La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La patologia muscoloscheletrica dell’arto superiore di origine occupazionale Dott.ssa Lucia Isolani, SPSAL ZT9 Macerata.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La patologia muscoloscheletrica dell’arto superiore di origine occupazionale Dott.ssa Lucia Isolani, SPSAL ZT9 Macerata."— Transcript della presentazione:

1 La patologia muscoloscheletrica dell’arto superiore di origine occupazionale Dott.ssa Lucia Isolani, SPSAL ZT9 Macerata

2 SECOLO XVIII -XIX Bernardino Ramazzini, 1713 (De morbis artificum diatriba) Bernardino Ramazzini, 1713 (De morbis artificum diatriba)  crampo della mano in scrivani, musicisti  dolore a spalla gomito, polso, mano, in panettieri Gray, 1893 Gray, 1893  dolore alla mano, 1° dito in lavandaie  dolore alla mano, 1° dito in lavandaie

3 SECOLO XX 1° Congresso Internazionale di Medicina del 1° Congresso Internazionale di Medicina del Lavoro, 1906 Patologie da lavoro più frequenti:  ipoacusie da rumore  ipoacusie da rumore  malattie infettive: TBC, carbonchio, anchilostomiasi  malattie infettive: TBC, carbonchio, anchilostomiasi  intossicazioni acute e croniche: fosforismo, saturnismo, idrargirismo, solfocarbonismo  intossicazioni acute e croniche: fosforismo, saturnismo, idrargirismo, solfocarbonismo

4 Giappone, primi anni ‘70  “razionalizzazione” del lavoro  epidemia di Occupational Cervicobrachial Disorders (OCD): metalmeccanica Giappone, primi anni ‘70  “razionalizzazione” del lavoro  epidemia di Occupational Cervicobrachial Disorders (OCD): metalmeccanica Australia, fine anni ‘70 inizio ‘80  epidemia di Repetetive Strain Injuries (RSI): operatori VDT Australia, fine anni ‘70 inizio ‘80  epidemia di Repetetive Strain Injuries (RSI): operatori VDT USA, metà anni ’80  Cumulative Trauma Disorders (CTD): metalmeccanica, industria carni USA, metà anni ’80  Cumulative Trauma Disorders (CTD): metalmeccanica, industria carni

5 International Conference on machine pacing and occupational stress, 1981  International Conference on machine pacing and occupational stress, 1981  futura riduzione attività lavorativa manuale: riduzione della patologia muscoloscheletrica dell’arto superiore US Department of Labor, Bureau of Labor Office: US Department of Labor, Bureau of Labor Office: anni N° casi totale di CTD casi di CTD/tutti i casi % % %

6 Fondazione Europea di Dublino, 1997  Fondazione Europea di Dublino, 1997  popolazione lavorativa europea lamenta: 1) 30% mal di schiena 2) 28% stress 3) 17% dolore muscolare arti dichiara: dichiara: 33% esegue attività manuale ripetitiva nel 49% dei casi si associa ad uso di forza 58° Congresso SIMLII, 1995  58° Congresso SIMLII, 1995  1° momento italiano Work Related Musculoskeletal Disorders (WRMD)

7 Casi di CTD esaminati presso la SMG INAIL: ° Rapporto annuale INAIL, 2000 Casi di CTD esaminati presso la SMG INAIL: ° Rapporto annuale INAIL, 2000 * Richiesta di Ulteriori Accertamenti 22 Casi esaminati AccoltiRespintiRUA* (7%) 125 (90%) 4 (3%) (31%) 65 (45%) 35 (24%) (43%) 108 (34%) 72 (23%) (49,8%) 294 (32,8%) 156 (17,4%) TOTALE1497

8 Incidenza di CTD: 1999 PatologieCasiAccoltiRespintiRUA* STC Tendiniti spalla polso mano Epicondili ti Ernie discali Borsiti Varie33 totali

9 La patologia muscoloscheletrica dell’arto superiore Tendinopatie Tendinopatie Neuropatie Neuropatie Patologie neurovascolari Patologie neurovascolari (Sindrome dello stretto toracico superiore Fenomeno di Reynaud)

