilità del collegamento Protezione e privacy del collegamento Disponibilità delle parti contraenti Efficacia dei controlli di feed-back Accessibilità immediata agli interventi alternativi Monitoraggio degli outcome mediante indicatori Definizione dei limiti di responsabilità

20 Tele-pneumologia ….si può fare…. Perché farla??

21 Il percorso assistenziale della BPCO è un paradigma di organizzazione che spiega l’usabilità e l’utilità della Tele-Pneumologia

22 I codici ICD9-CM indicativi di BPCO gruppi 491.**, 492, 494, 496 dei dati MDC in Regione Emilia Romagna sono presenti al 50,3% nel DRG 87 ed al 38,5% nel DRG 475

23

24 La BPCO in Emilia Romagna (2003) casi di BPCO vengono rilevati in DRG 88, 87 e 475, con un tasso di 3,3 ricoveri/1000 abitanti; i casi che comprendono un codice BPCO in diagnosi nei DRG-MDC4 sono (tasso ricovero/1000 abitanti stimato 4,4). Per oltre 2/3 questa patologia è stata classificata come BPCO riacutizzata. E’ utile valutare la sede e la complessità del trattamento.

25 La BPCO in Emilia Romagna (2003): complessità del trattamento

26 La BPCO in Emilia Romagna (2003): complessità del trattamento

27 Oltre il 50% dei soggetti ricoverati in pneumologia con un codice di BPCO in una qualunque tra 15 opzioni di diagnosi riceve un intervento assistenziale complesso. Oltre l’80% dei soggetti ricoverati in sede non pneumologica non riceve trattamenti complessi. Questi soggetti possono essere seguiti a distanza con un attento triage da parte di personale specializzato.

28 Con stima ISTAT e dati EBM (*) avremo in Italia: A) casi attesi di BPCO: 4,4% della popolazione, pari a circa soggetti, di cui: - circa in stadio 0 - circa in stadio I - circa in stadio II - circa in stadio III - circa in stadio IV B) questi soggetti avranno potenzialmente: - 1,8 riacutizzazioni/anno: oltre 2,5 milioni di casi (senza considerare ovviamente lo stadio 0) - al 70% guarite ed al 15% ricoverate ( casi ipotetici: i ricoveri per BPCO oltre ) *da Kornmann, Ferrer, Celli, studio NHANES III, Seemungal, Donaldson, Dewan, Miravtilles, Jones, Hernandez, Swarska, Roberts La BPCO in Italia (2003)

29 C) questi soggetti richiedono: - in stadio 0: esclusivamente informazione ed educazione (disassuefazione fumo); - in stadio I e II: informazione ed educazione (disassuefazione fumo) associata a terapie e controlli, per ridurre le riacutizzazioni; - in stadio III e IV: informazione e educazione (disassuefazione fumo) associata a terapie e controlli assidui per ridurre o evitare ricoveri in ospedale conseguenti a riacutizzazioni gravi. La telemedicina può svolgere un ruolo veramente incisivo nel disease management della BPCO. *da Kornmann, Ferrer, Celli, studio NHANES III, Seemungal, Donaldson, Dewan, Miravtilles, Jones, Hernandez, Swarska, Roberts La BPCO in Italia (2003)

30

31 Una "forte" integrazione in rete tra ospedale e territorio: l'organizzazione è funzionale alla popolazione di riferimento (epidemiologia) e si articola sui nodi di rete (struttura esterna ed interna all’ospedale/i di riferimento) Disponibilità reale di attività specialistica per il Medico di Medicina Generale: strutture per "out patient" fortemente integrate in rete con quelle di ricovero Tecnologie a supporto dei collegamenti internodali Gestione percorsi pneumologici Presupposti necessari

32 Gestione percorsi pneumologici Ospedale: rischio –Reparto: pneumo e altri –Servizi: UTSIR, fisiopat. resp., endoscopia –Attività di consulenze ed esami a ricoverati Ambulatorio: non rischio –visite –esami ambulatoriali –attivita’ preventiva A.D.I. D.E.A. M.M.G. BPCO: 40-50% del serbatoio e del bisogno di tipo circolare

33 Assistenza IR anno 2002 RER

34 HOME CARE: BPCO CRITERI GENERALI DI AMMISSIBILITA’: stabilità clinica e dell’ematosi assenza di alterazioni del bilancio idroelettrolitico e metabolico assenza di infezioni acute assenza di compromissione cardiaca evolutiva e di aritmie assenza di malattie pregresse o postumi che controindicano le cure domiciliari disponibilità di almeno una persona che assicuri una presenza continua possibilità di una corretta somministrazione di farmaci e dell’uso di tecnologie consenso informato del paziente e della persona di sostegno condizioni abitative tali da consentire gli interventi e l’assistenza del caso Tele-pneumologia per la BPCO in home care

35

36 1999 JAMA conclusioni di Strode e Coll.: ……..si dice che la telemedicina sarà un successo quando il termine telemedicina sparirà e la tecnologia sarà vista come un mero strumento da usare in una rete (framework) globale di assistenza sanitaria. Per ottenere ciò noi clinici abbiamo bisogno di essere aperti a tutte le possibilità che la tecnologia offre, ma dobbiamo anche valutare con prodenza e criticamente i risultati.


Scaricare ppt "I° Congresso AIPO di Telemedicina ed Applicazioni Medico- Informatiche Bari 29-30 ottobre 2004 - Hotel Palace 29 ottobre – sessione antimeridiana La telemedicina."

Presentazioni simili


Annunci Google