La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Trentino Riscossioni S.p.A. Prima Assemblea di coordinamento Trento, 11 Marzo 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Trentino Riscossioni S.p.A. Prima Assemblea di coordinamento Trento, 11 Marzo 2009."— Transcript della presentazione:

1 Trentino Riscossioni S.p.A. Prima Assemblea di coordinamento Trento, 11 Marzo 2009

2 Trentino Riscossioni S.p.A. Compagine sociale, mission ed obiettivi

3 Compagine sociale Dal 20 dicembre 2007 Trentino Riscossioni S.p.A. ha ricevuto l’adesione:Dal 20 dicembre 2007 Trentino Riscossioni S.p.A. ha ricevuto l’adesione: –di 80 enti, oltre alla Provincia –che rappresentano 142 comuni, –per oltre abitanti; Dal 18 febbraio 2008 ha ricevuto l’affidamento di servizi:Dal 18 febbraio 2008 ha ricevuto l’affidamento di servizi: –da 37 Enti, oltre a Provincia ed Opera Univ. –che rappresentano 82 comuni, –per oltre abitanti.

4 La governance TR è una società in house: società a capitale interamente pubblicosocietà a capitale interamente pubblico che opera solo a favore degli enti sociche opera solo a favore degli enti soci ove gli enti soci esercitano sulla società un controllo analogo a quello esercitato sui propri serviziove gli enti soci esercitano sulla società un controllo analogo a quello esercitato sui propri servizi

5 Il controllo analogo Gli enti soci esercitano sulla società un controllo analogo a quello esercitato sui propri servizi mediante: l’Assemblea di coordinamentol’Assemblea di coordinamento il Comitato di indirizzoil Comitato di indirizzo

6 La struttura organizzativa C. D. A. Segreteria Ufficio Contabilità/ Riscossione Ufficio Enti Locali Ufficio Sanzioni C.d.S. Ufficio Entrate Provinciali Ufficio Altri Enti DIRETTORE GENERALE Ufficio Giuridico/ fiscale

7 La Mission Accertare liquidare riscuotere entrate mediante TR significa: Consentire il permanere sul territorio dei flussi di risorseConsentire il permanere sul territorio dei flussi di risorse Gestire in accordo con l’Ente il servizio affidato dando consulenza specialistica ed assistenza nella soluzione dei problemi;Gestire in accordo con l’Ente il servizio affidato dando consulenza specialistica ed assistenza nella soluzione dei problemi; Promuovere processi di armonizzazione tra gli Enti;Promuovere processi di armonizzazione tra gli Enti; Semplificare gli adempimenti ai cittadini;Semplificare gli adempimenti ai cittadini;

8 La Mission Quindi TR realizza un modello di Società di riscossione volto aun modello di Società di riscossione volto a –garantire maggiore equità fiscale –operare una riduzione delle aliquote/tariffe –garantire una vera semplificazione alla vita dei cittadini –adottare procedure effettivamente trasparenti. non realizza un modello di Società di riscossione impositore ed autoritarionon realizza un modello di Società di riscossione impositore ed autoritario

9 Attività già avviate 1/3/2007: Gestione dell’intero ciclo amministrativo delle entrate provinciali;1/3/2007: Gestione dell’intero ciclo amministrativo delle entrate provinciali; 30/10/2007: riscossione per Opera Univ.30/10/2007: riscossione per Opera Univ. 10/12/2007: sperimentazione accertamento Tarsu e I.C.I.10/12/2007: sperimentazione accertamento Tarsu e I.C.I. 1/1/2008: riscossione delle entrate provinciali;1/1/2008: riscossione delle entrate provinciali; 30/4/2008: riscossione delle entrate locali (TIA)30/4/2008: riscossione delle entrate locali (TIA) giugno 2008: a regime l’attività di accertamento ICI, Tarsugiugno 2008: a regime l’attività di accertamento ICI, Tarsu 19/1/2009: Sanzioni codice della strada19/1/2009: Sanzioni codice della strada