10 National Institute for Occupational Safety and Health (NIOSH), 1997 National Institute for Occupational Safety and Health (NIOSH), 1997 Fattori di rischio per la patologia muscoloscheletrica: 1) biomeccanici Forza RipetitivitàPostura 2) fisiciVibrazioni 3) psicosocialiStress: organizzazione carico di lavoro rapporti interpersonali 4) Fattori secondariPause Temperatura

11 Forza Sforzo fisico eseguito dal soggetto durante l’attività lavorativa Sforzo fisico eseguito dal soggetto durante l’attività lavorativa Si misura con: Si misura con: dinamometri dinamometri elettromiografia di superficie elettromiografia di superficie scala di Borg scala di Borg peso degli oggetti (stima indiretta) peso degli oggetti (stima indiretta)

12 Ripetitività Numero di azioni svolte dal lavoratore nell’unità di tempo durante l’attività lavorativa (frequenza) Numero di azioni svolte dal lavoratore nell’unità di tempo durante l’attività lavorativa (frequenza) Si valuta con: Si valuta con: n° azioni/minuto (videocamera) n° azioni/minuto (videocamera) documento di analisi tempi e metodi documento di analisi tempi e metodi n° oggetti prodotti/lavorati al minuto n° oggetti prodotti/lavorati al minuto American National Standards Institute (ANSI), 1994 American National Standards Institute (ANSI), 1994 Frequenza di azioni per segmento mano-avambraccio: bassa  15 azioni/min bassa  15 azioni/min media azioni/min media azioni/min alta  30 azioni/min alta  30 azioni/min Kilbom, 1994 Kilbom, 1994 limite di azione per mano-polso: 10 azioni/min limite di azione per mano-polso: 10 azioni/min

13 Postura Posizione assunta e/o insieme di movimenti svolti dal lavoratore durante l’attività lavorativa Posizione assunta e/o insieme di movimenti svolti dal lavoratore durante l’attività lavorativa Si valutano: Si valutano: Decubito (seduto, in piedi) Decubito (seduto, in piedi) Movimenti dei vari segmenti articolari Movimenti dei vari segmenti articolari spalla: flesso-estensione, abduzione-adduzione, rotazione gomito: flesso-estensione, prono-supinazione polso: flesso-estensione, deviazione radio-ulnare mano: flesso-estensione delle dita, abduzione- adduzione e opposizione del 1°dito, presa di forza e di precisione Grado di escursione articolare Grado di escursione articolare Posizioni articolari estreme Posizioni articolari estreme Posture fisse, mantenute, sospese Posture fisse, mantenute, sospese

14 Evidenza di relazione causale tra fattori di rischio e WRMD: spalla Spalla Forte evidenza (+++)SufficienteEvidenza(++) Insufficiente evidenza (+/0) Nessuna evidenza (-) ForzaX RipetitivitàX PosturaX VibrazioniX

15 Evidenza di relazione causale tra fattori di rischio e WRMD: gomito Gomito Forte evidenza (+++)SufficienteEvidenza(++) Insufficiente evidenza (+/0) Nessuna evidenza (-) ForzaX RipetitivitàX PosturaX CombinazioneX

16 Evidenza di relazione causale tra fattori di rischio e WRMD: mano, sindrome del tunnel carpale (STC) Mano (STC) (STC) Forte evidenza (+++)SufficienteEvidenza(++) Insufficiente evidenza (+/0) Nessuna evidenza (-) ForzaX RipetitivitàX PosturaX VibrazioniX CombinazioneX

17 Evidenza di relazione causale tra fattori di rischio e WRMD: mano, tendinite dei mm. flessori Mano(tendinite) Forte evidenza (+++)SufficienteEvidenza(++) Insufficiente evidenza (+/0) Nessuna evidenza (-) ForzaX RipetitivitàX PosturaX CombinazioneX

