La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lezione 4 - Strumenti di programmazione: il budget e il budgetary control IIS V. BENINI – MELEGNANO Prof.ssa D. Oldoni Libro di Testo: pag 197-234 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lezione 4 - Strumenti di programmazione: il budget e il budgetary control IIS V. BENINI – MELEGNANO Prof.ssa D. Oldoni Libro di Testo: pag 197-234 1."— Transcript della presentazione:

1 Lezione 4 - Strumenti di programmazione: il budget e il budgetary control IIS V. BENINI – MELEGNANO Prof.ssa D. Oldoni Libro di Testo: pag

2 Il sistema informativo direzionale è l’insieme di processi, delle tecniche e degli strumenti con cui si - raccolgono e analizzano DATI - e si interpretano INFORMAZIONI Processi, strumenti e tecniche al fine di supportare le decisioni degli organi aziendali !!!! 2

3 Senza informazioni non possiamo decidere ! Le 4 domande VITALI Dove siamo ? Dove vogliamo andare ? Che cosa fare per raggiungere gli obbiettivi ? Li ho raggiunti ? 3

4 SIA e i suoi sottoinsiemi SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE ( contabile e extra contabile ) SISTEMA INFORMATIVO DIREZIONALE pag 95 e 97 CoGE e SI di bilancio Contabilità analitica/industriale / gestionale Budget Reporting Valutazioni delle performances 4

5 KEY words Attività di direzione e controllo di gestione (pag ) Nel BREVE PERIODO = programmazione strumenti = budget / Contabilità gestionale Attività di controllo = budgetary control Nel LUNGO PERIODO = pianificazione strategica Strumenti = piani di lungo periodo (Piano Industriale es Notorius ) Attività di controllo = controllo strategico 5

6 PIANIFICARE E PROGRAMMARE sono attività mentali identiche ma con oggetti di riflessione e strumenti diversi 6

7 ATTIVITA’ mentali 1- definire gli obiettivi 2- formulare le via da percorrere 3- definizione e disposizione delle risorse umane e materiali per realizzare gli obiettivi 4- eseguire i percorsi 5-controllare il percorso fatto e confrontarlo 1 PIANIFICARE Ob. di lungo Creare strategie di business o corporate Piani p 199 Sistema informativo direzionale Analisi degli scostamenti Valutazione delle performances e reporting PROGRAMMARE Ob di breve periodo Creare strategie funzionali Budget: programmi operativi Sistema informativo direzionale Budgetary control 7

8 Cos’è il budget ? (gioco V/F) È un strumento di programmazione aziendale Collega gli ob di lungo con quelli di breve E’ uno strumento di pianificazione aziendale Non definisce le risorse da utilizzare Non coinvolge i soggetti e non li responsabilizza Definisce i tempi per compiere le azioni È uno strumento amministrativo Definisce in termini quantitativo-monetari RUSULTATI FUTURI raggiungibili sulla base di ipotesi definite a priori ( ex ante ) p203 VVVFFFVVVVVFFFVV 8

9 Funzioni del budget Funzione di previsione e programmazione in termini quantitativo –monetario nel breve periodo Funzione di coordinamento delle diverse funzioni az. Funzione di previsione (nel senso di considerare in anticipo i pb e le difficoltà) Funzione di responsabilizzazione dei dipendenti Funzione di motivazione Funzione di controllo e di correzione Pag 203 9

10 Tecniche diverse di redazione Budget incrementativo Budget scorrevole Zero –base budget Budget flessibili Il B del nuovo anno viene costruito modificando alcuni dati dell’anno precedente senza un’adeguata valutazione dei VALORI DI PARTENZA Prevede scadenze mensili /trimestrali, i dati scaduti vengono eliminati e sulla base dei risultati si aggiornano,aggiungano programmi relativi ai mesi successivi Ogni budget è indipendente dai valori rilevati in passato ( budget che parte da ) –Le priorità sono stabilite ex novo Sono budget riferiti a un VENTAGLIO di livelli di attività e opzioni diverse (es volumi di vendita diversi – q.tà di produzioni diverse ) P

11 Obiettivo : imparare a predisporre il Budget dell’esercizio Il budget dell’ esercizio è di fatto un BILANCIO D’ ESERCIZIO predisposto EX ANTE Utilizzando come punto di partenza il bilancio d’esercizio precedente Pag Bdg Investimenti Bdg Finanziario Bdg economico- analitico (formato da tanti bdg settoriali ) Budget d’esercizio (SP e SE ex ante cioè programmata ) 11

12 Secondo voi, da dove si parte ???? Bdg Investimenti Bdg Finanziario Bdg economico- analitico (formato da tanti bdg settoriali ) p205 Budget d’esercizio (SP e SE ex ante cioè programmata ) Pro e contro Pag

13 Budget economico analitico Programma a livello..mensile…trimestrale…semestrale……annuale i COSTI e i RICAVI di competenza dell’esercizio indicando anche il RISULTATO ECONOMICO che si prevede di ottenere !!!!

