La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

15 - 16 gennaio 2007Provincia di Verona - segreteria generale1 Il Codice dei contratti pubblici per lavori, servizi e forniture (D.Lgs. 12 aprile 2006,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "15 - 16 gennaio 2007Provincia di Verona - segreteria generale1 Il Codice dei contratti pubblici per lavori, servizi e forniture (D.Lgs. 12 aprile 2006,"— Transcript della presentazione:

1 gennaio 2007Provincia di Verona - segreteria generale1 Il Codice dei contratti pubblici per lavori, servizi e forniture (D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, e s.m.) Provincia di Verona

2 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 2 D.Lgs 12 aprile 2006, n. 163 “Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE”, (SO 107/L G.U. 2 maggio 2006) D.L. 12 maggio 2006, n. 173, convertito nella L 12 luglio 2006, n. 228, che sospende l’efficacia di alcune disposizioni Artt. 2 e 35 D.L. 223/2006, convertito nella L. 4 agosto 2006, n. 248, che modifica le regole sulle tariffe professionali (in vigore) e sul subapplato(non ancora in vigore)

3 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 3 1° decreto correttivo ha già esaurito l’iter parlamentare ed è pronto per la definitiva approvazione (solo correzioni formali) 2° decreto correttivo: ° il prestito di requisiti (avvalimento) è ammesso solo per consorzi e raggruppamenti o per affitto ramo d’azienda ° impresa che perde SOA durante appalto subisce risoluzione contratto in corso ° ristretto campo procedura negoziata senza bando (no lavori analoghi all’impresa che ha vinto la 1° gara) ° ristretto campo procedura negoziata con bando (è eliminata la fattispecie delle circostanze eccezionali che impediscono di fissare preventivamente i prezzi) ° RUP, in mancanza in organico di personale di ruolo, anche altri dipendenti in servizio

4 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 4 la legge delega n. 62 art. 25, legge 18 aprile 2005, n. 62 ( legge comunitaria 2004) ha delegato il Governo al: recepimento delle direttive 2004/18 e 2004/17 raccolta in un unico testo normativo della disciplina degli appalti e delle concessioni, di rilevanza comunitaria e non per gli appalti sotto soglia  semplificazione  riduzione dei tempi  massima flessibilità degli strumenti giuridici adeguamento della normativa alla sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee del 7 ottobre 2004 nella causa C-247/02

5 direttiva 2004/17/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 31 marzo 2004, che coordina le procedure di appalto nei settori speciali (acqua, energia, trasporto e servizi postali) direttiva 2004/18/CE del Parlamento e del Consiglio, del 31 marzo 2004, che coordina le procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di lavori, di forniture e di servizi Le direttive europee del 2004

6 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 6 un solo codice per tutte le tipologie di contratti, con la sola eccezione dei contratti espressamente esclusi

7 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 7 1)principi comuni a tutti i contratti 2)contratti esclusi e principi comunque applicabili 3)contratti sopra e sotto soglia 4)contratti nei settori ordinari e nei settori speciali 5)contratti per le infrastrutture strategiche ed insediamenti produttivi 6)contratti in taluni settori specifici (difesa, beni culturali) contenuto “codice”

8 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 8 novità in sintesi  nuovi sistemi di affidamento dei contratti  accordo quadro  sistema dinamico di acquisizione  dialogo competitivo  contrattazione tramite centrali di committenza previsione che l'appalto di lavori possa avere ad oggetto  la solo esecuzione;  l'esecuzione e la progettazione  la realizzazione con qualsiasi mezzo per le infrastrutture strategiche (contraente generale) utilizzo degli strumenti informatici

9 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 9 novità in sintesi maggior numero di ipotesi di utilizzabilità della procedura negoziata procedura negoziata con scelta delle imprese da invitare rimessa alla stazione appaltante equivalenza fra criterio di aggiudicazione del prezzo più basso e criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa regime della verifica delle offerte anomale più rispettoso del diritto comunitario

10 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 10 appalti sotto soglia criteri di semplificazione estensione di istituti propri degli appalti sopra soglia che garantiscono maggiore flessibilità maggior numero di ipotesi di procedura negoziata nuovi strumenti per la scelta del contraente, quali accordi quadro, aste elettroniche, dialogo competitivo equivalenza tra criterio del prezzo più basso e offerta economicamente più vantaggiosa

11 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 11 criteri di semplificazione per appalti sotto soglia flessibilità dell'appalto di lavori che, a scelta della stazione appaltante, può o meno avere ad oggetto anche la progettazione, esclusa quella preliminare ulteriore caso di procedura negoziata fino a euro regime di pubblicità semplificata termini ridotti rispetto a quelli comunitari possibilità di prevedere l'esclusione automatica delle offerte anomale...

12 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 12 entrata in vigore (art. 257 regime transitorio (art. 253) principi contratti esclusi procedure di affidamento accesso agli atti di gara

13 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 13 entrata in vigore “codice” entra in vigore il 1 luglio 2006:  procedure e contratti, per i quali bandi e avvisi sono pubblicati successivamente al 1° luglio 2006  procedure e contratti per i quali al 1° luglio 2006 non sono stati presentati inviti a presentare offerta N.B. 13 luglio 2006  entra in vigore la L. 228/2006, di conversione del decreto milleproroghe (D.L. n. 173/2006), che differisce l’applicazione di alcune disposizioni del “codice” 4 luglio entra in vigore il D.L. 223/2006, che è convertito con modificazioni con L. 4 agosto 2006, n. 248

14 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 14 entrata in vigore (art. 257, commi 2, 2-bis, 3 ) 1 luglio 2007, entra in vigore  obbligo comunicazioni all’Autorità e Osservatorio per servizi e forniture  accordo bonario per servizi e forniture (art. 240) 1 febbraio 2007 (art. 257, c. 2 - bis), entra in vigore;  apposito ruolo personale Autorità (art. 8, c. 6) per elenco 2007, procedura ristretta semplificata per lavori secondo art. 123

15 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 15 1 febbraio 2007, efficacia  centrali committenza – art. 33, c. 1, 2 e 3 e dialogo competitivo, art. 58, per tutti i contratti  divieto per impresa ausiliaria di svolgere il ruolo appaltatore o subappaltatore – art. 49, c. 10  accordo quadro in settori ordinari – art. 59 decorrenza efficacia disposizioni (art. 253, commi 1-bis)