10 Primi interventi di miglioramento realizzati da TR Individuazione di strumenti di pagamento gratuiti per il cittadino (freccia) e telematici (ATM, Internet, RID…)Individuazione di strumenti di pagamento gratuiti per il cittadino (freccia) e telematici (ATM, Internet, RID…) comunicazione chiara e diretta (fatture, note di cortesia, avvisi, sms/mail…)comunicazione chiara e diretta (fatture, note di cortesia, avvisi, sms/mail…) motivazione esaustiva degli attimotivazione esaustiva degli atti Riscossione tempestiva e rendicontazione trasparente agli EntiRiscossione tempestiva e rendicontazione trasparente agli Enti approvazione della Carta dei serviziapprovazione della Carta dei servizi

11 Obiettivi anno 2009 Migliorare ed estendere i canali di pagamento;Migliorare ed estendere i canali di pagamento; Avviare la riscossione coattiva mediante ingiunzione fiscale;Avviare la riscossione coattiva mediante ingiunzione fiscale; Migliorare e standardizzare l’attività di accertamento delle entrate locali;Migliorare e standardizzare l’attività di accertamento delle entrate locali; Realizzare prospettive di recupero di efficienza e di economicità dei servizi.Realizzare prospettive di recupero di efficienza e di economicità dei servizi.

12 Obiettivi anno 2010 completare l’azione di aggiornamento e modernizzazione del sistema;completare l’azione di aggiornamento e modernizzazione del sistema; perfezionare la fornitura di assistenza agli Enti e introdurre nuovi servizi a supporto della loro attività istituzionale;perfezionare la fornitura di assistenza agli Enti e introdurre nuovi servizi a supporto della loro attività istituzionale; Controllo di gestione.Controllo di gestione.

13 Obiettivi per aree di attività Entrate della P.A.T. Le entrate affidate in completa gestione sono: tassa automobilistica provinciale;tassa automobilistica provinciale; imposta provinciale di trascrizione al P.R.A.;imposta provinciale di trascrizione al P.R.A.; tributo speciale per il deposito in discarica;tributo speciale per il deposito in discarica; canone di occupazione di spazi ed aree pubbliche;canone di occupazione di spazi ed aree pubbliche; addizionale all’accisa sul consumo di energia elettrica;addizionale all’accisa sul consumo di energia elettrica; diritto fisso rivenditori d’auto;diritto fisso rivenditori d’auto; tassa per l’abilitazione professionale.tassa per l’abilitazione professionale.

14 Architettura del sistema di riscossione della tassa auto ORDINARIA COATTIVA GESTORE RISCOSSIONE ARCHIVIO BOLLO AUTO TABACCAI S O G E I IT UNICREDIT BNL - MPS CASSE RURALI AGENZIE PRATICHE AUTO DELEGAZIONI ACI DELEGAZIONI VIRTUALI ACI (CARTA CREDITO, TELEFONO, ATM) PPTT RIVENDITORI AUTO

15 Entrate della P.A.T. al 1° gennaio è partita la riscossione ( ,69 €)al 1° gennaio è partita la riscossione ( ,69 €) notificate le cartelle di pagamento relative alla tassa auto 2005 ( posizioni per € ,86)notificate le cartelle di pagamento relative alla tassa auto 2005 ( posizioni per € ,86) realizzato il passaggio dalla Tosap al Cosap, con conseguente implementazione delle relative procedure (n. 718 bollettini postali prestampati per un importo totale di € ,66)realizzato il passaggio dalla Tosap al Cosap, con conseguente implementazione delle relative procedure (n. 718 bollettini postali prestampati per un importo totale di € ,66) inviate note di cortesia, avvisi bonari tassa auto 2006, bollettini addizionale all’accisa sul consumo di energia elettrica 2009inviate note di cortesia, avvisi bonari tassa auto 2006, bollettini addizionale all’accisa sul consumo di energia elettrica 2009 Anno 2008

