La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Parte VElementi di Informatica1 Reti di calcolatori Parte V.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Parte VElementi di Informatica1 Reti di calcolatori Parte V."— Transcript della presentazione:

1 Parte VElementi di Informatica1 Reti di calcolatori Parte V

2 Elementi di Informatica2 Rete di calcolatori Rete di calcolatori: complesso sistema di collegamento delle unità di elaborazione che consente a queste di scambiarsi dati e di cooperare:  aspetti organizzativi e strutturali della rete;  tecnologie per la trasmissione di dati;  software applicativo per l’utilizzo dei servizi offerti.

3 Parte VElementi di Informatica3 …..meno formalmente Rete = Insieme di “fili” che si intrecciano. Ogni punto di intersezione è un nodo. “Fili”: cavi elettrici, cavi del telefono, fibre ottiche, onde radio. Permettono la trasmissione di informazioni: filmati, immagini, fotografie, suoni, testi.

4 Parte VElementi di Informatica4 Terminologia Nodo: termine generico per indicare dispositivo collegato alla rete: –gestione dell’attraversamento dei nodi intermedi. Indirizzo: permette l’identificazione di ciascun nodo: –identificativo all’interno della rete locale; –identificativo all’interno della rete geografica. Protocollo: insieme di regole per permettere la comunicazione.

5 Parte VElementi di Informatica5 Storia primo esempio di trasmissione dati a distanza: alfabeto Morse (1844); primi collegamenti via cavo o linea telefonica di terminali remoti (essenzialmente tastiere) a computer (anni 1940); primi collegamenti di computer tra di loro (anni 1970); crescita delle reti locali (sistemi di collegamento di estensione limitata ad altissima velocità); diffusione delle reti geografiche (interconnessione a grande distanza di reti locali e di singoli elaboratori); fenomeno Internet.

6 Parte VElementi di Informatica6 Elaborazione distribuita Più sistemi di classe diversa sono collegati in rete e su ciascuno vengono eseguite le porzioni di una stessa applicazione che più si adattano alle caratteristiche specifiche di ciascuna macchina.

7 Parte VElementi di Informatica7 Modello architetturale client/server Il modello client/server è una forma di elaborazione distribuita. Le applicazioni sono divise in tre parti fondamentali: –presentazione; –logico-funzionale (cosa fa l’applicazione); –gestione dati. Queste parti possono risiedere su due distinti moduli: –front-end (client): eseguito su un elaboratore dotato di interfaccia grafica e in uso all’utente; –back-end (server): fornisce servizi a più moduli front-end. Per l’utente la distribuzione dell’elaborazione su una o più macchine è assolutamente trasparente. Il server elabora le richieste di servizio dai client.

8 Parte VElementi di Informatica8 …..continua rete Client Server presentazione gestione datilogico-funzionale Modulo client: –interfaccia utente; –grafica; –parti applicative che integrano quelle del server; –applicativi personali. Modulo server: –nucleo degli applicativi integrati nel client; –gestione dei dati condivisi.

9 Parte VElementi di Informatica9 …..continua Le parti front-end e back-end delle applicazioni risiedono su sistemi elaborativi distinti e interconnessi grazie alle tecnologie di rete. Le parti applicative residenti sui sistemi front- end e back-end si integrano a vicenda. La suddivisione nei due moduli è compiuta in modo tale da sfruttare le caratteristiche peculiari delle due categorie di sistemi  contributo specializzato e ottimizzato.

10 Parte VElementi di Informatica10 …..continua Vantaggi –riduzione del carico sui sistemi centrali; –razionalizzazione del formato dei dati e aumento delle garanzie di sicurezza e integrità, che risultano tutti controllati dal software del server; –incremento della flessibilità del sistema. Svantaggi –ricorso all’uso di reti ad alta velocità; –aumento degli oneri di gestione, in assenza di una gestione centralizzata e standardizzabile.

11 Parte VElementi di Informatica11 Architettura di rete L’architettura di rete : –gestisce la complessità della rete tramite una organizzazione del software e dell’hardware di rete in una struttura a livelli: ISO/Open System Interconnection TCP/IP (= Internet Protocol Suite) È necessario definire uno standard per la compatibilità tra sistemi eterogenei.

