La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Presentazione Cremona 15 maggio 2009 a cura di Gian Carlo Storti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Presentazione Cremona 15 maggio 2009 a cura di Gian Carlo Storti."— Transcript della presentazione:

1 Presentazione Cremona 15 maggio 2009 a cura di Gian Carlo Storti

2 La storia del Soldi ( 1)

3 La storia del Soldi (2)

4 La storia del Soldi (3)

5 Assetto Organizzativo Azienda Cremona Solidale

6 Il Consiglio di Amministrazione

7 Struttura Azienda Cremona Solidale

8 I servizi aziendali (2) 2 - SERVIZI DI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE (RSA) n. 325 posti letto Costituiscono il grosso della produzione aziendale e si connotano per la costante ricerca dell’effi cienza gestionale e dell’umanizzazione della degenza. N. 120 posti letto Palazzina Somenzi N. 40 posti letto Palazzina Mainardi N. 120 posti letto Nuova Palazzina Azzolini A completamento di tale impegno in questa direzione, nell’anno 2009 è stata attivata la terza Palazzina intitolata al benefattore “Libero AZZOLINI”. N. 45 posti letto nella Villa Soldi Hanno avuto inizio i lavori di costruzione della quarta Palazzina con il completamento della quale, previsto per il 2010, tutto l’assetto strutturale dell’Azienda sarà definitivo. La contrazione dei costi rimane un obiettivo da perseguire soprattutto nella forma di riduzione degli sprechi. Le innovazioni organizzative, comunque necessarie, sono perseguite, non aggiungendo, ma riconvertendo risorse. 2a - SERVIZI DI DEGENZA RIVOLTI A PRIVATI SOLVENTI IN PROPRIO Anche per l’anno 2009 si mantengono 8 letti rivolti a utenza esclusivamente solvente in proprio. Tali camere sono state specificamente individuate (presso la Palazzina Somenzi e la Palazzina Mainardi). Nella 4° palazzina sarà ricavato un reparto per privati di n. 15 posti letto

9 I servizi aziendali (1) A - AREA SOCIO SANITARIA INTEGRATA 1 - SERVIZI DI RIABILITAZIONE IN REGIME DI DEGENZA (IDR) DAY HOSPITAL ED AMBULATORIALE Tali servizi svolgono una consistente attività sanitaria erogando prestazioni ricomprese nei LEA e quindi a totale carico del Fondo Sanitario Regionale; esse sono regolarmente accreditate dalla Regione in quanto dispongono di requisiti organizzativi e di attrezzature ulteriori rispetto a quelli necessari per l’autorizzazione al funzionamento. Pertanto l’attività è regolarmente contrattualizzata ma soggiace ad un budget di acquisto delle prestazioni oltre il quale non vi è rimborso alcuno. La forte connotazione sociale dell’Azienda ha determinato la decisione del Consiglio di Amministrazione della prosecuzione dell’attività anche dopo il superamento del budget accordato dalla Regione. N. 80 posti letto collocati nella Palazzina Mainardi

10 I servizi aziendali (3) 3 - SERVIZI SOCIO SANITARI TERRITORIALI Attività solo diurna, non vi sono quindi strutture di degenza. Si tratta, in particolare, delle seguenti strutture: 3a - SERVIZI DI CENTRO DIURNO INTEGRATO(CDI) Il servizio è rivolto a persone anziane con compromissione dell’autosufficienza o a rischio della perdita di autonomia o di emarginazione. Vengono svolte inoltre attività motorie e di animazione (Memory Training, Terapia di Riorientamento, musicoterapia, ecc). Centro Diurno Integrato - Via Brescia, 207 Centro Diurno Alzheimer - Via Brescia, 207 Centro Diurno “Barbieri” - Via XI Febbraio, 56/60 Casa Ozanam - Via Milazzo ( aperto durante questa tornata amministrativa) 3b - SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) Il servizio eroga prestazioni sanitarie a domicilio ed è di interesse strategico anche per l’ASL per le finalità cui tende (evitare ricoveri ospedalieri, ritardare l’istituzionalizzazione di persone non autosufficienti - malati terminali,traumatizzati allettati, ictus cerebrale, ecc.). Per l’utente il servizio è gratuito, soggetto al sistema del credit -voucher attivato dal medico di base. La nostra struttura della COMMUNITY CARE opera dimissioni protette dall’IDR in accordo con l’ADI 3c - SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) Il servizio ha lo scopo di prevenire e rimuovere oppure di limitare e contenere le cause che riducono l’autonomia della persona anziana o dell’adulto affetto da patologie croniche stabilizzate. Le attività di SAD, infatti, si sono andate progressivamente differenziate nettamente fra Anziani e Handicap. 3d - PASTI A DOMICILIO Forte è la domanda di accesso al servizio. Il servizio nel corso del 2008 è giunto al suo limite strutturale in quanto la cucina interna non è in grado di fare fronte all’aumento e al mantenimento delle richieste. Tale situazione ha imposto la decisione di esternalizzarlo completamente