16 Entrate della P.A.T. Anno 2008 attivati nuovi canali di pagamento in linea con gli archivi automobilistici:attivati nuovi canali di pagamento in linea con gli archivi automobilistici: –internet Banking per i clienti delle Casse Rurali Trentine –il versamento allo sportello degli uffici postali collegati con l’archivio nazionale delle tasse auto –il versamento presso le tabaccherie collegate con l’archivio provinciale delle tasse auto attivato nuovo servizio di avviso della scadenza della tassa automobilistica mediante sms/ attivato nuovo servizio di avviso della scadenza della tassa automobilistica mediante sms/

17 Entrate della P.A.T. dal 1999 la gestione delle Tasse Auto è stata affidata all’Automobile Club d’Italia.dal 1999 la gestione delle Tasse Auto è stata affidata all’Automobile Club d’Italia. il 31/12/09 scade il contratto con ACI( € all’anno).il 31/12/09 scade il contratto con ACI( € all’anno). nel corso del 2008 TR ha analizzato le diverse forme di gestione del servizio:nel corso del 2008 TR ha analizzato le diverse forme di gestione del servizio: –creazione dell’archivio Tasse auto in hosting presso Informatica Trentina; –affidamento del servizio ad A.C.I. Anni

18 Archivio Tasse Automobilistiche 1. Creazione archivio presso IT la creazione di un archivio presso Informatica Trentina comporterebbe rilevanti investimenti sia in termini organizzativi che economici, sia per Informatica Trentina che per Trentino Riscossionila creazione di un archivio presso Informatica Trentina comporterebbe rilevanti investimenti sia in termini organizzativi che economici, sia per Informatica Trentina che per Trentino Riscossioni prima di affrontare un investimento di tale portata è opportuno attendere il consolidamento dei nuovi sistemi offerti dal mercato per poterne verificare la bontàprima di affrontare un investimento di tale portata è opportuno attendere il consolidamento dei nuovi sistemi offerti dal mercato per poterne verificare la bontà

19 Archivio Tasse Automobilistiche 2. Rinnovo convenzione con ACI ACI offre un archivio completamente reingegnerizzatoACI offre un archivio completamente reingegnerizzato il sistema è consolidato ed ha dimostrato di essere in grado di fronteggiare i c.d. picchi di utilizzoil sistema è consolidato ed ha dimostrato di essere in grado di fronteggiare i c.d. picchi di utilizzo questa soluzione dal punto di vista economico ed organizzativo ha sicuramente minor impatto rispetto alla creazione dell’archivio in ITquesta soluzione dal punto di vista economico ed organizzativo ha sicuramente minor impatto rispetto alla creazione dell’archivio in IT la soluzione garantisce il massimo livello di business continuityla soluzione garantisce il massimo livello di business continuity permette di usufruire delle migliorie apportate da ACI a favore di altre regionipermette di usufruire delle migliorie apportate da ACI a favore di altre regioni complessivamente la collaborazione con ACI è stata positivacomplessivamente la collaborazione con ACI è stata positiva

20 Archivio Tasse Automobilistiche Conclusioni Lo studio ha evidenziato che la soluzione più vantaggiosa sia in termini di qualità che di economicità è rappresentata dal rinnovo dell’affidamento ad ACILo studio ha evidenziato che la soluzione più vantaggiosa sia in termini di qualità che di economicità è rappresentata dal rinnovo dell’affidamento ad ACI il Comitato di Indirizzo sarà chiamato a pronunciarsi in meritoil Comitato di Indirizzo sarà chiamato a pronunciarsi in merito nell’ipotesi di acquisizione dell’archivio presso Informatica Trentina, sarà necessario proseguire nell’analisi, produzione e collaudo del nuovo sistema, adottando anche tutti gli interventi di carattere organizzativo.nell’ipotesi di acquisizione dell’archivio presso Informatica Trentina, sarà necessario proseguire nell’analisi, produzione e collaudo del nuovo sistema, adottando anche tutti gli interventi di carattere organizzativo.