12 Parte VElementi di Informatica12 …..continua Un’architettura di rete stabilisce una gerarchia di livelli indipendenti che contengono moduli atti a eseguire funzioni specifiche. livello n livello n+1 interfaccia protocollo liv.n protocollo liv.n+1 livello vicino alla macchina livello vicino all’uomo

13 Parte VElementi di Informatica13 Livelli nell’ISO/OSI Applicazione: definisce le specifiche dei programmi che consentono all’utente di sfruttare la rete. Presentazione: i dati trasmessi vengono tradotti/convertiti in formati adatti per il sistema/applicazione di destinazione. Sessione: stabilisce e controlla il dialogo tra due programmi applicativi su due nodi della rete e il conseguente scambio di dati. Trasporto: controlla il trasferimento dei dati al nodo di destinazione e prevedendo una eventuale frammentazione (PDU), controllo, correzione errori, ricomposizione nel corretto ordine dei pacchetti. Rete: provvede all’instradamento dei pacchetti a destinazione. Collegamento Dati: si occupa della trasmissione dei dati (affidabilità). Fisico: definisce gli aspetti elettrici, meccanici e funzionali del collegamento fisico tra i nodi della rete (caratteristiche cavi, connettori e codifica dei bit per la loro trasmissione). Fisico Dati Network Trasporto Sessione Presentazione Applicazione

14 Parte VElementi di Informatica14 Livelli nel TCP/IP IP TCP telnet, ftp http smtp, snmp Il protocollo TCP: nel computer di partenza suddivide il messaggio in pacchetti numerati e invia le diverse parti corredate dall’indirizzo IP; nel computer di destinazione provvede a ricomporre il messaggio, garantendo anche la correttezza e l’integrità dell’informazione.

15 Parte VElementi di Informatica15 …..continua Protocollo IP: si occupa di identificare i percorsi e gli indirizzi dei nodi nella rete oltre a gestire la trasmissione fra il computer che invia i dati e quello che li riceve. Indirizzo IP: è composto da un insieme di quattro numeri separati da punti e ogni numero può andare da 0 a 255 ( Esempio: = zona.rete.sottorete.computer ). Spesso ad essi si associa un nome ( Esempio: lucilla.dsi.unifi.it ). La corrispondenza tra indirizzo numerico e simbolico è stabilita dal Domain Name Server, un sistema di controllo degli indirizzi che risiede su vari server.

16 Parte VElementi di Informatica16 Domini e sottodomini unifi it unipi dsi psico lucillaluzzy

17 Parte VElementi di Informatica17 Classificazione delle reti LAN: permettono il collegamento di elaboratori all’interno di un edificio o un insieme di edifici su un singolo comprensorio privato –breve distanza tra i dispositivi collegati; –velocità di comunicazione; –basso tasso di errore; –condivisione di risorse. MAN: reti pubbliche di estensione limitata all’ambito urbano. –Esempio: reti civiche.

18 Parte VElementi di Informatica18 WAN: di dimensioni geograficamente estese, permettono di collegare un numero molto elevato di computer a livello nazionale. GAN: reti globali a livello planetario che ricorrono ai satelliti per collegamenti tra paesi e continenti diversi. Gli ultimi tre richiedono un gestore di servizio pubblico di trasmissione dati (network provider) per poter disporre dei necessari canali trasmissivi. …..continua

19 Parte VElementi di Informatica19 Gerarchia e interconnessione WAN MAN LAN WAN GAN

20 Parte VElementi di Informatica20 Trasmissione delle informazioni Integrated Services Digital Network: sistema che trasmette direttamente le informazioni in forma digitale (modem  terminal adapter). Il computer elabora dati in forma digitale (0,1). Un cavo telefonico o le onde radio si servo- no di segnali di tipo analogico (segnali mo- dulati che variano con continuità in funzione del tempo). MODulatore DEModulatore (velocità bps)

21 Parte VElementi di Informatica21

22 Parte VElementi di Informatica22 Linee Linee commutate –collegamenti saltuari previa composizione del numero. Linee dedicate –collegamenti permanenti affidabili.

23 Parte VElementi di Informatica23 Internet Internet = Interconnected networks. Internet : rete globale (rete delle reti) –una rete è un sistema chiuso che presenta difficoltà a comunicare con le altre; –se un computer di una rete ha un accesso ad internet anche tutti quelli ad esso collegati possono avervi accesso.

24 Parte VElementi di Informatica24 La rete

25 Parte VElementi di Informatica25 Storia 1969: ARPANet (risultato di un progetto di ricerca del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti) per interconnettere vari ministeri e organismi militari: –condivisione di informazioni; –accesso a distanza a risorse di calcolo; –mantenimento delle comunicazioni in caso di attacchi (presenza di cammini alternativi). 1973: connessioni internazionali ad ARPANet.