16 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 16 1 febbraio 2007, per lavori  oggetto contratto – art. 3, c. 7, art. 53, c. 2 e 3 (su contratto misto lavori e progettazione)  procedura negoziata con bando – art. 56  procedura negoziata senza bando – art. 57 decorrenza efficacia disposizioni (art. 253, commi 1-ter)

17 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 17 discipline in vigore fino entrata in vigore nuovo regolamento ex art. 5 (1 luglio gg - art. 253, c. 2) lavori pubblici servizi forniture in economia lavori in economia DPR 554/1999 DPR 34/2000 D.M 145/2000, se richiamato nel bando DPR 20 agosto 2001, 384 DPR 554/1999

18 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 18 restano in vigore fino all’entrata in vigore regolamento  verifiche progettuali da parte uffici tecnici (253, c. 20 e art. 112, c. 5)  responsabilità per fasi progettazione, affidamento, esecuzione contratti con requisiti ex DPR 554 e DM 34 (art. 253, c. 6 e art 10)  requisiti mandatario e mandanti ATI (art. 253, c. 9, e art. 37)  possibilità di firma progetti per tecnici non abilitati con anzianità di servizio di almeno 5 anni

19 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 19 restano in vigore fino all’entrata in vigore regolamento 02  gare telematiche con regole ex DPR 101/2002  tariffe professionali ex d.m. 4 aprile 2001 (art. 253, c. 17)  verifica archeologica preliminare (art. 18 DPR n. 554/99)

20 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 20 disposizioni codice che si applicano ai contratti in corso (art. 253, c. 19) svincolo progressivo cauzione fino al 75% (art. 113, c. 3) conseguenze mancata costituzione garanzia definitiva: revoca affidamento, incameramento cauzione provvisoria e aggiudicazione al concorrente che segue (art 113, c. 4) contenuto garanzia definitiva (mancato o inesatto adempimento) e sua cessazione con certificato collaudo provvisorio o certificato regolare esecuzione (art. 113, c. 5) forniture servizi Lavori lavori

21 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 21 entrata in vigore e regime transitorio principi( art. 2) contratti esclusi procedure di affidamento accesso agli atti di gara

22 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 22 principi (art. 2) trovano applicazione per tutti i contratti: sono comuni a tutti i contratti pubblici garantiscono unicità ed omogeneità al sistema

23 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 23 principi consolidati nella giurisprudenza comunitaria, formalizzati a livello normativo nella direttiva 2004/18 riconducibili agli artt. 97 e 98 della Cost. richiamati fra i principi generali dell’azione amministrativa all’art. 1 della L. 241/1990.

24 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 24 principi per fase affidamento  qualità prestazioni  economicità  efficacia, tempestività e correttezza  libera concorrenza  parità di trattamento  non discriminazione  trasparenza  proporzionalità  pubblicità

25 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 25 principi per fase di affidamento principi ribaditi per istituti fuori dall’evidenza pubblica vera e propria:  concessione di servizi (art 30)  contratti esclusi (art. 27)  acquisizione in economia (art. 125, c. 14)  incarichi < euro ,00 (art 91, c. 2)  specifiche tecniche – pari accesso agli offerenti (art. 68)  procedura negoziata (art. 57, c. 6 e art. 56, c. 3)  affidamento completamento lavori non aggiudicati dopo fallimento o risoluzione (art. 140, c. 3)

26 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 26 modalità per attuazione principio trasparenza e concorrenzialità quando non c’è l’evidenza pubblica:  interpello di 5 soggetti (contratti esclusi – art in economia – art.125)  contemporaneo invito a invito a presentare offerte (concessione servizi – art. 30)  rotazione di soggetti interpellati  divieto di fornire in maniera discriminatoria informazioni (art. 77, c. 5)  pubblicità esistenza elenchi (art. 125, c. 12)  permanente apertura degli elenchi all’ingresso di nuovi operatori economici (art. 125, c.12 e art. 45)  impossibilità di fondare l’affidamento diretto solo sul valore economico (tranne per lavori di importo non superiore ad euro – art. 122, c. 7)  preclusione alle Regioni di prevedere discipline diverse (art. 4, c. 3)

27 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 27 principi per fase esecuzione  qualità prestazioni  economicità  efficacia  tempestività  correttezza

28 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 28 principi per procedure di affidamento e attività amm.va principi L. 241/1990, e s.m., sul procedimento  rup  regole procedimento  procedimento di verifica anomalie (art. 86)

29 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 29 principi del codice civile per la parte relativa all’attività contrattuale (stipulazione ed esecuzione contratto)

30  serietà offerta  regolarità gara  effettività concorrenza  imparzialità no conflitto di interessi divieto collegamento (art. 34, c. 2) controllo formale = esclusione automatica controllo sostanziale = esclusione con motivazione sugli elementi ed indizi collegamento

31 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 31  economicità può essere subordinata a criteri, previsti nel bando, ispirati ad esigenze sociali tutela salute tutela ambiente – sviluppo sostenibile graduazione principi

32 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 32  esempi: art. 68, c. 1, specifiche tecniche da definire in modo da tener conto criteri di accessibilità a soggetti disabili – tutela ambientale art. 61, edilizia residenziale pubblica, speciale procedura di aggiudicazione art. 44, norme gestione ambientale art. 52, appalti riservati art. 93, c.4, attenzione accessibilità nei progetti per interventi urbani graduazione principi

33 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 33 ambito soggettivo di applicazione ambito soggettivo (articolo 1)  stazioni appaltanti (articolo 3, comma 33) amministrazioni aggiudicatici altri soggetti indicati all’articolo 32  concessionari di lavori pubblici, entro certi limiti  società con capitale pubblico, con oggetto lavori o beni, o servizi non destinati ad essere immessi sul mercato  soggetti privati per lavori di edilizia relativi ad ospedali, impianti sportivi, ecc di importo > a 1mln finanziati con contributi > 50%  enti aggiudicatori  soggetti aggiudicotari

34 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 34 ambito oggettivo di applicazione  contratti di appalto  contratti di concessione  ad oggetto: lavori servizi forniture

35 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 35 ambito oggettivo di applicazione settori ordinari: art. 3, punto 4  Parte II – Titolo I sopra soglia – Titolo II sotto soglia settori speciali: art. 3, punto 5  Parte III - Titolo I sopra soglia – Titolo II sotto soglia esclusi: Parte I - Titolo II  art. 3, punto 18  art. 19  art. 20 settori specifici (difesa e beni ambientali) infrastrutture strategiche e insediamenti produttivi