21 Entrate locali Partita la riscossione delle T.I.A. per 30 Comuni ed un importo di fatture emesse pari a € Partita la riscossione delle T.I.A. per 30 Comuni ed un importo di fatture emesse pari a € Partita l’attività di accertamento:Partita l’attività di accertamento: -4 comuni per ICI -2 comuni per TARSU -L’attività è ancora in corso e porterà ad accertamenti per presunti € Negli ultimi mesi del 2008 altri 4 comuni hanno deliberato l’affidamento di attività di accertamento Anno 2008

22 Attività di accertamento Nell’attività di accertamento il “governo” della procedura rimane sempre in capo al Comune, anche a livello di decisioni definitive sull’emissione degli atti;Nell’attività di accertamento il “governo” della procedura rimane sempre in capo al Comune, anche a livello di decisioni definitive sull’emissione degli atti; L’accertamento tributario/tariffarioL’accertamento tributario/tariffario –costituisce la realizzazione di una delle prin-cipali “mission” di Trentino Riscossioni S.p.A. –consente agli Enti locali la completa cono-scenza delle proprie basi imponibili e quindi la possibilità di porre in essere una politica fiscale coerente ed equa. In questo modo i risultati dell’accertamento vanno molto al di là della semplice emersio-ne delle basi imponibili occulte.In questo modo i risultati dell’accertamento vanno molto al di là della semplice emersio-ne delle basi imponibili occulte. Premessa

23 Attività di accertamento Equità fiscale: una famiglia di 3 persone con un appartamento di 100mq a Stenico paga per Tariffa di Igiene Ambientale € 36,04 e a Nave San Rocco paga € 186,96;Equità fiscale: una famiglia di 3 persone con un appartamento di 100mq a Stenico paga per Tariffa di Igiene Ambientale € 36,04 e a Nave San Rocco paga € 186,96; Gli Enti possono avvalersi di una struttura spe-cializzata (personale, strumentazione informatica, banche dati);Gli Enti possono avvalersi di una struttura spe-cializzata (personale, strumentazione informatica, banche dati); l’Ente sostiene costi minimi, ma ha comunque svolto una funzione istituzionale, anche se dall’attività di accertamento non emerge gettito aggiuntivo;l’Ente sostiene costi minimi, ma ha comunque svolto una funzione istituzionale, anche se dall’attività di accertamento non emerge gettito aggiuntivo; L’esperienza acquisita dimostra che la professionalità in materia di accertamento ha ridotto al minimo la presentazione di ricorsi da parte dei contribuenti.L’esperienza acquisita dimostra che la professionalità in materia di accertamento ha ridotto al minimo la presentazione di ricorsi da parte dei contribuenti. Vantaggi per gli Enti

24 Attività di accertamento Lo stretto raccordo tra TR e l’Ente affidante costituisce un momento essenziale:Lo stretto raccordo tra TR e l’Ente affidante costituisce un momento essenziale: –per garantire al contribuente il necessario riferimento istituzionale locale (il Comune), –per consentire la “personalizzazione” dell’accertamento rispetto a realtà locali tra di loro differenziate ed a situazioni particolari. Uniformità interpretativa ed applicativa che:Uniformità interpretativa ed applicativa che: –supera anche l’inevitabile frammentazione connessa alla molteplicità degli Enti e delle strutture preposte alla materia tributaria; –garantisce l’equità nei confronti di tutti. Riduzione delle aliquote (per l’I.C.I.) e delle tariffe (per la T.I.A.).Riduzione delle aliquote (per l’I.C.I.) e delle tariffe (per la T.I.A.). Vantaggi per il cittadino

