La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Approfondimento di Fabio Cominelli e Luca Iacobello.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Approfondimento di Fabio Cominelli e Luca Iacobello."— Transcript della presentazione:

1 Approfondimento di Fabio Cominelli e Luca Iacobello

2 Nasce ad Alessandria d’Egitto da genitori lucchesi Trascorre in Africa il periodo dell'infanzia e dell'adolescenza 1888 si trasferisce a Parigi Prende contatto con autori quali Palazzeschi, Savino e Soffici 1912 Torna in Italia e si abilita all'insegnamento del francese parte per la guerra, un'esperienza destinata a riverberarsi con forza nei suoi componimenti 1914 Esce la sua prima raccolta poetica, “il porto sepolto” 1917 Dopo aver lavorato quale corrispondente da Parigi, pubblica "Sentimento del tempo" 1933

3 Si stabilisce in Brasile dove lavora come docente universitario 1936 muore suo figlio Antonietto: da questa dolorosa esperienza, nasceranno le liriche de "Il dolore" 1939 Torna in Italia e ottiene la cattedra di letteratura moderna all’università di Roma 1942 Pubblica le sue ultime raccolte: "La terra promessa", “Un grido e paesaggi”, "Il taccuino del vecchio", "Il deserto e dopo“ Muore a Milano viene data alle stampe la raccolta postuma "Saggi e interventi" 1970

4 POESIA viaggio verso luoghi sconosciuti sempre in progresso elaborazione testuale processo aperto sempre approssimativa non tanto un punto di arrivo quanto un avvio

5 INIZIATORE E MAESTRO Tematico si deve a lui una delle prime espressioni poetiche di un motivo tipico dell’ Esistenzialismo filosofico e letterario novecentesco uomo afflitto da un trauma radicale e smisurato che si sente naufragare nel mare dell’essere È quanto accade nell’esperienza della trincea Nel soldato, Ungaretti riassume l’esperienza umana dell’annichilimento Formale La poesia ungarettiana riesce a presentare contemporaneamente diversi modi di scrittura Il contrasto profondo tra stili diversi coinvolge interamente l’ Allegria e Il sentimento del tempo da una parte il lessico elementare completo, la frantumazione della grammatica e i periodi di minima estensione, gli enunciati perentori e lapidari dall’altra un vocabolario di nobile ascendenza letteraria, una sintassi ricca e fluida, aperta e ritmata

6 Allegria evidenza e forza della parola singola e nell’uso del tempo presente diario e cronaca semplificazione assoluta della scrittura ogni parola viene disposta nuda sul bianco della pagina le figure retoriche sono ridotte Sentimento del tempo recupero di forme e stili della tradizione letteraria italiana riscoperti l’endecasillabo e il settenario strutture strofiche più articolate e simmetriche La sintassi accentua la subordinazione e si distende in periodi molto lunghi Uso dell’imperfetto narrativo, adatto ad un’intonazione evocativa

7 Poetica grande capacità di descrivere una situazione di insieme straordinaria visibilità ai particolari

8 la sua poetica è ribaltata il soggetto è posto al centro di un luogo quasi indescrivibile poesie sotto forma di diario o di lettera ritmo spoglio e desolato, in armonia con l’esperienza estrema del fronte nella trincea c’è la necessità di dire rapidamente ciò che si pensa

9 riprende gli elaborati moduli espressivi tipici dell’immaginario barocco poesie molto complesse testi largamente scanditi da riflessioni sul tempo e sulla morte Ungaretti assume se stesso come termine di riferimento per indagare il senso della vita umana La sua scrittura abbandona la cronaca

10 eventi tragici impongono all’autore di dedicarsi alla stesura di poesie interamente dedicate al dolore il dolore, uccidendo gli altri, toglie la vita anche a chi rimane volontà di trasmettere le inquietudini di una sensibilità dolente Ogni poesia coglie un istante di dolore linguaggio piano, condivisibile da chiunque e subito comprensibile alla lettura

11 Vi arriva il poeta e poi torna alla luce con i suoi canti e li disperde Di questa poesia mi resta Quel nulla d’inesauribile segreto

12 Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie Bosco di Curton luglio 1918

13 Tutto ho perduto dell'infanzia E non potrò mai più Smemorarmi in un grido. L'infanzia ho sotterrato Nel fondo delle notti E ora, spada invisibile, Mi separa da tutto. Di me rammento che esultavo amandoti, Ed eccomi perduto In infinito delle notti. Disperazione che incessante aumenta La vita non mi è più, Arrestata in fondo alla gola, Che una roccia di gridi.


Scaricare ppt "Approfondimento di Fabio Cominelli e Luca Iacobello."

Presentazioni simili


Annunci Google