La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COLONNA E LOGOPEDIA Chi subisce un intervento a livello della colonna cervicale può avere disturbi che rientrano nelle competenze del logopedista.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COLONNA E LOGOPEDIA Chi subisce un intervento a livello della colonna cervicale può avere disturbi che rientrano nelle competenze del logopedista."— Transcript della presentazione:

1 COLONNA E LOGOPEDIA Chi subisce un intervento a livello della colonna cervicale può avere disturbi che rientrano nelle competenze del logopedista

2 Si possono avere disturbi: - della deglutizione - della coordinazione respiratoria - della voce PERCHE'?

3 Perché nella zona cervicale si trovano strutture molto importanti che controllano e permettono i movimenti necessari a deglutire, respirare e produrre la voce correttamente Colonna cervicale Esofago Trachea Naso Bocca Laringe e corde vocali Collo

4 Quindi: - la vicinanza dell'origine dei nervi cranici (che controllano i movimenti e la sensibilità di molte parti del volto e di molti organi della situati nel capo) e dei centri di controllo delle funzioni di cui abbiamo parlato - lo squilibrio provocato dalla “nuova condizione” delle strutture ossee e muscolari Nervi cranici

5 - il collare, che porterà difficoltà nell'inghiottire il cibo ed una rigidità diffusa che influirà sulla respirazione - una facile affaticabilità fino alla sensazione di non riuscire a masticare, a parlare, a respirare adeguatamente

6 POSSONO RENDERE NECESSARIO L'INTERVENTO DEL LOGOPEDISTA

7 LA DEGLUTIZIONE La deglutizione è l’abilità di convogliare sostanze solide, liquide, gassose o miste dall’esterno allo stomaco. (O. Schindler) Una persona deglutisce in media più di mille volte al giorno per mangiare, bere o ingoiare la saliva.

8 Come funziona la deglutizione? Un buon funzionamento della deglutizione richiede che siano presenti: - voglia di alimentarsi; - sufficienti sensibilità e forza di tutte le strutture che partecipano all’atto deglutitorio; - adeguato funzionamento di tutte le fasi.

9 IL RISCHIO MAGGIORE E' CHE IL CIBO PENETRI NELLE VIE RESPIRATORIE PROVOCANDO DELLE PERICOLOSE INFEZIONI!!!

10 PRONTO SOCCORSO PER I PROBLEMI DI DEGLUTIZIONE Preferire, almeno in un primo periodo, cibi morbidi e viscosi (scivolosi) Se necessario alimentarsi con cibi cremosi (passati, frullati, yogurt...) PER EVITARE PROBLEMI DI MASTICAZIONE E FAVORIRE LA PROGRESSIONE DEL BOLO ALIMENTARE DALLA BOCCA ALLO STOMACO

11 Bere liquidi addensati o utilizzando una cannuccia inserita nel tappo di una bottiglietta d'acqua Prendere le compresse sbriciolate o polverizzate e mischiate con cibi cremosi PER EVITARE CHE LIQUIDI E FARMACI “VADANO PER TRAVERSO”

12 Dopo ogni pasto non sdraiarsi completamente, ma lasciare lo schienale del letto sollevato a circa 30° PER EVITARE REFLUSSO (RITORNO DEL CIBO DALLO STOMACO NELL'ESOFAGO) E CHE RESIDUI DI CIBO CADANO NELLE VIE REPIRATORIE

13 Dopo ogni pasto effettuare una completa igiene orale, con i prodotti specifici consigliati PER ELIMINARE MICOSI DELLA LINGUA ED EVITARE INFEZIONI ED INFIAMMAZIONI

14 LA RESPIRAZIONE La respirazione è un'attività fondamentale, con cui il nostro corpo fa entrare ed uscire l'aria dai polmoni per permettere l'ingresso dell'ossigeno e l'uscita di gas “di scarico”

15 I muscoli situati tra le costole ed il muscolo diaframma sono fondamentali per la respirazione Diaframma

16 LA RESPIRAZIONE CORRETTA La respirazione corretta dovrebbe essere toraco – addominale 1.L'aria entra dal naso e fa gonfiare l'addome 2.Poi l'aria fa allargare il torace e sollevare il petto 3.Dopo una breve pausa, l'aria esce dal naso, il petto si abbassa ed il torace si “chiude” 4.Infine si sgonfia l'addome

17 Spesso, dopo un intervento alla colonna utilizziamo UNA RESPIRAZIONE APICALE che: - NON CI PERMETTE DI IMMAGAZZINARE UNA QUANTITA' DI ARIA SUFFICIENTE - PERMETTE DI RIEMPIRE SOLO LA PARTE ALTA DEI POLMONI - FA SFORZARE MUSCOLI DI COLLO E SPALLE - FA AUMENTARE RIGIDITA', DOLORE, AFFATICAMENTO

18 Iniziamo a prendere il controllo della nostra respirazione Possiamo iniziare con un semplice esercizio: - in un momento di tranquillità - sdraiati comodamente - mettiamo una mano sull'addome ed una sul petto - percepiamo il movimento prodotto in queste zone dalla respirazione Lentamente potremo iniziare a tentare una respirazione toraco - addominale

19 LA VOCE Una buona fonazione è la conseguenza di una corretta respirazione, perché la voce è semplicemente il prodotto della vibrazione delle corde vocali, mosse dall'aria che esce dai polmoni attraverso la laringe, dove esse si trovano Laringe Corde vocali

20 Dopo l'intervento, la VOCE potrà essere: RAUCA SOFFIATA STROZZATA DEBOLE e si parlerà di DISFONIA

21 PRONTO SOCCORSO PER LA VOCE CONTROLLARE LA RESPIRAZIONE

22 PARLARE LENTAMENTE E MAI IN APNEA

23 SCANDIRE BENE OGNI PAROLA,CERCANDO DI EVITARE TRAUMI ALLE CORDE VOCALI CON “ATTACCHI DURI” ED UTILIZZANDO GLI “ATTACCHI MORBIDI”

24 CERCARE DI MANTENERE UN'ADEGUATA UMIDITA' DELL'ARIA

25 Grazie per l'attenzione! Servizio di Logopedia


Scaricare ppt "COLONNA E LOGOPEDIA Chi subisce un intervento a livello della colonna cervicale può avere disturbi che rientrano nelle competenze del logopedista."

Presentazioni simili


Annunci Google