25 Attività di accertamento L’accertamento in materia di I.C.I. e TA.R.S.U. / T.I.A. è pienamente operativo;L’accertamento in materia di I.C.I. e TA.R.S.U. / T.I.A. è pienamente operativo; Obiettivo: individuare e rendere operativo un nuovo software che consenta:Obiettivo: individuare e rendere operativo un nuovo software che consenta: –un interfacciamento efficace con la banca dati complessiva e –la riduzione al minimo delle fasi manuali che attualmente rallentano l’esecuzione. Anno 2009

26 Ingiunzione fiscale La riscossione coattiva è forse ad oggi il servizio più richiesto, perché gli Enti sono in cerca di un’alternativa al sistema del ruolo coattivo, monopolio di Equitalia, che permetta all’Ente di:La riscossione coattiva è forse ad oggi il servizio più richiesto, perché gli Enti sono in cerca di un’alternativa al sistema del ruolo coattivo, monopolio di Equitalia, che permetta all’Ente di: –gestire la procedura in autonomia, –definirla in tempi ragionevoli –non essere solo un soggetto terzo e passivo rispetto all’Agente della Riscossione. TR ha adottato gli adempimenti necessari per attivare la riscossione coattiva mediante ingiunzione fiscale (R.D. n. 633/1910) nella prima metà del 2009.TR ha adottato gli adempimenti necessari per attivare la riscossione coattiva mediante ingiunzione fiscale (R.D. n. 633/1910) nella prima metà del 2009.

27 Ingiunzione fiscale L’intento è quello di introdurre tre elementi procedurali innovativi rispetto alla riscossione mediante ruolo:L’intento è quello di introdurre tre elementi procedurali innovativi rispetto alla riscossione mediante ruolo: –una forte fase di riscossione pre-coattiva, basata principalmente sul rapporto con il contribuente tramite contatti anche informali (fase che Equitalia non effettua) –stretta correlazione e collaborazione con l’Ente locale, sia per conseguire la massima trasparenza ed equità possibili, sia per mettere l’Ente nella condizione di adottare consapevolmente le decisioni di merito; –tempi certi per la conclusione dell’iter: Chiusura fase pre-coattiva in giorni dall’affidamento,Chiusura fase pre-coattiva in giorni dall’affidamento, Chiusura dell’eventuale fase coattiva (cioè derivante dalla notifica dell’ingiunzione fiscale) nei successivi 6 – 8 mesi.Chiusura dell’eventuale fase coattiva (cioè derivante dalla notifica dell’ingiunzione fiscale) nei successivi 6 – 8 mesi. Anno 2009

28 Riscossione spontanea dell’ICI se richiesta dai Comuni Anno 2009 Anno 2009 –a favore del cittadino: Passaggio da una nota informativa generale ad una nota informativa personalizzata per ogni contribuente con l’indicazione precisa del dovuto, corredata del bollettino pre compilato in ogni sua parte.Passaggio da una nota informativa generale ad una nota informativa personalizzata per ogni contribuente con l’indicazione precisa del dovuto, corredata del bollettino pre compilato in ogni sua parte. Precompilazione dei bollettini ICI.Precompilazione dei bollettini ICI. –a favore dell’Ente: fornire la rendicontazione di tutto il riscosso, riconciliando i dati secondo i diversi canali di pagamento (Equitalia, F24, Poste, tesoriere).fornire la rendicontazione di tutto il riscosso, riconciliando i dati secondo i diversi canali di pagamento (Equitalia, F24, Poste, tesoriere). Questa attività risulterà ulteriormente facilitata e maggiormente incisiva e puntuale nel caso di Comuni che abbiano già affidato a TR l’attività di accertamento, potendo contare su dati qualitativamente migliori.Questa attività risulterà ulteriormente facilitata e maggiormente incisiva e puntuale nel caso di Comuni che abbiano già affidato a TR l’attività di accertamento, potendo contare su dati qualitativamente migliori.

