La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Seminario provinciale sulle Indicazioni per il curricolo SECONDO MODULO: Seminari disciplinari Matematica: dalle indicazioni al curricolo 18 aprile 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Seminario provinciale sulle Indicazioni per il curricolo SECONDO MODULO: Seminari disciplinari Matematica: dalle indicazioni al curricolo 18 aprile 2008."— Transcript della presentazione:

1 Seminario provinciale sulle Indicazioni per il curricolo SECONDO MODULO: Seminari disciplinari Matematica: dalle indicazioni al curricolo 18 aprile 2008 Roberta Michelini - Referente Provinciale Formazione USP di Lodi

2 «studia modi di pensare, artefatti, esperienze, linguaggi, modi di agire che oggi incidono profondamente su tutte le dimensioni della vita …» Indicazioni per il curricolo, M.P.I., p. 91 LE FINALITA’- AREA MATEMATICO-… La matematica, inserita nell’area matematico scientifico tecnologica, è una delle discipline che :

3 LE FINALITA’- AREA MATEMATICO-… 1.interpretare la realtà 2.sviluppare capacità di giudizio 3.valutare le informazioni … ciò consente di esercitare la cittadinanza attraverso decisioni motivate Indicazioni per il curricolo, M.P.I., p. 91

4 Una prima affermazione significativa … la Matematica (come tutte le conoscenze scientifiche) è un prodotto culturale, non è un « prodotto statico », fuori dal tempo, ha una storia ed è « in continua evoluzione» Indicazioni per il curricolo, M.P.I., p. 92

5 E una seconda affermazione generale significativa la Matematica (come tutte le conoscenze scientifiche) «ha come elemento fondamentale il laboratorio, inteso sia come luogo fisico sia come momento in cui l'alunno è attivo » Indicazioni per il curricolo, M.P.I., p. 91

6

7 il percorso va considerato nel suo insieme in modo unitario e verticale, dai tre ai quattordici anni, senza fratture e senza salti, cercando linee di sviluppo tra i diversi ordini di scuola

8 questo porta a valorizzare: le diverse esperienze prescolari e le esperienze relative al precedente livello di scolarità e a diventare gradualmente autonomi e flessibili (life long learning)

9

10 ruolo cruciale dei problemi questioni autentiche e significative, legate alla vita quotidiana … in ciò la matematica non ha solo un compito di servizio, ma alto valore formativo ATTIVITA’ /http://puntoeduri.indire.it/poseidon / G. ANZELLOTTI, S. COTONESCHI, Le indicazioni per il curricolo – Matematica, in «Notizie della scuola», n. 2/3, p. 195

11 Scopo di un curricolo così progettato: accompagnare tutti gli alunni nell’elaborazione delle proprie esperienze, alla ricerca di senso e di organizzazione per le strutture di pensiero

12 Portare a scuola problemi sensati promuove l’acquisizione di competenze matematiche … le competenze acquisite in classe possono essere poi portate fuori da scuola». PISA 2006PISA 2006 – ESAME DI STATOESAME DI STATO Pag 194: energia eolica

13 ruolo altrettanto importante delle abilità procedurali (mentali, scritte, grafiche, con strumenti di calcolo) memorizzazione (tabelline della moltiplicazione, proprietà e definizioni di oggetti matematici) G. ANZELLOTTI, S. COTONESCHI, Le indicazioni per il curricolo – Matematica, in «Notizie della scuola», n. 2/3, p. 197

14 STRUMENTI DI CALCOLO “L’uso consapevole e motivato di calcolatrici e del computer deve essere incoraggiato opportunamente fin dai primi anni della scuola primaria, ad esempio per verificare la correttezza di calcoli mentali e scritti e per esplorare i fenomeni del mondo dei numeri e delle forme.” Indicazioni per il curricolo pag. 94

15 Nella discussione in classe si riflette su ciò che si è fatto e sul modo in cui si costruisce conoscenza. Questa è la base per “sviluppare la capacità di esporre e di discutere con i compagni le soluzioni e i procedimenti seguiti”

16 Per la scuola elementare e media tre grandi tipologie di discussione: A.Discussione di un problema A1. Discussione di soluzione A2. Discussione di bilancio B. Discussione di concettualizzazione C. Meta-discussione (Matematica 2001) ATTIVITA’ ATTIVITA’

17 Di “estrema importanza” lo sviluppo di un atteggiamento corretto verso la matematica una adeguata visione della disciplina non ridotta a un insieme di regole contesto per esplorare e percepire affascinanti relazioni

18 Cosa è, se esiste, e cosa vuol dire che esiste, un cubo quadri-dimensionale? "C'è una relazione semplice fra ogni numero della tavola e altri della tavola stessa; fermatevi e cercatela” Qualche volta le scoperte matematiche si fanno proprio in questo modo, lasciandosi guidare da rapporti formali

19 Spunti difficoltà della motivazione degli alunni nella fascia di età adolescenziale? Giochi Matematica senza frontiere Mostre Matefitness

20 PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO DISCIPLINARE SELEZIONARE I CONTENUTI in funzione del loro valore formativo (non elenchi, ma tessere di un puzzle) CON INTENZIONALITÀ (lo sfondo di riferimento sono i traguardi)

21 Gli obiettivi per la secondaria di primo grado sono articolati in quattro temi: 1. Numeri 2. Spazio e figure 3. Relazioni e funzioni 4. Misure, dati e previsioni Per la terza e la quinta classe della scuola primaria, il terzo e quarto tema sono accorpati.

22 MATEMATICA UMI – Materiali per un nuovo curricolo di matematica

23 Conclusioni, ovviamente aperte, … (sono più importanti le domande delle risposte!!!) Abbiamo “buoni” documenti da 30 anni: se gli allievi hanno problemi di apprendimento in matematica il problema è altrove: in matematica è necessario riprendere la formazione disciplinare ed una riflessione sulla pratica didattica? E’ chiara la tendenza verso l’unificazione dei saperi: è difficile dialogare con la matematica?

24 Link utili La piattaforma è stata aperta a tutte le scuole al fine di permettere ai docenti e ai dirigenti scolastici interessati al tema della certificazione delle competenze alla fine del "Primo Ciclo" di accedere alle informazioni e di avviare un dibattito e un confronto online: Si trovano qui tutti i materiali del percorso provinciale per le indicazioni: Il progetto per la formazione in presenza e a distanza degli insegnanti di matematica, ha come obiettivo il miglioramento dell’insegnamento della matematica nella scuola italiana. Qui i materiali collegati (tra cui MATEMATICA 2001):

25 GRAZIE

26

27 LITERACY MATEMATICA in PISA 2006 La literacy matematica è la capacità di un individuo di individuare e comprendere il ruolo che la matematica gioca nel mondo reale, di utilizzare la matematica e confrontarsi con essa in modi che rispondono alle esigenze della vita.” Quadro di riferimento PISA 2006 per la Literacy Matematica, pag.86

28 Idee Chiave spazio e forma cambiamento e relazioni quantità e incertezza PISA ha deciso di fare ricorso a otto competenze matematiche tipo che si basano sul lavoro di Niss (1999)

29

30 ESAME DI STATO - PROVA NAZIONALE - ESEMPIO C2

31

32

33

34


Scaricare ppt "Seminario provinciale sulle Indicazioni per il curricolo SECONDO MODULO: Seminari disciplinari Matematica: dalle indicazioni al curricolo 18 aprile 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google