36 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 36 entrata in vigore e regime transitorio principi contratti esclusi procedure di affidamento accesso agli atti di gara

37 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 37 contratti esclusi- alcune fattispecie (artt 16 – 27 e art 30) contratti acquisti diritti immobiliari – diritti reali, diritti di uso e di abitazione  ratio: non c’è l’obiettivo di assicurare la libera circolazione di servizi ed evitare che sia falsata la concorrenza  esclusione non si stende ai contratti accessori e, in particolare, a quelli finanziari

38 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 38 contratti esclusi- alcune fattispecie (artt 16 – 27 e art 30) contratti conclusi intuitu personae  servizi arbitrato e conciliazione (ed arbitrato rituale non)  acquisto, vendita e trasferimento titoli  contratti concernenti servizi di ricerca e sviluppo

39 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 39 appalti di servizi ex allegato II B (art. 20) (es. servizi alberghieri e di ristorazione - servizi legali- servizi reperimento personale - servizi ricreativi, culturali e sportivi) solo specifiche tematiche (art.68) pubblicazione di avviso sui risultati della procedura (art. 65); avvisi relativi appalti aggiudicati (art.225) contratti esclusi- alcune fattispecie

40 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 40 contratti relativi a prestazioni di un servizio pubblico di autotrasporto mediante autobus (art. 23) contratti esclusi- alcune fattispecie

41 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 41 contratti di sponsorizzazione (art. 26): a cura e spese dello sponsor principi Trattato per scelta sponsor solo requisiti soggettivi dei progettisti e degli esecutori contratti esclusi- alcune fattispecie

42 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 42 concessione servizi ex articolo 30 (5 concorrenti)  principi Trattato  gara informale  almeno 5 concorrenti contratti esclusi- alcune fattispecie

43 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 43 principi del Trattato per la scelta dello sponsor principi di economicità, efficacia, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza, proporzionalità invito ad almeno 5 concorrenti, se compatibile con l’oggetto applicazione degli altri principi ex art. 2, c. 2, 3 e 4. contratti esclusi- principi (art. 27)

44 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 44 valore soglia comunitaria (art. 28) pari o superiore a:  euro euro per forniture e servizi 1  euro euro per lavori  euro euro per forniture e servizi settori speciali (art. 215) euro per autorità governative centrali

45 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 45 metodo calcolo soglia comunitaria (art. 29)  divieto di frazionamento valore  no scelta metodo di calcolo per escludere contratto dalle regole comunitarie

46 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 46 metodo calcolo soglia  importo totale pagabile, al netto di IVA;  importo massimo stimato, ivi compresi opzioni e rinnovi

47 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 47 lotti distinti:  valore di tutti i lotti  se = o > soglia, regole comunitarie per aggiudicazione ciascun lotto  eccezione lotti > euro 1 purché il valore cumulato di tali lotti non superi il 20% del valore complessivo della totalità dei lotti euro per lavori metodo calcolo soglia comunitaria

48 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 48 servizi assicurativi: premio da pagare servizi bancari: onorari, commissioni, e altri servizi finanziari progettazione: onorari e commissioni appalti di servizi senza fissazione prezzo complessivo:  = o < 48 mesi, valore complessivo stimato  > 48 mesi, valore mensile per 48 forniture e servizi carattere di regolarità: art. 29, c. 10 soglia comunitaria

49 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 49 tassa gare tasse sulle gare  stazione appaltante ( )  operatori economici ( )  SOA (2,5% bilancio) deliberazione 26 gennaio 2006 Autorità attuativa L. finanziaria termini a regime  stazioni appaltanti: all’atto selezione, codice identificativo, da riportare nel bando, lettera di invito  operatori economici: condizione ammissione gara  SOA: entro 30 gg approvazione bilancio. (istruzioni operative Autorità del 26 gennaio 2006)

50 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 50 responsabile unico dei contratti pubblici (art. 10 D.lgs n. 163/2006) “unico” per tutte le fasi del procedimento:  progettazione  affidamento  esecuzione

51 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 51 fino entrata in vigore regolamento ex art. 5, restano in vigore norme vigenti sul RUP (art. 253, c. 6)

52 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 52 per i lavori e i servizi attinenti ingegneria e architettura un tecnico, in possesso di specifici requisiti professionali, per servizi e forniture titolo di studio e competenza adeguati  regolamento può prevedere eventualmente altri requisiti requisiti RUP contratti

53  regolamento stabilisce casi in cui: per lavori, RUP può coincidere con direttore lavori (art. 9 D.lgs 163) per servizi e forniture, occorre nominare un direttore dell’esecuzione del contratto diverso dal RUP (art. 119 D.Lgs 163)

54 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 54 indicazione del nominativo RUP:  bando di gara o avviso indizione  invito a presentare offerta RUP – art. 10

55 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 55 è nominato dall’amministrazione tra il personale in organico; può avvalersi, a certe condizioni e entro certi limiti, del supporto di professionisti esterni

56 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 56 svolge tutti i compiti specificatamente non attribuiti ad altri organi o soggetti:  relative alle procedure di affidamento ( comprese quelle in economia)  alla corretta esecuzione di contratti è un project manager

57 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 57 adeguare l’organizzazione delle pubbliche amministrazioni alla logica di impresa; assicurare la trasparenza amministrativa; mettere a disposizione nei rapporti con l’altro contraente un unico interlocutore. finalità

58 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 58 nomina/ 1 il responsabile del procedimento deve essere nominato tra i dipendenti dell’ente

59 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 59 nomina/ 2 i comuni, se non hanno al proprio interno la professionalità necessaria, possono: a) ricercare forme di associazioni con altri enti, utilizzando lo strumento della convenzione o del consorzio; b) assumere un dirigente o funzionario con contratto a termine, nei termini consentiti dalla normativa vigente; c) avvalersi di personale a tempo definito (e non) di altri enti locali.

