La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ALCHILBENZENI BENZENE43% espirato TOLUENE7-21% espirato 80% metabolizzato 0,05% come o-cresolo XILENI 5% espirato 95% metabolizzato STIRENE 5% espirato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ALCHILBENZENI BENZENE43% espirato TOLUENE7-21% espirato 80% metabolizzato 0,05% come o-cresolo XILENI 5% espirato 95% metabolizzato STIRENE 5% espirato."— Transcript della presentazione:

1

2 ALCHILBENZENI BENZENE43% espirato TOLUENE7-21% espirato 80% metabolizzato 0,05% come o-cresolo XILENI 5% espirato 95% metabolizzato STIRENE 5% espirato 95% metabolizzato

3 BENZENE ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE: 1. Raffinerie di petrolio 2. Impianti petrolchimici 3. Cockerie 4. Gas di scarico 5. Distributori di carburante 6. Sintesi di benzene e altri solventi 7. Industria del cuoio 8. Laboratori chimici e biologici

4 BENZENE ESPOSIZIONE EXTRAOCCUPAZIONALE: 1. Fumo di sigaretta 2. Impianti di riscaldamento 3. Inquinamento da traffico veicolare

5 BENZENE METABOLISMO Il benzene viene metabolizzato per più del 50%. Il benzene ossido è il primo metabolita che viene successivamente trasformato nei derivati fenolici che sono il 30% circa della dose assorbita: fenolo15% chinolo12% catecolo2% 1,2,4-benzotriolo2%

6 BENZENE METABOLISMO Il benzene ossido si coniuga anche col glutatione e il coniugato (<1%) origina l’acido S-fenilmercapturico. L’anello aromatico è chimicamente stabile, ma nella percentuale del 2% circa è prevista la sua apertura per formare un metabolita a struttura lineare, l’acido trans,trans-muconico. L’emivita del benzene è di 9 ore circa, ma può arrivare a 24 ore data la tendenza a depositarsi nel tessuto adiposo con rilascio lento.

7

8 BENZENE TLVs (ppm) TLV-TWA TLV-STEL ACGIH IARC R ACGIH 0,5 2,5 A D. Lvo 66/00 1 annotazione skin

9 BENZENE TOSSICITA’ L’effetto tossico più rilevante è quello a carico del sistema emopoietico, caratterizzato da una ridotta produzione di eritrociti, leucociti e piastrine (anemia aplastica, induzione di leucemia)

10 BENZENE MONITORAGGIO BIOLOGICO (BEI) acido S-fenilmercapturico urine fine turno 25  g/g creat. Valori di riferimento:< 5  g/g creat. (non fumatori). L’abitudine al fumo rappresenta un fattore additivo.

11 BENZENE MONITORAGGIO BIOLOGICO (LBE) acido S-fenilmercapturico urine fine turno 44  g/g creat. per esposizione a 1 ppm

12 BENZENE MONITORAGGIO BIOLOGICO (tedesco) acido S-fenilmercapturico urine fine turno urineambiente 10  g/g creat.0,3 ppm 250,6 400,9 451,0 902,0 1804,0 2706,0

13 BENZENE MONITORAGGIO BIOLOGICO (BEI) acido t,t-muconico urine fine turno 500  g/g creat. Valori di riferimento:< 300  g/g creat. (non fumatori). L’abitudine al fumo rappresenta un fattore additivo. E’ un metabolita dell’acido sorbico (additivo alimentare).

14 BENZENE MONITORAGGIO BIOLOGICO (LBE) acido t,t,-muconico urine fine turno 850  g/g creat. per esposizione a 1 ppm

15 BENZENE MONITORAGGIO BIOLOGICO (tedesco) acido t,t-muconico urine fine turno urineambiente 1,6 mg/L0,6 ppm 21,0 32,0 54,0 76,0

16 BENZENE MONITORAGGIO BIOLOGICO (LBE) benzene urine fine 1° emiturno 575 ng/L per esposizione a 0,1 ppm valori di riferimento: non noti