11 I servizi aziendali (4) B - AREA SOCIO ASSISTENZIALE 4 - SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI 4a - COMUNITÀ ALLOGGIO PER MINORI (C.A.M.) E’ un servizio residenziale per minori.Le Comunità Alloggio Per Minori (C.A.M. Residenza) attive, sono le seguenti: Comunità Alloggio “Barbieri” N 1 - Via Bissolati 31 (6 posti) Comunità Alloggio “Barbieri” N 2 - Via XI Febbraio 60 (6 posti) Comunità Alloggio “Barbieri” N 3 - Via Aselli 17 (6 posti + 1 Pronto Intervento) 4b - COMUNITÀ SOCIO SANITARIA PER DISABILI (CSS) E’ un servizio residenziale in cui trovano ospitalità persone gravemente disabili che hanno necessità di sostituire, temporaneamente o definitivamente, il nucleo familiare La Comunità attiva è in Via Cattaro 1 (8 Posti accreditati +1 Pronto Intervento) 4c - CENTRI DIURNI PER DISABILI (CDD) E’ un servizio residenziale in cui trovano ospitalità persone gravemente disabili La Comunità attiva è in Via Cattaro 1 (8 Posti accreditati +1 Pronto Intervento) 4c - CENTRI DIURNI PER DISABILI (CDD) Sono strutture semiresidenziali per progetti di accoglienza diurna. Via Platani, 20 (21 posti + 5 posti CSE in autorizz.) Via Mincio, 25 (18 posti) „h Via Tofane, 10 (10 posti ) „h 4d - CENTRO DI PRIMA ACCOGLIENZA (CPA) Ha lo scopo di dare ospitalità e di provvedere alle immediate esigenze alloggiative degli immigrati maschiextracomunitari, o degli italiani senza fi ssa dimora. Il Centro è in Via Mosa N 4. 4e - CASA ALBERGO (COMUNITA’ ANZIANI) E’ un servizio residenziale ad indirizzo socio-sanitario ed assistenziale, destinato a persone anziane, superiori a 65 anni, con buon grado di autonomia personale. Il servizio è stato aperto nel 2008 La Residenza Due Miglia è in Via Brescia, 207.

12 ATTIVITÀ SOCIALI GIS: Gruppo Iniziative Sociali iniziative in Azienda 20 iniziative in via XI Febbraio eventi in Azienda 22 iniziative in via XI Febbraio E’ stata lanciata l’idea “ Adotta un Pulmino” che ha dotato l’Azienda di n. 2 pulmini nuovi ( uno donato dal Casato Soldi) e di un automezzo attrezzato per il trasporto disabili iniziative in Azienda 19 iniziative in via XI Febbraio iniziative in Azienda 18 iniziative in via XI Febbraio

13 VOLONTARIATO IL VOLONTARIATO, UNA RISORSA UMANA CON UN GRANDE CUORE A CREMONA SOLIDALE i volontari sono presenti fi n dalle sue origini. Negli anni il numero è andato crescendo in una sorta di rigogliosa fi oritura. Dal 2004 con i suoi 44 volontari, al 2005 con 51 volontari, al 2006 con 85 volontari accreditati al 2007 con 74 volontari, al 2008 con 102 volontari. E il 2009 si prospetta ricco di sorprese... Associazioni e Cooperative sociali storicamente legate all’Azienda “Cremona Solidale” hanno riconfermato la loro disponibilità alla collaborazione: “Amici della terza età” “Auser” “Anteas” “Lazzaro Chiappari” “Sentiero” Nuove associazioni ci hanno dato la loro disponibilità: “AUP” e “Circolo Fornaciari” AVULSS” L’opera dei volontari si inserisce ovunque, in ogni ramo di attività aziendale:

14 Comitato Parenti Il comitato parenti è stato eletto nel gennaio 2008 ed è costituito da n. 7 componenti Dura in carica 2 anni Dalla sua costituzione ad oggi sono stati effettuati circa un 29 di incontri con il CdA Sono in atto contatti, incontri quasi settimanali con lo Staff: Direzione Generale,Direzione Sanitaria e Direzione Amministrativa I momenti di polemica in passato sono stati molti: oggi con il metodo del confronto e della partecipazione si è costruito un nuovo clima

15 Statistica Attività (1) I ricavi sono in costante aumento

16 Statistica Attività (2) Si segnala che dal 2005 in poi la generale resa del servizio, come si evince dal dato della media e saturazione posti letto, è vicina al 100 % teorico, con 323 p.l. occupati in media su 325 p.l. convenzionati.