60 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 60 prestazioni di supporto attività RUP/1bbbbbb regola generale:  supporto dei dipendenti dell’ente eccezione:  supporto esterno : carenza di organico mancanza di dipendenti con adeguata competenza professionale condizione  attestazione del dirigente competente

61 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 61 prestazioni di supporto attività RUP/ 2 modalità di affidamento degli incarichi relativi alle attività di supporto:  incarichi < soglia comunitaria  incarichi > soglia comunitaria  procedure previste dal codice contratti

62 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 62 prestazioni di supporto attività RUP/ 3 soggetti con specifiche competenze di carattere tecnico, economico – finanziario – amministrativo – organizzativo e legale con adeguata polizza assicurativa per rischi professionali

63 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 63 funzioni RUP  proposte e informazioni per la predisposizione:  nei lavori, del programma triennale e relativi aggiornamenti  per ogni altro atto di programmazione contratti  avviso di preinformazione

64 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 64 cura il controllo sui livelli di prestazione, di qualità e di prezzo segnala disfunzioni e ritardi fornisce all’amministrazione dati ed informazioni propone conclusione accordi di programma propone o indice conferenza servizi funzioni RUP

65 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 65 funzioni RUP lavori fase programmazione e preliminare /lavori  verifica ed accertamento  verifica, in via generale, la conformità ambientale, paesistica, territoriale ed urbanistica e promuove l’avvio delle procedure di variante urbanistica;  accerta la libera disponibilità delle aree e degli immobili necessari (art. 7, c.3) ;  accerta condizioni per l’affidamento all’esterno della progettazione e coordina le relative procedure;

66 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 66 funzioni RUP lavori fase progettazione/ 1  operative  cura redazione documento preliminare all’avvio della progettazione (DPP)  procede affidamento incarichi di progettazione d’importo < euro a carattere fiduciario;  coordina attività necessarie redazione progetto preliminare, definitivo ed esecutivo;  coordina attività necessarie redazione piano di sicurezza, coordinamento  può convocare, nelle procedure di licitazione privata e di appalto concorso, incontro preliminare con concorrenti

67 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 67 funzioni RUP - lavori fase progettazione/ 2 accertamento  verifica, prima dell’approvazione del progetto, la sua conformità alla normativa, DPP e disponibilità finanziarie.

68 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 68 funzioni RUP lavori fase affidamento/1  propositive  propone all’amministrazione il sistema di affidamento dei lavori  propone la convocazione di una conferenza di servizi per l’acquisizione di intese, pareri, concessioni, autorizzazioni, licenze, nullaosta e assensi al fin dell’esecuzione dei lavori e ne cura i relativi adempimenti.  operative  nel caso di trattativa privata effettua le comunicazioni all’Autorità di vigilanza;  nel caso di trattativa privata, promuove la gara informale e la pubblicità dei relativi atti;  è tenuto ad assicurare il rispetto delle disposizioni in tema di pubblicità

69 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 69 funzioni RUP lavori fase esecuzione/1  d’iniziativa e propositive  promuove l’istituzione dell’ufficio di direzione dei lavori ed accerta se sussistono le condizioni di legge per l’affidamento all’esterno della funzione;  propone la risoluzione del contratto

70 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 70 funzioni RUP lavori - fase esecuzione /2  vigilanza ed accertamento  vigila sull’esecuzione lavori nella concessione dei lavori pubblici, verificando rispetto condizioni contrattuali;  accerta e certifica situazioni carenza di organico, in presenza dei quali è possibile esternalizzare collaudo;  accerta data effettivo inizio lavori e ogni altro termine di svolgimento dei lavori;  assicura che ricorrano condizioni di legge per varianti in corso d’opera;

71 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 71 funzioni RUP lavori - fase esecuzione /3 assume determinazioni in merito variazioni migliorative in diminuzione presentate dall’appaltatore al direttore lavori (art. 11, c. 4, d.m. 145/2000); assume iniziative in caso di ritardo da parte dell’appaltatore nel pagamento delle retribuzioni al personale dipendente (artt. 13, commi 1 e 3, d.m. 145/2000);

72 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 72 funzioni RUP lavori - fase esecuzione /3 operative decide in merito ai difetti di costruzione rilevati dal direttore lavori e contestati dall’impresa (art. 18, c. 2, d.m. 145/2000); irroga penali per ritardo adempimento obblighi contrattuali trasmette agli organi competenti proposta del coordinatore per esecuzione lavori di sospensione, allontanamento delle imprese e dei lavoratori autonomi dal cantiere e di risoluzione del contratto;

73 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 73 funzioni RUP lavori - fase esecuzione /4  operative  applica, sulla base delle indicazioni del direttore lavori, le penali per ritardi nell’esecuzione dei lavori (art. 22, c. 3, d.m. 145/2000);  determina il momento in cui sono venute meno le ragioni delle sospensioni dei lavori (art. 133, c. 2, del regolamento e art. 24, c. 4, del d.m. 145/2000);  decide, sentito il direttore lavori, sull’istanza di proroga del termine di ultimazione dei lavori presentata dall’appaltatore (art. 26, c. 3, d.m. 145/2000);  autorizza il direttore lavori ad ordinare all’appaltatore l’esecuzione ininterrotta dei lavori o la loro prosecuzione in condizioni eccezionali (art. 27, c. 2, d.m. 145/2000 )

74 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 74 funzioni RUP lavori - collaudo/regolare esecuzione operative riconosce le lavorazioni non autorizzate emerse riscontrate dall’organo di collaudo conferma il certificato di regolare esecuzione emesso dal direttore dei lavori fornisce la documentazione all’organo di collaudo

75 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 75  certificative  sottoscrive con il direttore dei lavori il verbale ai fini della presa in consegna anticipata certifica i risultati ottenuti dall’appaltatore ad esecuzione dei lavori ultimati dopo l’emissione del certificato di collaudo (art. 201 dpr 554/1999) funzioni RUP lavori - collaudo/regolare esecuzione

76 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 76 funzioni RUP lavori - informazione e comunicazione  fornisce all'amministrazione dati ed informazioni relativi alle principali fasi di svolgimento del processo attuativo, necessari per l'attività di coordinamento, di indirizzo e di controllo di sua competenza;  comunica Osservatorio lavori pubblici elementi relativi agli interventi di sua competenza ;  effettua comunicazione all’appaltatore varianti ex art. 132, c. 1, codice contratti > quinto dell’importo appalto, ai fini dell’eventuale accettazione da parte dell’appaltatore stesso

77 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 77 funzioni RUP lavori – lavori eseguibili per lotti accerta e attesta l’avvenuta redazione ai fini dell’inserimento elenco annuale della progettazione preliminare dell’intero lavoro e della sua articolazione per lotti;  i mezzi finanziari necessari per appaltare l’intero lavoro  l’idoneità dei singoli lotti a costituire parte funzionale e fruibile dell’intervento

78 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 78 funzioni RUP lavori - responsabile dei lavori designa il coordinatore per la progettazione e il coordinatore per l’esecuzione dei lavori vigila sulla loro attività valuta i piani di sicurezza.

