La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il modello di prestazione dello Sci Alpino Analisi delle componenti Coordinative e Condizionali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il modello di prestazione dello Sci Alpino Analisi delle componenti Coordinative e Condizionali."— Transcript della presentazione:

1 Il modello di prestazione dello Sci Alpino Analisi delle componenti Coordinative e Condizionali

2 LE PRINCIPALI CAPACITA’ COORDINATIVE PRESENTI NELLO SCI ALPINO Equilibrio dinamico Differenziazione spazio – temporale Differenziazione dinamica Anticipazione motoria

3 ANALISI DETTAGLIATA DELLE CAPACITA’ COORDINATIVE Capacità di reazione all’uscita dal cancelletto Capacità di memorizzazione delle variazioni del percorso dei punti chiave Capacità d’anticipazione saper leggere e anticipare le traiettorie su porte, dossi, salti Capacità di combinazione motoria armonizzazione e fluidità del movimento

4 ANALISI DETTAGLIATA DELLE CAPACITA’ COORDINATIVE Capacità di modulazione e differenziazione della forza, fantasia motoria uscita di curva dossi Compressioni Capacità di equilibrio Dinamico di volo antero-posteriore e laterale Capacità d’orientamento in caso di visibilità ridotta, cambi di luminosità, il velocista ricorre a riferimenti spaziali e mentali

5 ANALISI DETTAGLIATA DELLE CAPACITA’ COORDINATIVE Capacità di simmetrizzazione del movimento sincinesi di entrambi gli emisferi, non c’è un arto con compiti diversi dall’altro, entrambi in alternanza eseguono le stesse azioni Capacità di ritmizzazione procedere del movimento nel tempo (frenare o accelerare) attraverso la forma ( curvare, andare dritto, girare) attraverso il contributo di forza (tensione,rilassamento) attraverso lo spazio (estensione, direzione del movimento)

6 LA FORZA IN RELAZIONE ALLA CONTRAZIONE NELLO SCI ALPINO Forza cedente contrazione eccentrica Forza superante contrazione concentrica Forza statica contrazione isometrica

7 LE ESPRESSIONI DELLA FORZA NELLO SCI ALPINO Forza dinamica massima Forza esplosiva Forza veloce resistente Presenza della componente elastica in tutte queste espressioni.

8 LA MOBILITA’ ARTICOLARE Presupposto indispensabile per assumere quelle posizioni estreme necessarie alla espressione della tecnica

9 LA MOBILITA’ ARTICOLARE NELLO SCI ALPINO Mobilità generale ottima Eccezionale per i distretti articolari, in ordine di importanza: 1- coxo-femorale 2- rachide 3- ginocchio 4- tibio-tarsica 5- scapolo-omerale

10 Speciale GiganteLibera + scarsa rilevanza ++ discreta importanza +++ grande rilevanza ++ Resistenza generale AEROBICO Potenza aerobica +++ Capacità lattacida ANAEROBICO LATTACIDO Potenza lattacida Capacità alattacida ANAEROBICO ALATTACIDO Potenza alattacida I PROCESSI ENERGETICI INTERESSATI

11 Definizione del modello di prestazione dello Sci Alpino sport di scivolamento con mezzo sport “di situazione”, legato cioè alla esecuzione di movimenti non stereotipati, che variano al variare della situazione esterna in cui sono inseriti sport di destrezza a prevalente impegno muscolare con attività metabolica di tipo aerobico – anaerobico misto con prevalenza dell’aspetto alattacido e lattacido sull’aspetto aerobico


Scaricare ppt "Il modello di prestazione dello Sci Alpino Analisi delle componenti Coordinative e Condizionali."

Presentazioni simili


Annunci Google