17 BENZENE Comportamento dei metaboliti come acido t,t-muconico viene escreto per il 3,9% (t/2 = 5 h) come acido S-fenilmercapturico per lo 0,11% (t/2 = 9,1 h)

18 BENZENE non fumatori fumatori moderati ac. t,t-muconico (mg/g creat.) 0,037 0,058 ac. S-fenilmercapturico (µg/g creat.) 1,99 3,61

19 BENZENE per esposizione a 1 ppm ac. t,t-muconico (mg/g creat.) 1,7 ac. S-fenilmercapturico (µg/g creat.) 47

20 TOLUENE USI OCCUPAZIONALI: 1. Utilizzato come intermedio di sintesi (benzene, acido benzoico, TNT) 2. Presente nelle colle, vernici, pitture e inchiostri

21 TOLUENE USI EXTRAOCCUPAZIONALI: 1. In prodotti per la pulizia della casa e nelle colle 2. Presente in piccola quantità nelle benzine

22 TOLUENE METABOLISMO Assorbito per via inalatoria, lentamente per via cutanea. Il 20% della dose assorbita viene eliminata come tale, l’80% viene metabolizzata per via ossidativa ad acido benzoico, in piccola parte (0,05%) ad o-cresolo. Viene eliminato come acido ippurico dopo coniugazione con la glicina.

23

24 TOLUENE TLVs (ppm) TLV-TWA TLV-STEL ACGIH IARC R 50 A43 annotazione skin

25 TOLUENE TOSSICITA’ Studi epidemiologici in lavoratori esposti e “glue sniffers” hanno identificato il SNC come organo bersaglio. Lavoratori esposti a ppm mostrano una riduzione del tempo di reazione e della velocità di percezione. Nei “glue sniffers” sono stati osservati danni cerebellari e alterazioni delle funzioni integrative del SNC. E’ privo di effetti genotossici. E’ un induttore enzimatico.

26 TOLUENE MONITORAGGIO BIOLOGICO (BEI) acido ippurico urine fine turno 1,6 g/g creat. valori di riferimento< 1,5 g/g creat. toluene sangue prima ultimo turno fine settimana 0,05 mg/L valori di riferimento< 0,6  g/g creat. o-cresolo urine fine turno 0,5 mg/L valori di riferimento  g/L

27 TOLUENE MONITORAGGIO BIOLOGICO (LBE) toluene urine fine 1° emiturno 60  g/L toluene urine fine 2° emiturno 73  g/L valori di riferimento< 1  g/L

28 XILENI USI OCCUPAZIONALI: 1. Industria solventi (spesso in combinazione col toluene) 2. Utilizzato nelle resine sintetiche, nei plastificanti, nella gomma, nella pelle, in preparati farmaceutici (vitamine) 3. Laboratori di anatomia patologica Lo xilene commerciale è composto da: o-xilene 20%; m-xilene 44%; p-xilene 20%; etilbenzene fino al 15%

29 XILENI USI EXTRAOCCUPAZIONALI: 1. Gas di scarico benzine “verdi” 2. Fumo di sigaretta 3. Colle e diluenti

30 XILENI METABOLISMO Assorbito per via inalatoria e cutanea. Subisce un metabolismo ossidativo (simile a quello del toluene) ad acido metilbenzoico (acido toluico) e, per coniugazione con la glicina, ad acido metilippurico. L’acido metilippurico viene escreto con le urine e rappresenta il 95% circa della dose assorbita. In piccola parte (o-xilene) viene escreto come xilenolo.