79 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 79 entrata in vigore e regime transitorio principi contratti esclusi procedure di affidamento accesso agli atti di gara

80 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 80 procedure affidamento (artt ) disposizioni che in parte codificano regole tratte  contabilità generale (artt. 16, 17, 19 del R.D. 18/11/1923, n. 2440) e DPR n. 554/1999 (art. 109).  elaborazione giurisprudenziale  prassi amministrativa

81 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 81 procedure affidamento netta distinzione tra:  fase di scelta contraente: che culmina nell’ aggiudicazione definitiva (atto unilaterale)  stipulazione contratto v. art 4, c. 3 su competenza esclusiva Stato  procedure affidamento, salvo profili organizzativi  stipulazione contratto (materia ordinamento civile)

82 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 82 procedure affidamento aggiudicazione definitiva non equivale ad accettazione offerta, irrevocabile fino al termine per stipulazione contratto giurisprudenza aveva ritenuto non più applicabile art. 16 del RD 2440/1923 sull’equivalenza tra verbale di aggiudicazione e contratto ( Consiglio di Stato, V, n ; IV , 4065 )

83 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 83 fasi essenziali procedimento PROGRAMMAZIONE  ll.pp > euro (art. 128)  servizi, lavori e forniture nei settori ordinari, con avviso di preinformazione ( artt. 63, 121 e 122)  avviso periodico indicativo nei settori speciali (artt. 223 e 238, c. 2)

84 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 84 fasi essenziali procedimento determinazione a contrattare (artt. 11 e altri per contenuto minimo)  contratto a corpo o a misura (art. 53, c. 4)  sistema di aggiudicazione (art. 11, c. 3; art. 55, c. 2)  criterio selezione migliore offerta (art. art. 81)  nomina esperto per criteri e pesi offerta economicamente più vantaggiosa  per ll.pp. oggetto contratto sola esecuzione esecuzione e progettazione

85 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 85 fasi essenziali procedimento procedure individuazione offerente (artt. 54 e altri): aperte, ristrette, negoziate, dialogo competitivo  bandi e pubblicità (artt. 55, c. 3 e 4; 63 e ss; 76, c. 2, 4; 77; 81, c. 2)  offerta (artt. 11, c. 6; 74; 77,c.4)

86 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 86 scelta migliore offerta (art. 81 e altri)  prezzo più basso  offerta economicamente più vantaggiosa (artt. 81 – 84) perfetta equivalenza fra i due criteri

87 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 87 offerta  anche presentazione diretta (art. 77, c. 4)  non più di 1 offerta (artt. 11, c. 6 e 34, c. 2, su divieto partecipazione concorrenti in situazione di controllo formale e sostanziale)  contenuto offerta e criterio di proporzionalità (art. 74)  offerta vincolante per concorrente (art. 11, c. 6)  principio semplificazione documentazione (art. 74, c. 6 e 7)

88 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 88 fasi essenziali procedimento: sedute gara pubblicità sedute di gara è principio generale segretezza è eccezione

89 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 89 fasi essenziali procedimento: controlli verifiche possesso requisiti (art. 48)  in corso di gara a campione, almeno 10% controllo congruità offerte (artt. 86 – 88)  verifica anomalia in contraddittorio  possibilità sempre di valutare congruità offerta  possibilità sempre di non aggiudicare se nessuna offerta è idonea o conveniente

90 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 90 fasi essenziali procedimento: controlli verifica possesso requisiti a gara conclusa per aggiudicatario e 2° classificato (art. 48) aggiudicazione provvisoria (art. 11)

91 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 91 aggiudicazione definitiva (art. 12)  l’aggiudicazione provvisoria è soggetta ad approvazione  termine previsto da ciascun ordinamento  in mancanza, 30 giorni dal ricevimento aggiudicazione provvisoria  interruzione per richiesta chiarimenti

92 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 92 aggiudicazione definitiva ( art. 12)  silenzio - approvazione  aggiudicazione definitiva è atto di controllo interno  non equivale ad accettazione offerta (art. 11, c. 7)  diventa efficace dopo verifica requisiti (è condizionata al buon esito di verifica) (art. 11, c. 8)

93 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 93 fasi essenziali procedimento: publicazioni pubblicazione avviso risultati procedura (artt. 66, per sopra soglia e 122, 124 per sotto soglia) comunicazione provvedimento di aggiudicazione ed esclusioni (artt. 77, c.1, 2,3 – 79, c. 5)

94 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 94 fasi essenziali procedimento: publicazini adempimenti formali per contratto stipulazione contratto (artt. 11, c. 9 e 12, c. 2)  requisiti generali  DURC  controlli antimafia  costituzione ATI  garanzie (cauzione definitiva e coperture assicurative)

95 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 95 pubblicazioni – comunicazioni- aggiudicazione, esclusioni pubblicazione avviso sui risultati procedura  art. 66, per sopra soglia  art. 122, comma 3, per sotto soglia lavori pubblici  art. 124, comma 4, per sotto soglia servizi e forniture (facoltativo)  art. 225 per settori speciali comunicazioni modalita’ (artt. 77)

96 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 96 comunicazioni aggiudicazione, esclusioni (art. 79, c.5) aggiudicazione definitiva, anche non efficace, è comunicata d’ufficio, entro 5 giorni:  aggiudicatario  2° classificato  tutti i candidati con offerta ammessa  ai candidati con offerta esclusa, se hanno impugnato o sono nei termini per impugnazione

97 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 97 comunicazioni aggiudicazione, esclusioni (art. 79, c. 5) esclusione è comunicata  ai candidati esclusi  ai concorrenti esclusi  entro 5 gg

98 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 98 contratto stipulazione contratto  non prima di 30 gg comunicazione aggiudicazione definitiva (se la stessa è divenuta efficace)  entro 60 gg, dopo l’aggiudicatario può sciogliersi

99 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 99 contratto presupposti  comunicazione ex DPCM 11 maggio 1991 ( comunicazione composizione societaria, esistenza diritti reali di godimento o di garanzia sulle azioni «con diritto di voto» sulla base delle risultanze del libro dei soci, delle comunicazioni ricevute e di qualsiasi altro dato a propria disposizione, nonché l'indicazione dei soggetti muniti di procura irrevocabile che abbiano esercitato il voto nelle assemblee societarie nell'ultimo anno o che ne abbiano comunque diritto)  verifica antimafia  garanzie di esecuzione e coperture assicurative (ex art. 113, codice contratti)