26 Parte VElementi di Informatica26 …..continua 1980: formazione di quattro grandi reti: USENET, BITNET, CSNET, NSFnet. 1982: il TCP/IP diviene il protocollo standard di ARPANet. 1983: nasce Internet dalla separazione di ARPANet dalla parte militare.

27 Parte VElementi di Informatica27 Vantaggi Vs. Svantaggi Collegamento di decine di migliaia di reti in tutto il mondo. Economia di scala. Assenza di un unico ente di gestione. Ritmo di crescita vertiginoso.

28 Parte VElementi di Informatica28 Ancora sugli indirizzi Ogni nodo della rete è identificato da un unico indirizzo IP. Gli indirizzi IP sono assegnati da un’unica autorità, organizzata a livello gerarchico, con ramificazioni in tutti i Paesi. Gli indirizzi IP sono divisi in cinque classi.

29 Parte VElementi di Informatica29 …..continua networkhost networkhost networkhost multicast address reserved for future use

30 Parte VElementi di Informatica30 …..continua Ai nodi Internet sono associati i nomi che vengono tradotti in indirizzi numerici dal Domain Name System: –i nomi sono raggruppati gerarchicamente e raggruppati per domini; –un dominio identifica una struttura per cui esiste un unico ente delegato all’assegnazione dei nomi; –sotto ogni dominio si trova una gerarchia di sottodomini per i quali enti locali sono delegati alla gestione della registrazione dei nodi nel DNS.

31 Parte VElementi di Informatica31 Esempi di domini Italia: it Germania: de Francia: fr Svizzera: ch Regno Unito: uk Canada: ca Stati Uniti: com, org, edu, gov, mil, int, net

32 Parte VElementi di Informatica32 Intranet/Extranet Intranet: reti private aziendali basate sulle tecnologie di Internet, collegate a o totalmente isolate da Internet: –condivisione di informazioni; –distribuzione di risorse; –problema della sicurezza con accessi ad Internet; firewall. Extranet: parte della rete Intranet resa accessibile ad esterni.

33 Parte VElementi di Informatica33 Terminologia Ipertesto: documento testuale in formato elettronico “non sequenziale”. Sito: insieme delle informazioni, organizzate come un ipertesto e residenti su un computer.

34 Parte VElementi di Informatica34 World Wide Web 1980: nasce il WWW presso il Centro Europeo per le Ricerche Nucleari di Ginevra. WWW è un ipertesto distribuito: –portata mondiale; –organizzazione delle informazioni in modo ipertestuale; –i link possono portare a pagine sullo stesso server o su un altro in modo totalmente trasparente.

35 Parte VElementi di Informatica35 …..continua L’architettura del WWW prevede una parte client e una server: –un programma client (browser) è in grado di visualizzare documenti testuali, grafica, informazioni multimediali ricevute dal server con cui comunica tramite HTTP. HyperText Transfer Protocol: protocollo standard utilizzato per la trasmissione delle informazioni.

36 Parte VElementi di Informatica36 …..continua La pagina inviata dal server è in formato HyperText Markup Language. –file ASCII con informazioni di controllo per l’impaginazione del testo, per la definizione dei link, etc. link è formato dall’indirizzo di rete del server e l’identificativo del file contenente la pagina associata al link (nascosto). Collegamento sito corso

37 Parte VElementi di Informatica37 …..continua URL (Uniform Resource Locator): indirizzo per ogni tipo di risorsa residente sui vari computer collegati alla rete. –tipo://host.dominio/path/filename –Esempio:  ferrari/ei. html

38 Parte VElementi di Informatica38 Il Browser Strumento per la navigazione. Il browser interpreta l’HTML. Esempi: Mosaic, Netscape Navigator, Internet Explorer. Cosa Accade: –Connessione –Richiesta –Risposta –Termine  Messaggio di errore

39 Parte VElementi di Informatica39 ….continua Connessione –Il client invia un richiesta di connessione al server:  Connecting to…. Richiesta –Se la connessione viene stabilita il client specifica al server il protocollo da applicare e l’oggetto richiesto. Risposta –Se il server riesce a soddisfare la richiesta la transazione viene eseguita:  status line. Termine –La connessione è chiusa e il browser mostra quanto ha recuperato:  Document Done.