29 Gestione violazioni C.d.S. Pervenire ad una gestione centralizzata dell'intero ciclo di questa tipologia di violazioni amministrative per tutti i Corpi di Polizia Locale della provincia di Trento.Pervenire ad una gestione centralizzata dell'intero ciclo di questa tipologia di violazioni amministrative per tutti i Corpi di Polizia Locale della provincia di Trento. Questo obiettivo costituisce anche un momento di realizzazione del Progetto Sicurezza del Territorio: ridurre o eliminare l'utilizzo di personale dotato di specifiche qualifiche (Polizia Stradale, Polizia Giudiziaria o Pubblica Sicurezza) per compiti meramente amministrativi.Questo obiettivo costituisce anche un momento di realizzazione del Progetto Sicurezza del Territorio: ridurre o eliminare l'utilizzo di personale dotato di specifiche qualifiche (Polizia Stradale, Polizia Giudiziaria o Pubblica Sicurezza) per compiti meramente amministrativi. Il progetto presuppone l'utilizzo dei computer palmari per l'accertamento delle violazioni per:Il progetto presuppone l'utilizzo dei computer palmari per l'accertamento delle violazioni per: –Riduzione dei costi di gestione; –Miglior rapporto con cittadino. Obiettivi

30 Architettura del sistema di gestione delle sanzioni C.d.S. CONTABILITA’ TR CANALI PAGAMENTO ENTE REGISTRAZIONI CONTABILI TOTALI INCASSI ENTE / GG MCTC P R A DETT. COATTIVA WORKFLOW DOCUMENTALE ANAGRAFE  CENTRO SERVIZI PPTTPARKTRADESISALFRECCIA RIMBORSI GRUPPO OPERATIVO M3 VERIFICA INDIRIZZI FTP MAILING LAVORAZIONE LOTTI SERVICE WEB INTERATTIVO FTP TLASS BONIFICI DB PAGAMENTI GESTIONE VIOLAZIONI CDS GESTIONE RISCOSSIONI RENDICONTAZIONE W E B RENDICONTAZIONIRIVERSAMENTIRENDICONTAZIONIRIVERSAMENTI

31 Gestione violazioni C.d.S. 2009: gestione del servizio partendo l’1 gennaio 2009 con il Comando di Pergine ed a seguire Mezzolombardo e Lavis; 2010: consolidare l’attività ed ampliare il numero di enti affidanti. Attività

32 Altri Enti e servizi Hanno preso contatto con TR per l’ affidamento della riscossione di proprie entrate:Hanno preso contatto con TR per l’ affidamento della riscossione di proprie entrate: –Consorzio di bonifica di Trento –I.T.E.A., –Il Servizio Lavoro, per le violazioni amministrative accertate dagli Ispettori del lavoro –Il Servizio legale per la riscossione di crediti all’estero –il Servizio Politiche sociali e abitative della Provincia –Il Servizio Catasto per il recupero delle sanzioni comminate e non pagate in materia di accatastamento dei fabbricati. –Gli ordini professionali –Il M.A.R.T. –L’Università degli Studi

33 Consulenza in materia fiscale La consulenza fiscale agli Enti soci costituisce un’importante attività connessa all’oggetto sociale;La consulenza fiscale agli Enti soci costituisce un’importante attività connessa all’oggetto sociale; L’attività verrà svolta in collaborazione con il Consorzio dei Comuni.L’attività verrà svolta in collaborazione con il Consorzio dei Comuni. La concentrazione presso un unico soggetto di tale attività risulta opportunaLa concentrazione presso un unico soggetto di tale attività risulta opportuna –per la spiccata specializzazione necessaria, –per l’omogeneità degli Enti soci e delle problematiche da trattare, –per l’alto numero di Enti di piccole dimensioni, –per la necessità di assicurare l’uniformità ed il coordinamento dei pareri rilasciati. Premessa