100 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 100 contratto forme  atto pubblico  atto pubblico amministrativo  scrittura privata  forma elettronica

101 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 101 entrata in vigore e regime transitorio principi contratti esclusi procedure di affidamento accesso atti di gara

102 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 102 accesso atti gara (art. 13) regime atti pubblici regime atti conoscibili regime atti segreti

103 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 103 accesso atti gara L. 241/1990 istituto differimento

104 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 104 accesso atti gara copia o visione progetto atti segreti: segreti tecnici o commerciali per motivata e comprovata dichiarazione offerente ulteriori aspetti riservati secondo il regolamento relazione riservata direttore lavori pareri legali acquisiti per la soluzione di liti, potenziali o in atto comunicazioni e archiviazione informazioni in modo da garantire riservatezza offerte e domande partecipazione (art. 77, c. 3)

105 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 105 sistema dinamico di acquisizione processo di acquisizione interamente elettronico, per acquisti di uso corrente, le cui caratteristiche generalmente disponibili sul mercato soddisfano le esigenze di una stazione appaltante, limitato nel tempo ed aperto per tutta la sua durata a qualsivoglia operatore economico che soddisfi i criteri di selezione e che abbia presentato un'offerta indicativa conforme al capitolato d'oneri. Tale sistema è utilizzato esclusivamente nel caso di forniture di beni e servizi tipizzati e standardizzati, di uso corrente, esclusi gli appalti di lavori e le forniture o servizi da realizzare in base a specifiche tecniche del committente.

106 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 106 asta elettronica processo per fasi successive basato su un dispositivo elettronico di presentazione di nuovi prezzi, modificati al ribasso, e/o di nuovi valori riguardanti taluni elementi delle offerte, che interviene dopo una prima valutazione completa delle offerte permettendo che la loro classificazione possa essere effettuata sulla base di un trattamento automatico. Di conseguenza gli appalti di servizi e di lavori che hanno per oggetto prestazioni intellettuali, come la progettazione di lavori, non possono essere oggetto di aste elettroniche. (comma 15)

107 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 107 procedure aperte: sono le procedure in cui ogni operatore economico interessato può presentare un'offerta (articolo 3, comma 37) procedure ristrette sono le procedure alle quali ogni operatore economico può chiedere di partecipare e in cui soltanto gli operatori economici invitati dalle stazioni appaltanti possono presentare un'offerta, salvo il disposto dell’articolo 55, comma 6 ultimo periodo (alle procedure ristrette per l’affidamento di lavori pubblici nei settori ordinari di importo inferiore a quaranta milioni di euro, sono invitati tutti i soggetti che ne abbiano fatto richiesta e che siano in possesso dei requisiti di qualificazione previsti dal bando). (articolo 3, comma 38) procedure negoziate sono le procedure in cui le stazioni appaltanti consultano gli operatori economici da loro scelti e negoziano con uno o più di essi le condizioni dell'appalto. Il cottimo fiduciario costituisce procedura negoziata (articolo 3, comma 40) procedura negoziata è ammessa anche per lavori di importo complessivo non superiore a centomila euro

108 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 108 accordo quadro E’ un accordo concluso tra una o più stazioni appaltanti e uno o più operatori economici e il cui scopo è quello di stabilire le clausole relative agli appalti da aggiudicare durante un dato periodo, in particolare per quanto riguarda i prezzi e, se del caso, le quantità previste. Il valore da prendere in considerazione è il valore massimo stimato al netto dell'IVA del complesso degli appalti previsti durante l'intera durata dell'accordo (articolo 29, comma 13)

109 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 109 segue … accordo quadro Procedimento (articolo 59) Per i lavori, gli accordi quadro sono ammessi in relazione ai lavori di manutenzione e negli altri casi, da prevedersi nel regolamento, in cui i lavori sono connotati da serialità e caratteristiche esecutive standardizzate. Le regole di procedura sono quelle previste per gli appalti fino all'aggiudicazione degli appalti basati sull’accordo. I criteri di aggiudicazione sono quelli dell'offerta economicamente più vantaggiosa o del prezzo più basso. Le parti non possono in nessun caso apportare modifiche sostanziali alle condizioni fissate nell’accordo quadro. La durata di un accordo quadro non può superare i quattro anni, salvo in casi eccezionali debitamente motivati.

110 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 110 segue … accordo quadro Accordo quadro concluso con un solo operatore economico Gli appalti sono aggiudicati entro i limiti delle condizioni fissate nell'accordo quadro. Per l'aggiudicazione di tali appalti, le stazioni appaltanti possono consultare per iscritto l'operatore parte dell'accordo quadro, chiedendogli di completare, se necessario, la sua offerta.

111 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 111 segue … accordo quadro accordo quadro concluso con più operatori economici Il numero deve essere almeno pari a tre, purché vi sia un numero sufficiente di operatori economici che soddisfano i criteri di selezione, ovvero di offerte accettabili corrispondenti ai criteri di aggiudicazione....

112 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 112 segue … accordo quadro Possono essere aggiudicati mediante applicazione delle condizioni stabilite nell'accordo quadro senza nuovo confronto competitivo. In tale caso, l’aggiudicazione dell’accordo quadro contiene l’ordine di priorità, privilegiando il criterio della rotazione, per la scelta dell’operatore economico cui affidare il singolo appalto....

113 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 113 segue … accordo quadro Qualora l'accordo quadro non fissi tutte le condizioni, gli appalti possono essere affidati dopo aver rilanciato il confronto competitivo fra le parti in base alle medesime condizioni, se necessario precisandole, e, se del caso, ad altre condizioni indicate nel capitolato d'oneri dell'accordo quadro, secondo la seguente procedura:...

114 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 114 segue … accordo quadro per ogni appalto le stazioni appaltanti consultano per iscritto gli operatori che sono in grad o di realizzare l'oggetto dell'appalto; le stazioni appaltanti fissano un termine sufficiente per presentare le offerte; le offerte sono presentate per iscritto e il loro contenuto deve rimanere segreto fino alla scadenza del termine previsto per la loro presentazione; le stazioni appaltanti aggiudicano ogni appalto all'offerente che ha presentato l'offerta migliore sulla base dei criteri di aggiudicazione fissati nel capitolato d'oneri dell'accordo quadro.

115 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 115 dialogo competitivo (articolo 3, comma 39) E’ una procedura nella quale la stazione appaltante, in caso di appalti particolarmente complessi, avvia un dialogo con i candidati ammessi a tale procedura, al fine di elaborare una o più soluzioni atte a soddisfare le sue necessità e sulla base della quale o delle quali i candidati selezionati saranno invitati a presentare le offerte; a tale procedura qualsiasi operatore economico può chiedere di partecipare.

