La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 5,4 4,3 5,5 6,5 Figura 1. Mortalità infantile in Italia, 1997.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 5,4 4,3 5,5 6,5 Figura 1. Mortalità infantile in Italia, 1997."— Transcript della presentazione:

1 1 5,4 4,3 5,5 6,5 Figura 1. Mortalità infantile in Italia, 1997

2 2 Figura 2. Mortalità infantile in Italia, trend temporale

3 3 Figura 3. Mortalità 1-14 in Italia, ,7 21,1 19,7 18,5

4 4 Figura 4. Mortalità 1-14 in Italia, trend temporale

5 5 Figura 5. Mortalità in Italia,

6 6 Figura 6. Mortalità in Italia, trend temporale

7 7 Figura 7. Analisi comparativa della mortalità anni, Nord/Sud Italia Ad un anno di vita la probabilità di sopravvivenza per un bambino nato al sud è minore La differenza “accumulata” viene completamente recuperata al 24° anno

8 8 Figura 8. Mortalità neonatale in Calabria, trend temporale

9 9 Tabella 1. Disabilità Dati: 1) Multiscopo: 15,6 per mille (6-14 aa); definizione: disabilità funzioni e/o movimento e/o sensoriale. 2) Handicap scolastico: 23 per mille (6-14 aa); definizione: certificazione scolastica. Trend temporale: 1) apparentemente stabile; 2) in aumento (+10% in 10 anni) Riferimento UE: per mille.

10 10 Tabella 2. Asma Dato: 8-10%, età scolare Fonte: studio ISAAC (multicentrico) Definizione: diagnosi del medico, episodio ultimo anno Trend: aumento Riferimento internazionale: inferiore alla media europea

11 11 Tabella 3. Tumori Dato ( ): per <15 anni Fonte: Registri tumori Trend: stabile-aumento: LLA da 41,3 a 62,4 per (da 1967 a 1994, Piemonte) Aumento melanoma & ca. pelle >15 anni !! Paragone internazionale: nella bassa media

12 12 Tabella 4. Sovrappeso e obesità Dato: 25% (BMI, IOTF) Fonte: studi diversi Definizione: varia Trend: aumento dal 22 al 27% (Sud); dal 17 al 19% (Nord) Paragone internazionale: criteri disomogenei, apparentemente nella media europea

13 13 Tabella 5. HIV/AIDS Dato: 6,2 per milione (0-14 anni, ) Fonte: ISS e registro italiano Paragone UE: 4 per milione Trend: forte diminuzione: (da 83 casi nel ‘95 a 19 nel ‘98)

14 14 Tabella 6. Salute mentale Disturbi pervasivi sviluppo: 0,8% Disturbi apprendimento: 5-6% Disturbi severi del comportamento: 1,6% Depressione: 8% Anoressia : 0,6-0,8% Bulimia : 1-2 % Suicidio : 5,3 (8,8 M; 1,9 F per aa) tra i più bassi valori in ambito EU

15 15 Tabella 7. Salute mentale Disabilità persistenti (1,6-2%; n=17.320) Disturbi psicopatol.e/o neuropsicol. (6,7-7,2%; n=67.356) Sofferenza silenziosa e/o grave disturbo psicosociale (8%; n=76.977) Totale: su (16,7%) Fonte: Regione Lazio

16 16 Tabella 8. Abuso e maltrattamento Dato: 5 per mille (abuso sessuale 16%) Fonte: inchiesta CISMAI, 1997 Definizione: casi segnalati/anno Trend: aumento (migliore sensibilità diagnostica?) Riferimento internazionale: difficile, apparentemente nella media (UK a parte)

17 17 Tabella 9. Salute riproduttiva Gravidanze <20 anni: 5,3 per mille (<2% di tutte le nascite) IVG <20: 5,9 per mille Trend: diminuzione Paragone UE: tra i livelli più bassi

18 18 Tabella 10. Incidenti sul lavoro 1 per mille 0-17; 2-4 per mille ( anni) Fonte: INAIL, studi ad hoc M/F: 6 a 1 Trend: diminuzione Note: dati da lavoro sommerso non disponibili

19 19 Figura 9. Determinanti di salute D1D1 P1P1 Pa 1 S1S1 O1O1 Cause socioeconomiche distali Cause prossimali Cause fisiologiche e fisiopatologiche OutcomesSequelae D2D2 P2P2 Pa 2 S2S2 O 2…n D 3…n P 3…n Pa 3..n S 3…n PrevenzioneTrattamento Ad esempio: le cause socioeconomiche distali (quali reddito, educazione, occupazione) interessano quelle prossimali (quali inattività, dieta, fumo di tabacco, consumo di alcol) che a loro volta interagiscono con le cause fisiologiche/fisiopatologiche (quali pressione sanguigna, livelli di colesterolo, metabolismo glucidico) nel determinare l’outcome (ad esempio malattie cardiovascolari). Le sequele includono morte e disabilità conseguenti.

20 20 Tabella 11. Copertura per la vaccinazione antimorbillosa in alcune Regioni Italiane, 1996, bambini di mesi

21 21 Figura 10. Allattamento al seno in FVG. Trend temporali Alla nascita A settimane ASE=allattamento al seno esclusivo; ASP=allattamento al seno predominante AC=alimentazione complementare (AS misto); NAS=non allattamento al seno

22 22 Tabella 12. Fumo di tabacco Fumatori abituali: anni (Multiscopo), M e F: 22% anni, M e F: 25% Trend: aumento (ragazze)

23 23 Tabella 13. Abuso di sostanze Adolescenti tra anni: 17% alcol frequente 20% cannabis frequente 5% ecstasy, LSD Paragone UE: alcol più basso, cannabis uguale, altre droghe inferiore Trend: aumento droghe, alcol stabile

24 24 Tabella 14. Salute ambientale Dati esistenti su base di popolazione solo su aria (studio 8 città: 20% esposti a oltre 40 ug\m3 PM10; episodi asma e bronchite in più; OR 1.6 (SIDRIA) Praticamente inesistenti su esposizione a piombo, PCB/diossine, pesticidi, rumore, UV, endocrine disruptors Elementi di allarme: tumori aree urbane, LBW aree rurali.


Scaricare ppt "1 5,4 4,3 5,5 6,5 Figura 1. Mortalità infantile in Italia, 1997."

Presentazioni simili


Annunci Google