34 L’obiettivo è quello di Supportare gli Enti sociL’obiettivo è quello di Supportare gli Enti soci –con consulenze, che possono essere erogate per via telefonicaper via telefonica presso gli uffici di Trentino Riscossioni S.p.A.presso gli uffici di Trentino Riscossioni S.p.A. –mediante pareri scritti, –sostenendoli nei rapporti con l’Agenzia delle Entrate in sede di acquisizione preventiva di pareri (mediante la predisposizione di istanze di interpello);in sede di acquisizione preventiva di pareri (mediante la predisposizione di istanze di interpello); in sede amministrativa (in caso di accertamento con adesione);in sede amministrativa (in caso di accertamento con adesione); in sede contenziosa (presso le Commissioni tributarie).in sede contenziosa (presso le Commissioni tributarie). Consulenza in materia fiscale Tipologia del servizio

35 Progetti strategici di sviluppo Il servizio di riscossione è l’attività cardine attorno a cui ruota la mission istituzionale di TRIl servizio di riscossione è l’attività cardine attorno a cui ruota la mission istituzionale di TR In tal senso, diventa vitale non dover dipendere da potenziali vicissitudini aziendali esterne, per l’erogazione dei serviziIn tal senso, diventa vitale non dover dipendere da potenziali vicissitudini aziendali esterne, per l’erogazione dei servizi Per assicurarsi continuità e disponibilità dei dati, TR ha in corso una gara per l’acquisizione in proprio di un tale sistemaPer assicurarsi continuità e disponibilità dei dati, TR ha in corso una gara per l’acquisizione in proprio di un tale sistema Sistema per la Gestione delle riscossioni

36 Architettura d’insieme BASE DATI INTEGRATA PAT, ENTI LOCALI ENTRATE T I A ACQUA ADDIZIONALE E.E. IPT DISCARICA COSAP ABILITAZIONE PROFESSIONI TASSA AUTOMOBILISTICA CANONI LOCAZIONE MIGLIORAMENTO FONDIARIO BOLLO AUTO VIOLAZIONI CDS SANZ. AMM.VE PRA DTT CANALI PAGAMENTO PPTT ESTERO SISAL BANCHE LOTTOMATICA A T M CANALI INTERNET INGIUNZIONE STAMPERIA SISTEMA DI TRASPORTO SISTEMA DI COMUNICAZIONE SISTEMA DI COOPERAZIONE APPLICATIVA ORDINARIA COATTIVA GESTORE RISCOSSIONE RENDICONTAZIONE ENTI ACCERTAMENTO ENTRATE MAPPA DEL TERRITORIO SUPPORTO PROGRAMMAZIONE ESTRATTO CONTO CITTADINO BACK OFFICE TR CONTROLLO GESTIONE CONTABILITA’ CONSULENZA CANALI PAGAMENTO SISTEMA DI TRASPORTO SISTEMA DI COMUNICAZIONE SISTEMA DI COOPERAZIONE APPLICATIVA CANALI PAGAMENTO SISTEMA DI TRASPORTO SISTEMA DI COMUNICAZIONE SISTEMA DI COOPERAZIONE APPLICATIVA

37 Nuovi servizi a supporto istituzionale Premessa Conoscere il territorio e l’articolazione dei fenomeni rilevanti ai fini della fiscalità locale: questa è la base informativa da costruire e da cui partire perConoscere il territorio e l’articolazione dei fenomeni rilevanti ai fini della fiscalità locale: questa è la base informativa da costruire e da cui partire per - perseguire obiettivi di equità fiscale; - perseguire obiettivi di equità fiscale; - supportare la politica fiscale dell’Ente; - supportare la politica fiscale dell’Ente; - migliorare il rapporto con i cittadini. - migliorare il rapporto con i cittadini. Quindi, impostare una Banca Dati Integrata che colleghi in rete tutti i soggetti interessati costituisce obiettivo primario di TR individuato già nel protocollo d’intesa P.A.T./Consiglio Autonomie del 6/8/2006.Quindi, impostare una Banca Dati Integrata che colleghi in rete tutti i soggetti interessati costituisce obiettivo primario di TR individuato già nel protocollo d’intesa P.A.T./Consiglio Autonomie del 6/8/2006.