116 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 116 segue … dialogo competitivo (articolo 58) Presupposti appalto particolarmente complesso impossibilità di ricorrere alla procedura aperta o ristretta un appalto pubblico è considerato "particolarmente complesso" quando la stazione appaltante non è oggettivamente in grado di definire i mezzi tecnici atti a soddisfare le sue necessità o i suoi obiettivi, e/o non è oggettivamente in grado di specificare l’impostazione giuridica e/o finanziaria di un progetto.

117 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 117 segue … dialogo competitivo Fase del dialogo L’unico criterio per l’aggiudicazione dell’appalto è quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Pubblicazione bando di gara con indicazione delle necessità o obiettivi della stazione appaltante (definiti nel bando o in un documento descrittivo), dei requisiti di ammissione al dialogo competitivo, dei criteri di valutazione delle offerte e del termine entro il quale gli interessati possono presentare istanza di partecipazione alla procedura.

118 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 118 segue … dialogo competitivo Avvio del dialogo finalizzato all’individuazione e alla definizione dei mezzi più idonei a soddisfare le necessità o gli obiettivi. Nella fase del dialogo, le stazioni appaltanti possono discutere con i candidati ammessi tutti gli aspetti dell'appalto; devono garantire la parità di trattamento di tutti i partecipanti, non devono fornire, in modo discriminatorio, informazioni che possano favorire alcuni partecipanti rispetto ad altri;

119 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 119 segue … dialogo competitivo non possono rivelare agli altri partecipanti le soluzioni proposte né altre informazioni riservate comunicate dal candidato senza l'accordo di quest'ultimo; possono prevedere che la procedura si svolga in fasi successive in modo da ridurre il numero di soluzioni da discutere durante la fase del dialogo proseguono il dialogo finché non sono in grado di individuare, se del caso dopo averle confrontate, la soluzione o le soluzioni che possano soddisfare le loro necessità o obiettivi. possono motivatamente ritenere che nessuna delle soluzioni proposte soddisfi le proprie necessità o obiettivi.

120 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 120 segue … dialogo competitivo Fase dell'aggiudicazione dopo aver dichiarato concluso il dialogo e averne informato i partecipanti, le stazioni appaltanti li invitano a presentare le loro offerte finali in base alla o alle soluzioni presentate e specificate nella fase del dialogo. le offerte devono contenere tutti gli elementi richiesti e necessari per l’esecuzione del progetto. prima della presentazione delle offerte, nel rispetto del principi di concorrenza e nondiscriminazione, le stazioni appaltanti possono specificare i criteri di valutazione, indicati nel bando o nel documento descrittivo in relazione alle peculiarità della soluzione o delle soluzioni individuate.

121 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 121 segue … dialogo competitivo Su richiesta delle stazioni appaltanti le offerte possono essere chiarite, precisate e perfezionate. (tali precisazioni, chiarimenti, perfezionamenti o complementi non possono avere l’effetto di modificare gli elementi fondamentali dell’offerta o dell’appalto quale posto in gara la cui variazione rischi di falsare la concorrenza o di avere un effetto discriminatorio). individuazione offerta economicamente più vantaggiosa. L’offerente che ha presentato l'offerta economicamente più vantaggiosa può essere invitato a precisare gli aspetti della sua offerta o a confermare gli impegni assunti. (come sopra)

122 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 122 tipologia dei contratti di lavori pubblici Fatti salvi i contratti di sponsorizzazione e i lavori eseguiti in economia, i lavori pubblici possono essere realizzati esclusivamente mediante contratti di appalto concessione

123 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 123 oggetto dei contratti relativi a lavori la sola esecuzione dei lavori; la progettazione esecutiva e l'esecuzione di lavori sulla base del progetto definitivo dell’amministrazione aggiudicatrice; la progettazione definitiva, esecutiva e l’esecuzione di lavori sulla base del progetto preliminare dell’amministrazione aggiudicatrice. (lo svolgimento della gara è effettuato sulla base di un progetto preliminare, nonché di un capitolato prestazionale corredato dall’indicazione delle prescrizioni, delle condizioni e dei requisiti tecnici inderogabili. L’offerta ha ad oggetto il progetto definitivo e il prezzo).

124 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 124 concessioni di lavori pubblici Le concessioni di lavori pubblici hanno, di regola, ad oggetto la progettazione definitiva, la progettazione esecutiva e l’esecuzione di opere pubbliche o di pubblica utilità. Qualora la stazione appaltante disponga del progetto definitivo ed esecutivo, ovvero del progetto definitivo, l’oggetto della concessione, quanto alle prestazioni progettuali, può essere circoscritto al completamento della progettazione, ovvero alla revisione della medesima, da parte del concessionario.

125 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 125 segue … concessioni di lavori pubblici la controprestazione a favore del concessionario consiste, di regola, unicamente nel diritto di gestire funzionalmente e di sfruttare economicamente tutti i lavori realizzati. il soggetto concedente stabilisce in sede di gara anche un prezzo, qualora al concessionario venga imposto di praticare nei confronti degli utenti prezzi inferiori a quelli corrispondenti alla remunerazione degli investimenti e alla somma del costo del servizio e dell’ordinario utile di impresa, ovvero qualora sia necessario assicurare al concessionario il perseguimento dell’equilibrio economico – finanziario degli investimenti e della connessa gestione in relazione alla qualità del servizio da prestare.

126 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 126 segue … concessioni di lavori pubblici nella determinazione del prezzo si tiene conto della eventuale prestazione di beni e servizi da parte del concessionario allo stesso soggetto aggiudicatore, relativamente all'opera concessa, secondo le previsioni del bando di gara. a titolo di prezzo, le amministrazioni aggiudicatrici possono cedere in proprietà o in diritto di godimento beni immobili nella propria disponibilità, o allo scopo espropriati, la cui utilizzazione sia strumentale o connessa all’opera da affidare in concessione, nonché beni immobili che non assolvono più a funzioni di interesse pubblico.

127 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 127 segue … concessioni di lavori pubblici le amministrazioni aggiudicatrici possono affidare in concessione opere destinate alla utilizzazione diretta della pubblica amministrazione, in quanto funzionali alla gestione di servizi pubblici, a condizione che resti a carico del concessionario l’alea economico – finanziaria della gestione dell’opera. la concessione ha di regola durata non superiore a trenta anni.