40 Parte VElementi di Informatica40 Barra dei menu Pulsanti standard Barra dell’indirizzo Barra del titolo

41 Parte VElementi di Informatica41 Indietro e Avanti :consentono di visualizzare la pagina precedente e la pagina successiva visitate nel corso della navigazione. Termina: interrompe il caricamento di una pagina dalla rete Web al computer dell’utente. Aggiorna: aggiorna il contenuto di una Pagina. Pagina iniziale: permette di tornare alla pagina impostata come home page di inizio della navigazione.

42 Parte VElementi di Informatica42 Cerca: visualizza Microsoft Search Assistant e il motore di ricerca impostato. Preferiti: visualizza un elenco di siti di frequente consultazione (bookmark). Stampa: invia una pagina alla stampante.

43 Parte VElementi di Informatica43

44 Parte VElementi di Informatica44 Navigazione nel Web

45 Parte VElementi di Informatica45 …..continua Le operazioni da compiere per consultare siti Internet navigando tra i computer e le pagine presenti nel WWW: 1.Collegarsi all’ISP, fornitore della connessione a internet, componendo il numero telefonico (tramite modem). Entrati nella rete (Login e Password) attivare il browser: digitare l’URL di un sito nella casella dell’indirizzo.

46 Parte VElementi di Informatica46 Fase 1

47 Parte VElementi di Informatica47 …..continua 2.La richiesta dell’utente percorre la rete fino ai server interessati, seguendo il percorso più efficiente tra le migliaia disponibili che collegano tra loro i server che costituiscono i nodi della rete.

48 Parte VElementi di Informatica48 Fase 2

49 Parte VElementi di Informatica49 …..continua 3.Il server esamina la richiesta e trasmette i dati richiesti al computer dell’utente usando un testo scritto con il linguaggio HyperText Marked Language, contenente codici che sono interpretabili dal browser. Il messaggio di ritorno può seguire anche percorsi diversi sui nodi della rete, secondo il criterio del percorso più efficiente.

50 Parte VElementi di Informatica50 Fase 3

51 Parte VElementi di Informatica51 …..continua 4.Quando i dati trasmessi raggiungono il computer dell’utente, il browser trasforma il codice HTML in una pagina grafica e la visualizza sul monitor.

52 Parte VElementi di Informatica52 Fase 4

53 Parte VElementi di Informatica53 Il ciclo continua Le fasi dalla 2 alla 4 si ripetono spostandosi tramite i link.

54 Parte VElementi di Informatica54 …..continua

55 Parte VElementi di Informatica55 ….continua

56 Parte VElementi di Informatica56 I motori di ricerca Un motore di ricerca è un sito particolare, progettato per restituire un elenco di siti che riguardano un argomento scelto. –Vantaggi: Gratuiti. Accorciamento dei tempi di ricerca. –Svantaggi: Priorità fasulle.

57 Parte VElementi di Informatica57 Tipi di Motori Parassiti: –non dotati di un archivio. Search Engine: –il crawler scandaglia il Web acquisendo pagine. –Esempi: All the Web, Altavista. Directories: –Strutturati per categorie ed argomenti. –Riportano un unico riferimento per sito. –Esempi: Yahoo!, MedHunt.

58 Parte VElementi di Informatica58 …..continua Misti: –Esempio: Lycos. Metacrawler: –Esempio: All 4 One. Nuova generazione: –attuano tecniche più raffinate per valutare: Pertinenza. Qualità. –Esempio: google.

59 Parte VElementi di Informatica59 Ricerca Avanzata: –OR: tutte le citazioni che contengono almeno uno dei due termini. –AND: tutte le citazioni che contengono tutti i termini. –NOT: escludere le citazioni che contengono il “termine negato”. –NEAR: tutte le citazioni che contengono i termini indicati “vicini” tra loro. Raffinare la ricerca

60 Parte VElementi di Informatica60 Servizi di rete Programmi in esecuzione su elaboratori distinti e collegati si scambiano informazioni di controllo e dati (elaborazione distribuita): –posta elettronica; –usenet news; –file transfer; –terminale virtuale; –condivisione di risorse; –downloading; –comunicazione tra utenti; –banche dati on-line.