38 Obiettivi La funzione di accertamentoLa funzione di accertamento –Mette in relazione i dati relativi ai contribuenti con quelli relativi allo stato patrimoniale, immobiliare e non, e quelli dei servizi usufruiti dai medesimi. –Si prevede di concludere una prima sperimentazione entro l’estate-2009 La mappa del territorioLa mappa del territorio –Offre il supporto cartografico su cui georeferenziare entità catastali e i fenomeni/servizi oggetto di entrata. –Il progetto potrà essere impostato verso la fine del 2009 e realizzato nel corso del Nuovi servizi a supporto istituzionale

39 Obiettivi Supporto alla programmazione dell’EnteSupporto alla programmazione dell’Ente –È un altro effetto della costituzione di una base dati integrata. –Realizzazione prevista entro il –L’Ente potrà: conoscere come la spesa in servizi sia stata ripartita negli anni tra:conoscere come la spesa in servizi sia stata ripartita negli anni tra: –spesa a carico dell’Ente e –spesa a carico delle famiglie; simulare redistribuzioni nella copertura in funzione:simulare redistribuzioni nella copertura in funzione: –della composizione familiare e –dei livelli di reddito. Nuovi servizi a supporto istituzionale

40 Obiettivi Estratto conto del cittadinoEstratto conto del cittadino –Offrire su portale, ad ogni cittadino, la visibilità dell’estratto conto riepilogativo della propria posizione rispetto agli obblighi tributari. –Dare la possibilità di assolvere tali obblighi con il pagamento in rete, senza necessità di moduli e code a sportelli. –Si tratta di un obiettivo estremamente ambizioso che presuppone: l’adesione a TR della maggior parte degli Enti del territorio;l’adesione a TR della maggior parte degli Enti del territorio; un sistema di collaborazione con le banche. La complessità del progetto richiede un impegno di almeno 2 anni.un sistema di collaborazione con le banche. La complessità del progetto richiede un impegno di almeno 2 anni. Nuovi servizi a supporto istituzionale

41 Obiettivi Nuove modalità di comunicazioneNuove modalità di comunicazione - casella di posta certificata per garantire sicurezza nell’invio e ricevimento della posta elettronica. La casella è già attiva - Sms -Attivato l’ invio dell’avviso di scadenza bollo auto via sms e posta elettronica. -Stipulata una convenzione con la P.A.T. per permettere a TR l’invio dell’avviso sulle caselle di posta in ufficio, per i dipendenti PAT. Il servizio è stato realizzato in collaborazione con il Consorzio del Comuni ed Informatica Trentina. Nel 2009 si prevede di: –Estendere la convenzione PAT ad altri Enti (ASSPS, Comuni, ecc.) ed includere altre tipologie di comunicazioni, quali le fatture TIA Nuovi servizi a supporto istituzionale

42 Considerazioni finali L’obiettivo di miglioramento della qualità si concretizza solo tramite un’azione di supporto agli Enti.L’obiettivo di miglioramento della qualità si concretizza solo tramite un’azione di supporto agli Enti. La richiesta di assistenza da parte di Enti, servizi e consorzi è molto differenziata e problematica.La richiesta di assistenza da parte di Enti, servizi e consorzi è molto differenziata e problematica. Serve un livello qualitativo e operativo ottimale e diffuso superiore a quello della altre realtà italiane.Serve un livello qualitativo e operativo ottimale e diffuso superiore a quello della altre realtà italiane. È necessario un rilevante impegno dal punto di vista informatico al fine di fornire agli enti soci adeguati livelli di servizio.È necessario un rilevante impegno dal punto di vista informatico al fine di fornire agli enti soci adeguati livelli di servizio.

43 FINE PRESENTAZIONE


Scaricare ppt "Trentino Riscossioni S.p.A. Prima Assemblea di coordinamento Trento, 11 Marzo 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google