128 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 128 affidamento delle concessioni di lavori pubblici Le stazioni appaltanti affidano le concessioni di lavori pubblici con procedura aperta o ristretta, utilizzando il criterio selettivo dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Quale che sia la procedura prescelta, le stazioni appaltanti pubblicano un bando in cui rendono nota l’intenzione di affidare la concessione. Le concessioni sono affidate mediante licitazione privata Legge Merloni Codice

129 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 129 appalto congiunto  in sostituzione totale o parziale delle somme di denaro costituenti il corrispettivo del contratto, il bando di gara può prevedere il trasferimento all’affidatario della proprietà di beni immobili appartenenti all’amministrazione aggiudicatrice, già indicati nel programma triennale dei lavori e che non assolvono più a funzioni di interesse pubblico.  possono formare oggetto di trasferimento anche i beni immobili già inclusi in programmi di dismissione del patrimonio pubblico, purché non sia stato già pubblicato il bando o avviso per l’alienazione, ovvero se la procedura di dismissione ha avuto esito negativo.

130 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 130 segue … appalto congiunto Le offerte specificano: se l’offerente ha interesse a conseguire la proprietà dell’immobile, e il prezzo che in tal caso viene offerto per l’immobile, nonché il differenziale di prezzo eventualmente necessario, per l’esecuzione del contratto; se l’offerente non ha interesse a conseguire la proprietà dell’immobile, il prezzo richiesto per l’esecuzione del contratto.

131 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 131 segue … appalto congiunto Il regolamento disciplina i criteri di stima degli immobili e le modalità di articolazione delle offerte e di selezione della migliore offerta. L’inserimento nel programma triennale dei beni appartenenti al patrimonio indisponibile delle amministrazioni aggiudicatrici, determina il venir meno del vincolo di destinazione.

132 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 132 procedure per l’individuazione degli offerenti Regola generale procedure aperte procedure ristrette Procedure facoltative, solo nei casi ed a specifiche condizioni dialogo competitivo procedura negoziata utilizzate di preferenza quando il contratto ha per oggetto, oltre che l’esecuzione, anche la progettazione, o quando il criterio di aggiudicazione è quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa

133 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 133 procedura negoziata previa pubblicazione di un bando di gara per lavori di importo inferiore a un milione di euro, quando, in esito all’esperimento di una procedura aperta o ristretta o di un dialogo competitivo, tutte le offerte presentate sono irregolari ovvero inamissibili in casi eccezionali, qualora si tratti di lavori, servizi, forniture, la cui natura o i cui imprevisti non consentano la fissazione preliminare e globale dei prezzi; Nella procedura negoziata non possono essere modificate in modo sostanziale le condizioni iniziali del contratto. E’ possibile omettere la pubblicazione del bando di gara se si invitano tutti i concorrenti in possesso dei requisiti che, nella procedura precedente, hanno presentato offerte rispondenti ai requisiti formali della procedura medesima.

134 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 134 segue … procedura negoziata previa pubblicazione di un bando di gara limitatamente ai servizi, nel caso di servizi finanziari e di prestazioni di natura intellettuale, se la natura della prestazione da fornire renda impossibile stabilire le specifiche del contratto con la precisione sufficiente per poter aggiudicare l’appalto selezionando l’offerta migliore secondo le norme della procedura aperta o della procedura ristretta; nel caso di appalti pubblici di lavori, per lavori realizzati unicamente a scopo di ricerca, sperimentazione o messa a punto, e non per assicurare una redditività o il recupero dei costi di ricerca e sviluppo.

135 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 135 procedura negoziata senza previa pubblicazione di un bando di gara per lavori di importo inferiore a un milione di euro, qualora, in esito all’esperimento di una procedura aperta o ristretta, non sia stata presentata nessuna offerta, o nessuna offerta appropriata, o nessuna candidatura (non possono essere modificate in modo sostanziale le condizioni iniziali del contratto). qualora, per ragioni di natura tecnica o artistica ovvero attinenti alla tutela di diritti esclusivi, il contratto possa essere affidato unicamente ad un operatore economico determinato;

136 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 136 segue … procedura negoziata senza previa pubblicazione di un bando di gara nella misura strettamente necessaria, quando l’estrema urgenza, risultante da eventi imprevedibili per le stazioni appaltanti, non è compatibile con i termini imposti dalle procedure aperte, ristrette, o negoziate previa pubblicazione di un bando di gara (le circostanze invocate a giustificazione della estrema urgenza non devono essere imputabili alle stazioni appaltanti).

137 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 137 segue … procedura negoziata senza previa pubblicazione di un bando di gara per i lavori o i servizi complementari, non compresi nel progetto iniziale né nel contratto iniziale, che, a seguito di una circostanza imprevista, sono divenuti necessari all’esecuzione dell’opera o del servizio oggetto del progetto o del contratto iniziale, purché aggiudicati all’operatore economico che presta tale servizio o esegue tale opera, nel rispetto delle seguenti condizioni:  tali lavori o servizi complementari non possono essere separati, sotto il profilo tecnico o economico, dal contratto iniziale, senza recare gravi inconvenienti alla stazione appaltante, ovvero pur essendo separabili dall’esecuzione del contratto iniziale, sono strettamente necessari al suo perfezionamento;  il valore complessivo stimato dei contratti aggiudicati per lavori o servizi complementari non supera il cinquanta per cento dell’importo del contratto iniziale;

138 gennaio 2007 Provincia di Verona - segreteria generale 138 segue … procedura negoziata senza previa pubblicazione di un bando di gara per nuovi lavori o servizi consistenti nella ripetizione di lavori o servizi analoghi già affidati all’operatore economico aggiudicatario del contratto iniziale dalla medesima stazione appaltante, a condizione che tali lavori o servizi siano conformi a un progetto di base e che tale progetto sia stato oggetto di un primo contratto aggiudicato secondo una procedura aperta o ristretta; In questa ipotesi la possibilità del ricorso alla procedura negoziata senza bando è consentita solo nei tre anni successivi alla stipulazione del contratto iniziale, e deve essere indicata nel bando del contratto originario l’importo complessivo stimato dei servizi e lavori successivi.


Scaricare ppt "15 - 16 gennaio 2007Provincia di Verona - segreteria generale1 Il Codice dei contratti pubblici per lavori, servizi e forniture (D.Lgs. 12 aprile 2006,"

Presentazioni simili


Annunci Google