La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sistemi di elaborazione dell’informazione Modulo 2 -Protocolli di rete TCP/IP Unità didattica 4 -Gestione degli indirizzi Ernesto Damiani Lezione 1 – Assegnazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sistemi di elaborazione dell’informazione Modulo 2 -Protocolli di rete TCP/IP Unità didattica 4 -Gestione degli indirizzi Ernesto Damiani Lezione 1 – Assegnazione."— Transcript della presentazione:

1 Sistemi di elaborazione dell’informazione Modulo 2 -Protocolli di rete TCP/IP Unità didattica 4 -Gestione degli indirizzi Ernesto Damiani Lezione 1 – Assegnazione dinamica indirizzi IP

2 Assegnazione dinamica di indirizzi IP L’assegnazione dinamica di indirizzi IP è desiderabile per molte ragioni: – gli indirizzi IP vengono assegnati a richiesta; – evita la configurazione IP manuale; – supporta la mobilità di laptop. Tre protocolli: – RARP (usato fino al 1985); – BOOTP ( ); – DHCP (dal 1993). Oggi viene usato solo DHCP.

3 Soluzioni RARP (Reverse Address Resolution Protocol): –non è più usato; –funziona in modo simile ad ARP; –invia una richiesta dell’indirizzo IP associato a un indirizzo MAC dato; –il server RARP risponde con un indirizzo IP; –RARP assegna solo l’indirizzo IP (non la maschera di sottorete o il default gateway).

4 L’host configura tutti i suoi parametri IP al momento dell’avvio del sistema (boot time). L’host invia la richiesta usando l’indirizzo broadcast locale ( ): – questi indirizzi non vengono mai instradati. Non solo riceve l’indirizzo IP ma anche il default gateway, la maschera di sottorete, ecc. L’indirizzo inviato come messaggio UDP: Porta 67 UDP (server) e Porta 68 (host). BOOTP (BOOTstrap Protocol)

5 Interazione BOOTP BOOTP può essere usato per scaricare immagini di memoria per stazioni di lavoro diskless. L’assegnazione di indirizzi IP agli host è statica.

6 Formato dei messaggi BOOTP/DHCP

7 Messaggi BOOTP/DHCP Codice operativo: 1 (Richiesta), 2 (Risposta). Tipo di hardware: 1 (per Ethernet). Lunghezza indirizzi hardware: 6 (per Ethernet). Conteggio degli hop: impostato a 0 dal client. ID di transazione: numero intero (usato per la corrispondenza richiesta/risposta). Secondi: numero di secondi da quando il client ha iniziato il boot. Indirizzo IP client, indirizzo IP utente, indirizzo IP server, indirizzo IP gateway, indirizzo hardware client, nome host del server, nome del file boot: il client fornisce le informazioni che ha e lascia in bianco il resto. FINE


Scaricare ppt "Sistemi di elaborazione dell’informazione Modulo 2 -Protocolli di rete TCP/IP Unità didattica 4 -Gestione degli indirizzi Ernesto Damiani Lezione 1 – Assegnazione."

Presentazioni simili


Annunci Google