61 Parte VElementi di Informatica61 Posta elettronica consente lo scambio di corrispondenza tra utenti di sistemi collegati in rete: –è necessario specificare l’indirizzo del username è unico nel dominio e rappresenta l’identificativo del destinatario; nome del dominio del server dove è aperto il relativo account. Esempio: username dominio

62 Parte VElementi di Informatica62 …..continua –ambiti di scambio: all’interno di uno stesso elaboratore multiutente, all’interno di una rete di elaboratori multiutente, in Internet. –il tempo di recapito del messaggio dipende da: carico degli elaboratori, velocità e carico delle linee di trasmissione attraversate, numero di nodi intermedi da attraversare.

63 Parte VElementi di Informatica63 Invio/Ricezione di un messaggio un utente invia un messaggio al pro- prio server specifi- cando l’indirizzo del destinatario. il server lo spedisce, attraverso la rete al computer dove risie- de la mailbox del destinatario. il server del destinatario lo memorizza nella ca- sella postale. il destinatario si connette alla rete tramite il proprio server, controlla la casella postale e scarica il messaggio. SMTP POP

64 Parte VElementi di Informatica64 …..continua Simple Mail Transfer Protocol: fissa le regole del formato di un messaggio elettronico e come deve essere trasportato e consegnato. Post Office Protocol: protocollo usato nelle comunicazioni fra un server e l’utente. Multipurpose Internet Mail Extension: protocollo di trasmissione che offre un sistema di codifica-decodifica di file binari.

65 Parte VElementi di Informatica65 Il software che gestisce la posta elettronica si basa su un’architettura client/server: –Client: mediante interfaccia grafica permette all’utente di digitare e inviare messaggi con eventuali attachment. –Server: mail server gestisce l’invio e la ricezione di messaggi.

66 Parte VElementi di Informatica66

67 Parte VElementi di Informatica67

68 Parte VElementi di Informatica68

69 Parte VElementi di Informatica69 Alcune parti di un messaggio From Date To Subject Message-Id Received Reply-To Attachments

70 Parte VElementi di Informatica70

71 Parte VElementi di Informatica71 Permette lo scambio di informazioni all’interno di gruppi di utenti interessanti ad un medesimo argomento. Su un server (listserv) della rete viene installato un programma (Es. LISTSERV, Majordomo) che ha in memoria una lista di distribuzione in cui sono riportati gli indirizzi di posta elettronica degli abbonati e spedisce a essi tutti i messaggi che vengono indirizzati alla lista. Mailing list

72 Parte VElementi di Informatica72 …..continua Abbonamento a una mailing list: –invio di un messaggio al listserv con un comando per l’iscrizione. Invio di messaggi: –utilizzare l’indirizzo missive.

73 Parte VElementi di Informatica73 Esempio ANXIETY-DISORDERS –Tipo lista : accesso controllato –Messaggio di adesione : SUBSCRIBE ANXIETY-DISORDERS –Indirizzo server : –Indirizzo missive :

74 Parte VElementi di Informatica74 Usenet Newsgroup: “bacheca elettronica” dove è possibile affiggere e leggere messaggi, porre domande e fornire risposte. Usenet: insieme di newsgroup. Non è centralizzato e ogni messaggio inviato a un newsgroup viene “pubblicato nelle varie bacheche” gestite dai vari news server tra loro collegati.

75 Parte VElementi di Informatica75 Internet Relay Chat Conversazione, scritta, in tempo reale tra un gruppo di persone. Interfaccia client: –conversazione in corso; –propri interventi e comandi al client. Server IRC: –creazione/collegamento, chiusura canale.

76 Parte VElementi di Informatica76 …..continua La conversazione in linea è normalmente uno scambio di messaggi scritti con la tastiera e visualizzabili sullo schermo: –sito internet come deposito di messaggi; –gruppo di utenti che partecipano collegandosi da punti qualsiasi di internet.

77 Parte VElementi di Informatica77 Videoconferenza È l’interazione in tempo reale, verbale e visiva, tra un gruppo di persone fisicamente distanti. Tramite internet: –opportuno software; –scheda audio; –microfono; –videocamera.

78 Parte VElementi di Informatica78 File transfer Il trasferimento di file consente la copia di file tra due elaboratori collegati in rete. Il protocollo utilizzato è FTP. Il client connette il computer dell’utente al server e invia comandi a quest’ultimo che risponde di conseguenza.

79 Parte VElementi di Informatica79 …..continua Utente registrato: –username e password. Utente generico: –anonymous e indirizzo di .