18 Valutazione del rischio biomeccanico CONOSCERE Se azienda appartiene a comparto a richio Se azienda appartiene a comparto a richio Ciclo tecnologico Ciclo tecnologico Mansioni lavorative Mansioni lavorative Compiti lavorativi manuali Compiti lavorativi manuali Analisi sequenza e durata compiti manuali Analisi sequenza e durata compiti manuali quale mano fa cosa quale mano fa cosa Turno lavorativo, orario Turno lavorativo, orario Durata e frequenza pause Durata e frequenza pause Macchine o strumenti che producono vibrazioni (frese, mole, martelli pneumatici, avvitatori...) Macchine o strumenti che producono vibrazioni (frese, mole, martelli pneumatici, avvitatori...) Uso di DPI per smorzare vibrazioni Uso di DPI per smorzare vibrazioni

19 Valutare nel compito lavorativo manuale FORZA uso di strumenti-attrezzi (peso?) oggetti manipolati (peso?) oggetti manipolati (peso?) mano usata come strumento mano usata come strumento RIPETITIVITA’ quanti movimenti ripetuti/min n° oggetti prodotti/lavorati n° oggetti prodotti/lavorati POSTURA decubito (seduto, in piedi) e movimenti POSTURA decubito (seduto, in piedi) e movimenti grado di escursione articolare grado di escursione articolare posture estreme (occasionali o ripetute) posture estreme (occasionali o ripetute) posture mantenute (durata) posture mantenute (durata) posture sospese posture sospese PAUSE presenza/assenza frequenza, durata frequenza, durata modalità modalità

20 Metodi di valutazione del rischio biomeccanico Keyserling, 1993 Keyserling, 1993 RULA, 1993 RULA, 1993 Occupational Safety and Health Administration (OSHA), 1995 Occupational Safety and Health Administration (OSHA), 1995 American Conference of Governmental Industrial Hygienists (ACGIH), 2001 American Conference of Governmental Industrial Hygienists (ACGIH), 2001 Strain Index, 1995 Strain Index, 1995 OCRA, 1996 OCRA, 1996 OREGE, 2000 OREGE, 2000

21 Sorveglianza sanitaria D.Lgs 626/94 art. 16, comma 1 D.Lgs 626/94 art. 16, comma 1 “La sorveglianza sanitaria è effettuata nei casi previsti dalla normativa vigente” DPR 303/56 DPR 303/56 Vibrazioni e scuotimenti  visita annuale per i lavoratori che impiegano utensili ad aria compressa o ad asse flessibile

22 D. Lgs 626/94 art 4, comma 1 “Il datore di lavoro… valuta tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori…anche nella scelta delle attrezzature di lavoro…nonché della sistemazione dei luoghi di lavoro” “Il datore di lavoro… valuta tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori…anche nella scelta delle attrezzature di lavoro…nonché della sistemazione dei luoghi di lavoro”

23 D. Lgs 626/94 art 3, comma 1, lett f Misure generali di tutela “Le misure generali per la protezione della salute dei lavoratori sono: …rispetto dei principi ergonomici nella concezione dei posti di lavoro, nella scelta delle attrezzature e nella definizione dei metodi di lavoro e produzione, anche per attenuare il lavoro monotono e quello ripetitivo”

24 art 2087 c.c. art 2087 c.c. “l’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro”

25 Misure di prevenzione Conoscere e riconoscere comparti a rischio (letteratura, eventi sentinella, cluster) Conoscere e riconoscere comparti a rischio (letteratura, eventi sentinella, cluster) Valutazione attività manuale Valutazione attività manuale Identificazione e quantificazione fattori di rischio biomeccanici Identificazione e quantificazione fattori di rischio biomeccanici Sorveglianza sanitaria Sorveglianza sanitaria Formazione e informazione Formazione e informazione Adozione soluzioni ergonomiche Adozione soluzioni ergonomiche Ausiliazione-meccanizzazione Ausiliazione-meccanizzazione Ottimizzazione ingegneristica (attrezzi- strumenti, postazioni di lavoro) Ottimizzazione ingegneristica (attrezzi- strumenti, postazioni di lavoro) Organizzazione (rotazione, pause) Organizzazione (rotazione, pause)


Scaricare ppt "La patologia muscoloscheletrica dell’arto superiore di origine occupazionale Dott.ssa Lucia Isolani, SPSAL ZT9 Macerata."

Presentazioni simili


Annunci Google