17 Statistica Attività : IDR (3)

18 La politica della qualità LA POLITICA DELLA QUALITÀ Il Consiglio di Amministrazione, fin dal suo insediamento, si è dato, tra gli obiettivi, l’ottenimento della certificazione di qualità secondo la norma UNI EN ISO 9001:2000. il potenziamento continuo di mezzi la fornitura di prodotti che rispondano ai bisogni impliciti ed espliciti dei Clienti; il soddisfacimento delle disposizioni legislative e l’azione continua di controllo sulle attività operative interne ed esterne; la pianificazione e la gestione delle pratiche della qualità il raggiungimento degli obiettivi di Qualità stabiliti attraverso l’uso di opportuni indicatori della Qualità

19 L’ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI INTRODUZIONE DEL SERVIZIO DI LAVANOLO I capi utilizzati (lenzuola, federe, copriletto, teli bagno) sono di proprietà della ditta appaltatrice. I capi puliti e stirati per la distribuzione ai reparti di degenza. RINNOVO DELLE APPARECCHIATURE DELLA RADIOLOGIA La spesa complessiva è stata di € ,00. APERTURA DI UN BAR AZIENDALE CON CESSIONE IN AFFITTO DEL RAMO D’AZIENDA Presso la Palazzina Somenzi è stato ricavato un bar aziendale in affitto a terzi. ACQUISTO DI ARREDI ED ATTREZZATURE PER LA NUOVA PALAZZINA AZZOLINI L’apertura della nuova palazzina ha comportato l’acquisto di tutti gli arredi e le attrezzature necessarie per la degenza. RINNOVO DEL CENTRALINO L’ampliamento delle strutture e la contemporanea obsolescenza del macchinario in uso, hanno comportato l’acquisto di una nuova apparecchiatura più potente. AMPLIAMENTO DELLA RETE INFORMATICA Nel corso degli anni è stata ampliata la rete informatica aziendale ed il PC, INSTALLAZIONE DI UNA RETE WIRELESS PRESSO LA PALAZZINA MAINARDI Questo permette ai medici, dotati di notebook, di poter lavorare direttamente al letto del paziente,compilando in tempo reale la diagnosi e la somministrazione della terapia.

20 I SERVIZI DI SUPPORTO SERVIZIO LAVANDERIA E’ il comparto che ha subito una riorganizzazione totale dal punto di vista sia del personale che della produzione. Il lavaggio della biancheria piana è stata affidata ad una ditta esterna,cotone, eliminando lenzuola no stiro in uso presso i reparti di degenza fi no a quel tempo.In carico alla lavanderia aziendale sono rimasti i lavaggi di grembiuli, tovaglie, ecc… e i corredi degli ospiti fornendo quindi un servizio. SERVIZIO PULIZIE Con la riorganizzazione del comparto lavanderia, nello stesso tempo, anche il servizio pulizie ha subito un riassetto totale. SERVIZIO CUCINA Uno dei punti di forza dell’Azienda è sicuramente il servizio cucina, sia sotto l’aspetto qualitativo che organizzativo. IMPIANTI TECNOLOGICI Con l’utilizzo del teleriscaldamento, la centrale termica era ormai diventata obsoleta. Nel 2006 si è provveduto alla sostituzione dei generatori di vapore.

21 Gestione Personale Il personale a tempo determinato è passato dalle 52 alle 7 unità

22 Organico: da 322 a 391 unità Al 1 gennaio 2004 il personale in servizio era pari a 322 con un incremento pari a 69 unità