80 Parte VElementi di Informatica80

81 Parte VElementi di Informatica81 multimedia218

82 Parte VElementi di Informatica82 Terminale virtuale Il servizio telnet permette di collegarsi a un computer remoto utilizzando il proprio computer come se fosse un terminale. Utilità: –elaborazioni a distanza; –accesso ad archivi. Ricerca bibliografica: Online Public Access Catalogue.

83 Parte VElementi di Informatica83 Condivisione risorse Dischi: utilizzo della rete per accedere a un’unica copia di dati e programmi residenti su un singolo server. Stampanti: viene gestita una coda di attesa per i file che fanno richiesta della stampante in rete. Fax: –invio al fax server che inoltra i messaggi; –ricezione del fax come attachment a un messaggio di posta elettronica.

84 Parte VElementi di Informatica84 …..continua Downline loading o downloading: apparecchiature collegate alla rete che non contenendo localmente il software lo caricano da un server tramite la rete.

85 Parte VElementi di Informatica85 Commercio Elettronico E-commerce o E-business utilizza le pagine Web come vetrina virtuale per la presentazione di prodotti e la rete come mezzo per effettuare vendite o acquisti in linea di prodotti o servizi.

86 Parte VElementi di Informatica86 …..continua Vantaggi: –globalità; –riduzione costi; –abbattimento frontiere. Svantaggi: –sicurezza: autenticazione operatori; riservatezza; codifica comunicazioni.

87 Parte VElementi di Informatica87 Banche dati on-line Il termine banca dati denota un sistema la cui consultazione è aperta a utenti che ne facciano richiesta. Organizzazioni specializzate –raccolgono e selezionano le informazioni; –le sintetizzano e le standardizzano; –le indicizzano; –le organizzano e registrano su supporti idonei alla distribuzione.

88 Parte VElementi di Informatica88 …..continua La consultazione delle basi di dati può essere compiuta da un elaboratore connesso in rete utilizzando un opportuno linguaggio di interrogazione. Possibili trasferimenti file e copia delle informazioni reperite localmente sulla propria macchina.

89 Parte VElementi di Informatica89 Internet Service Provider Fornitori del servizio Internet: –contatti con gli organismi nazionali di registrazione dei nomi dei nodi e di assegnazione degli indirizzi; –accordi con i gestori di altri nodi della rete per il collegamento dei canali trasmissivi dei quali bisogna pagare il costo al network provider.

90 Parte VElementi di Informatica90 …..continua 1.Nome utente. 2.Password. 3.Numero telefonico di accesso. 4.Nome del computer host del provider e nome di dominio. 5.Indirizzo del server DNS.

91 Parte VElementi di Informatica91 …..continua Criteri di valutazione ISP. –Connessione PPP. Assegna a ogni collegamento telefonico un numero identificativo al computer utilizzato dall’utente rendendolo visibile su tutta la rete per l’intera durata della chiamata –Localizzazione nel distretto telefonico. –Pieno accesso ai servizi. –Velocità di collegamenti in linea commutata. –Disponibilità collegamenti. –Velocità di collegamento provider/Internet.

92 Parte VElementi di Informatica92 Collegamento a un ISP

93 Parte VElementi di Informatica93

94 Parte VElementi di Informatica94 …..prima di navigare in Internet….. Creazione connessione. Configurazione connessione. Accesso.

95 Parte VElementi di Informatica95 Creazione connessione – linea commutata Stipula di un abbonamento con un provider. Explorer  Strumenti  Opzioni Internet…. Connessioni  Aggiungi.

96 Parte VElementi di Informatica96

97 Parte VElementi di Informatica97

98 Parte VElementi di Informatica98

99 Parte VElementi di Informatica99

100 Parte VElementi di Informatica100

101 Parte VElementi di Informatica101

102 Parte VElementi di Informatica102 Configurazione connessione

103 Parte VElementi di Informatica103

104 Parte VElementi di Informatica104

105 Parte VElementi di Informatica105

106 Parte VElementi di Informatica106

107 Parte VElementi di Informatica107

108 Parte VElementi di Informatica108 Accesso 1.Installazione hardware: 1.modem collegato al computer e alla presa telefonica. 2.Installazione del software di comunicazione. 3.Attivazione dialer: 1.compone il numero sul modem e instaura le comunicazione utilizzando i protocolli propri della rete. 4.Specifica username e password. 5.Utilizzo dei servizi tramite appositi software.

109 Parte VElementi di Informatica109


Scaricare ppt "Parte VElementi di Informatica1 Reti di calcolatori Parte V."

Presentazioni simili


Annunci Google