14 Budget settoriali Bdg. Vendite Bdg della produzione Bdg del personale Bdg dei consumi delle MP Bdg oneri finanziari Bdg del acquisti Bdg delle scorte di magazzino Bdg costi generali commerciali e amministrativi Bdg oneri vari Bdg proventi vari 14

15 Budget settoriali Bdg. Vendite Bdg della produzione Bdg scorte di magazzino Bdg dei consumi delle MP Bdg degli acquisti Bdg del personale Bdg costi generali Bdg oneri finanziari Bdg oneri vari Bdg proventi vari Bdg economico – analitico 15

16 1. Budget delle Vendite Alla base della redazione del Bdg. ……. stanno le vendite PROGRAMMATE Costituiscono l’obbiettivo di vendita che l’impresa si propone di raggiungere Vanno espresse per q.tà e in valore (euro ) Analizzate per tipo di prodotto Analizzate per andamento nel corso dell’anno (mese-trimestre-semestre) Il volume delle vendite può essere determinato: -Metodo della stima -Metodo statistico 16 Es

17 1. Budget della Vendite Ipotizziamo che : - l’azienda produca 1 prodotto AA - l’az. preveda di vendere 6000 mensili di AA al pz di 54 (1 semestre ) e a 56 euro ( 2 semestre) 1 semestre2 semestreTotale Q.tà vendite previste6000 x Pz previsto 5456 Totale vendite prev

18 2. Budget della Produzione Quante unità di prodotto AA si prevede di vendere ? Abbiamo delle rimanenze di magazzino (EI)? Alla fine dell’anno vogliamo che in magazzino ci sia un minimo di scorta per vendite impreviste ? Il Bdg della produzione indica le qtà di prodotto AA da produrre tenendo conto delle esistenze iniziali e delle RF del prodotto stesso Qtà prevista di produzione deve essere compatibile con la capacità produttiva dell’impresa vedi Bdg vendite Si, 600 Si, vorremo 900 unità 18 Es 7.4

19 2. Budget della produzione Produzione prevista Q.tà Vendite programmate Esistenze iniziali (scorte esistenti) Rimanenze Finali (scorte desiderate )+ 900 Q.tà da produrre Perché se prevedo di vendere 72.o00 unità, devo produrne ? Adesso che conosco la q.tà da produrre posso quantificare i fabbisogni di materie prime necessari per quella q.tà Devo conoscere i consumi standard di materia per produrre il prodotto AA 19

20 3. Budget delle materie prime Ipotizzo consumi standard che avrò identificato facendo la COAN Fattori produttiviImpieghiCosto standard Materia Prima AXKg 1,40 5,50 al kg Materia prima BXKg 22,30 al kg Manodopera direttaH1 15 min18 euro all’ora Dati che trovo nell’esercitazione Dati a scelta che posso anche inventare Az per produrre AA ha bisogno di quante unità di ciascuna materia prima ? 20 Es

21 3. Budget delle materie prime Q.tà programmataQtà AXFabbisogno AXQtà BXFabbisogno BX , , Per produrre unità di prodotto AA Quanta materia AX ho bisogno ? Per produrre unità di prodotto AA Quanta materia BX ho bisogno ? Fabbisogno= devo acquistare Ma devo anche tener conto del magazzino di AX a BX ? Devo tener conto delle EI e RF delle materie prime ! 21

22 4. Budget degli acquisti Quante unità di materie prime AX e BX si prevede di comprare ? Abbiamo delle rimanenze di magazzino (EI)? Alla fine dell’anno vogliamo che in magazzino ci sia un minimo di scorta per vendite impreviste ? Si, per AX per BX vedi Bdg materie Si, vorremmo per AX per BX Si può redarre il bdg degli acquisti solo se abbiamo le EI e RF 22