23 La gestione delle risorse umane UFFICIO INFERMIERISTICO E TECNICO AZIENDALE E’ stato costituito l’ufficio in staff alla Direzione Sanitaria ha la finalità di centralizzare la gestione della turnistica, ordinare processi comuni agli esistenti presidi, programmare il lavoro secondo specifi ci piani, consentire alle Coordinatrici di Presidio. RELAZIONE CON IL PERSONALE Le relazioni, oggi, sono nella normalità. RECLUTAMENTO E SELEZIONE Lo staff individua le necessità di reclutamento di ASA, OSS, Infermieri in accordo con la Direzione Generale e Sanitaria, raccoglie e valuta candidature, stabilisce l’assegnazione di servizio del candidato più adeguato, ecc. presenzia a GESTIONE FERIE E PERMESSI Lo staff assegna i periodi di congedo ferie del personale di assistenza e delle squadre di supporto secondo un sistema di rotazione programmata. DEFINIZIONE DEL TURNO PROGRAMMATO Dopo un iniziale momento di acquisizione dati dai presidi e servizi, lo staff si è dotato di uno strumento informatico di elaborazione e gestione specializzandosi nella sua applicazione. GESTIONE PRESENZE L’ufficio tiene costante registrazione della variazione di assegnazione di reparto o servizio e raccoglie, ordina ed elabora dati utili alle statistiche aziendali e alla trasmissione dati all’ASL. PARTECIPAZIONE ALLA DELEGAZIONE AZIENDALE Lo staff offre supporto tecnico nella valutazione e nella elaborazione delle proposte aziendali sottoposte a negoziazione con le organizzazioni sindacali.

24 Andamento conto economico

25 Andamento ricavi area socio sanitaria integrata

26 Andamento ricavi e rette RSA L’incremento delle rette è stato sempre inferiore andamento inflazione

27 Andamento Sosia e ricavo complessivo RSA

28 Andamento ricavi solventi in proprio La retta giornaliera dei solventi in proprio è pari a 106 euro Nel 2006 i pl privati erano n. 10

29 Andamento ricavi riabilitazione Il servizio è gratuito per l’ospite in quanto a carico del SSN

30 Pasti a domicilio I pasti a domicilio : n. 180 giornalieri

31 Residenza Due Miglia I posti disponibili sono n. 10

32 Costi del personale N. 69 unità in più – aumento costi contrattuali

33 Andamento Irap La Regione Lombardia non riconosce alle Aziende Speciali la diminuzione del costo IRAP del 50% come alle ASP. La diminuzione fra 2006 e 2008 è dovuta ai provvedimenti Governo Prodi

34 Risultato finale post-imposte

35 Il sostegno della Fondazione e del Comune Il contributo della Fondazione, dal 2008, è in particolare dato con l’ uso a titolo di comodato gratuito degli immobili.

36 Il futuro: andamento bilanci e le rette degli ospiti Divaricazione costi/ricavi La crescente e costante divaricazione della forbice costi/ricavi - nel triennio 05/07 i ricavi sono cresciuti del 7%, i costi dell’11% - ha posto come decisivo e strategico il tema dell’equilibrio economico: fondamentale è la piena assunzione da parte di tutti gli attori che “lavorare in perdita” è un fattore di rischio strategico per il futuro del settore, costituisce un vincolo pesante per i processi di modernizzazione e scarica sull’utenza un peso sempre meno accettabile. Rapporto pensioni/rette Se l’80% delle pensioni è inferiore ai €/mese, per un sistema che lavora mediamente con un carico sull’utenza tra i 1.400/1.500 €/mese è un parametro sociale arduo e impegnativo. Ruolo Regione Lombardia Se i due clienti fondamentali, il primo, la Regione, tiene ferme le tariffe e il secondo - l’utenza - presenta vincoli seri sul piano della disponibilità all’aumento delle rette, significa che il fronte ricavi è particolarmente rigido Fondo per a sostegno dell’autosufficienza

37 Da Via Brescia a Via Zocco Nel 2010 sarà disponibile la 4° palazzina ( n. 60 pl) porterà l’offerta complessiva di posti letto dagli attuali 405 ai 420 cosi suddivisi: RSA n. 325 IDR n. 80 Privati n. 15 La 4° palazzina vedrà la realizzazione di nuovi servizi: La cucina La radiologia La farmacia Nuovi magazzini Sarà approntato il nuovo parcheggio in Via Zocco Nella palazzina storica troveranno collocazione : Tutti gli uffici amministrativi I Centri Diurni Una potenziata comunità Due Miglia Altri uffici o funzioni, aperte ai privati, compatibili con le finalità aziendali

38 Il 2010 A cura di Gian Carlo Storti Vice Presidente di ACS 15 maggio 2009 Mainardi Somenzi Azzolini Quarta palazzina


Scaricare ppt "Presentazione Cremona 15 maggio 2009 a cura di Gian Carlo Storti."

Presentazioni simili


Annunci Google