31

32 XILENI TOSSICITA’ TLVs (ppm) TLV-TWA TLV-STEL ACGIH IARC R A43

33 XILENI TOSSICITA’ Effetti oculari (congiuntivite) Effetti cutanei (irritazione) Effetti nelle cavità nasali (irritazione) Effetti sul SNC (prima eccitazione poi depressione) Effetti epatici

34 XILENI MONITORAGGIO BIOLOGICO (BEI) acido metilippurico urine fine esposizione 1,5 g/g creat. valori di riferimento< 1 mg/L

35 XILENI MONITORAGGIO BIOLOGICO (altri) xilene sangue fine turno (tedesco) 1,5 mg/L valori di riferimento< 3  g/L xilene urine fine 1° emiturno (LBE)110  g/L valori di riferimento< 1  g/L

36 STIRENE USI OCCUPAZIONALI: Solvente utilizzato per la produzione di: 1. Vetroresina 2. Polistirolo 3. Gomma sintetica

37 STIRENE USI EXTRAOCCUPAZIONALI: Presente nei recipienti per alimenti Presente nel fumo di sigaretta Presente nei materiali per costruzioni edili Presente nell’acqua potabile

38 STIRENE METABOLISMO Assorbito per via inalatoria e, in minor misura, per via cutanea. Segue la via ossidativa del cit. P-450 2E1 che porta alla formazione di stirene-7,8-epossido. Tramite l’epossido idrolasi si forma l’acido mandelico e da questo l’acido fenilgliossilico e, in piccola parte, l’acido ippurico. Il 90% della dose assorbita viene escreta con le urine come acido mandelico e acido fenilgliossilico.

39

40 STIRENE TLVs (ppm) TLV-TWA TLV-STEL ACGIH IARC R A4 2b come stirene-7,8-ossido2a

41 STIRENE TOSSICITA’ Ha odore sgradevole, è irritante per gli occhi, il naso e la gola. Ad elevate concentrazioni ha potere narcotico e causa nausea, vomito, anoressia, astenia, depressione del SNC, cefalea e riduzione del campo visivo.

42 STIRENE BEI 2003 ac. mandelico+ac. fenilgliossilico urine fine turno 400 mg/g creat stirene sangue fine turno0,2 mg/L

43 STIRENE MONITORAGGIO BIOLOGICO (BEI) ac. mandelico urine fine turno800 mg/g creat. ac. mandelico urine prima turno successivo300 mg/g creat. ac. fenilgliossilico urine fine turno240 mg/g creat. ac. fenilgliossilico urine prima turno successivo 100 mg/g creat. stirene sangue fine turno0,55 mg/L stirene sangue prima turno successivo0,02 mg/L stirene urine fine 1° emiturno (LBE)80  g/L

44 STIRENE MONITORAGGIO BIOLOGICO valori di riferimento: acido mandelico urine< 5 mg/L acido fenilgliossilico urine< 5 mg/L stirene sangue< 0,5  g/L stirene urine< 300 ng/L

45 Usi industriali: diluente nell’industria dei solventi come precursore dello stirene produzione pelli sintetiche produzione acetato di cellulosa Usi extraindustriali: diluente per vernici, presente nel fumo di sigaretta ETILBENZENE

46 METABOLISMO La fonte di assorbimento è per via inalatoria. Molto liposolubile, si deposita a livello del tessuto adiposo. Viene ossidato a 1-feniletanolo e, per successive ossidazioni ad acetofenone, o-idrossiacetofenone,1- fenil-1,2-etanediolo fino alla formazione di acido mandelico e acido fenilgliossilico che rappresentano il 90% dell’etilbenzene assorbito. ETILBENZENE

47 METABOLISMO DELL’ETILBENZENE

48 TLVs (ppm) TLV-TWA TLV-STEL ACGIH IARC R A3 2b ETILBENZENE

49 TOSSICITA’ Concentrazioni prossime a 200 ppm causano irritazione oculare e delle vie respiratorie Concentrazioni attorno a 2000 ppm causano depressione del sistema nervoso centrale ETILBENZENE

50 MONITORAGGIO BIOLOGICO ACGIH: acido mandelico urine fine ultimo turno settimana lavorativa 1,5 g/g creat. Valori di riferimento< 5 mg/L tedesco: acido mandelico + acido fenilgliossilico urine fine esposizione 2 g/g creat ETILBENZENE


Scaricare ppt "ALCHILBENZENI BENZENE43% espirato TOLUENE7-21% espirato 80% metabolizzato 0,05% come o-cresolo XILENI 5% espirato 95% metabolizzato STIRENE 5% espirato."

Presentazioni simili


Annunci Google