23 4. Budget degli acquisti materia AxMateria BX Fabbisogno della produzione Esistenze iniziali di magazzino Rimanenze finali previste q.tà da acquistare pz al KG (dato ) 5,502,30 COSTO di ACQUISTO Costo totale ( )= Es 7.7

24 5. Budget del personale Per produrre il prodotto AA quanto manodopera diretta ho bisogno ? 1h e 15 minuti sono 1ora +15/60 = 1,25 Quanto costa ? 24 Produz. Programmat a Impieghi standard Ore necessarie Costo standard Costo manodopera prevista , Es 7.8

25 Altri budget settoriali 25 9.Budget oneri finanziari 10.Budget proventi vari Sapere solo teoria Pag Budget dei costi generali commerciali e distributivi 11.Budget oneri vari

26 …..ora il budget economico Budget di riferimento Totali Ricavi di vendita (A1) Variazione rimanenze PF (A2) Proventi vari (A5)----- VALORE DELLA PRODUZIONE Costi di acquisto materie (B6) Costi della manodopera Altri costi Variazioni rimanenze MP (B11) COSTI DELLA PRODUZIONE Oneri finanziari----- Risultato prima delle imposte Imposte ( circa 45%) risultato d’esercizio di BUDGET Vendite 7. Rimanenze PF 10. Proventi 4. Acquisti 5.manodopera 6. rimanenze MP 9. Oneri f 8-11 oneri e costi generali

27 Budget patrimoniale (solo teoria) Bdg Investimenti P 213 Bdg Finanziario P 214 Bdg economico- analitico (formato da tanti bdg settoriali ) p205 e 219 Budget d’esercizio (SP e SE ex ante cioè programmata ) 27 P 219

28 Nota bene Tutti i budget vengono elaborati in base a COSTI STANDARD 28 Vari tipi di costi standard : Standard di base Standard ideali Standard correnti Standard normali Pag 209 Gli STANDARD sono parametri fissati per esprimere successivamente una valutazione sui risultati ottenuti

29 Budgetary control pag Un processo di controllo attuato mediante il budget 29 Si programma e si elabora i budget Si rilevano i dati consuntivi Si confrontano dati effettivi con dati budget Si calcolano gli scostamenti Si definiscono le cause Si redige REPORT (requisiti-contenuti- livelli di destinatari ) p Vantaggi e limiti Costi e oneri

30 Natura degli scostamenti tra dati di budget/ standard ed effettivi 30 A livello di COSTI Si confrontano i costi standard con quelli effettivi p 223 A livello di RICAVI Si confrontano i ricavi standard con quelli effettivi p 225 Scostamento Quantità Scostamento Pz Scostamento Quantità Scostamento pz Obiettivo «quota di mercato « raggiunto ?

31 C alcolo degli Scostamenti dei COSTI q.tàpzCosto Sq.tàpzCosto EScost.Scost. % Materia X X Materia YY % % 31 Dati standard/budget Dati effetivi 40:100=26:x Scostamento di quantità XX= (Qs-Qe) x PZs (20-14)x 2= +12 Scostamento del pz per la materia XX (Pze-PZs) x Qe (2-1) x 14 = +14 causa esterna causati dal mercato causa interna (inefficienze- sprechi)

32 C alcolo degli Scostamenti dei RICAVI Ricavi = pz x quantità venduta All’azienda interessa molto lo scostamento della quantità venduta perché rapportata alla domanda di mercato è possibile verificare se IL SUO OBIETTIVO di quota di mercato è stato raggiunto 32

33 MeseVendite budget Vendite Effettive ScostamentiScostamento in % 1^trimestre ,3 2^ trimestre ,2 ? ,9 33 Ipotiziamo che l’azienda operi in un settore in cui la domanda totale di mercato è di unità e che l’ obiettivo da raggiungere in termini di quota di mercato sia del 8 % alla fine del 1^semestre. Analizzare gli scostamenti delle vendite !!! L’azienda ha raggiunto una quota di mercato del 7% quindi, la concorrenza ha avuto la meglio !!!


Scaricare ppt "Lezione 4 - Strumenti di programmazione: il budget e il budgetary control IIS V. BENINI – MELEGNANO Prof.ssa D. Oldoni Libro di Testo: pag 197-234 1."

Presentazioni simili


Annunci Google